Emo Philips - Frasi e battute divertenti

Selezione di frasi umoristiche, freddure e battute divertenti di Emo Philips (Chicago 1956), attore e comico statunitense. Emo Philips è famoso per il suo aspetto eccentrico e per l'umorismo surreale che caratterizza i suoi monologhi di stand-up comedy. In Italia Emo Philips ha cominciato a essere conosciuto soltanto di recente, grazie alla traduzione di alcuni suoi spettacoli teatrali pubblicati su internet. Buona parte delle battute di Emo Philips riportate qui di seguito sono state tradotte dall'inglese a cura di Aforismario.
Emo Philips
Battute
© Emo Philips - Selezione Aforismario

C'è gente che viene da me, preoccupata... che mi riproduca.

Da bambino odiavo la scuola perché, sapete... ci sono un sacco di cose a scuola, cose che apprezzi solo quando sei più grande. Piccole cose, come essere sculacciato tutti i giorni da donne di mezza età. Cose per cui dopo pagheresti dei soldi.

Dovevo lasciare la mia famiglia per andare all'università. Eh sì, i miei genitori organizzarono una gran festa d’addio per me. Secondo quel che dice la lettera.
[When I went to college, my parents threw a going away party for me, according to the letter].

Ero a letto l'altra sera e ho sentito i miei genitori nella stanza accanto litigare per me. Sapete come fanno i genitori, dicono cose come: "Te l'avevo detto che sarebbe nato." Sono burloni, ovviamente.

Ero l'amico immaginario dell ragazzo della porta accanto.
[I was the kid next door's imaginary friend].

Ero nella fattoria di mia zia. E mi disse: "Emo, mungi le mucche." Ma io non l'avevo mai fatto. Così dopo un'ora tornai e le dissi: "Quella grande con le corna quasi mi uccideva." Mi rispose: "Quello è il toro." Non mi dispiacque di averne bevuto solo mezza tazza.

Ero solito pensare che il cervello fosse l'organo più affascinante del mio corpo. Poi realizzai chi me lo stava dicendo. 
[I used to think that the brain was the most wonderful organ in my body. Then I realized who was telling me this].

Ho avuto dei problemi con la mia ragazza. Lo so... È arrabbiata con me perché le ho detto che è sexy con le unghie nere. Adesso crede che abbia sbattuto apposta la portiera della macchina.

Ho corso per tre chilometri oggi. Alla fine ho detto: "Signora prenda la sua borsetta!".
[I ran three miles today... finally I said, "Lady, take your purse."].

Ho prestato a un mio amico 10.000$ per una chirurgia plastica e adesso non so che aspetto abbia.
[I lent a friend of mine $10,000 for plastic surgery and now I don't know what he looks like].

Ho sempre pensato che il modo migliore per insegnare a un bambino a non aver paura del buio sia quello di riempire le sue ore di luce con più orrore possibile. Così pregherà perché arrivi il buio.

I computer non sono intelligenti, pensano soltanto di esserlo.

I miei compagni di classe avrebbero copulato con qualunque cosa respirasse, ma io non vedevo la ragione perché dovessi darmi dei limiti. 
[My classmates would copulate with anything that moved, but I never saw any reason to limit myself].

Ieri notte la mia ragazza a letto mi ha detto: "Sei un pervertito.". Le ho risposto: "Che parolona per una bimba di nove anni!".

Il regalo più carino che abbia mai ricevuto è una supposta esplosiva.

L'altro giorno una donna mi ha avvicinate e mi ha chiesto: «L'ho vista alla TV?». lo le ho risposto: «Non saprei. lo non riuscirei a vederla dalla televisione».

La battaglia dei sessi non sarà mai vinta finché continueremo ad andare a letto con il nemico.

La gente mi si avvicina e mi dice: ”Emo, davvero la gente ti si avvicina?".
[People come up to me and say, "Emo, do people really come up to you?"].

La mia ragazza mi ha detto che stava vedendo un altro uomo. Le ho risposto di stropicciarsi gli occhi.

La mia ragazza ride sempre quando facciamo sesso. Non importa cosa stia leggendo. 
[My girlfriend always giggles during sex. No matter what she's reading].
Non sono un fatalista, e anche se lo fossi, cosa potrei farci? (Emo Philips)
Non che i miei genitori non fossero protettivi. A loro modo lo erano: quando attraversavo la strada loro piazzavano scommesse.

Non riesco a capacitarmi di quanto siano tutti formali qui in Inghilterra. Ero alla dogana all'aeroporto di Heathrow e il tizio mi ha detto: "Cosa ci fa della carta igienica sulla sua guancia?" Gli ho risposto: "Beh, mi sono tagliato facendo la barba sull'aereo e allora ho tamponato con un po' di carta igienica."
Mi ha detto: "Beh, di solito si usa un pezzo pulito".

Non so come funziona l'elettricità. Tutto quello che so è che mi calma. [1]
[I don't know how electricity works. All I know is that it calms me].

Non sono un fatalista, e anche se lo fossi, cosa potrei farci? 
[I'm not a fatalist; even if I were, what could I do about it?].

Non tutti mi odiano. Solo quelli che hanno avuto modo di incontrarmi.

Probabilmente il momento più difficile nella vita di chiunque è quando si deve uccidere una persona cara perché è il diavolo.

Quando ero piccolo pregavo ogni notte per avere una bicicletta nuova. Poi ho capito che con il Signore le cose non funzionano in questo modo; così ho rubato una bicicletta e gli ho chiesto di perdonarmi. 
[When I was a little boy, I used to pray every night for a new bicycle. Then I realised, the Lord, in his wisdom, doesn't work that way. So I just stole one and asked Him to forgive me].

Quando avevo dieci anni, la mia famiglia si trasferì a Downers Grove, Illinois. Quando ne compì dodici, li trovai.
[When I was ten, my family moved to Downers Grove, Illinois. When I was twelve, I found them].

Ricorderò sempre le ultime parole di mio nonno: "Un camion!".
[Always remember the last words of my grandfather, who said: "A truck!"].

Sapete, alle feste c'è sempre qualcuno che chiede: "Dov'eri quando Kennedy è stato ucciso?" Beh, io non ho un alibi!
[You know, at parties, people always ask, "Where were you when Kennedy was shot?" Well, I don't have an alibi!].

Un computer una volta mi ha battuto a scacchi, ma non c'è stata partita con il kickboxing.
[A computer once beat me at chess, but it was no match for me at kick boxing].

Un tale bussò alla porta e mi disse: "Vorrei leggere il suo contatore del gas". Gli risposi: "E i classici? Che fine hanno fatto?".

Note
  1. La battuta fa riferimento all'elettroshock.
  2. Vedi anche frasi e battute divertenti di: Steven Wright

Nessun commento: