Romanzo Giallo - Aforismi, frasi e citazioni

Raccolta di aforismi, frasi celebri e battute umoristiche sul romanzo giallo e sulla letteratura gialla in genere, che comprende il poliziesco, lo spionaggio, il noir e il thriller.
Il termine "giallo" per indicare il genere narrativo poliziesco, caratterizzato da misteriosi delitti e da vicende impreviste, è tipico della lingua italiana. Esso, infatti, prende il nome dalla popolare collana editoriale Il Giallo Mondadori, ideata da Lorenzo Montano e pubblicata in Italia da Arnoldo Mondadori dal 1929, i cui libri hanno una caratteristica copertina di colore giallo. Il termine "giallo", che in italiano ha sostituito quello di "poliziesco", in altre lingue non è utilizzato. Come nota Giuseppe Petronio: "Noi, gli italiani, quando non lo chiamiamo giallo (che è riferimento a una copertina) diciamo romanzo poliziesco, come i francesi che parlano anche di roman policier. I tedeschi invece lo dicono Kriminalroman, che abbreviamo in Krimi. Gli anglosassoni hanno una scelta più varia: parlano di detective fiction, mystery (o mystery story), di detective story o detective novel (un termine che si trova anche in tedesco: Detektivroman), di crime o crime story". [Il romanzo poliziesco, Laterza, 1985].
Da notare che, per traslato, il termine giallo è utilizzato anche per indicare eventi della vita reale avvolti dal mistero.
La nascita della letteratura gialla si può far risalire al 1841 con la pubblicazione de I delitti della via Morgue di Edgar Allan Poe. Succesivamente, il genere ha cominciato a diffondersi raggiungendo straordinaria popolarità grazia anche alla maestria di alcuni grandi "giallisti", come:  Arthur Conan Doyle (creatore di Sherlock Holmes), Wilkie William Collins, Agatha Christie, Georges Simenon Rex Stout, ecc. Oggi il giallo è molto diffuso anche in televizione e al cinema.
Su Aforismario trovi altre raccolte di citazioni correlate a questa sul romanzo, la fantascienza e il colore giallo.
L’essenza del giallo consiste nell’imbattersi in fenomeni visibili
la cui spiegazione è nascosta; e questa, se ci si riflette bene,
è l’essenza di ogni filosofia. (G. K. Chesterton)
Romanzo Giallo
© Aforismario

Romanzo giallo: intruglio non sgradito agli intellettuali, anche ai più geniali.
Raymond Aron, L'oppio degli intellettuali, 1955

I gialli mi hanno sempre appassionato, ma anche l'ocra e il terra di Siena mi sono sempre molto piaciuti.
Alessandro Bergonzoni, È già mercoledì e io no, 1992

La fortuna delle detective-stories non ha forse altra origine se non nel fatto che, essendo la Creazione tutta, e le nostre vi te con essa, un mistero a cui manca lo svelamento finale, leggere un giallo dove il colpevole è smascherato ogni volta, ce ne risarcisce e consola.
Gesualdo Bufalino, Il malpensante, 1987

Leggere le pagine dei quotidiani siciliani è, purtroppo spesso, assai più appassionante di un romanzo giallo.
Andrea Camilleri, su la Repubblica, 1999

Il romanzo poliziesco ha prodotto peggiore letteratura che ogni altro genere di narrativa, salvo il romanzo d'amore, e probabilmente migliore letteratura che qualsiasi altra forma letteraria largamente accettata e apprezzata.
Raymond Chandler (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

L’essenza del romanzo poliziesco consiste nell'imbattersi in fenomeni visibili la cui spiegazione è nascosta; è questa, se ci si riflette bene, l’essenza di ogni filosofia.
Gilbert Keith Chesterton (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

La tua vita è come un libro, ma non sai a che pagina sei. Bel giallo!
Marco Chierici, Acuità, 2008

La crisi del romanzo giallo è dovuta alla quasi totale scomparsa dei maggiordomi.
Guido Clericetti, Clericettario, 1993

Rimango talmente impressionato dalla lettura di un libro giallo, che quando lo poso cancello le mie impronte digitali.
Carlo Dapporto (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Un oscuro rapporto lega la letteratura “gialla” e la medicina. [...] È appunto alla medicina che si deve l’affermarsi del più classico paradigma indiziario, quello imperniato sulla semeiotica medica, la disciplina che consente di diagnosticare le malattie inaccessibili all›osservazione diretta sulla base di sintomi superficiali che, irrilevanti agli occhi del profano, possono essere decifrati soltanto dallo scienziato “iniziato” ai misteri della conoscenza.
Giancarlo De Cataldo e Tiziana Pomes, Il medico e l’investigatore, in AA. VV., Camici bianchi e impronte digitali. La medicina nella letteratura gialla, 1992

Quel che mi irrita di più nei vostri romanzi è l'intreccio. Qui l'inganno diventa troppo grosso e spudorato. Voi costruite le vostre trame con logica; tutto accade come in una partita a scacchi, qui il delinquente, là la vittima, qui il complice, e laggiù il profittatore; basta che il detective conosca le regole e giochi la partita, ed ecco acciuffato il criminale, aiutata la vittoria della giustizia. Questa finzione mi manda in bestia. Con la logica ci si accosta soltanto parzialmente alla verità.
Friedrich Durrenmatt, La promessa. Un requiem per un romanzo giallo, 1958

Nei vostri romanzi il caso non ha alcuna parte, e se qualcosa ha l'aspetto del caso, ecco che subito dopo diventa destino e concatenazione.
Friedrich Durrenmatt, ibidem

I nostri metodi criminalistici sono insufficienti, e quanto più li perfezioniamo tanto più insufficienti diventano alla radice. Ma voi scrittori di questo non vi preoccupate. Non cercate di penetrare in una realtà che torna ogni volta a sfuggirci di mano, ma costruite un universo da dominare. Questo universo può essere perfetto, possibile, ma è una menzogna.
Friedrich Durrenmatt, La promessa. Un requiem per un romanzo giallo, 1958

Attenzione, ecco il finale di tutti i thriller: il cattivo muore ammazzato.
Rich Elias (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Sto leggendo un libro giallo molto strano. Sembra che l’assassinato sia stato ucciso da un uomo di un altro libro.
Leopold Fechtner (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Un libro giallo non parla di omicidi ma della restaurazione dell'ordine.
[What the detective story is about is not murder but the restoration of order].
Phyllis Dorothy James, citato su The Face, 1986

Legge gialli come se l'assassino fosse lui.
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

Quando il romanzo si ammala, diventa giallo. Se la malattia è mortale, noir.
Mauro Parrini, A mani alzate, 2009

I libri gialli occupano un degno posto accanto al fosfoiodarseno, agl'ipofosfiti, all'olio di fegato di merluzzo, e a quelle pozioni che i farmacisti preparano per ristabilire l'equilibrio delle zitelle insoddisfatte. Oscuri istinti, che potrebbero trovare sfoghi dannosi alla società, s'incanalano in perfetto ordine nello sfiatatoio d'una detective story. Il raziocinio, che trova repellente l'induzione scientifica, si diletta presso i più nell'esercizio degli indovinelli a parole incrociate, nel calcolo di probabilità del poker, o, appunto, nel seguire un'avventura poliziesca.
Mario Praz, Cronache letterarie anglosassoni, 1951

La donna è una trilogia letteraria: il rosa, il giallo, il noir.
Guido Rojetti, L'amore è un terno (che ti lascia) secco, 2014

Libri gialli. Ricordano le interminabili avventure dei cavalieri erranti. Al posto del cavaliere è stato messo il poliziotto. Ma (come tutto in un'epoca si tiene) questi è affezionato (sebbene per uno scopo diverso) alla tecnica della psicoanalisi. L'indizio rivelatore è sempre dove nessuno lo cerca.
Umberto Saba, Scorciatoie e raccontini, 1946

Libri gialli. La felicità del lettore nasce dall'illusione di non essere egli il colpevole. Invece lo è. «Anch'io avrei potuto commettere un delitto, ma fortunatamente...» Le persone che hanno troppo senso di colpo e una vita – attraverso, ahimè! quali agonie – illibata, non possono leggere i libri gialli: si ammalano.
Umberto Saba, Scorciatoie e raccontini, 1946

Conosco un tale che legge i gialli a ritroso. Lui sa sempre chi è stato, ma ignora che cosa ha fatto.
Sandy Sherwood (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Un libro giallo assassinato dal suo autore.
Giovanni Soriano, Finché c'è vita non c'è speranza, 2010

Il piú originale ed elettrizzante dei libri gialli sarebbe quello in cui la vittima, alla fine, fosse l’autore stesso. Ancora nessuno, a quanto pare, ha avuto il coraggio di scriverlo.
Giovanni Soriano, Malomondo, 2013

La paura è un romanziere esperto. In pochi istanti ti costruisce storie impeccabili, gialli in cui non si intravede mai uno spiraglio di luce, dove ci sono solo assassini.
Monica Vitti, Sette sottane, 1993

Il romanzo ha tre colori: il giallo, il rosa, il nero. / La poesia ha un solo colore: sta al verde.
Giorgio Weiss, Il colore della poesia, 1987

Note
Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Romanzo - FantascienzaBestseller - Letteratura

Nessun commento: