Georges Courteline - Frasi e aforismi umoristici

Selezione dei migliori aforismi e delle frasi più belle di Georges Courteline (pseudonimo di Georges Moinaux, Tours 1858 - Parigi 1929), poeta, scrittore e drammaturgo francese. Courteline è considerato uno dei maggiori tra i moderni scrittori umoristi francesi, ma dietro l'apparenza leggera e divertente delle sue opere, si nasconde una profonda amarezza. Courteline esordisce nel 1886 col romanzo umoristico L'allegro squadrone (Les Gaietés de l'escadron), costituito da una serie di bozzetti caricaturali riguardanti la vita militare, la cui rigida disciplina produce più ingiustizia e assurdità che ordine ed efficienza. Nel 1893, Courteline raggiunge una certa notorietà con il romanzo Quelli delle mezze maniche (Messieurs les ronds-de-cuir), che ironizza sugli squallidi ambienti burocratici ministeriali. Nello stesso anno, esordisce con successo anche nel teatro con Boubouroche, commedia caratterizzata da un'amara comicità in cui Courteline ironizza su un'umanità piatta e mediocre. Altre sue commedie di successo sono: Un cliente serio (Un client sérieux, 1896) e Le marionette della vita (Les Marionnettes de la vie, 1900).
La maggior parte degli aforismi riportati qui di seguito sono tratti da La filosofia di Georges Courteline (La Philosophie de Georges Courteline), pubblicata in una prima edizione nel 1917 e successivamente, in un'edizione più estesa, nel 1922. Tutti gli aforismi sono tradotti dal francese da Aforismario.
Georges Courteline
Ah! Gioventù!
Ah! Jeunesse!, 1894

Non abusare della propria forza per stupire i deboli è la caratteristica di ogni spirito nobile ed elevato.
[Ne pas abuser de sa force pour en éblouir les faibles est le propre de tout esprit élevé et noble].

Paolo e Virginia
Virginie et Paul,1922

L'amore rende tutto più semplice, e la durezza del giorno cede il passo al ricordo della dolcezza delle notti.
[L'amour simplifie tout, et la dureté des jours s'efface au souvenir de la douceur des nuits].

La filosofia di Georges Courteline
La Philosophie de Georges Courteline, 1917 -1922
[Traduzione dal francese a cura di Aforismario]

Ah! come è bello l'amore! dice una vecchia canzone. E ha ragione, è bello davvero; − molto meno, però, per quel che dà che per ciò che fa sperare.
[Ah! que l'amour est agréable! proclame une vieille chanson. Elle a raison; il est agréable en effet; −  bien moins, d'ailleurs, pour ce qu'il donne que pour ce qu'on en espère].

Diffidate dei consigli, ma seguite i buoni esempi.
[Méfie-toi des conseils, mais suis les bons exemples].

È senza dubbio molto duro non essere più amati quando si ama; ma ciò non è niente in confronto a essere ancora amati quando non si ama più.
[Il est évidemment bien dur de ne plus ètre aimé quand on aime, mais cela n'est pas comparable à l'ètre encore quand on n'aime plus].

È meglio sprecare la giovinezza che non farne niente del tutto.
[Il vaut mieux gàcher sa jeunesse que de n'en rien faire du tout].

È necessario che i cani e i gatti siano i padroni dei loro stessi padroni, perché talvolta coloro che hanno delle bestie sono davvero più bestie di loro. 
[Il est indispensable que les chiens et les chats soient les maitres de leurs propres maitres, le devoir des gens qui ont des bètes étant d'ètre plus bètes qu'elles].

Il disprezzo del denaro è assai frequente, soprattutto in coloro che non ne hanno. Diciamo le cose come stanno: è bello avere del denaro anzitutto per gli agi che procura, e più ancora per l’impressione di sicurezza con cui ci libera da ogni imbarazzo e ci tranquillizza. 

Il medico esercita su di me un doppio effetto dal quale non so difendermi: mi spaventa e non mi rassicura. Se mi dice: "Lei ha la tal malattia", gli credo. Se mi dice: "La guarirò", non gli credo più. 
[Le médecin exerce sur moi une doublé action dont je ne suis pas maitre: il m'effraie et ne me rassure pas. S'il me dit: «Vous avez telle maladie», je le crois; s'il me dit: «Je vous guérirai», j e ne le crois plus].

Il vero pudore è nascondere ciò che non è bello far vedere.
[La vraie pudeur est de cacher ce qui n'est pas beau à faire voir].
Passare per idiota agli occhi di un imbecille
è voluttà da finissimo buongustaio. (Georges Courteline)
La dolcezza dell'uomo per la bestia è la prima manifestazione della sua superiorità su di essa.
[La douceur de l'homme pour la bète est la première manifestation de sa supériorité sur elle].

La donna non vede mai ciò che si fa per lei; vede solo ciò che non si fa.
[La femme ne voit jamais ce que l'on fait pour elle; elle ne voit que ce qu'on ne fait pas].

La vita dona raramente ciò che ci si aspetta da essa.
[La vie donne rarement ce qu'on attendait d'elle].

Le vecchie amicizie s'improvvisano.
[Les vieilles amitiés s'improvisent].

L'uomo è il solo maschio che picchia la sua femmina. Si deve dunque dedurre che l'uomo è il più brutale dei maschi, a meno che la femmina non sia, fra tutte le femmine, la più insopportabile, − ipotesi molto plausibile, tutto sommato.
[L'homme est le seul male qui batte sa femelle. Il est donc le plus brutal des màles, à moins que, de toutes les femelles, la femme ne soit la plus insupportable, −  hypothèse très soutenable, en somme].

Nego assolutamente che ogni età ha i suoi piaceri, la gioventù tiene tutto per sé.
[Je nie absolument que chaque àge ait ses plaisirs, la Jeunesse gardant tout pour elle].

Niente di più facile, e pertanto di più inutile, che essere un poeta qualunque.
[Rien n'est plus facile, plus inutile par conséquent, que d'ètre un poète quelconque].

Non vi è nulla di cui vergognarsi a essere un "vecchio porco", ma tanto di ridicolo a essere un vecchio imbecille.
[Il n'est nulle honte à ètre un «vieux cochon», mais beaucoup de ridicule à ètre un vieil imbécile].

Oh! il marito, il prezioso marito! personaggio indispensabile alla solidità delle relazioni adultere!
[Oh! le mari, le précieux mari! personnage indispensable à la solidità des liaisons adultères!].

Passare per idiota agli occhi di un imbecille è voluttà da finissimo buongustaio.
[ Passer pour un idiot aux yeux d'un imbécile est une volupté de fin gourmet].

Se dovessimo tollerare negli altri tutto quello che permettiamo a noi stessi, la vita non sarebbe più sopportabile. 
[S'il fallait tolérer aux autres tout ce qu'on se permet à soi-mème, la vie ne serait plus tenable].

Si cambia più facilmente religione che caffè. Il mondo, inoltre, si divide in due classi: quelli che vanno al caffè e quelli che non ci vanno. Da qui, due mentalità completamente separate e distinte, di cui l'una − quella di chi ci va − sembra assai superiore all'altra.
[On change plus facilement de religion que de café. Le monde, d'ailleurs, se divise en deux classes: ceux qui vont au café et ceux qui n'y vont pas. De là, deux mentalités, parfaitement tranchées et distinctes, dont l'une − celle de ceux qui y vont − semble assez supérieure à l'autre].

Si può dire che, su più di un punto, la questione sociale si riduce a una questione di buona volontà.
[On peut dire que, sur plus d'un point, la Question Sociale se résumé à une question de bonne volonté].

Sono nato per rimanere giovane, e ho avuto il vantaggio di accorgermene il giorno in cui ho smesso di esserlo.
[J'étais né pour rester jeune, et j'ai eu l'avantage de m'en apercevoir, le jour où j'ai cessé de l'ètre].

Uno dei più chiari effetti della presenza di un bambino in una casa è di rendere completamente idioti dei bravi genitori che forse senza di lui sarebbero stati dei semplici imbecilli.
[Un des plus clairs effets de la présence d'un enfant dans le ménage, est de rendre complètement idiots de braves parents qui, sans lui, n'eussent peut-ètre été que de simples imbéciles].

Note
Vedi anche aforismi, frasi e citazioni di: Charles Régismanset

Nessun commento: