Compiangere - Aforismi, frasi e citazioni

Raccolta dei migliori aforismi e delle frasi più significative sul compiangere e sull'essere compianti. Il termine "compiangere" deriva dal latino complangĕre, ed è composto da con- e plangĕre "piangere", letteralmente: "piangere con" o "piangere insieme", e significa partecipare al pianto di qualcuno, prendere parte al suo dolore, mostrare pietà per le sue sventure. In alcuni casi, il compianto può essere espressione di compatimento misto a disprezzo.
Su Aforismario trovi altre raccolte di citazioni correlate a questa sulla compassione, il compatire e la pietà.
Nessuno è gran che da invidiare,
innumerevoli sono da compiangere molto. (Arthur Schopenhauer)
Compiangere
© Aforismario

Chi si rallegra del male altrui, non troverà chi compianga il suo. 
Riccardo Bacchelli, Il mulino del Po, 1938/40

Taluni hanno sventure; altri ossessioni. Quali sono maggiormente da compiangere?
Emil Cioran, L'inconveniente di essere nati, 1973

Penso a tanti amici che non sono più, e provo pena per loro. Tuttavia non li ritengo proprio da compiangere, perché hanno risolto tutti i problemi, a cominciare da quello della morte.
Emil Cioran, L'inconveniente di essere nati, 1973

Si compiange il cieco che non ha mai visto i raggi del sole, il sordo che non ha mai udito gli accordi della natura, il muto che non ha mai potuto rendere la voce della sua anima e, per un falso pudore, non si vuol compiangere quella cecità del cuore, di quella sordità dell'anima, di quel mutismo della coscienza che rendono folle un'infelice e, suo malgrado, la fanno incapace di vedere il bene e di parlare il puro linguaggio dell'amore e della fede.
Alexandre Dumas (figlio), La signora delle camelie, 1848

Mentre tutti diffidano delle donne, io me la intendo benissimo con loro! Io non guardo se hanno mentito, se hanno tradito, se hanno peccato – o se nacquero perverse – perché io sento che hanno pianto – hanno sofferto per sentire o per tradire o per amare... io mi metto con loro e per loro e le frugo, frugo non per mania di sofferenza, ma perché il mio compianto femminile è più grande e più dettagliato, è più dolce e più completo che non il compianto che ne accordano gli uomini. 
Eleonora Duse, Lettera a Francesco D'Arcais, 1885

Le rose non sono da compiangere... Esse, se non altro, non sanno che appassiranno.
[Les roses ne sont pas à plaindre... Au moins, elles ne savent pas, elles, qu'elles se faneront].
Henri Duvernois, Beauté, 1928

Aveva del resto un inconscio bisogno di amare senza speranza per potersi poi compiangere, per la voluttà di un doppio intenerimento, verso una bella creatura e verso se stesso.
Antonio Fogazzaro, Piccolo mondo antico, 1895

Un amante infelice merita di essere compianto; ma un amante riamato, che soffre ogni ora i tormenti dell'inferno, merita di essere rispettato.
Ugo Foscolo, Epistolario, 1794/1824

Perdona i deboli che oggi ti compiangono, poiché non sanno compiangere sé stessi.
Kahlil Gibran, Segreti del cuore, 1947 (postumo)

Da compiangere l'uomo che non sa parlare; da compiangere ancor più quello che non sa tacere.
Arturo Graf, Ecce Homo, 1908

Sarebbe bello amare, amare un altro e non compiangere sempre noi stessi.
Frigyes Karinthy, XX sec. (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Spesso c'è più orgoglio che bontà nel compiangere le disgrazie dei nostri nemici; se dimostriamo loro della compassione, è solo per far pesare che siamo superiori.
François de La Rochefoucauld, Massime, 1678

Non starò ad ascoltare quelli che piangono e si compiangono, poiché la loro è una malattia contagiosa.
Og Mandino (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Al mio Pianto ei compianse.
Alessandro Manzoni, In morte di Carlo Imbonati, 1806

Chi si fa compiangere senza ragione è uomo da non esser compianto quando ce ne sarà motivo.
Michel de Montaigne, Saggi, 1580/88

Andate in rovina? I vostri stessi amici si occupano, più che di compiangervi, di accusare la vostra inavvedutezza e imprevidenza, e l’ignoranza o noncuranza nei compiti della vostra professione.
Michel de Montaigne, Saggi, 1580/88

Non sarà mai compianto chi piange sempre, facendo così spesso il compassionevole da non esser compatito da nessuno.
Michel de Montaigne, Saggi, 1580/88

Il compianto e la commiserazione sono misti a una qualche stima della cosa che si compiange; le cose di cui ci si burla, le si considerano senza pregio.
Michel de Montaigne, Saggi, 1580/88

Essere, insieme, felici e compianti è una rara fortuna, perché 'la felicità sfugge così al pericolo dell'invidia.
Ugo Ojetti, Sessanta, 1937

Compiangere gli infelici non è contrario alla concupiscenza. Anzi, si è ben contenti di rendere questa testimonianza d’amicizia e, senza dar nulla, di guadagnarsi la reputazione di tenerezza.
Blaise Pascal, Pensieri, 1670 (postumo)

Nessuno è così detestabile da non meritare compianto per il suo ruolo forzato nell'esistenza
Jean Rostand, Pensieri di un biologo, 1954

Aver più coraggio è, spesso, non aver più nemmeno la forza di compiangersi.
Jean Rostand, Pensieri di un biologo, 1954

Qualunque sia il rimprovero che in me l'uomo fa all'uomo, non è possibile che la bestia non compianga la bestia.
Jean Rostand, Pensieri di un biologo, 1954

Non si compiangono negli altri se non i mali di cui non ci crediamo esenti noi stessi.
Jean-Jacques Rousseau, Emilio o Dell'educazione, 1762

Per compiangere il male altrui, bisogna senza dubbio conoscerlo; ma non bisogna sentirlo. Quando si è sofferto o si teme di soffrire, si compiangono quelli che soffrono; ma mentre si soffre, non si compiange che sé stessi.
Jean-Jacques Rousseau, Emilio o Dell'educazione, 1762

Non si compiange un infelice se non in quanto si pensa ch'egli si senta degno d'esser compianto.
Jean-Jacques Rousseau, Emilio o Dell'educazione, 1762

Nessuno è gran che da invidiare, innumerevoli sono da compiangere molto.
Arthur Schopenhauer, Parerga e paralipomena, 1851

Perché non fai tesoro della breve vita e non la rendi serena a te e agli altri? Perché non ti mostri a tutti amabile finché vivi, e degno di compianto dopo la morte?
Lucio Anneo Seneca, L'ira, I sec.

Quando mi si annuncia con entusiasmo la nascita di un bambino, non so se compiangere di più il neonato o i suoi genitori.
Giovanni Soriano, Finché c'è vita non c'è speranza, 2010

Le azioni umane non vanno derise, compiante o detestate: vanno comprese.
Baruch Spinoza, Trattato politico, 1675/76 (incompiuto)

Solo il dolore fa crescere, ma il dolore va preso di petto, chi svicola o si compiange, è destinato a perdere.
Susanna Tamaro, Va' dove ti porta il cuore, 1994

Rimproveriamo gli sventurati per dispensarci dal compiangerli.
Luc de Clapiers de Vauvenargues, Riflessioni e massime, 1746

Nessuno vuol essere compianto per i suoi errori.
Luc de Clapiers de Vauvenargues, ibidem

Noi biasimiamo molto i disgraziati per le loro minime colpe, e li compiangiamo poco per le loro maggiori disgrazie.
Luc de Clapiers de Vauvenargues, Riflessioni e massime, 1746

Noi non sappiamo riconoscere il fascino delle violente agitazioni. Quelli stessi che noi compiangiamo per i loro guai, disprezzano viceversa la nostra quiete.
Luc de Clapiers de Vauvenargues, Riflessioni e massime, 1746

Chiunque soffre cerca di comunicare la sua sofferenza – sia maltrattando, sia provocando la pietà – per diminuirla; e, così facendo, la diminuisce veramente. Colui che è più in basso d'ogni altro, che nessuno compiange, che non ha la possibilità di maltrattare nessuno (se non ha figli, se non ha nessuno che l'ami), la sofferenza gli rimane dentro e lo avvelena.
Simone Weil, L'ombra e la grazia, 1940/42 (postumo, 1948)

Chi non ama le donne, il vino e il canto, pazzo è davvero e degno di compianto.
Proverbio

Compiangendo gli altri, consoliamo noi stessi.
Proverbio

Note
Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Compatire e Commiserare - CompassionePietà 

Nessun commento: