Carogna - Aforismi, frasi e citazioni

Raccolta di aforismi, frasi e citazioni sulle carogne, cioè i corpi degli animali morti e le loro carcasse in decomposizione. Il termine "carogna" deriva dal latino caronia, da carnis "carne". Ai corpi degli esseri umani morti, cioè ai cadaveri, è stata dedicata un'altra pagina. Da notare che in alcune delle seguenti citazioni il termine "cadavere" è usato come sinonimo di "carogna" per indicare l'animale morto.
Le salme degli animali sono considerate rifiuti speciali e dunque da incenerire. È però possibile, laddove ne esista uno, seppellirle in cimiteri per animali da compagnia. È consentito anche il sotterramento in terreni di privati cittadini, ma a condizione che il Servizio Veterinario ASL, opportunamente informato, decida che non vi siamo controindicazioni di carattere sanitario all'inumazione. Quando invece ci si imbatta in un animale morto per strada si deve chiamare il Servizio Veterinario ASL (O il Comune, a seconda del luogo dove ci si trova). [© Dizionario Larousse 2008].
Su Aforismario trovi altre raccolte di citazioni correlate a questa sugli animali, sul rapporto tra esseri umani e animali, e sull'animalismo.
Una mucca o una pecora morte che giacciono in un pascolo sono considerate
carogne. La stessa carcassa, trattata e appesa a un chiodo in macelleria,
passa per cibo! (John Harvey Kellogg)
Carogna / Animale morto
© Aforismario

Ricordi, anima mia, quel che vedemmo un bel mattino dolce d'estate dietro quel sentiero? Una carogna infame, su un letto sparso di sassi: zampe all'aria, come donna lubrica, ardente e trasudante veleni, spalancava il ventre indifferente e cinico tra tante esalazioni. Batteva il sole su quel putridume come per cuocerlo a puntino, e ridare così centuplicato alla Natura quel che lei aveva messo insieme. E il cielo guardava quella gran carcassa che si dilatava come un fiore. Che fetore immondo! Temevi di svenire là sull'erba. Come ronzavano le mosche su quel putrido ventre! E come sbucavano a battaglioni nere larve! Colavano come denso liquido lungo quei brandelli vivi. Scendevano e salivano come un'onda, ο brulicando s'avventavano; sembrava che quel corpo, gonfiato da un respiro vago, si moltiplicasse in tante vite. Di lì veniva una strana musica come l'acqua corrente e il vento, ο il grano che agita e rigira ritmicamente nel suo ventilabro chi lo vaglia. Le forme svanivano ed erano ormai un sogno, un abbozzo lento a prender forma sulla tela obliata che l'artista porta a termine solamente col ricordo. Dietro le rocce una inquieta cagna ci guardava con irato occhio, spiando il momento di riprendere allo scheletro i brandelli che erano rimasti. − E tu? Anche tu un giorno sarai quel letamaio, quella peste orrenda, stella dei miei occhi, sole della mia natura, tu, angelo mio, passione mia! Sì, anche tu sarai così, regina delle grazie, dopo gli estremi sacramenti, quando sotto l'erba e le piante grasse ammuffirai tra le ossa. E allora, mia bellezza, di' pure ai vermi, che ti mangeranno di baci, che ho conservato la forma e la divina essenza dei miei amori decomposti!
Charles Baudelaire, Una carogna, I fiori del male, 1857/61 [1]

Forchetta. Strumento usato principalmente allo scopo di portare alla bocca animali morti.
[Fork. An instrument used chiefly for the purpose of putting dead animals into the mouth].
Ambrose Bierce, Dizionario del diavolo, 1911

Uccidere un animale per cibarsene è assassinio premeditato a scopo di libidine; ingerirlo, occultamento di cadavere.
Pino Caruso, Ho dei pensieri che non condivido, 2009

Il motivo per cui si ammazza una formica sta tutto nella facilità con la quale si può farne sparire il cadavere.
Pino Caruso, Ho dei pensieri che non condivido, 2009

Il nostro è un mondo di mangiatori di cadaveri.
Pino Caruso, Appartengo a una generazione che deve ancora nascere, 2014

Una Citroen abbandonata sul lato di una strada. Confrontare con Une charogne [1]. Ecco a una svolta, spuntare la macchina morta, la carognaautomobile, e si può vedere la sua decomposizione, la ruggine, gli sfondamenti, i visceri esposti, manca però il suono, la strana musica degli insetti, e sopratutto l'odore: si tratta di una decomposizione che ha qualcosa di metafisico, più immateriale che materiale, di un automa che ha vissuto, che ha sentito il conatus, senza mai acquistare una caratteristica umana, e che disumanamente, come ha vissuto, si decompone.
Guido Ceronetti, Il silenzio del corpo, 1979

C'è come un velo sulla retina dei non vegetariani, quasi un materializzarsi di un velo sull'anima, che gli impedisce di vedere il cadavere, il pezzo di cadavere cotto, nel piatto di carne o di pesce.
Guido Ceronetti, Il silenzio del corpo, 1979

Solo un vero vegetariano è capace di vedere le sardine come cadaveri e la loro scatola come una "bara di latta"; un mangiatore di carne neanche se lo chiudono nel frigorifero di una macelleria avrà la sensazione di coabitare con dei cadaveri squartati.
Guido Ceronetti, Il silenzio del corpo, 1979

A volte anche tra le aquile si trova un corvo che si nutre di carogne.
Arthur Conan Doyle, Il taccuino di Sherlock Holmes, 1927

Una mucca o una pecora morte che giacciono in un pascolo sono considerate carogne. La stessa carcassa, trattata e appesa a un chiodo in macelleria, passa per cibo!
[A dead cow or sheep lying in a pasture is recognized as carrion. The same sort of a carcass dressed and hung up in a butcher's stall passes as food].
John Harvey Kellogg (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Anche le iene addomesticate divorano carogne.
Stanisław Jerzy Lec, Pensieri spettinati, 1957

L'avoltore [2] è tanto sottoposto alla gola che andrebbe mille miglia per mangiare d'una carogna e per questo seguita li eserciti.
Leonardo da Vinci, Codici, XV-XVI sec. (postumo)

Ci nutriamo di cadaveri.
Alessandro Morandotti, Minime, 1979/80

Tra un uomo morto e un pitecantropo morto, mi rifiuterò sempre di pensare che vi sia la differenza che c'è tra un cadavere e una carogna.
Jean Rostand, Pensieri di un biologo, 1939

La gente può sperare che la carne che compra provenga da un animale morto senza soffrire, ma non vuole davvero approfondire la questione. E tuttavia coloro che, attraverso i loro acquisti, impongono l'uccisione degli animali non meritano di essere protetti da questo o da qualsiasi altro aspetto della produzione della carne che comprano.
Peter Singer, Liberazione animale, 1975

Un umano morto diventa cadavere, un animale, carogna: ciò lo trovo ingiusto.
Giovanni Soriano, Finché c'è vita non c'è speranza, 2010

Si continua tranquillamente a mangiare carne fin quando nel piatto non si vede nient’altro che una bistecca laddove, in realtà, c’è soltanto un pezzo di cadavere.
Giovanni Soriano, Finché c'è vita non c'è speranza, 2010

Quella che chiamiamo eufemisticamente "carne" sono in verità pezzi di cadaveri, di animali morti, morti ammazzati. Perché fare del proprio stomaco un cimitero?
Tiziano Terzani, Un altro giro di giostra, 2004

Proverbi sulle Carogne
  • Anche il corvo riesce a divorare un’aquila morta.
  • Dal puzzo si sente la carogna.
  • Dove son carogne son corvi.
  • Gli avvoltoi combattono per le carogne.
  • Dove vola l’avvoltoio c’è la carogna.
  • Il falco non mangia carogne.
  • Il nibbio e l’avvoltoio vanno sempre dietro alle carogne.
  • La cornacchia trova buona la carogna.
  • La pecora rende più da viva che da morta.
  • Le bestie sono carogne da morte; gli uomini da vivi e da morti.
  • Le mosche si posano sopra alle carogne.
  • Letame e carogne vanno sotterrati presto.
  • Non gira il nibbio che non ci sia vicina una carogna.
  • Se segui il corvo ti porta a una carogna.
Ciò che si dice vicino al leone morto, non si dice quando il leone è ancora vivo.
Proverbio africano

Non si nasconde un cadavere di elefante sotto le foglie.
Proverbio africano

Note
  1. Una carogna: poesia di Charles Baudelaire. Traduzione di Claudio Rendina © 1998 Newton e Compton.
  2. Avoltore. avvoltoio [cfr. citazione di Leonardo da Vinci].
  3. Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Animali - CadavereUmani e Animali

Nessun commento: