Totò - Poesie da 'A Livella (con traduzione in italiano)

Selezione di alcune delle più belle poesie di Totò (Antonio de Curtis) in napoletano con traduzione in italiano, tra cui la famosa poesia 'A livella (1953-1964). La livella è uno strumento usato generalmente da chi lavora nel campo dell'edilizia per "livellare" una superficie, cioè stabilirne l'orizzontalità. Totò, nella sua poesia 'A livella, la usa come metafora della morte, livellatrice di ogni tipo di disuguaglianza esistente tra i vivi. Altre poesie di Totò riportate in questa raccolta sono: 'A vita, Felicità!, 'O sole e il bellissimo testo Malafemmena (Malafemmina), tutte in napoletano con traduzione in italiano a cura di Aforismario. In queste poesie, Totò rivela un aspetto intimistico e malinconico che non ci si aspetterebbe in un comico tutto lazzi e frizzi, come quello che si mostra nei suoi film. Su Aforismario, ovviamente, trovi anche le battute più divertenti di Totò [trovi il link in fondo alla pagina].
'A morte 'o ssaje ched'è? ...è una livella. (Totò - Antonio de Curtis)
'A livella
Ogn'anno, il due novembre, c'è l'usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll'adda fà chesta crianza;
ognuno adda tené chistu penziero.
Ogn'anno, puntualmente, in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch'io ci vado, e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo 'e zi' Vicenza.

St'anno m'é capitato 'navventura...
dopo di aver compiuto il triste omaggio
(Madonna!) si ce penzo, che paura!
ma po' facette un'anema e curaggio.
'O fatto è chisto, statemi a sentire:
s'avvicinava ll'ora d'à chiusura:
io, tomo tomo, stavo per uscire
buttando un occhio a qualche sepoltura.

"Qui dorme in pace il nobile marchese
signore di Rovigo e di Belluno
ardimentoso eroe di mille imprese
morto l'11 maggio del '31".
'O stemma cu 'a curona 'ncoppa a tutto...
...sotto 'na croce fatta 'e lampadine;
tre mazze 'e rose cu 'na lista 'e lutto:
cannele, cannelotte e sei lumine.

Proprio azzeccata 'a tomba 'e 'stu signore
nce stava 'n 'ata tomba piccerella,
abbandunata, senza manco un fiore;
pe' segno, sulamente 'na crucella.
E ncoppa 'a croce appena se liggeva:
"Esposito Gennaro - netturbino":
guardannola, che ppena me faceva
stu muorto senza manco nu lumino!

Questa è la vita! 'ncapo a me penzavo...
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
Stu povero maronna s'aspettava
ca pur all'atu munno era pezzente?
Mentre fantasticavo 'stu penziero,
s'era ggià fatta quase mezanotte,
e i 'rimanette 'nchiuso priggiuniero,
muorto 'e paura... nnanze 'e cannelotte.

Tutto a 'nu tratto, che veco 'a luntano?
Ddoje ombre avvicenarse 'a parte mia...
Penzaje: stu fatto a me mme pare strano...
Stongo scetato... dormo, o è fantasia?
Ate che fantasia; era 'o Marchese:
c'o' tubbo, 'a caramella e c'o' pastrano;
chill'ato apriesso a isso un brutto arnese;
tutto fetente e cu 'na scopa mmano.

E chillo certamente è don Gennaro...
'omuorto puveriello...'o scupatore.
'Int 'a stu fatto i' nun ce veco chiaro:
so' muorte e se ritirano a chest'ora?
Putevano sta' 'a me quase 'nu palmo,
quanno 'o Marchese se fermaje 'e botto,
s'avota e tomo tomo... calmo calmo,
dicette a don Gennaro: "Giovanotto!

Da Voi vorrei saper, vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir, per mia vergogna,
accanto a me che sono blasonato!
La casta è casta e va, sì, rispettata,
ma Voi perdeste il senso e la misura;
la Vostra salma andava, sì, inumata;
ma seppellita nella spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso
la Vostra vicinanza puzzolente,
fa d'uopo, quindi, che cerchiate un fosso
tra i vostri pari, tra la vostra gente".
"Signor Marchese, nun è colpa mia,
i'nun v'avesse fatto chistu tuorto;
mia moglie è stata a ffa' sta fesseria,
i' che putevo fa' si ero muorto?

Si fosse vivo ve farrei cuntento,
pigliasse 'a casciulella cu 'e qquatt'osse
e proprio mo, obbj'... 'nd'a stu mumento
mme ne trasesse dinto a n'ata fossa".
"E cosa aspetti, oh turpe malcreato,
che l'ira mia raggiunga l'eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei già dato piglio alla violenza!"

"Famme vedé... piglia 'sta violenza...
'A verità, Marché, mme so' scucciato
'e te senti; e si perdo 'a pacienza,
mme scordo ca so' muorto e so mazzate!...
Ma chi te cride d'essere... nu ddio?
Ccà dinto, 'o vvuo capi, ca simmo eguale?...
...Muorto si' tu e muorto so' pur'io;
ognuno comme a 'na'ato è tale e qquale".

"Lurido porco!... Come ti permetti
paragonarti a me ch'ebbi natali
illustri, nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?".
"Tu qua' Natale... Pasca e Ppifania!!!
T''o vvuo' mettere 'ncapo... 'int'a cervella
che staje malato ancora 'e fantasia?...
'A morte 'o ssaje ched'è?... è una livella.

'Nu rre, 'nu maggistrato, 'nu grand'ommo,
trasenno stu canciello ha fatt'o punto
c'ha perzo tutto, 'a vita e pure 'o nomme:
tu nu t'hè fatto ancora chistu cunto?
Perciò,  stamme a ssenti... nun fa' 'o restivo,
suppuorteme vicino - che te 'mporta?
Sti ppagliacciate 'e ffanno sulo 'e vive:
nuje simmo serie... appartenimmo â morte!". 

La livella
[Traduzione in italiano a cura di Aforismario]

Ogni anno, il due novembre, c'è l'usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno deve fare questa gentilezza;
ognuno deve avere questo pensiero.
Ogni anno, puntualmente, in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch'io ci vado, e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo di zia Vincenza.

Quest'anno m'è capitata un'avventura ...
dopo aver compiuto il triste omaggio
(Madonna!) se ci penso, che paura!
ma poi mi diedi anima e coraggio. 
Il fatto è questo, statemi a sentire:
si avvicinava l'ora di chiusura:
io, piano piano, stavo per uscire
buttando un occhio a qualche sepoltura.

"Qui dorme in pace il nobile marchese
signore di Rovigo e di Belluno
ardimentoso eroe di mille imprese
morto l'11 maggio del '31". 
Lo stemma con la corona sopra a tutto ...
...sotto una croce fatta di lampadine;
tre mazzi di rose con una lista di lutto:
candele, candelotte e sei lumini.

Proprio accanto alla tomba di questo signore
c’era un'altra tomba piccolina,
abbandonata, senza nemmeno un fiore;
per segno, solamente una piccola croce. 
E sopra la croce appena si leggeva:
"Esposito Gennaro - netturbino":
guardandola, che pena mi faceva
questo morto senza neanche un lumino!

Questa è la vita! tra me e me pensavo...
chi ha avuto tanto e chi non ha niente! 
Questo pover'uomo s'aspettava
che anche all’altro mondo era pezzente? 
Mentre rimuginavo questo pensiero,
s'era già fatta quasi mezzanotte,
e rimasi chiuso prigioniero,
morto di paura... davanti alle candele.

Tutto a un tratto, che vedo da lontano?
Due ombre avvicinarsi dalla mia parte...
Pensai: questo fatto a me mi pare strano...
Sono sveglio...dormo, o è fantasia? 
Altro che fantasia! Era il Marchese:
con la tuba, la caramella e il pastrano;
quell’altro dietro a lui un brutto arnese;
tutto fetente e con una scopa in mano.

E quello certamente è don Gennaro...
il morto poverello... il netturbino.
In questo fatto non ci vedo chiaro:
sono morti e si ritirano a quest’ora? 
Potevano starmi quasi a un palmo,
quando il Marchese si fermò di botto,
si gira e piano piano... calmo calmo,
disse a don Gennaro: "Giovanotto!

Da Voi vorrei saper, vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir, per mia vergogna,
accanto a me che sono blasonato! 
La casta è casta e va, sì, rispettata,
ma Voi perdeste il senso e la misura;
la Vostra salma andava, sì, inumata;
ma seppellita nella spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso
la Vostra vicinanza puzzolente,
fa d'uopo, quindi, che cerchiate un fosso
tra i vostri pari,tra la vostra gente".
"Signor Marchese, non è colpa mia,
io non vi avrei fatto questo torto;
mia moglie è stata a fare questa fesseria,
io che potevo fare se ero morto?

Se fossi vivo vi farei contento,
prenderei la cassa con dentro le quattr'ossa 
e proprio adesso, in questo stesso istante
entrerei dentro a un'altra fossa". 
"E cosa aspetti, oh turpe malcreato,
che l'ira mia raggiunga l'eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei già dato piglio alla violenza!"

"Fammi vedere! prendi 'sta violenza...
La verità, Marchese, mi sono stufato
di ascoltarti; e se perdo la pazienza,
mi dimentico che son morto e son mazzate!
Ma chi ti credi d'essere...un dio?
Qua dentro, vuoi capirlo che siamo uguali?...
...Morto sei tu , e morto son pure io;
ognuno come a un altro è tale e quale".

"Lurido porco!... Come ti permetti
paragonarti a me ch'ebbi natali
illustri, nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?". 
"Ma quale Natale, Pasqua e Epifania!!!
Te lo vuoi ficcare in testa... nel cervello
che sei ancora malato di fantasia?...
La morte sai cos’è?... è una livella.

Un re, un magistrato, un grand’uomo,
passando questo cancello, ha fatto il punto
che ha perso tutto, la vita e pure il nome:
non ti sei fatto ancora questo conto? 
Perciò, stammi a sentire... non fare il restio,
sopportami vicino - che t'importa?
Queste pagliacciate le fanno solo i vivi:
noi siamo seri… apparteniamo alla morte!".

Felicità!
Vurria sapè ched'è chesta parola,
vurria sapè che vvo' significà.
Sarà gnuranza 'a mia, mancanza 'e scola,
ma chi ll'ha ntiso maje annummenà.

Felicità!
[Traduzione in italiano a cura di Aforismario]
Vorrei sapere cos'è questa parola,
vorrei sapere cosa vuol significare.
Sarà ignoranza la mia, mancanza di scuola,
ma chi l'ha sentita mai nominare.

'A vita
'A vita è bella, sì, è stato un dono,
un dono che ti ha fatto la natura.
Ma quanno po' 'sta vita è 'na sciagura,
vuie mm' 'o chiammate dono chisto cca'?
E nun parlo pe' me ca, stuorto o muorto,
riesco a mm'abbusca' 'na mille lire.
Tengo 'a salute e, non faccio per dire,
songo uno 'e chille ca se fire 'e fa'.
Ma quante n'aggio visto 'e disgraziate:
cecate, ciunche, scieme, sordomute.
Gente ca nun ha visto e maie avuto
'nu poco 'e bbene 'a chesta umanità.
Guerre, miseria, famma, malatie,
crestiane addeventate pelle e ossa,
e tanta gioventù c' 'o culo 'a fossa.
Chisto nun è 'nu dono, è 'nfamità.

La vita
[Traduzione in italiano a cura di Aforismario]
La vita è bella, sì, è stato un dono,
un dono che ti ha fatto la natura.
Ma quando poi questa vita è una sciagura,
voi me lo chiamate dono questo qua?
E non parlo per me che, storto o morto,
riesco a guadagnare una mille lire.
Ho la salute e, non faccio per dire,
sono uno di quelli che ci sa fare.
Ma quanti ne ho visti di disgraziati:
ciechi, paralitici, ritardati, sordomuti.
Gente che non ha visto e mai avuto
un poco di bene in questa umanità.
Guerre, miseria, fame, malattie,
cristiani diventati pelle e ossa,
e tanta gioventù col culo alla fossa.
Questo non è un dono, è infamità.

All'intrasatta...
L'ammore è na jurnata 'e sole
ca schioppa all'intrasatta dint' 'o core.
E 'o sole mio si tu!...

All'improvviso
[Traduzione in italiano a cura di Aforismario]
L'amore è una giornata di sole
che scoppia all'improvviso dentro al cuore.
E il mio sole sei tu...

'O sole
Io songo nato addò sta 'e casa 'o sole.
'O sole me cunosce 'a piccerilio;
'o primmo vaso 'nfronte - ero tantillo -
m'ha dato quanno stevo int' 'o spurtone.
E m'ha crisciuto dint' 'e braccia soje,
scanzanname 'a malanne e malatie.
'O sole! 'O sole... è tutt' 'a vita mia... io senza 'o sole nun pozzo campa'.

Il sole
[Traduzione in italiano a cura di Aforismario]
Io sono nato dove sta di casa il sole.
Il sole mi conosce da piccolo;
il primo bacio in fronte - ero un mocciosetto -
me l'ha dato quando stavo nel cestone.
E m'ha cresciuto tra le sue braccia,
evitandomi malanni e malattie.
Il sole! Il sole... è tutta la vita mia... io senza il sole non posso vivere.

Malafemmena
Si avisse fatto a n'ato
chello ch'e fatto a mme,
st'ommo t'avesse acciso,
e vuò sapé pecché?
Pecché 'ncopp'a sta terra
femmene comme a te
non ce hann'a 'sta pe' n'ommo
onesto comme a mme!...
Femmena,
tu si 'na malafemmena...
chist'uocchie 'e fatto chiagnere...
lacreme e 'nfamità.
Femmena,
si tu peggio 'e 'na vipera,
m'e 'ntussecata l'anema,
nun pozzo cchiù campà.
Femmena,
si ddoce comme 'o zucchero
però 'sta faccia d'angelo
te serve pe 'ngannà...
Femmena,
tu si 'a cchiù bella femmena,
te voglio bene e t'odio,
nun te pozzo scurdà...
Te voglio ancora bene
ma tu nun saie pecché,
pecché l'unico ammore
si stata tu pe mme...
E tu pe 'nu capriccio
tutto 'e distrutto, ojné.
Ma Dio nun t' 'o perdone
chello ch'e fatto a mme!...

Malafemmina
[Traduzione in italiano a cura di Aforismario]
Se avessi fatto a un altro
quello che hai fatto a me,
quest'uomo t'avrebbe ucciso,
e vuoi sapere perché?
Perché sopra a questa terra
femmine come a te
non ci devono essere per un uomo
onesto come a me!...
Femmina,
tu sei una malafemmina...
questi occhi hai fatto piangere...
lacrime e infamità.
Femmina,
sei peggio di una vipera,
mi hai intossicato l'anima,
non posso più vivere.
Femmina,
sei dolce come lo zucchero
però 'sta faccia d'angelo
ti serve per ingannare...
Femmina,
tu sei la più bella femmina,
ti voglio bene e t'odio,
non ti posso dimenticare...
Ti voglio ancora bene
ma tu non sai perché,
perché l'unico amore
sei stata tu per me...
E tu per un capriccio
hai distrutto tutto, ohimè.
Ma Dio non te lo perdona
quello che hai fatto a me!...

Ultime parole di Totò
Totò e Franca Faldini
"T'aggio voluto bene, Franca. Proprio assai". Queste parole furono rivolte da Totò a Franca Faldini, sua compagna per quindici anni, poco prima di morire. Bisogna dire, però, che non è chiaro quali siano state veramente le ultime parole di Totò; esistono infatti diverse testimonianze. Su Wikiquote è riportata la frase seguente, rivolta ai medici la notte prima di morire: "Chi è che mi ha sparato questa fucilata al cuore? Adesso basta, lasciatemi morire". Secondo la figlia Liliana, le sue ultime parole furono: "Ricordatevi che sono cattolico, apostolico, romano"; mentre secondo quanto riportato sul sito antoniodecurtis.com le ultime parole di Totò furono le seguenti: rivolto al cardiologo: "Professò, vi prego lasciatemi morire, fatelo per la stima che vi porto. Il dolore mi dilania, professò. Meglio la morte"; poi rivolgendosi al cugino "Eduà, Eduà mi raccomando. Quella promessa: portami a Napoli"; e infine alla sua amatissima compagna: "T'aggio voluto bene, Franca. Proprio assai".

Libro di Totò consigliato da Aforismario
'A Livella
Poesie d'amore 
Editore Newton Compton, 2010 

Autore della celeberrima "'A livella" e di tanti altri versi scritti nei rari, preziosi momenti di solitudine che la sua travolgente carriera artistica gli concedeva, il Totò poeta accompagnò fedelmente il Totò grande comico cinematografico e teatrale, svelandone il volto più intimo e segreto, meno divulgato e conosciuto, grazie a una sensibilità straordinaria e a una fortissima carica umana. In questo libro sono state raccolte tutte le poesie scritte in napoletano da Totò.

Note
Vedi anche: Frasi e battute divertenti di Totò dai Film

Nessun commento: