Ora legale e Ora solare - Frasi e battute divertenti

Raccolta di aforismi, frasi celebri e battute divertenti sull'ora solare e l'ora legale. È chiamata "ora solare" (o "ora civile convenzionale"), l'orario che coincide con quello del fuso orario di riferimento. L'ora legale, invece, è quella cui uno Stato decide di convenzionarsi spostando avanti di un'ora le lancette degli orologi. Lo scopo dell'ora legale è quello di consentire un grande risparmio energetico grazie al minore utilizzo dell'illuminazione elettrica, visto che si sfrutta un'ora in più di luce solare. In Italia, l'ora legale inizia alle ore 2:00 del mattino dell'ultima domenica di marzo e termina alle 3:00 del mattino dell'ultima domenica di ottobre, quando ricomincia l'ora solare.
Come introduzione a questa raccolta, riportiamo alcuni brani tratti da una lettera del 1784 inviata al Journal de Paris dallo scienziato americano Benjamin Franklin, il quale notava come, sfruttando tutte le ore di luce solare, si potesse avere un grande risparmio economico, che all'epoca era quello sul costo delle candele e delle lampade a olio di recente fabbricazione. Non a caso, in lingua inglese, l'ora legale è chiamata daylight saving time (orario di risparmio della luce diurna).
"Voi che ci date spesso notizie di nuove scoperte, permettete a me pure di pubblicarne col mezzo del vostro giornale una recentissima, la quale venne da me fatta e, a mio giudizio, recherà utile grande. L'altra sera io mi trovava a veglia con numerosa compagnia in una sala, dove era stata accesa una di quelle nuove lampade che inventarono i signori Quinquet e Lange, e per il suo bel lume era molto ammirata; se non che tutti si chiedevano, se poi il consumo d'olio ch'ella fa sia in proporzione della luce che manda; altrimenti non converrebbe usarne. Ma non vi fu in tutta la compagnia chi sapesse dar risposta soddisfacente al quesito; del quale pure ognuno desiderava la soluzione, poiché non sarebbe lieve cosa il poter illuminare con minor spesa le nostre stanze, in un tempo che è tanto aumentato il costo di ogni altra domestica necessità. A ogni modo io godeva di vedere tutto questo gran zelo per 1'economia, essendone amatore sviscerato. Me ne ritornai da quella casa alla mia che erano le tre o le quattro dopo la mezzanotte; e mi coricai, addormentandomi colla testa piena del soggetto del quale si era trattato. Ma un improvviso insolito rumore avendomi svegliato verso le sei del mattino, fui grandemente sorpreso di trovarmi la camera inondata di luce; così che a tutta prima immaginava che me l'avessero riempita di quelle nuove lampade; ma poi, fregatimi gli occhi, ebbi a verificare che tutto lo splendore mi entrava dalle finestre. Balzai dal letto, e affacciatomi per vedere quale ne fosse la causa, trovai non esser altro che il sole, il quale allora appunto compariva all'orizzonte, e di là saettava i raggi pienamente nella mia cameretta, di cui la sera innanzi il servo si era dimenticato di chiudere le imposte. Consultai il mio orologio, che va benissimo, e vidi che erano appena le sei; tuttavia non sapendomi persuadere che il sole si avesse ad alzare tanto presto, ricorsi all'almanacco, e vi trovai che quella era proprio 1'ora sua per quel giorno. Continuando poi a leggervi, mi chiarì che sarebbe anzi comparso ogni giorno sempre più presto, fin quasi agli ultimi di giugno; e che in nessun tempo dell'anno tarda a farsi vedere fino alle otto. I lettori del vostro giornale che al pari di me non hanno mai veduto luce di sole prima del mezzogiorno, e che molto di raro guardano la parte astronomica dell'almanacco, saranno meravigliati quanto sono stato io, udendo che si alza così per tempo; e specialmente che, come io posso accertare, dà luce non appena è spuntato. Di quanto asserisco sono convinto, sicurissimo; non è possibile esser più sicuro di un fatto qualsiasi. L'ho veduto coi miei occhi; e, ripetuta 1'osservazione per ben tre mattine di seguito, riscontrai sempre la stessa cosa precisamente [...].
Se non fossi stato svegliato così presto al mattino, avrei dormito certamente sei altre ore a lume di sole, e all'inverso avrei vegliato poi nella notte successiva sei ore di più al lume di candela; ed essendo questa luce molto più costosa che l'altra, dall'amore che porto all'economia fui tratto a metter fuori tutto quel poco d'aritmetica che possiedo per fare i calcoli che qui a voi presento; giacché, a mio avviso, un'invenzione vuol essere pregiata in ragione della sua utilità, e quella scoperta della quale non si potesse far uso, o che non valesse a qualche cosa, è inutile affatto. [...].
Enorme somma, di cui la città di Parigi potrebbe annualmente far risparmio, sostituendo l'economica luce del sole a quella delle candele. Che se mi si dicesse gli uomini essere soliti aderire ostinati agli antichi loro usi, e che sarebbe cosa molto ardua l'indurli a lasciare il letto prima del mezzogiorno, e pertanto aver io fatto una scoperta di poca utilità, risponderei, nil desperandum. Io credo che ogni uomo di buon senso, venuto che sia in cognizione, dalla lettura di questo mio scritto, che è giorno chiaro non appena spuntato il sole, si vorrà provare di levarsi con esso. [...].
Per l'ingente benefizio di questa scoperta, da me così comunicata e abbandonata liberalmente al pubblico, io non chiedo né impiego, né pensione, né privilegio, né altra qualunque ricompensa. Mi basta l'onore di averla fatta. Nulladimeno io so che sorgeranno, come sempre avviene, degli invidiosi di corto intelletto che vorranno contestarmela, dicendo eh'ella era già nota agli antichi; e fors'anche citeranno passi di vecchi libri in prova della loro asserzione. Né io nego che agli antichi possa essere stato rivelato a qual'ora si alza il sole; avevano essi probabilmente al pari di noi almanacchi ove trovarne la notizia: ma non ne viene da ciò che parimenti fosse a loro noto il sole mandar luce non appena sull'orizzonte. Questa è la vera scoperta che io pretendo d'aver fatta; e se anche gli antichi ciò conoscevano, la cosa dev'essere andata in dimenticanza da secoli, poiché certamente i moderni, o per lo meno i Parigini, la ignorano; e mi è facile provarlo con un semplicissimo ragionamento. [...].
Sono i cittadini di Parigi un popolo colto, giudizioso, prudente quant'altro mai; e tutti amano al pari di me la domestica economia; oltre che per le tante gravose tasse che i bisogni dello Stato da loro esigono, hanno motivo più che sufficiente per far risparmio. Ora io dico non potersi ammettere che un
tal popolo in simili circostanze, sia così a lungo vissuto al lume affumicato, malsano e tanto dispendioso delle candele, se veramente avesse saputo che era a sua disposizione tanta pura luce solare senza la spesa di un quattrino".
Su Aforismario trovi altre raccolte di citazioni correlate a questa sull'orario, l'orologio e le ore.
L'ora legale è l'unica cosa legale che resta in Italia. (Roberto Benigni)
Ora legale e Ora solare
© Aforismario

Scatta l'ora legale. Pronto un decreto legge per evitare facili battute.
Stefano Andreoli e Alessandro Bonino (a cura di), Spinoza. Un libro serissimo, 2010

Non troverai mai qualcuno in grado di spiegare in modo chiaro e convincente il motivo per cui si applica l'ora legale.
[You will never find anybody who can give you a clear and compelling reason why we observe daylight saving time].
Dave Barry (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

L'ora legale è l'unica cosa legale che resta in Italia.
Roberto Benigni, discorso al NIAF, Washington, 2003

Oggi si torna all’ora legale. A mezzanotte in punto ho fatto girare le lancette dell’orologio. Era mezzanotte ed ecco, di colpo è l’una: l’ora più bella che ho passato quest’anno.
Romano Bertola, Le caramelle del diavolo, 1991

"Ehi! Ricordati che domani scatta l'ora legale" si raccomanda il terrorista all'aiutante che sta confezionando la bomba a orologeria.
Romano Bertola, Includetemi fuori, 2003

Solo un promemoria: questo fine settimana termina l'ora legale. O, per dirla in altro modo, il tuo forno a microonde è in procinto a segnare di nuovo l'ora giusta!
[Just a reminder that this weekend is the end of daylight savings time. Or, put another way, your microwave is about to have the right time on it again!].
Jimmy Fallon, Monologo, 2013

Per i contadini l'ora legale è un problema, perché non riescono a mettere avanti il gallo.
Beppe Grillo [1]

Una volta ho fatto l’amore per un’ora e quindici secondi filati. Ma era quando abbiamo spostato gli orologi per l’ora legale.
Paolo Limiti (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Che idea fantastica mettere gli orologi indietro: non fosse altro, ci si guadagna un’ora d’insonnia.
Walter Matthau, in Martin Ritt, Un marito per Tillie, 1972

Per adeguarsi ai tempi, stanotte finisce l'ora legale e ricomincia quella illegale.
Mauroemme [1]

Finisce l'ora legale. Sospiri di sollievo in Parlamento.
Mauroemme [1]

Stanotte si passa all'ora solare. Mi tocca andare a dormire con gli occhiali da sole.
Mauroemme [1]

Se ti fai sfuggire l'attimo, non ritorna più! Beh, ma non nel caso dell'ora legale, certo. Quell'ora in più che ti permette di fare ciò che vuoi ogni autunno... che bello. Però, d'altra parte perdi un'ora ogni primavera, quindi forse i proverbi dicono la verità.
Otacon, in Hideo Kojima, Metal Gear Solid 2: Sons of Liberty, 2001

Non si capisce mai se questa volta scatta l'ora solare al posto della legale, o quella legale al posto della solare. E se la notte dormiremo un'ora in più o in meno: questo è causa di discussioni estenuanti che si protraggono oltre l'ora dello spostamento delle lancette, vanificando pure l'eventuale ora di sonno in più. Perché c'è sempre qualcuno, che pure quando gli hai fatto dei disegnini sulla carta, non è convinto, e dice che secondo lui è il contrario: cioè che dormiremo un'ora in più, e non un'ora in meno come dite tutti (o un'ora in meno e non in più).
Francesco Piccolo, Momenti di trascurabile felicità, 2010

8 e 58... è la prima volta che sono in anticipo al lavoro. Tranne quando si rimetteva l'ora legale.
Homer Simpson, in Matt Groening, I Simpson, 1989/...

Oggi primo giorno di ora legale. Un'ora di sole in più. Ed è nuvolo!
DrZap

Scatta l'ora legale: panico tra i politici.
Aforismario [2]

Togliere un'ora di sonno alla gente mi sembra tutt'altro che legale...
Anonimo

Note
  1. Fonte della citazione sconosciuta; se la conosci, segnalala ad Aforismario.
  2. Questo aforisma è una variazione aggiornata della memorabile battuta di Cuore del 1991: "Scatta l'ora legale: panico tra i socialisti".
  3. Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Orario - OrologioMinuti e Ore

Nessun commento: