Marcel Achard - Frasi e battute divertenti

Selezione delle frasi più belle e delle battute più divertenti di Marcel Achard (pseudonimo di Marcel Augustin Ferréol - Sainte-Foy-lès-Lyon 1899 - Parigi 1974), scrittore e drammaturgo francese.
Sin da giovane, Marcel Achard si trasferisce a Parigi per intraprendere la propria carriera artistica, e nel 1923 ottiene il suo primo successo con Volete recitare con me? (Voulez-vous jouer avec moâ?), farsa poetica ambientata nel mondo del circo. Sull'onda dell'entusiasmo, Marcel Achard intensifica la propria produzione artistica, nella quale l'atmosfera della farsa si affievolisce per lasciar posto al realismo dei sentimenti e, in particolare, dell'amore: Malborough se ne va alla guerra (Malborough s'en va-t-en guerre, 1924), Io non vi amo (Je ne vous aime pas, 1926), La vita è bella (La vie est belle, 1928).
Nel 1929, Marcel Achard ottiene un altro grande successo con Jean de la lune, commedia tenera e crudele in cui emerge il tipo del giovane «lunare», candido e generoso, che con la sua ostinata fiducia, riesce a conquistare l'amore della moglie infedele, abbagliata dall'immagine idealizzata di sé stessa. [1]
Nella produzione successiva, che si estende per tutti gli anni '30, l'ispirazione di Marcel Achard sembra inaridirsi: Domino (1931), La femme en blanc (1933, Pétrus (1933), Le corsatre (1938), ecc., raccolgono giudizi poco favorevoli da parte della critica. A questo proposito, è rimasta famosa una battuta autoironica di Marcel Achard: "Ho avuto la critica più breve che sia mai stata pubblicata. Diceva: 'Ieri sera al teatro è stato rappresentato Domino. Perché?'".
Qui di seguito, sono riportate alcune delle più belle citazioni di Marcel Achard tratte dalle sue opere e, per la maggior parte, tradotte dal francese da Aforismario.
Marcel Achard
Je ne vous aime pas
1926 - Traduzione dal francese a cura di Aforismario

La speranza è uno di quei rimedi che non guariscono, ma che consentono di soffrire più a lungo.
[L'espérance est un de ces remèdes qui ne guérissent pas mais qui permettent de souffrir plus longtemps].

Non vi è una sola donna graziosa che possa soddisfare tutti i desideri che ispira.
[Il n'est pas une seule jolie femme qui puisse satisfaire tous les désirs qu'elle inspire].

Jean de la Lune
1929 - Traduzione dal francese a cura di Aforismario

L'amore è essere sempre preoccupati per l'altro.
[L'amour, c'est être toujours inquiet de l'autre].

Mi piace rispondere. Io rispondo anche quando non mi si domanda niente.
[J'adore répondre. Je réponds même quand on ne me demande rien].

L'amore, forse, è essere egoisti insieme.
[L'amour, c'est peut-être d'être égoïstes ensemble].

Mademoiselle de Panama
1942 - Traduzione dal francese a cura di Aforismario

La disperazione è l'unico peccato imperdonabile.
[Le désespoir est le seul péché impardonnable].

Non ci sono imprevisti favorevoli. L'imprevisto è sempre un guaio inaspettato.
[Il n'y a pas d'imprévu favorable. L'imprévu, c'est toujours un malheur qu'on n'attendait pas].

La Demoiselle de Petite Vertu
1950 - Traduzione dal francese a cura di Aforismario

L'oblio è il rifugio supremo.
[L'oubli est le suprême refuge].
Per una battuta di spirito sarei capace di uccidere mio padre e mia madre.
Per fortuna sono orfano. (Marcel Achard)
Le Moulin de la Galette 
1951 - Traduzione dal francese a cura di Aforismario

Conoscere le donne significa sapere che non le conosciamo.
[Connaître les femmes, c’est savoir qu’on ne les connaît pas].

Patata
Patate, 1954 - Traduzione dal francese a cura di Aforismario

Aspettare, è quasi sempre sperare.
[Attendre, c'est presque toujours espérer].

Per una battuta di spirito sarei capace di uccidere mio padre e mia madre. Per fortuna sono orfano.
[Pour faire un mot dróle, je tuerais père te mère. Heureusement que je suis orphelin].

L'amore non paga
L'amour ne paie pas, 1963 - Traduzione dal francese a cura di Aforismario

Un ottimista è colui che crede che una donna abbia terminato la sua conversazione telefonica solo perché ha detto: "...allora ti saluto...".
[Un optimiste est un monsieur qui croit qu'une dame a terminé sa conversation téléphonique parce qu'elle dit «au revoir»].

Gugusse
1968 - Traduzione dal francese a cura di Aforismario

Colui che non ha mai perso la testa, non aveva una testa da perdere.
[Celui qui n'a jamais perdu la tête, c'est qu'il n'avait pas de tête à perdre].

È meglio litigare che sentirsi soli.
[Vaut mieux s'engueuler que de se sentir seul].

Il bacio di una donna è la stretta di mano dei boxer prima del combattimento.
[Le baiser d'une femme, c'est la poignée de main du boxeur avant le combat].

Non esiste un donna per la quale vale la pena morire.
[Il n'y a pas une femme qui vaille de mourir pour elle].

Quando ascoltiamo ciò che dice una bella donna, non è veramente bella.
[Quand on entend ce qu'une jolie femme dit, c'est qu'elle n'est pas vraiment jolie].

Quando si ama, si ama sempre troppo.
[Quand on aime, on aime toujours trop].

Se descriviamo la nostra felicità la sminuiamo.
[Se on raconte son bonheur, on le diminue].

Ti amo amaramente.
[Je t'aime amèrement].

Alle donne piacciono gli uomini taciturni. Credono che ascoltino.
(Marcel Achard)
Fonte sconosciuta
Selezione Aforismario

Alcuni credono che il genio sia ereditario. Gli altri non hanno bambini.

Alle donne piacciono gli uomini taciturni. Credono che ascoltino.
[Les femmes aiment les hommes silencieux. Elles croient qu'ils les écoutent].

C'è almeno un matrimonio che rende un uomo felice: quello di sua figlia.

Corteggiare una donna vuol dire inseguirla finché questa ti acchiappa.

È meglio sbagliarsi con tutti gli altri, che essere intelligente da solo.

Ho avuto la critica più breve che sia mai stata pubblicata. Diceva: "Ieri sera al teatro è stato rappresentato Domino. Perché?".

Ho un mucchio di idee brillanti e nuove, ma quelle brillanti non sono nuove e le nuove non sono brillanti.

Il pentimento è il fermo proposito di non lasciare tracce la prossima volta.

La carriera di un scrittore è comparabile a quella di una donna di facili costumi. Dapprima scrive  per piacere, poi per far piacere ad altri e in fine per soldi.

La cosa più deliziosa non è non aver nulla da fare: è aver qualcosa da fare, e non farla.

La donna ha la passione del calcolo: divide la propria età per due, raddoppia il prezzo dei suoi vestiti, triplica lo stipendio di suo marito e aggiunge sempre cinque anni all'età della sua migliore amica.

La felicità è la somma di tutte le infelicità che non si hanno.

La fortuna esiste. Altrimenti, come si spiegherebbe il successo degli altri?

Le donne guidano oramai come gli uomini. Quello che mi meraviglia è che ne sono fiere.

Le donne leggere sono quelle che pesano maggiormente sul portafoglio di un uomo.

Qui giace Fred Mc Guire. Gli cadde un penny: morì nella mischia.

Tutto è divertente, finché capita a qualcun altro.

Note
  1. Stella Gargantini Rabbi, Marcel Achard, Grande dizionario enciclopedico UTET, 1992

Nessun commento: