2017-01-22

Api - Aforismi, frasi e proverbi

Raccolta di aforismi, frasi e proverbi sulle api e sull'alveare. L'ape è un insetto appartenente all'ordine degli imenotteri, le cui specie vivono in società composte anche da diverse migliaia di esemplari. La "società" delle api è suddivisa in tre caste: la regina, unica femmina fertile, che si distingue facilmente per le grandi dimensioni rispetto a tutti gli altri individui; i fuchi, esemplari maschi che compiono soltanto la fecondazione e poi vengono uccisi dalle api operaie; queste hanno il compito di raccogliere il polline, nutrire l'ape regina, e costruire i favi, fatti di cellette a sezione esagonale, che riempiono di miele e polline per la nutrizione delle larve.
Tra le specie più diffuse di api, vi è l’ape domestica (Apis mellifica), allevata in tutto il mondo per la produzione del miele e della cera.
Su Aforismario trovi altre raccolte di citazioni correlate a questa sul miele, i fiori e le farfalle.
Come l'ape raccoglie il succo dei fiori senza danneggiarne colore e profumo,
così il saggio dimori nel mondo. (Buddha)
Api
© Aforismario

Se le api scomparissero dalla faccia della terra, all'uomo non resterebbero che quattro anni di vita. 
[Si l'abeille disparaissait du globe, l'homme n'aurait plus que quatre années à vivre].
[If the bee disappears from the surface of the earth, man would have no more than four years to live].
Anonimo (citato dall'Unione Nazionale Apicoltori francesi nel 1994 e attribuito ad Albert Einstein - vedi "Citazioni errate" su Aforismario).

Ciò che non giova all'alveare non giova neppure all'ape. 
Marco Aurelio, Pensieri, 166/79

Sostengono che le api sono molto intelligenti. Non si direbbe: dall'alba della creazione del mondo ad oggi hanno fatto sempre le stesse cose.
Romano Battaglia, L’uomo che vendeva il cielo, 2011

L'ape indaffarata non ha tempo per rattristarsi.
[The busy bee has no time for sorrow].
William Blake, Proverbi infernali, in Il matrimonio del Cielo e dell'Inferno, 1790/93

Come l'ape raccoglie il succo dei fiori senza danneggiarne colore e profumo, così il saggio dimori nel mondo.
Siddhārtha Gautama Buddha, Versi della Legge, III sec. a.e.c.

La biodiversità costituisce un segnale: se in un prato che state attraversando ci sono molti fiori, molte api e farfalle sulle loro corolle, se le bisce strisciano tra le erbe e le allodole cantano nel cielo, potete essere certi che quel luogo è salubre, e che, per sovrappiù, contribuisce alla nostra felicità suggerendoci che l'uomo non è ancora solo nel mondo.
Giorgio Celli, su Il Sole 24 ore, 2010

Per fare un prato occorrono un trifoglio e un'ape, / un trifoglio e un'ape, / e immaginazione. L'immaginazione da sola basterà, / se le api sono poche.
[To make a prairie it takes a clover and one bee, / One clover, and a bee. / And revery. / The revery alone will do, / If bees are few].
Emily Dickinson, Poesie, 1850/86

Non vedete che fra le varie specie animali se la passano meglio di tutte proprio le più lontane dalle arti, quelle che hanno per unica maestra e guida la natura? che c'è di più felice o mirabile delle api? E dire che non hanno neppure tutti i sensi. Come potrebbe un architetto realizzare qualcosa di simile alle loro costruzioni? quale filosofo mai fondò una Repubblica come la loro?
Erasmo da Rotterdam, Elogio della follia, 1509

L'ape trae il miele dai fiori senza sciuparli, lasciandoli intatti e freschi come li ha trovati. La vera devozione fa ancora meglio, perché non solo non reca pregiudizio ad alcun tipo di vocazione o di occupazione, ma al contrario vi aggiunge bellezza e prestigio.
François de Sales, La filotea, 1609 

Andate nei campi e nei vostri giardini, e vedrete che è il piacere dell’ape che le fa raccogliere il miele dal fiore, ma che è anche piacere del fiore concedere all'ape il suo miele. Poiché un fiore è per l’ape fonte di vita, e un’ape è per il fiore messaggera d’amore, e per entrambi, l’ape e il fiore, il dare e ricevere piacere è un bisogno e un’estasi. [...] Siate nei vostri piaceri come i fiori e le api.
Kahlil Gibran, Il profeta, 1923

L'ape operaia, siccome muore dopo sei o sette mesi, non riesce mai a raggiungere l'età pensionabile.
Gene Gnocchi, Il mondo senza un filo di grasso, 1997 

Ci sono delle api che come secondo lavoro fanno le punture agli anziani.
Gene Gnocchi, Il mondo senza un filo di grasso, 1997

Gli uomini producono il male come le api producono il miele. 
William Golding, The Hot Gates, 1965

Guarda questa ape piccola e brutta. Fa il miele. Io sono una persona di aspetto gradevole e tutto quello che so fare è un po’ di cerume nelle orecchie.
Milt Kamen (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Debbo assolutamente tornare fra gli uomini. Perché fra le api e le bocche di leone, questa estate, il mio odio per l'umanità è malamente degenerato.
Karl Kraus, Di notte, 1918

Quante api che rispettano il loro capo [1] e si comportano con tanta disciplina e accortezza! quanti calabroni, vagabondi e buoni a nulla, che cercano di sistemarsi a spese delle api!
François de La Rochefoucauld, Riflessioni varie, XVII sec. (postumo 1863)

Là quel giglio è succhiato crudelmente da un'ape, nelle sue parti più sensibili, più vitali. Il dolce mele non si fabbrica dalle industriose, pazienti, buone, virtuose api senza indicibili tormenti di quelle fibre delicatissime, senza strage spietata di teneri fiorellini.
Giacomo Leopardi, Zibaldone di pensieri, 1817/32 (postumo, 1898-1900)

All'animale è assolutamente estranea la folle smania di lavoro dell'uomo moderno, cui manca perfino il tempo di farsi una vera cultura. Anche le api e le formiche, queste personificazioni della solerzia, trascorrono la maggior parte della giornata immerse in un dolce far niente, solo che quelle ipocrite non si fanno vedere quando se ne stanno tranquillamente a casa, ma solo quando sono al lavoro.
Konrad Lorenz, L'anello di Re Salomone, 1949

Lo fanno gli uccelli lo fanno le api facciamolo anche noi: andiamo a dormire.
Vasco Mirandola (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Quale delle nostre facoltà non troviamo nelle opere degli animali? C'è forse un governo regolato con maggior ordine, distribuito in più incarichi e uffici diversi e mantenuto con più fermezza di quello delle api? Questa disposizione di azioni e funzioni così ordinata, possiamo forse immaginarla condotta senza raziocinio e senza previdenza?
Michel de Montaigne, Saggi, 1580/95

Ci sono degli strani uomini-api, che nel calice di tutte le cose sono capaci di succhiare sempre solo ciò che è più amaro.
Friedrich Nietzsche, Umano troppo umano II, 1879/80

Le api pagano a caro prezzo la puntura che infliggono: a dimostrazione di quanto è difficile fare del male senza subirne danno.
Marco Oliverio (Aforismi inediti su Aforismario)

In quanto alle api, io le considero delle bestie divine, perché vomitano miele, seppure si voglia dire che lo ricevano da Giove. E se è vero che esse pungono, gli è perché là dove è dolcezza, vi troverai unita amarezza. 
Petronio Arbitro, Satyricon, ca. 60

L’ape non è un animale domestico e neppure selvatico, ma qualcosa di intermedio, una creatura capace di contrarre rapporti con l’uomo senza perdere la propria libertà; o comunque restando sempre in condizioni di riprendersela
Plinio il Vecchio, Naturalis historia (Osservazione della natura), I sec.

Non è giusto chiamare regina e popolo le varie componenti di questo insieme: non si tratta ne’ di regni ne’ di repubbliche, perché quella che viene definita regina non ha nessuna prerogativa reale, come pure sono prive di sudditanza le api comuni: l’una, le altre e i fuchi determinano la vita dell’arnia secondo le stagioni e il clima come un unico cervello.
Mario Rigoni Stern, Il libro degli animali, 1990

L'ape è piccola tra gli esseri alati, ma il suo prodotto ha il primato fra i dolci sapori.
Siracide, Antico Testamento, II sec. a.e.c.

Vola, vola, vola vola, vola l’ape Maia / gialla e nera nera e gialla, tanto gaia / Vola sopra un monte, sfiora il cielo / per rubare il nettare da un melo.
Katia Svizzero (Danilo Ciotti e Marcello Marrocchi), L'Apemaia, 1980

Si può considerare l'uomo come un animale di specie superiore che produce filosofie e poesie pressappoco come i bachi da seta fanno i loro bozzoli e le api fanno i loro alveari.
Hippolyte Taine, La Fontaine e le sue favole, 1860 

Nei rapporti tra esseri umani l’amore è altrettanto indispensabile che la precauzione nei rapporti tra l’uomo e le api.
Lev Tolstoj, Resurrezione, 1899

- Pur'io vorrei la pace:/ - diceva l'Ape a un Grillo - / ch'er lavoro tranquillo / me soddisfa e me piace. / Ma finché su la terra / parleranno de guerra / terrò sempre, a bon conto, / un pungijone pronto: / er pungijone mio / che m'ha arrotato Iddio.
Trilussa, L'ape, in Libro muto, 1935

C'è un'Ape che se posa / su un bottone de rosa: / lo succhia e se ne va... / Tutto sommato, la felicità / è una piccola cosa.
Trilussa, Felicità, in Acqua e vino, 1944

Il ronzio delle api e delle vespe che succhiano il nettare dei fiori ricorda, grazie anche al silenzio profondo che c’è tutt'intorno, il salmodiare sommesso dei monaci. Tutto idilliaco? No: anche quel mondo fiorito e pieno di nettare nasconde la morte. Vi si svolge una lotta cruenta. Infatti le api e le vespe vengono assalite e uccise dal bombo, un insetto più tozzo e più forte di loro. Le api lo temono e cercano di mettersi in salvo quando lo vedono, ma non sempre ci riescono. Alcune sono state uccise sotto i miei occhi. Il nettare accoppiato alla morte: non è così anche per l’amore?
Anacleto Verrecchia, Diario del Gran Paradiso, 1997

L'ape e la vespa succhiano dai medesimi fiori, ma solo l'ape produce il miele.
Amadeus Voldben (Amedeo Rotondi), Pensieri per una vita serena, 2008 (postumo)

Si sapis, sis apis. Se sei saggio, fa come l'ape. Può sembrare uno scioglilingua; è un piccolo gioco di sillabe che sta ad esprimere un fondamentale precetto di saggezza. Le api cercano il nettare ovunque si trovi, vanno di fiore in fiore, volano sui prati, nei boschi e poi tornano all'alveare dove provvedono a fare del nettare miele. Chi tende al bene deve prendere il bene ovunque si trovi.
Amadeus Voldben (Amedeo Rotondi), Pensieri per una vita serena, 2008 (postumo)

Le api possono apparire superiori alla razza umana, in quanto con la propria sostanza producono una sostanza utile, mentre tra tutte le nostre secrezioni non ce n’è neanche una che valga qualcosa, neanche una che non renda disgustoso il genere umano.
Voltaire, Dizionario filosofico, 1764

Ciò che m’incanta degli sciami che escono dall'arnia è il fatto che sono molto più tranquilli dei nostri ragazzi all'uscita da scuola.
Voltaire, Dizionario filosofico, 1764

Le api si lasciano prendere a mani nude e portare tranquillamente nell'arnia che è loro destinata; ma non appena hanno imparato a conoscere, nella loro nuova casa, quelli che sono i loro interessi, esse diventano simili a noi, fanno la guerra. Ho visto api molto pacifiche andare a lavorare per sei mesi in un prato vicino disseminato di fiori di loro gradimento. Quando si volle falciare il prato, esse uscirono infuriate dall'arnia, si precipitarono sui falciatori che rubavano le loro ricchezze e li misero in fuga.
Voltaire, Dizionario filosofico, 1764

Non so chi per primo abbia detto che le api avessero un re. Probabilmente tale idea non venne in mente a un repubblicano.
Voltaire, Dizionario filosofico, 1764
L'ape indaffarata non ha tempo per rattristarsi. (William Blake)
Proverbi sulle Api
  • Ape morta non fa miele.
  • Chi stuzzica l’ape si trova dietro lo sciame.
  • Chi teme l’ape non lecca miele.
  • Chi tiene le api senza custode poco tribola e poco gode.
  • Dove va l’ape va il miele.
  • È più facile perdonare la puntura all'ape che alla vespa.
  • Fa più male un’ape che cento mosche.
  • L’ape che suda d’estate può mangiar miele d’inverno.
  • L’ape ha il miele in bocca e il pungiglione nella coda.
  • Le api fanno il miele e il miele le api.
  • Le api nuove fanno fuggir le vecchie.
  • Morta l’ape non si ciuccia più miele.
  • Per pungere l’ape perde la vita.
  • Piace più il ronzare delle api che quello delle mosche.
  • Quando l’ape punge perde l’aculeo.
  • Quando l’ape si chiude nell'arnia arriva l’inverno.
Note
  1. L'ape regina fino all'età moderna era ritenuta un re (cfr. citazione di La Rochefoucauld).
  2. Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Miele - Fiori - Farfalle

Nessun commento: