Accoglienza - Aforismi, frasi e citazioni

Raccolta dei migliori aforismi e delle frasi più significative sull'accoglienza, intesa come l’atto di accogliere una o più persone, il modo in cui si riceve qualcuno; per esempio: in modo accettante o affettuoso (buona o calorosa accoglienza), oppure in modo distaccato o sgarbato (cattiva o fredda accoglienza).
Su Aforismario trovi altre raccolte di citazioni correlate a questa sull'ospitalità, l'amore per il prossimo e gli immigrati.
Io vedo che, quando allargo le braccia, i muri cadono.
Accoglienza vuol dire costruire dei ponti e non dei muri. (Andrea Gallo)
Accoglienza
© Aforismario

Se sapete accogliere qualcuno con molto amore, questi si apre a voi e vi dà tutto; se lo ricevete male, si chiude e non vi dà nulla. Esponete un fiore alla luce e al calore, e lo vedrete aprirsi, donare il suo profumo; mettetelo nel freddo e nell'oscurità, e lo vedrete chiudersi.
Omraam Mikhaël Aïvanhov, Discorsi, 1938/86

Accogliere talvolta è segno di rassegnazione. Attendere è sempre segno di speranza. 
Antonio Bello, Maria donna dei nostri giorni, 1996

Aprite la mente, aprite il cuore, aprite le braccia, accogliete tutto.
Leo Buscaglia, Vivere, amare, capirsi, 1982

È meraviglioso poter allargare le braccia, perché quando allargate le braccia e accogliete qualcosa avete davanti a voi una porta di specchio. Il solo specchio in cui potete vedere voi stessi e che vi aiuti a progredire. Ed è l'unico modo che abbiamo di vedere noi stessi e di progredire!
Leo Buscaglia, Vivere, amare, capirsi, 1982

Anche quando non scorgiamo l'Amore, dobbiamo mostrarci pronti ad accoglierlo. Nei momenti in cui la solitudine sembra schiacciare tutto ciò che ci circonda, l'unica maniera di resistere è continuare ad amare.
Paulo Coelho, Il manoscritto ritrovato ad Accra, 2012

Casa è il posto in cui, quando ci devi andare, ti devono accogliere.
[Home is the place where, when you have to go there, they have to take you in].
Robert Lee Frost, The Death of the Hired Man, 1942

Per ragioni economiche, dovute al fatto che nessuno di noi svolge più i lavori che affidiamo agli stranieri (primo sintomo della disgregazione della società), accogliamo gli immigrati purché non si integrino (nonostante le chiacchiere che a questo proposito si fanno), perché la loro integrazione cancellerebbe le differenze socialmente percepibili tra Noi (che per difendere la nostra identità ci consideriamo superiori) e Loro (che accogliamo solo se si mantengono a un livello inferiore e subordinato).
Umberto Galimberti, I miti del nostro tempo, 2009

Chi riconosce l'appartenenza alla famiglia umana, come fa a non aprire le porte? Poi io, come cristiano, come faccio a non essere accogliente? E io ti accolgo come sei, come persona, perché ancora prima di essere maschio, femmina, omosessuale o straniero, uno è persona, cioè un soggetto di autonomia. 
Andrea Gallo, La storia siamo noi: "Preti di strada", su Rai Tre, 2007

È difficile tener sempre la porta aperta, non è facile. C'è anche la paura... [...] Ma solo attraverso l'accoglienza, attraverso l'ascolto, attraverso la disponibilità, la generosità, si supera la paura.
Andrea Gallo, La storia siamo noi: "Preti di strada", su Rai Tre, 2007

Io vedo che, quando allargo le braccia, i muri cadono. Accoglienza vuol dire costruire dei ponti e non dei muri
Andrea Gallo, La storia siamo noi: "Preti di strada", su Rai Tre, 2007

I cristiani, se non sono accoglienti, non dicano che sono cristiani.
Andrea Gallo, Cominciamo bene, su Rai Tre, 2010

Chiunque incontri è tuo fratello, figlio, figlia; non ci sono fratelli e sorelle di serie B, C e D. Su tutte le difficoltà riguardanti l'immigrazione, dico: diamo prima l'accoglienza e poi le difficoltà le affronteremo.
Andrea Gallo, Cominciamo bene, su Rai Tre, 2010

Chi accoglie voi accoglie me, e chi accoglie me accoglie colui che mi ha mandato. Chi accoglie un profeta come profeta, avrà la ricompensa del profeta, e chi accoglie un giusto come giusto, avrà la ricompensa del giusto.
Gesù di Nazaret, in Vangelo secondo Matteo, I sec.

Quando entrerete in una città e vi accoglieranno, mangiate quello che vi sarà messo dinanzi, curate i malati che vi si trovano, e dite loro: Si è avvicinato a voi il regno di Dio. Ma quando entrerete in una città e non vi accoglieranno, uscite sulle piazze e dite: Anche la polvere della vostra città che si è attaccata ai nostri piedi, noi la scuotiamo contro di voi; sappiate però che il regno di Dio è vicino.
Gesù di Nazaret, in Vangelo secondo Luca, I sec.

Ti amo, fratello, chiunque tu sia, sia che tu t’inchini nella tua chiesa, o t’inginocchi nel tuo tempio, o preghi nella tua moschea. Tu ed io siamo figli di una sola fede, giacché le diverse vie della religione non sono che le dita dell’amorevole mano di un solo Essere Supremo, una mano tesa verso tutti, che offre a tutti l’interezza dello spirito, ansiosa di accogliere tutti.
Kahlil Gibran, La voce del maestro, 1963 (postumo)

Scambiandosi i loro pensieri, gli uomini comunicano come nei baci e gli abbracci; chi accoglie un pensiero non riceve qualcosa, ma qualcuno.
Hugo von Hofmannsthal, Il libro degli amici, 1922

Sapeste come allarga il cuore essere ricevuti con amore, ma come lo stringe essere ricevuti a malincuore! 
Magdeleine Hutin, Il padrone dell'impossibile, 1994

L'ospitalità non dovrebbe avere altra natura che amore.
[Hospitality should have no other nature than love].
Henrietta Mears (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Cos'è più importante dell’accoglienza? Cosa? La sacralità dei simboli? Il simbolo deve rimandare ad una realtà di carne per avere valore. Non è possibile che ci genuflettiamo davanti ad un Cristo di cartone o di legno e poi non abbiamo solidarietà per chi soffre.
Ermanno Olmi, intervista alla Mostra del Cinema di Venezia, 2011

Vorrei suggerire ai cattolici – e io sono tra questi – di ricordarsi più spesso di essere anche cristiani. Il vero tempio è la comunità umana.
Ermanno Olmi, intervista alla Mostra del Cinema di Venezia, 2011

Parole benedette che accoglieranno ciascuno nella sua propria singolarità: questo, se ci sarà, sarà il giudizio di Dio.
Mauro Parrini, A mani alzate, 2009

L'atto più alto e più fecondo della libertà umana sta più nell'accoglienza che nel dominio.
Jacques Philippe, Alla scuola dello Spirito Santo, 2004

Se la Chiesa non è accogliente, non è Chiesa. Se io non ti accolgo, mi metto fuori dalla comunione. La comunione è rotta da chi non accoglie e non certo da chi non è accolto.
Ermes Maria Ronchi, intervista, su La Voce del Popolo, 2009

Benvenuti come i fiori di maggio.
[Welcome as the flowers in May].
Walter Scott (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Rifletti a lungo se è il caso di accogliere qualcuno come amico, ma, una volta deciso, accoglilo con tutto il cuore e parla con lui apertamente come con te stesso. 
Lucio Anneo Seneca, Lettere a Lucilio, 62/65

La pienezza del nostro cuore è espressa nei nostri occhi, nel nostro modo di toccare, in ciò che scriviamo, in ciò che diciamo, nel modo come camminiamo, nel modo in cui accogliamo, nel modo in cui diamo. Questa è la pienezza del cuore
Madre Teresa di Calcutta, Meditazioni, 1996

Mantenete sempre vivo l'amore per il più povero dei poveri. Non pensiate che sia una perdita di tempo nutrire l'affamato, visitare e prendersi cura dell'ammalato e dell'agonizzante, aprire la porta ed accogliere il rifiutato, chi non ha casa. No, questo è il nostro amore di Cristo tradotto in azione. Più umile sarà la vostra opera, più grandi dovrebbero essere il vostro amore e la vostra efficienza.
Madre Teresa di Calcutta, Meditazioni, 1996

Gesù è il senza tetto da ospitare. Gesù è l'ammalato da risanare. Gesù è l'abbandonato da amare. Gesù è il rifiutato da accogliere.
Madre Teresa di Calcutta, Meditazioni, 1996

Gesù dice: «Qualunque cosa facciate al più piccolo dei vostri fratelli l'avrete fatto a me. Quando accogliete uno di questi piccoli, accogliete me. Se darete un bicchiere d'acqua in mio nome, l'avrete dato a me» E per essere certi di comprendere quello di cui ci parla, ci dice che nell'ora della nostra morte saremo giudicati soltanto su questo. Avevo fame e mi deste da mangiare. Ero nudo e mi avete vestito. Ero senza casa e mi avete ospitato. Non è fame soltanto di pane, è fame d'amore. Essere nudo non significa soltanto non avere un pezzo di stoffa con cui coprirsi, essere nudo è essere privo della dignità umana ed anche della bella virtù della purezza ed è anche privazione del reciproco rispetto. Essere senza casa non è soltanto essere senza una casa fatta di mattoni; essere senza casa significa anche essere rifiutati, emarginati, non amati.
Madre Teresa di Calcutta, Meditazioni, 1996

Note
Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Ospitalità e Ospiti - Amore del prossimo e Filantropia

Nessun commento: