'Ndrangheta - Frasi e citazioni sugli 'Ndranghetisti

Raccolta di aforismi, frasi e citazioni sulla 'ndrangheta calabrese e sugli 'ndranghetisti. La 'ndrangheta (nota anche con i nomi di la Santa e di Picciotteria) è un'organizzazione criminale di connotazione mafiosa originaria della Calabria, con numerose ramificazioni nel Nord Italia e all'estero (Canada, Australia e vari paesi europei meta dell'emigrazione calabrese). L'etimologia del termine "'ndrangheta" è abbastanza incerto; secondo quanto riportato sul Vocabolario Treccani deriverebbe da ’ndrànghitu, cioè "uomo valente", dal greco ἀνδραγαϑία "valore individuale, capacità personale".
Su Aforismario trovi altre raccolte di citazioni correlate a questa sulla mafia, la camorra, la criminalità e la delinquenza.
La 'ndrangheta, come le altre mafie, si combatte
con il carcere duro e la confisca dei beni. (Nicola Gratteri)
'Ndrangheta
© Aforismario

La 'ndrangheta è l'unica organizzazione mafiosa ad avere due sedi; quella principale in Calabria, l'altra nei comuni del centro-nord Italia oppure nei principali paesi stranieri che sono cruciali per i traffici internazionali di stupefacenti. Un'organizzazione mafiosa che trova il modo di affrontare le sfide e i cambiamenti imposti dalla modernità globale, nel modo più sorprendente e inatteso: rimanere uguale a se stessa. In Calabria come nel resto del mondo.
Francesco Forgione, Relazione sulla 'ndrangheta alla commissione parlamentare antimafia, 2008

[La 'ndrangheta cresce e si espande] alla maniera di al Qaida, con un'analoga struttura tentacolare priva di una direzione strategica ma caratterizzata da una sorta di intelligenza organica, di una vitalità che è quella delle neoplasie, e munita di una ragione sociale di enorme, temibile affidabilità.
Francesco Forgione, ibidem

[La 'ndrangheta è] una mafia liquida che si infila dappertutto, riproducendo, in luoghi lontanissimi da quelli in cui è nata, il medesimo antico, elementare ed efficace modello organizzativo. Alla maniera delle grandi catene di fast-food, offre in tutto il mondo, l'identico, riconoscibile, affidabile marchio e lo stesso prodotto criminale.
Francesco Forgione, Relazione sulla 'ndrangheta alla commissione parlamentare antimafia, 2008

Cresciuta nel silenzio, oggi la 'ndrangheta è l'organizzazione che fa più paura, quella più potente, più pervasiva.
Nicola Gratteri e Antonio Nicaso, Fratelli di sangue, 2007 (introduzione) [1]

La 'ndrangheta è l'"azienda" più ricca, più aggressiva, più invasiva, quella che meglio è riuscita a infiltrarsi nell'economia e nelle istituzioni, ma anche l'unica veramente globalizzata, con filiali in quasi tutte le regioni d'Italia e ramificazioni in Europa, Africa, Asia, America e Oceania.
Nicola Gratteri e Antonio Nicaso, ibidem 

La 'ndrangheta, per meglio tutelare i propri interessi, ha dato vita alla Santa, una zona grigia di commistione fra la politica, le istituzioni e la massoneria deviata. Gli unici a non accorgersi di questi preoccupanti intrecci di potere sono stati i politici, che ai velenosi miasmi con cui la 'ndrangheta ammorba e intossica il mondo finora hanno prestato scarsa attenzione.
Nicola Gratteri e Antonio Nicaso, ibidem

La forza della 'ndrangheta sta nella sua natura, nella impenetrabilità della propria struttura e nella forza dei legami primari. Pentirsi significa tradire i propri congiunti e questo comporta problemi di ordine morale e psicologico assai più pesanti della paura di vendette e ritorsioni.
Nicola Gratteri e Antonio Nicaso, Fratelli di sangue, 2007

Oggi, grazie soprattutto al traffico di droga, il fatturato della 'ndrangheta si attesterebbe attorno al 2,9 per cento del PIL nazionale, più della ricchezza prodotta da un paese produttore di petrolio come il Qatar.
Nicola Gratteri e Antonio Nicaso, ibidem

È cresciuto anche il rapporto con la politica. La 'ndrangheta non delega più come un tempo, ma partecipa, corrompe, si infiltra e decide. Non ha preferenze, è bipartisan, ma non sta mai all'opposizione. Gli affari vengono prima di ogni connotazione politica.
Nicola Gratteri e Antonio Nicaso, Fratelli di sangue, 2007

La 'ndrangheta gode nei centri in cui opera di uno strisciante consenso diffuso che la rende ancora più forte. Il mafioso persegue il potere, ma gran parte del suo potere glielo danno gli altri.
Nicola Gratteri, ibidem

Sovrana sulle province che scendono verso la Sicilia, la mafia delle 'ndrine ha ormai soppiantato Cosa Nostra, rafforzandosi nel silenzio, insinuandosi nelle logge massoniche deviate, nel sistema economico e corrompendo la politica come neanche la mafia siciliana era riuscita a fare.
Nicola Gratteri, Fratelli di sangue, 2007 [1]

Da organizzazione criminale globalizzata, la 'ndrangheta è divenuta un «brand», un marchio, che vede nell'adattabilità e nell'affidabilità i motivi principali del suo successo. Una holding del crimine che vive protetta, quasi rinserrata nei legami di sangue, ma che è riuscita anche a cogliere in anticipo su governi e grandi corporation multinazionali il trend della globalizzazione. High tech e lupara.
Nicola Gratteri (con Antonio Nicaso), La Malapianta, 2010 [2]

La mafia più ricca del mondo domina la regione più povera d'Europa.
Nicola Gratteri, ibidem

La 'ndrangheta, come le altre mafie, si combatte con il carcere duro e la confisca dei beni. Inutile prenderci in giro, con le storie sulla rieducazione del detenuto.
Nicola Gratteri, ibidem

Lo scrittore Corrado Alvaro, parlando della Calabria, dice: «La famiglia è la sua colonna vertebrale, l'alveo del suo genio, il suo dramma e la sua poesia». È lo stesso per la 'ndrangheta, ma con un po' di poesia in meno.
Nicola Gratteri (con Antonio Nicaso), La Malapianta, 2010

Nella 'ndrangheta, come in Cosa Nostra, si entra e si esce col sangue. Non ci sono altre vie d'uscita.
Nicola Gratteri (con Antonio Nicaso), La Malapianta, 2010

Le donne nella 'ndrangheta hanno un ruolo importante. Sono vestali della cultura e della mentalità delle 'ndrine. Significa essere l'elemento che consente la prosecuzione del governo mafioso perché genera i figli maschi, perché insegna loro l'odio e come e perché va compiuta la vendetta quando si subisce un torto.
Nicola Gratteri (con Antonio Nicaso), La Malapianta, 2010

La visione romantica della vecchia 'ndrangheta parsimoniosa nell'uso della violenza non ha alcun fondamento storico. L'elenco delle donne e dei bambini uccisi dalla 'ndrangheta è lunghissimo, a conferma che gli 'ndranghetisti non hanno valori positivi.
Nicola Gratteri, ibidem

La forza della 'ndrangheta sta nella capacità di coniugare vecchio e nuovo. Essa è fortemente tradizionale e, allo stesso tempo, estremamente innovativa. 
Nicola Gratteri (con Antonio Nicaso), La Malapianta, 2010 [2]

Per gli 'ndranghetisti il peccato più grande non è l'omicidio, ma la delazione
Nicola Gratteri e Antonio Nicaso, Acqua santissima, 2013 [3]

«Aundi tagghi, tagghi, scula 'ndrangheta», ovunque tagli, tagli, gocciola 'ndrangheta, recita un vecchio adagio. È una pervasività che, in alcune zone, toglie, addirittura, il respiro.
Nicola Gratteri, ibidem

[La ’ndrangheta] è invisibile, come l'altra faccia della luna.
Julie Tingwall, cit. in Pantaleone Sergi, La "Santa" violenta, 1991

[La ’ndrangheta] è una setta che nulla teme.
Anonimo (citato in Pantaleone Sergi, La "Santa" violenta, Storie di 'ndrangheta e di ferocia, di faide, di sequestri, di vittime innocenti, 1991).

Davanti alla gran curti non si parra, pochi paroli e cull'occhiuzzi 'nterra, l'omu chi parra assai sempre la sgarra! Culla sua stessa lingua s'assutterra.
[Dinanzi alla gran corte non si parla, poche parole e con gli occhi in basso, l'uomo che parla tanto sbaglia sempre! Con la sua stessa lingua si sotterra.]
Detto 'ndranghetista

Note
  1. Nicola Gratteri e Antonio Nicaso, Fratelli di sangue. Storie, boss e affari della 'ndrangheta, la mafia più potente del mondo © Mondadori, 2009
  2. Nicola Gratteri (Con Antonio Nicaso), La Malapianta. La mia lotta contro la 'ndrangheta, © Arnoldo Mondadori Editore, 2010
  3. Nicola Gratteri e Antonio Nicaso, Acqua santissima © Arnoldo Mondadori Editore, 2013
  4. Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Mafia - CamorraCriminalità e Delinquenza

Nessun commento: