Guido Clericetti - Aforismi dal Clericettario

Selezione dei migliori aforismi e delle frasi più belle di Guido Clericetti (Milano 1939), giornalista, vignettista, autore televisivo, umorista e aforista italiano. Guido Clericetti è noto sopratutto come vignettista politico e di costume, e molte sue vignette sono state pubblicate su quotidiani e riviste come: Avvenire, Il SabatoEpoca, Famiglia Cristiana, ecc. Dal 1970, Clericetti collabora con la RAI come autore di programmi radiofonici e televisivi, collaborazione che dal 1985 si estende anche alle reti Fininvest. Tra i suoi libri di vignette: Il primo Pinocchio (Città armoniosa, 1978), Soprappensieri (Rusconi, 1977), ...e il settimo giorno sorrise.... (Borla, 1981). Gli aforismi umoristici di Clericetti riportato qui di seguito sono stati selezionati da Aforismario dal libro Clericettario, pubblicato nel 1993 dall'editore Gribaudi. Di sé stesso ha detto Clericetti: "Nel settembre del 1939, quando stavo per venire al mondo, allora sì che avevo un sacco di possibilità di diventare qualcuno!".
Guido Clericetti
Clericettario
© Gribaudi 1993 - Selezione Aforismario

Adamo: Signore, dammi una compagna, costoli quel che costoli.

Anniversario: ti leggo fra le rughe...

Il delitto non paga, ma i mandanti sì.

Ho il conto corrente: che fatica stargli dietro.

E dopo? Chi non vivrà vedrà.

Morì col sorriso sulle labbra. Di sua moglie.

L'ozio è il padre dei vizi e il lavoro è il padre delle virtù. E tutti e due sono i nonni del sonnellino pomeridiano.

Quando mi capita di ascoltare i discorsi che fa la gente in treno o al ristorante arrivo facilmente alla convinzione che la libertà di parola andrebbe enormemente limitata.

Funziona di più andare in tivù a parlare di un brutto libro che scrivere un bel libro sulla tivù.

Chi fa del male a qualcuno di solito dice che lo fa per il suo bene.

Chi si mette in fila nelle processioni religiose ormai è uno che va controcorrente.

Il denaro liquido si chiama denaro liquido perché ti scappa via come acqua.

Invidio i fortunati che dicono cose intelligenti senza pensare.

I matrimoni che riescono meglio sono quelli fra persone molto diverse fra loro. Per questo l'ideale è che siano fra un uomo e una donna.

La libertà concessa non è libertà.

La maggior parte dei turisti che ogni anno vengono in Italia dimostra scarso interesse per le ricchezze artistiche e culturali del nostro Paese; proprio come noi Italiani.

La prima notte di Adamo ed Eva fu un'esperienza senza precedenti.
Com'è cresciuto il nostro amore! (© Guido Clericetti)
La violenza è la ragione di chi ha torto.

Le riviste per soli uomini sono, più propriamente, per uomini soli.

Anche l'aquila per mangiare deve volare più basso. 

Non era capace di far male a una mosca ma inventò il DDT.

Non so se t'amerò per sempre o se mi riinnamorerò continuamente di te.

Metodo italiano per togliere rapidamente le borse sotto gli occhi. 

Noi Italiani non siamo razzisti e nel nostro Paese non viene discriminato nessuno per il colore della pelle o per la religione che professa o per la lingua che parla o per il suo livello d'istruzione, ma solo se non ha abbastanza soldi.

Oggi i figli possono essere: legittimi, naturali o artificiali.

Oggi i figli sono un genere di consumo.

Ormai ci sono dei giocattoli talmente automatici che il bambino è inutile.

Da piccoli le femmine preferiscono le bambole e i maschi i soldatini, ma poi da grandi i loro gusti s'invertono.

Non so perché, ma istintivamente ho sempre pensato che gli orologi italiani siano un po' meno esatti.

Pare non fossero pochi gli uomini politici italiani talmente dediti al bene comune da arrivare addirittura a identificarlo con il proprio.

Quando lei dice a lui: «Caro, puoi chiedermi quello che vuoi!», tutt'e due sanno già che è una cosa sola.

Spesso la gentilezza non è che una sublime manifestazione di disinteresse.

Assioma: i treni partono sempre in ritardo quando io arrivo puntuale; ma appena ritardo sono puntualissimi.

«Tutti, almeno una volta, possono sbagliare!» Motto caro a coloro che sbagliano spesso.

Ufficio raccomandazioni. Vietato l'ingresso ai non addetti ai favori.

Libro di Clericetti consigliato da Aforismario
Clericettario
Opinioni opinabili e pensieri impensabili
Editore: Gribaudi, 1993

Questo Clericettario contiene il meglio e l’inedito di un autore amato da tutti i diavoletti e angioletti cattolici e dintorni. Finalmente un umorismo fine, cordiale, amabile, con una giusta dose di pepe. A leggerlo si sorride fuori e dentro. E s'impara qualcosa su sé stessi e la vita.





Nessun commento: