2017-01-03

Barbarie - Aforismi, frasi e citazioni

Raccolta dei migliori aforismi e delle frasi più significative sulla barbarie e sui barbari. Il termine "barbaro" deriva dal greco βάρβαρος "straniero", ed era utilizzato dagli antichi Greci e dai Romani per indicare chiunque non fosse greco o romano, il che, di conseguenza, significava appartenere a una civiltà primitiva e arretrata. Oggi, si definisce "barbaro" o "barbarico" l'essere rozzo, brutale e ignorante. Il termine "barbarie", infine, è utilizzato per designare una condotta considerata tipica dei barbari, cioè feroce, crudele e spietata. 
Su Aforismario trovi altre raccolte di citazioni correlate a questa sulla crudeltà, la ferocia e la spietatezza.
La civiltà è la pelle d'agnello con cui la barbarie si camuffa.
(Thomas Bailey Aldrich)
1. Barbarie
© Aforismario

La civiltà è la pelle d'agnello con cui la barbarie si camuffa.
[Civilization is the lamb's skin in which barbarism masquerades].
Thomas Bailey Aldrich, Ponkapog Papers, 1903

L'antichità non ci ha trasmesso che sangue. Quelle prime società presso cui la guerra era condizione abituale, che avevano turbe di schiavi considerati come cose, e tenevano l'immolazione degli esseri viventi come il miglior mezzo di placare e supplicare la divinità, non potevano nei loro più celebrati eroismi gran fatto scostarsi dalla barbarie.
Giuseppe Arnaud, La crudeltà ne' giuochi, 1864

Per noi, i civilizzati siamo noi stessi, e tutto il resto, ciò che dà la misura della nostra universale ignoranza, s'identifica con la barbarie.
Antonin Artaud, Eliogabalo o l'anarchico incoronato, 1934

I delitti dell'estrema civiltà sono certamente più atroci di quelli dell'estrema barbarie.
[Les crimes de l'extrême civilisation sont certainement plus atroces que ceux de l'extrême barbarie].
Jules-Amédée Barbey d'Aurevilly, Le diaboliche, 1874

Stiamo entrando in un futuro barbaro e dobbiamo armarci della sua barbarie, per adeguarci alla sua dismisura e resistere alla sua incoerenza, non abbiamo altra scelta che mantenere o abdicare, non abbiamo altra scelta che contenere o cedere, dobbiamo colpire oggi chi colpirebbe domani, questa è la regola del gioco.
Albert Caraco, Breviario del Caos, 1982 (postumo)

Entriamo in un'epoca di forme spappolate, di creazioni alla rovescia. Chiunque potrà prosperarvi. Ma queste sono facili previsioni. La barbarie è accessibile a chiunque: basta prendervi gusto. Ci apprestiamo allegramente a disfare i secoli.
Emil Cioran, La tentazione di esistere, 1956

Il fenomeno barbarico, che sopraggiunge ineluttabilmente a certe svolte storiche, è forse un male, però un male necessario; d'altronde, i metodi che venissero usati per combatterlo ne affretterebbero l'avvento, poiché, per essere efficaci, bisognerebbe che fossero feroci: e a questo una civiltà non vuole prestarsi; e quand'anche lo volesse, non ci riuscirebbe per mancanza di vigore.
Emil Cioran, La caduta nel tempo, 1964

Dal fanatismo alla barbarie non c'è che un passo.
[Du fanatisme à la barbarie, il n'y a qu'un pas].
Denis Diderot, Saggio sul merito e la virtù, 1745

La civiltà dorme su una immensa miniera di barbarie.
François Guizot, XIX sec. (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Il cieco sviluppo della tecnica rafforza l'oppressione sociale, e a ogni passo lo sfruttamento minaccia di trasformare il progresso nel suo contrario, la barbarie completa.
Max Horkheimer, Eclisse della ragione, 1947

La barbarie de' tempi bassi non era una rozzezza primitiva, ma una corruzione del buono.
Giacomo Leopardi, Zibaldone, 1817/32 (postumo 1898/1900)

L'esistenza del militarismo è la dimostrazione migliore del grado di ignoranza, di servile sottomissione, di crudeltà, di barbarie a cui è arrivata la società umana. Quando della gente può fare l'apoteosi del militarismo e della guerra senza che la collera popolare si rovesci su di essa, si può affermare con certezza assoluta che la società è sull'orlo della decadenza e perciò sulla soglia della barbarie, o è una accolita di belve in veste umana.
Bruno Misefari, in Pia Zanolli-Misefari, Utopia? No!, 1976

Ognuno chiama barbarie quello che non è nei suoi usi.
Michel de Montaigne, Saggi, 1580/88

Pare non esista popolo che non abbia una sua particolare crudeltà, e ogni nazione sia impressionata soltanto da quella delle altre nazioni, quasi la barbarie fosse un fatto di costume, come le mode e gli abiti.
Charles-Louis de Montesquieu, I miei pensieri, 1716/55 (postumo 1899/01)

La capacità dell'uomo di commettere barbarie è pari solo alla sua fantasia.
William Parcher (Ed Harris), in Ron Howard, A Beautiful Mind, 2001

Il modo perfettamente "razionale" in cui noi uomini alleviamo gli animali per ucciderli, tagliando la coda ai maiali perché quelli dietro non la mordano a quelli davanti, e il becco ai polli perché, impazzendo nella loro impossibilità di muoversi, non attacchino il vicino, è un ottimo esempio della barbarie della ragione.
Tiziano Terzani, Un altro giro di giostra, 2004

2. Barbarico
© Aforismario

Barbara è la società in cui l'età della cultura e l'età dell'anima non coincidono.
Nicolás Gómez Dávila, In margine a un testo implicito, 1977/92

Altro è primitivo altro è barbaro. Il barbaro è già guasto, il primitivo ancora non è maturo.
Giacomo Leopardi, Zibaldone, 1817/32 (postumo 1898/1900)

Nella vendetta e in amore la donna è più barbara dell'uomo.
Friedrich Nietzsche, Al di là del bene e del male, 1886

I nostri pronipoti troveranno barbara l'usanza di nutrirsi di animali.
Jeremy Rifkin, Ecocidio, 1992

3. Barbari
© Aforismario

Alarico diceva che un "demone" lo spingeva contro Roma. Ogni civiltà stremata aspetta il suo barbaro, e ogni barbaro aspetta il suo demone.
Emil Cioran, L'inconveniente di essere nati, 1973

II barbaro o deride senza riserve o venera senza riserve. La civiltà è un sorriso che mescola con discrezione ironia e rispetto.
Nicolás Gómez Dávila, Tra poche parole, 1977/92

Sono convinto che Attila è uno dei più grandi personaggi della storia. Senza dubbio il più calunniato. Passò alla storia come “barbaro” e “flagello Dio”. I Romani, soprattutto durante la decadenza, erano meno “barbari” e meno “flagelli”? Aggiungiamo che tutti gli storici dell’epoca erano Romani. Si conosce uno storico unno?
Millôr Fernandes, XX-XXI sec. (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Sul destino della civiltà occidentale, giunta a questo alto grado di saturazione, mi verrebbe voglia di scrivere una poesia che comincia così: Signore, mandaci subito i barbari! Non farceli meritare di più!
Joan Fuster, Giudizi finali, 1960/68

L'uomo nasce barbaro, e si redime dalla bestialità coltivandosi. La cultura è quella che fa gli uomini, e tanto meglio quanto più è grande. Grazie a essa la Grecia poté definire barbaro tutto il resto dell'universo.
Baltasar Gracián y Morales, Oracolo manuale e arte della prudenza, 1647

Tre cose desidero vedere innanzi alla mia morte, ma dubito, ancora che io vivessi molto, non ne vedere alcuna: uno vivere di republica bene ordinata nella città nostra, Italia liberata da tutti e’ barbari e liberato el mondo dalla tirannide di questi scelerati preti.
Francesco Guicciardini, Ricordi, 1512/30

Il vero barbaro è colui che pensa che ogni cosa sia barbara tranne i propri gusti e i propri pregiudizi.
William Hazlitt, Caratteristiche, 1823

Se sentissimo dire che gli Orientali bevono solitamente un liquore che dà loro alla testa, facendoli vaneggiare e vomitare, diremmo: «È una cosa proprio da barbari».
Jean de La Bruyère, I caratteri, 1688

L’unica differenza che sussiste fra i popoli civili e quelli barbari è che gli uni si sono applicati alle scienze, mentre gli altri le hanno completamente trascurate.
Charles-Louis de Montesquieu, I miei pensieri, 1716/55 (postumo 1899/01)

Quod non fecerunt Barbari fecerunt Barberini.
[Quello che non fecero i barbari lo fecero i Barberini].
Detto [1]

Note
  1. Detto di Pasquino, universalmente noto e usato talvolta per indicare uno scempio fatto da persone che non possono addurre come scusa l’ignoranza. Traduce quanto avrebbe affermato il protonotaio mantovano Carlo Castelli a proposito della discutibile politica edilizia di papa Urbano VIII (Maffeo Vincenzo Barberini, pontefice dal 1623 al 1644): Quod non fecerunt barbari Barbarini fecerunt. In particolare si alludeva alla spoliazione del Pantheon, lasciato intatto non solo dalle antiche invasioni barbariche,ma anche dai Lanzichenecchi del 1527. I rivestimenti di bronzo delle travi del portico di questo tempio pagano furono invece tolti da Urbano VIII per fondervi le quattro colonne e il baldacchino dell’altar maggiore di San Pietro e inoltre per farne canne di cannoni. [Carlo Lapucci, Dizionario dei proverbi italiani © Mondadori 2007].
  2. Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Crudeltà - Disumanità - Spietatezza

Nessun commento: