Sublime - Aforismi, frasi e citazioni

Raccolta dei migliori aforismi e delle frasi più significative sul sublime (dal latino sublimis, composto di sub "sotto" e limen "soglia, col significato di ciò "che giunge fin sotto la soglia più alta". In senso generico, per sublime s'intende ciò che vi è di più elevato; ciò che in senso spirituale, intellettuale o estetico si percepisce come eccelso. Il sublime, sia nell'arte sia in natura, è la manifestazione del bello nel suo grado più elevato.
Secondo la definizione dell'anonimo autore del Trattato del Sublime, risalente al I secolo, "Il sublime è la risonanza di un animo grande".
Come scrive Immanuel Kant nella Critica del giudizio (1790): "Il piacere del sublime è diverso da quello del bello; questo infatti produce direttamente un sentimento di esaltazione della vita; quello invece è un piacere che ha solo un'origine indiretta, giacché esso sorge dal sentimento di un momentaneo arresto delle energie vitali, seguito da una più intensa loro esaltazione. Possiamo aggiungere alle formule precedenti della definizione del sublime anche questa: Sublime è ciò di cui la sola possibilità di esser pensato dimostra la presenza di una facoltà dell'animo nostro che trascende ogni misura sensibile. Il sentimento del sublime nella Natura è dunque rispetto per la nostra propria destinazione, che ci rende per così dire intuibile la superiorità della determinazione razionale delle nostre facoltà conoscitive anche sul massimo potere della sensibilità. La sublimità dunque non sta in nessuna cosa della Natura, ma solo nell'animo nostro, in quanto noi possiamo riconoscerci superiori alla Natura".
Su Aforismario trovi altre raccolte di citazioni correlate a questa sull'estetica, il bello artistico e il bello naturale..
Tutto ciò che ci trasporta fuori di noi ha qualcosa di sublime.
E il sublime consola delle brutture della vita volgare
al disopra della quale ci libra. (Henri-Frédéric Amiel)
Sublime
© Aforismario

Basso affetto non cape in cor sublime.
Vittorio Alfieri, Agamennone, 1783/88

Tutto ciò che ci trasporta fuori di noi ha qualcosa di sublime. E il sublime consola delle brutture della vita volgare al disopra della quale ci libra.
Henri-Frédéric Amiel, Diario intimo, 1839/81 (postumo, 1976/94)

Tre diversi stadi del sublime. L’arte di non farsi notare: il gentiluomo. Il dono di non fare nulla: l’artista. L’accortezza di non esistere: il santo.
Amedeo Ansaldi, Manuale di scetticismo, 2014

Il dandy deve aspirare a essere sublime, senza interruzione. Deve vivere e dormire davanti a uno specchio.
Charles Baudelaire, Il mio cuore messo a nudo, 1859-66 (postumo, 1887-1908)

Tutto ciò che può destare idee di dolore e di pericolo, ossia tutto ciò che è in certo senso terribile, o che riguarda oggetti terribili, o che agisce in modo analogo al terrore, è una fonte di Sublime, ossia è ciò che produce la più forte emozione che l'animo sia capace di sentire.
Edmund Burke, Indagine filosofica sull'origine delle nostre idee del Sublime e del Bello, 1756/59

Musica e poesia, due aberrazioni sublimi.
Emil Cioran, Un apolide metafisico, 1995

Il sublime nasce ogniqualvolta il comico e il tragico coincidono. Non appena, cioè, l'apollineo e il dionisiaco si mettono a letto per fare l'amore.
Luciano De Crescenzo, I pensieri di Bellavista, 2005

Non vi sono che le passioni e le grandi passioni ad avere il potere d'elevare l'animo a grandi cose. Senza di esse, niente di sublime sia nei costumi, sia nelle opere; le arti belle ritornano al loro stadio infantile e la virtù diventa minuzia.
Denis Diderot, Pensieri filosofici, 1746

La natura nasconde i propri segreti perché è sublime, non perché imbroglia.
[Die Natur verbirgt ihr Geheimnis durch die Erhabenheit ihres Wesens, aber nicht durch List].
Albert Einstein, in Archivio Einstein, XX sec.

Se c'è sulla terra e fra tutti i nulla qualcosa da adorare, se esiste qualcosa di santo, di puro, di sublime, qualcosa che assecondi questo smisurato desiderio dell'infinito e del vago che chiamano anima, questa è l'arte. 
Gustave Flaubert, Memorie di un pazzo, 1838

Parafrasando Goethe. - Non c'è niente di così sublime che, espresso in un certo modo, non diventi ridicolo.
Joan Fuster, Giudizi finali, 1960/68

Destino: ineluttabile naufragio o sublime navigazione?
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

Ciò che in un paesaggio vien detto romantico è un tranquillo senso del sublime sotto forma di passato o, il che è lo stesso, di solitudine, assenza, distacco.
Johann Wolfgang Goethe, Massime e riflessioni, 1833 (postumo)

Il ritmo ha qualcosa di magico; ci fa perfino credere che il sublime ci appartenga.
Johann Wolfgang Goethe, Massime e riflessioni, 1833 (postumo)

Il sublime, sempre più sbriciolato dalla conoscenza, non si ricompone facilmente in unità davanti alla nostra mente, e così gradualmente siamo privati della cosa più alta che ci era stata concessa, dell'unità che ci innalza al pieno sentimento dell'infinito. Per contro, quanto più cresce la conoscenza, tanto più diventiamo piccoli. Mentre prima stavamo di fronte al tutto come giganti, poi ci sentiamo nani di fronte alle parti.
Johann Wolfgang Goethe, Massime e riflessioni, 1833 (postumo)

La manifestazione dell'idea del bello è altrettanto fuggevole della manifestazione del sublime, dello spirito, dell'allegria e del ridicolo. È questa la causa per la quale è così difficile parlarne.
Johann Wolfgang Goethe, Massime e riflessioni, 1833 (postumo)

Il bello si accorda col sublime in questo, che entrambi piacciono per sé stessi. Inoltre, entrambi non presuppongono un giudizio dei sensi né un giudizio determinante dell'intelletto ma un giudizio di riflessione.
Immanuel Kant, Critica del giudizio, 1790

Ciò che noi, preparati dalla cultura, chiamiamo sublime, senza lo sviluppo delle idee morali è per l'uomo rozzo semplicemente terribile. 
Immanuel Kant, Critica del giudizio, 1790

Sublime è il senso di sgomento che l'uomo prova di fronte alla grandezza della natura sia nell'aspetto pacifico, sia ancor più, nel momento della sua terribile rappresentazione, quando ognuno di noi sente la sua piccolezza, la sua estrema fragilità, la sua finitezza, ma, al tempo stesso, proprio perché cosciente di questo, intuisce l'infinito e si rende conto che l'anima possiede una facoltà superiore alla misura dei sensi.
Immanuel Kant (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Quanto al sublime, perfino tra i grandi geni, solamente i più elevati ne sono capaci.
Jean de La Bruyère, I caratteri, 1688

Il sublime affatica, il bello inganna, soltanto il patetico è infallibile nell'arte.
Alphonse de Lamartine, Graziella, 1852

La più sublime, la più nobile tra le Fisiche scienze ella è senza dubbio l'Astronomia. L'uomo s'innalza per mezzo di essa come al di sopra di sé medesimo, e giunge a capire la causa dei fenomeni più straordinari.
Giacomo Leopardi, Storia dell'astronomia, 1813

Nel sublime è sempre drammaticamente presente, anche se sottintesa, l'alternativa del brutto o dell'oscuro.
Fausto Melotti, Linee, 1975/78

Tutti gli uomini sono mentitori, incostanti, falsi, ciarlieri, ipocriti, orgogliosi o vili, spregevoli e sensuali; tutte le donne sono perfide, artificiose, vanitose, curiose e depravate; il mondo è una cloaca senza fondo in cui le foche più informi strisciano e si torcono su montagne di fango; ma c'è al mondo una cosa sublime, ed è l'unione di queste due creature così imperfette e così orribili.
Alfred de Musset, Con l'amore non si scherza, 1834

Il sublime agisce come gli stimolanti e il pepe su persone infiacchite, il bello placa l'eccitazione - questa è una differenza fondamentale. La persona eccitata rifugge dal sublime, quella stanca si annoia col bello.
Friedrich Nietzsche, Frammenti postumi, 1869/89

Il sublime e il ridicolo sono spesso così stretti insieme che è difficile classificarli separatamente. Un passo più in su del sublime forma il ridicolo, e un passo sotto il ridicolo forma di nuovo il sublime.
[The sublime and the ridiculous are often so nearly related, that it is difficult to class them separately. One step above the sublime makes the ridiculous, and one step above the ridiculous makes the sublime again].
Thomas Paine, L'Età della Ragione, 1794/1807

Il sublime e il kitsch non sono lontani tra loro: quando lo splendore di un paesaggio diventa quasi insostenibile, a che cosa mai si può pensare se non a una cartolina?
Mario Andrea Rigoni, Variazioni sull'impossibile, 1993

Sconcertante potere del numero! Non è, alla fine, per il valore, ma per la singolarità, che le cose, come le persone, hanno importanza e interesse: moltiplicato, perfino il sublime diventa noioso, perfino il terribile diventa banale.
Mario Andrea Rigoni, Variazioni sull'impossibile, 1993

È bello ciò che è insieme eccitante e sublime. 
Friedrich Schlegel, Frammenti, 1797/98

L'umanità ha bisogno del sublime. Il sublime del sublime è l'arte. Il sublime dell'arte è l'avanguardia. 
Roland Topor, Mémoires d'un vieux con, 1975

L’arte più sublime rifiuta il fardello di ciò che è umano e trae giovamento da strumenti nuovi, o da elementi originali, ben più che da un’esaltazione artistica, o da una nobile passione, o da un grande risveglio della consapevolezza umana. Si svolge secondo le sue proprie linee soltanto. Non simboleggia alcuna epoca. Sono le epoche a essere i suoi simboli.
Oscar Wilde, La decadenza della menzogna, 1889

Dal sublime al ridicolo vi è appena un passo.
[Du sublime au ridicule il n'y a qu'un pas].
Anonimo (attribuito a Bernard le Bovier de Fontenelle e a Napoleone Bonaparte)

Il sublime è l'eco di un alto sentire.
Anonimo (Pseudo-Longino), Trattato del Sublime, I sec.

Note
Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Bello artistico e Bello naturale

Nessun commento: