Charles Régismanset - Aforismi e contraddizioni

Selezione dei migliori aforismi e delle frasi più ironiche di Charles Régismanset (Parigi 1877-1945), scrittore francese. Tra il 1906 e il 1939, Charles Régismanset (conosciuto anche con lo pseudonimo di Cari Siger), ha pubblicato diversi libri di aforismi: Contraddizioni (Contradictions), Nuove contraddizioni (Nouvelles contradictions) e Il libro dei miei amici (Le livre de mes Amis). Nessuno di questi libri è stato mai pubblicato in Italia, pertanto gli aforismi riportati qui di seguito sono stati tradotti dal francese da Aforismario.
Critico: autore mancato. (Charles Régismanset)
Nuove contraddizioni
Nouvelles contradictions, 1939
[Traduzione dal francese a cura di Aforismario]

La buona causa, è sempre la nostra.

A conoscersi troppo bene, si finisce per non conoscersi più.
[À trop bien se connaìtre, on finit par ne plus se connaìtre].

− Ama il prossimo tuo!
− Anche sua moglie?

Camaleonte: animale politico.

Castità: forma religiosa d'impotenza.

Celebrità: affezione passeggera.

Coloro ai quali si deve del denaro non ci dimenticano mai.

− Credimi!
− Ti ascolto: è già tanto!

Critico: autore mancato.

Decenza: abito di circostanza.

Dio disse al primo uomo: - Tu mi dimenticherai, vivrai, partorirai, lavorerai, soffrirai, e, quando avrai sofferto, mi inventerai.

È sempre saggio ascoltare un consiglio. È spesso pericoloso seguirlo.
[Il est toujours sage d'écouter un conseil. Il est souvent dangereux de le suivre].

Essere un grande uomo: il sogno di tutti i nani!
[Étre un grand homme: le réve de tous les nains!].

Fate dei piccoli favori: non vi farete che degli ingrati. Fate dei grandi favori: vi farete dei nemici implacabili.

Filantropia: forma caritatevole della curiosità.

Follia: l'entusiasmo degli altri.

Il buon governo: il prossimo!
[Le bon gouvernement : le prochain!].

Il modo migliore per mantenere le promesse, è di non farne alcuna.
[Le meilleur moyen de tenir ses promesses, c'est de n'en point faire].

Il mondo è pieno di gente onesta che non si incontra mai.

In politica, gli amici sono spesso più ingombranti degli avversari.
[En politique, les amis sont souvent plus encombrants que les adversaires].

− Io non mi appartengo più.
− Non ti perdi granché!

La forma concreta e più suggestiva del rimorso per un ladro o un assassino, è l'arrivo della polizia.

La libertà è il sogno. La schiavitù è la vita.

La maggior parte degli uomini chiamano "superstizione" tutto ciò che non è la propria religione.

La più grande abilità della donna è di lasciare a chi la ama l'illusione della libertà.
[La plus grande habileté de la femme est de laisser à qui l'aime l'illusion de la liberté].

La musica è l'unica lingua veramente internazionale. Un lied di Schubert, di Schumann o di Hugo Wolf non è tedesco. È umano.

Lei - Ti ho dato il mio corpo. Cosa vuoi di più?
Lui - Niente...

Matrimonio: solitudine a due.
[Mariage: solitude à deux].

Pensiero consolante: se c'è un dio, non si occupa certo di noi.

Per molti, "praticare" la religione è il modo migliore per non pensare a Dio.

Pessimismo: senso di realtà.

Povero: aspirante ricco.
[Pauvre: aspirant riche].

Povero: un ricco mancato.
[Pauvre: un riche manqué].

Ricordo: distorsione del passato.

Scrivere, tradirsi.

Scrivere: singolare lotta di un monomaniaco contro la fortuna, la fatalità, il nulla e la morte.

− Sei triste. Hai dei rimpianti?
− Sì... di tutto il male che non ho fatto.

Solo i ricchi possono guadagnare rapidamente tanto denaro: i poveri non si arricchiscono che poveramente.

− Tutto questo è già stato detto e ridetto mille volte!
− Sì, senza dubbio... ma non da me.

Uno sciocco crede di disonorarsi nel riconoscere il valore altrui.

Essere un grand'uomo: il sogno di tutti i nani! (Charles Régismanset)
Il libro dei miei amici
Le livre de mes amis, 1921
[Traduzione dal francese a cura di Aforismario]

Amare? È dimenticano che dobbiamo morire.
[Aimer? C'est oublier qu'on doit mourir].

Comandare è una cosa. Farsi obbedire è un'altra.
[Commander est une chose. Se faire obéir en est une autre].

Fino a trent'anni, si hanno sempre vent'anni. Dopo i trenta, se ne hanno quaranta.
[Jusqu'à trente ans, on a toujours vingt ans. Après trente ans, on en a quarante].

La donna mente meglio quando parla, l'uomo, quando scrive.
[La femme ment mieux quand elle parie, l'homme, quand il écrit].

La storia? Un romanzo senza immaginazione.
[L'histoire? Un roman sans imagination].

L'esperienza? L'uomo trascorre tutta la vita a ripetere costantemente e a rifare ostinatamente le stesse sciocchezze.
[L'expérience? L'homme passe toute sa vie à redire constamment et à refaire obstinément les mèmes sottises].

L'uomo ha raramente consapevolezza di essere "felice". Ma gli piace ricordare che lo è stato e immaginare che lo diventerà.
[L'homme a rarement conscience d'ètre «heureux». Mais il aime se souvenir qu'il le fut et imaginer qu'il le deviendra].

Quante delle grandi gioie e quanti dei piccoli dolori resisterebbero a cinque minuti di riflessione?
[Combien de grandes joies et de petits chagrins résisteraient à cinq minutes de réflexion?].

Un editore intelligente, un politico onesto, due misteri della Provvidenza!
[Un èditeur intelligent, un politicien honnète, deux mystères de la Providence!].

Note
  1. Contradictions, 1re série. Maximes, Edward Sansot, 1906
  2. Contradictions, 2e série. Sansot, 1909
  3. Nouvelles Contradictions, 3e série. Sansot, 1911
  4. Le Livre de mes Amis (Contradictions, 4e série). Sansot, 1921
  5. Nouvelles contradictions. Maximes et anecdotes, G. Doin, 1939
  6. Vedi anche aforismi, frasi e citazioni di: Alphonse KarrHenri de Régnier

Nessun commento: