Ingiuria - Frasi e proverbi sull'Ingiuriare

Raccolta di aforismi, frasi e citazioni sull'ingiuria, con riferimento sia all'ingiuriare gli altri, sia al ricevere ingiurie. Il termine "ingiuria" deriva dal latino iniuria, da iniurius "ingiusto", e indica l'offesa al nome o all'onore altrui, con parole o atti oltraggiosi. in ambito giuridico, l'ingiuria è definita come un'offesa recata mediante parole, atti, ecc. all'onore o al decoro di una persona. L'ingiuria è perseguibile penalmente su querela dell’offeso. [cfr. Vocabolario Treccani].
Su Aforismario trovi altre raccolte di citazioni correlate a questa sulle offese, gli insulti e la maldicenza.
Ingiuriare i mascalzoni è cosa nobile:
a ben vedere, significa onorare gli onesti. (Aristofane)
Ingiuria
© Aforismario

Il perdono delle ingiurie è raro, ma ancor più raro è quello dei benefici. Sotto il nome di fierezza, l'ingratitudine si vendica con ancor maggiore premura dell'onore offeso.
Henri-Frédéric Amiel, Diario intimo, 1839/81 (postumo, 1976/94)

Di fronte a un’ingiuria il debole ondeggia fra la resa incondizionata e una reazione eccessiva. Solo il forte trova subito il tono giusto.
Amedeo Ansaldi, Manuale di scetticismo, 2014

Ingiuriare i mascalzoni è cosa nobile: a ben vedere, significa onorare gli onesti.
Aristofane, I cavalieri, 424 a.e.c.

Il miglior modo di vendicarsi d'una ingiuria è il non rassomigliare a chi l'ha fatta.
Marco Aurelio, Pensieri, 166/79

Appena ci si accorge che per credere nel Vangelo come si deve è necessario mortificarsi, sopportare con gioia il disprezzo e l'ingiuria, amare i propri nemici, andare, in una parola, contro le proprie inclinazioni naturali, allora ragione e natura, concordi, si rivoltano e non si vuol sentire parlare di religione cristiana.
Pierre Bayle, Pensieri sulla cometa, 1682

Bisogna sempre lasciar trascorrere la notte sulle ingiurie del giorno innanzi.
Napoleone Bonaparte, Aforismi e pensieri politici, morali e filosofici, XIX sec.

Chi non cura una ingiuria può farlo perché disprezza se stesso o perché disprezza l'offensore; nel primo caso egli è un cappone; nel secondo un filosofo.
Anselmo Bucci, Il pittore volante, 1930

Le ingiurie sono sempre grandi ragioni per coloro che non ne hanno.
Miguel de Cervantes (attribuzione incerta - fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Vi sono due cose a cui si deve fare l'abitudine, se non si vuole trovare insopportabile l'esistenza: mi riferisco alle ingiurie del tempo e alle ingiurie degli uomini.
Nicolas de Chamfort, Massime e pensieri, 1795 (postumo)

Le ingiurie sono spesso perdonate, ma non il disprezzo.
[Wrongs are often forgiven, but contempt never is].
Philip Dormer Stanhope Chesterfield, Lettere al figlio, 1737/68 (postumo 1774-1890)

Il temere le ingiurie è viltà; il non curarle sciocchezza; il dissimularle prudenza; il vendicarle debolezza; il perdonarle generosità; l'obliarle altezza d'animo.
Michele Colombo, Trattatelli, 1820/24

Per chiunque pensa e agisce è un brutto segno se non è vilipeso, ingiuriato, minacciato.
Anatole France, La vita in fiore, 1922

Guardatevi da fare quelli piaceri agli uomini che non si possono fare senza fare eguale dispiacere a altri; perché chi è ingiuriato non dimentica, anzi reputa la ingiuria maggiore; chi è beneficato non se ne ricorda, o gli pare essere beneficato manco che non è; però presupposte le altre cose pari, se ne disavanza più di gran lunga che non si avanza.
Francesco Guicciardini, Ricordi, 1512/30

Più tengono a memoria gli uomini le ingiurie che e' benefici; anzi quando pure si ricordano del beneficio, lo reputano minore che in fatto non fu, persuadendosi meritare più che non meritano; il contrario si fa dell'ingiuria.
Francesco Guicciardini, Ricordi, 1512/30

Quando pure o la necessità o lo sdegno vi induce a dire ingiuria a altri, advertite almanco a dire cose che non offendono se non lui; verbigrazia, se volete ingiuriare una persona propria, non dite male della patria, della famiglia o parentado suo; perché è pazzia grande volendo offendere uno uomo solo, ingiuriarne molti.
Francesco Guicciardini, Ricordi, 1512/30

La tolleranza dell'ingiuria nasce dal disprezzo del mondo.
Isacco di Ninive, Discorsi ascetici, I sec.

Le ingiurie sono molto umilianti per chi le dice, quando non riescono a umiliare chi le riceve.
Alphonse Karr (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Uno spirito magnanimo è al disopra dell’ingiuria, dell’ingiustizia, del dolore, dello scherno; e sarebbe invulnerabile, se non soffrisse per compassione.
Jean de La Bruyère, I caratteri, 1688

La vendetta procede sempre dalla debolezza dell'animo, che non è capace di sopportare le ingiurie.
François de La Rochefoucauld, Massime, 1678

Non solo gli uomini sono inclini a smarrire il ricordo dei benefici e delle ingiurie, ma addirittura odiano chi li ha favoriti, e cessano di odiare chi li ha oltraggiati. Applicarsi a ricompensare il bene e a vendicarsi del male appare loro una schiavitù cui faticano a sottomettersi.
François de La Rochefoucauld, Massime, 1678

Non ingiuriare qualcuno in una lingua che non conosce. È sadismo.
Stanisław Jerzy Lec, Pensieri spettinati, 1957

Il sentimento della vendetta è così grato, che spesso si desidera d'essere ingiuriato per potersi vendicare, e non dico già solamente da un nemico abituale, ma da un indifferente, o anche, massime in certi momenti d'umor nero, da un amico.
Giacomo Leopardi, Zibaldone, 1817/32 (postumo 1898/1900)

La ingiuria eccita in tutti gli animi il desiderio di vederla punita, ma negli alti il desiderio di punirla.
Giacomo Leopardi, ibidem

Gli uomini si vergognano, non delle ingiurie che fanno, ma di quelle che ricevono. Però ad ottenere che gl'ingiuriatori si vergognino, non v'è altra via, che di rendere loro il cambio.
Giacomo Leopardi, Pensieri, 1845 (postumo)

Si adirano facilmente gli animi deboli e meschini. Prenditela poco per le ingiurie che non possono toccarti, e ancor meno danneggiarti.
Giulio Mazzarino, Breviario dei politici, XVII sec.

Le ingiurie fan come le processioni, che sempre ritornano donde sono partite.
Vincenzo Monti, Dialoghi, 1827

Alla lode con cui mi si attribuisce una virtù che vorrei avere e che non ho, preferisco l'ingiuria con cui mi si dà un difetto che non ho mai avuto.
Ugo Ojetti, Sessanta, 1937

Se vuoi ingiuriare qualcuno, ingiurialo con amabilità.
Ugo Ojetti, Sessanta, 1937

Dei tanti articoli, articoletti, trafiletti che si stampano contro me, i più sono scritti in un italiano tanto sgrammaticato e melenso che mi viene voglia d'avvertire gli autori: - Se doveste ricominciare, avvertirerni, e io riscriverò in buona lingua quelle ingiurie, e occorrendo, per amore di stile, le farò più diritte e pungenti.
Ugo Ojetti, Sessanta, 1937

Quando leggo diretta a me taluna delle tante ingiurie che oggi sono di moda, la prima impressione è comica perché mi vedo davanti in atteggiamento di mentore quel tale ritto sulla punta dei piedi, il collo turgido per l'ira simulata, la vocina che vuole imitare il tuono. La seconda impressione è di riconoscenza. Che sarà di me quando nessuno penserà più ad ingiuriarmi? Sempre la sincerità d'una lode appare più dubbia della sincerità di un insulto. Ma v'è per fortuna dopo l'ingiuria un terzo tempo, quando mi chiedo: - E se costui avesse ragione?
Ugo Ojetti, Sessanta, 1937

Il disprezzo è la migliore risposta all'ingiuria.
Axel Oxenstierna, Riflessioni e massime, 1645

Se ingiuriate il vostro vicino, non fatelo per metà.
George Bernard Shaw, Uomo e superuomo, 1903

Absentem laedit, cum ebrio qui litigat.
[Ingiuria un assente chi litiga con un ubriaco].
Publilio Siro, Sentenze, I sec. a.e.c.

Iniuriam ipse facias, ubi non vindices.
[Non vendicare un'ingiuria equivale a commetterla].
Publilio Siro, Sentenze, I sec. a.e.c.

Iniuriarum remedium est oblivio.
[Unico rimedio alle ingiurie è dimenticarle].
Publilio Siro, Sentenze, I sec. a.e.c.

Le anime generose ricevono più offesa dall'essere adulate, che dall'essere ingiuriate.
Niccolò Tommaseo, Pensieri morali, 1845

Non c'è ingiuria che non perdoniamo, quando ce ne siamo vendicati.
Luc de Clapiers de Vauvenargues, Riflessioni e massime, 1746

Vi sono ingiurie che è bene dissimulare, per non compromettere il proprio onore.
Luc de Clapiers de Vauvenargues, Riflessioni e massime, 1746

L'ingiuria offende chi la fa, non chi la riceve.
Amadeus Voldben (Amedeo Rotondi), Pensieri per una vita serena, 2008 (postumo)

Una ferita si può fasciarla e un'ingiuria si può riparare, ma chi ha svelato segreti non ha più speranza.
Siracide, Antico Testamento, II sec. a.e.c.

Non colui che denigra sé stesso è umile, ma colui che riceve con gioia le ingiurie, gli affronti e le critiche del prossimo.
Detti dei Padri del deserto

Se puoi essere ingiuriato e sopportarlo, è una gran cosa, che supera tutte le virtù.
Detti dei Padri del deserto

Proverbi sull'Ingiuria
  • Col perdonar troppo a chi falla, si fa ingiuria a chi non falla.
  • Di ragioni dimostra aver penuria, chi l'avversario con parole ingiuria.
  • Dimenticare un'ingiuria è la miglior vendetta.
  • Il savio dimentica le ingiurie come l'ingrato i benefici.
  • L’ingiuria non è di chi la riceve, ma di chi la fa.
  • La dimenticanza è il rimedio dell'ingiuria.
  • Le ingiurie sono le ragioni di chi è dalla parte del torto.
Volenti non fit iniuria.
[A chi acconsente, non si fa ingiuria].
Detto latino

Note
Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Offesa - Insulto - Parolacce - Insulti celebri di personaggi famosi

Nessun commento: