Emilio Rega - Frasi e aforismi

Selezione dei migliori aforismi e delle frasi più belle di Emilio Rega (Villa San Giovanni 1955), aforista italiano. Gli aforismi riportati in questa pagina sono stati selezionati da Aforismario dai libri: Sursum Corda (Del Leone, 1993), Oltre le stelle (Dell'Oleandro, 1997), Casus irreducibilis (Tracce, 1998), 600 aforismi e Ad libitum (Mauro Baroni, 1999)
Emilio Rega
Sursum Corda
© Del Leone 1993 - Selezione Aforismario

Ci vuole molto cattivo gusto per sentire di vivere bene al mondo d'oggi.

Con quanta disinvoltura di solito l'uomo si sottomette a chi lo paga!

È meglio vergognarsi che essere spudorati.

È preferibile il rischio della fede alla certezza di rimanere travolti in un mondo senza Dio.

Gli errori non basta riconoscerli, occorre correggerli.

L'imbecillità è contagiosa, l'intelligenza no.

L'uno rincoglionisce l'altro. Il risultato?: il rincoglionimento generale.

La ragione che si dà agli uomini ha spesso lo stesso valore del biscotto dato al cane.

Molti si lasciano compatire atteggiandosi spesso a vittime per essere con più buona coscienza carnefici.

Non sarà che la storia orrenda dell'umanità è iniziata con una sorsata di latte di lupa?

Se Dio non esiste tutto è lecito, ma se esiste tutto è possibile.

Sperare nel meglio, essere pronti al peggio.

Una difesa è veramente efficace quando è capace di dissuadere dall'attacco.

Oltre le stelle
© Dell'Oleandro 1997 - Selezione Aforismario

Chi perde la speranza perde la vita.

Destino degli spiriti conciliatori: prenderle da ambo le parti.

Di originale, nella storia dell'umanità, non c'è che il peccato.

Gli imbecilli hanno il grande vantaggio di sentirsi a casa propria in un mondo in cui essi generalmente costituiscono la maggioranza.

Il vero amore non è cieco, ma è gratuito: nessuno, in tal senso, ha il diritto di pretenderlo.

L'arte di vivere è soprattutto l'arte di consolarsi.

L'uomo è pensiero conficcato nella carne.

La famiglia è spesso il feudo degli imbecilli.

La vita è un'eroicomica preparazione alla morte.

La vita vera può iniziare proprio nel momento in cui non ci si aspetta nulla da essa.

Occorre essere umili rispetto a Dio e determinati nei riguardi degli uomini.

Se l'utopia, come possibilità, viene rinnegata, dove sta la buona fede?

Siamo tutti provvisori.

Un bel ricordo si serve anche di qualche lieve dimenticanza.

Vi sono muri con i quali si colloquia più proficuamente che con certe persone.

Casus irreducibilis
© Tracce 1998 - Selezione Aforismario

Chi tiene sempre gli occhi al cielo finisce per schiacciare una merda, chi tiene sempre gli occhi a terra finisce per vedere solo quella.

Chi trova se stesso trova un tesoro.

Essere se stesso nello studio, uno qualunque nel divertimento.

Il valore di una vita è direttamente proporzionale al margine di rischio che si è disposti a correre per salvaguardarlo.

La parola tse tse degli imbonitori.

Né colomba né falco ma il volo.

Né incensato né processato ma, se possibile, capito.

Non è concepibile definirsi "spiriti liberi" senza essere stati capaci di rischiare il salto sull'abisso che separa la realtà dal sogno.

Se dal male può nascere il bene, è merito del bene, non del male...

Semplificare la vita per non crollare sotto il suo peso eccessivo.

Speranza e carità non sono nulla senza la fede.

Tagliatori di creste.

Trasformare la tristezza in rabbia, la rabbia in azione.

Una guerra, anche se vinta, non la si dovrebbe festeggiare, ma solamente rammaricarsi che sia potuta accadere.

600 aforismi
Il silenzio delle forme 
© Mauro Baroni 1999 - Selezione Aforismario

È stupido cercare di far ragionare un uomo stupido.

È un mondo che non ti concede il lusso di essere mite...

L'abile venditore è quello che sa vendere anche le cose che non ha.

L'inferno è qui.

La delusione di scoprire come tutto, nel mondo degli uomini, ruoti intorno a delle banalità.

La gratuità è del bene e non del male.

La perfetta simmetria esistente tra il non voler "rompere i coglioni" ed il pretendere di non farseli rompere.

La vita? Bella e dolorosa.

Occorre guardarsi dai massimalisti minimizzatori.

Ognuno ha il destino che si merita.

Saper ragionare è una grazia.

Spesso v'è molta più saggezza ed onore nel non fare piuttosto che nel fare.

Ad libitum
© Mauro Baroni 1999 - Selezione Aforismario

Il "cazzone edenico", essendo stato cacciato dal paradiso perché non meritevole di tanta grazia, anziché pentirsi, ha preferito, ribellandosi per la seconda volta al volere di Dio, crearsi sulla Terra i suoi paradisi artificiali.

Il non dire niente dando l'impressione di essere intelligenti, e il dire qualcosa dando l'impressione di essere stupidi.

L'effettiva importanza di dover osare nel tentativo di migliorarsi.

L'Infinito, la patria dei poeti.

L'intento di Satana è di ridicolizzare il Sacro essendone un goffo imitatore.

La Cultura come unico rimedio per poter sconfiggere la prepotenza nell'uomo ed eliminare la brutalità in natura.

La vocazione di essere cretini...

Scrivere è un atto di fede.

Libro di Emilio Rega consigliato
Oltre le stelle
Editore: Dell'Oleandro 1997

Ormai scrivere e pubblicare aforismi è diventata una moda; le case editrici fanno a gara nel mettere sul mercato opere di filosofi, di scrittori, di letterati che spesso altro non sono che stralci di racconti, sintesi di pensieri, battute di dialoghi. Emilio Rega però ci offre Oltre le stelle senza stralciare da sue opere complesse o artificiose o dotte, egli si esprime direttamente in aforismi (non è la prima volta) e lo fa con la piena convinzione di aver trovato una formula vincente capace di assommare in sé una serie di situazioni, di umori e di sentire. Rega è un saggio non perché, come Montaigne, si sia prima avvelenato di troppa cultura e l'abbia poi espulsa da sé cercando di renderla agevole e prendibile, ma perché sa guardare alle cose e alle azioni umane con sguardo sereno, sa penetrare all'interno degli eventi e scorgerne il filo segreto che li unisce e li disunisce, sa leggere dietro le apparenze, sa scrutare la realtà nel suo farsi e disfarsi. Insomma Rega compie l'operazione che compirebbe un poeta e perciò non credo sia casuale che Oltre le stelle sia edito in una collana di poesia. La saggezza di Rega infatti ha qualcosa di troppo lievitato, con un che di aereo e di imprendibile, non viene lanciata addosso come una martellata secca, un colpo di fucile, una coltellata. Può darsi che ciò all'autore possa sembrare una diminutio, io ritengo invece che proprio per questo il suo libro è da sottoporre all'attenzione di tutti, perché così le sue affermazioni non diventano assiomi ma inviti, messaggi, moniti; danze di parole che saettano un loro fluido magnetico e poi rientrano nel loro alveo.

Nessun commento: