Vittimismo - Aforismi, frasi e citazioni

Raccolta di aforismi, frasi e citazioni sul vittimismo, i vittimisti e sul fare la vittima, cioè tendere a considerarsi perseguitato, osteggiato o danneggiato dagli altri o dalle circostanze, e a lamentarsene, ma a volte anche a compiacersene. [cfr. Vocabolario Treccani].
Come afferma lo psicologo Umberto Galimberti: "La condizione di vittima può essere anche un vissuto ingiustificato sul piano di realtà, ο una forma di simulazione per ottenere affetto ο vantaggi di qualche genere. In questi casi si parla di condotte vittimistiche". [Dizionario di psicologia, UTET, 1992].
L'inclinazione abituale e non giustificata al vittimismo è chiamata "Sindrome di Calimero", dal nome del pulcino nero, personaggio dell'animazione pubblicitaria italiana, cui capitavano sempre delle disavventure, che lo portavano spesso ad esclamare "È un'ingiustizia però!".
Su Aforismario trovi altre raccolte di citazioni correlate a questa sulle vittime, il lamentarsi e il capro espiatorio.
Il trip del vittimista è terribile. Tutti ne siamo parzialmente succubi,
perché abituati a osservare la vita da un unico punto di vista:il nostro.
(Massimo Gramellini)
Vittimismo
© Aforismario

Questo soprattutto: rifiutare di essere una vittima. Se non riesco a farlo, non riuscirò a fare nulla.
Margaret Atwood, Tornare a galla, 1972

Diciamocelo chiaro: chi incolpa di tutto la società e alimenta il vittimismo, spesso vuole soltanto usare le vittime per aggiungere altra colpa sul conto dei suoi nemici ideologici.
Franco Bolelli, Più mondi, 2002

[Noi italiani] siamo maestri nell'arte del «chiagni e fotti», e cioè del lamentarsi perché tutto va male, fino a che non si può trarre dal marcio quel che serve a ciascuno; del piangere miseria collettiva, mentre si persegue l'interesse individuale.
Antonello Caporale, Peccatori. Gli italiani nei dieci comandamenti, 2011

Il silenzio è una delle armi più feroci che si possa utilizzare contro l'altro; espressione di un falso vittimismo, il silenzio ostinato offre in realtà un potere straordinario perché confina il suo destinatario in uno stato di costante incertezza emotiva.
Aldo Carotenuto, Amare tradire, 1991

Una dose di vittimismo è indispensabile per non galvanizzare gli avversari.
Umberto Eco, su l'Espresso, 2013

È facile sentirsi vittima della propria vita, puntare il dito verso qualcuno o qualcosa che ci offende, scredita, limita. Ma a trattarci male molte volte siamo noi stesse.
Brunella Gasperini, su D la Repubblica, 2016

Il vittimismo è un modo di sbarcar il lunario col piagnisteo.
Roberto Gervaso, Il grillo parlante, 1983

Più che dalla coscienza di bisogni insoddisfatti, il nostro vittimismo nasce dal timore di dovervi personalmente far fronte.
Roberto Gervaso, Il grillo parlante, 1983

Nel martire c'è quasi sempre più vittimismo che eroismo.
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

Darsi una disciplina esistenziale, fissare dei traguardi e poi mettersi in marcia senza vittimismi, perché i "se" sono la patente dei falliti, mentre nella vita si diventa grandi "nonostante".
Massimo Gramellini, su La Stampa, 2000

Il trip del vittimista è terribile. Tutti ne siamo parzialmente succubi, perché abituati a osservare la vita da un unico punto di vista:il nostro.
Massimo Gramellini, Cuori allo specchio, 2008

La sindrome di Calimero è sinonimo di vittimismo, cioè quell'atteggiamento psichico per il quale la persona si sente vittima delle trame avverse degli altri e del destino. “Tutte a me capitano; sempre io ci vado di mezzo; lo sapevo che alla fine era colpa mia; pago sempre io per tutti”: ecco le sue frasi tipiche.
Raffaele Morelli, su Riza, 2013

Diffuso ben più di quanto pensiamo, il vittimismo esprime un modo immaturo, per lo più inconscio, di vivere le relazioni e di affrontare la realtà. Esso si innesca quando la persona sente di non poter sostenere il confronto in modo paritario.
Raffaele Morelli, su Riza, 2013

Il vittimismo non paga e va superato: non si può stare nella vita adulta con i meccanismi tipici della prima infanzia.      
Raffaele Morelli, su Riza, 2013

Affronta l’insicurezza. Non permettere che la tua storia ti beffi due volte. Osservati: comprendi che il personaggio della vittima a tutt'oggi non ti ha mai reso felice e che non potrà farti superare il vecchio (eventuale) trauma.
Raffaele Morelli, su Riza, 2013

Il vittimismo altrui può agire su di te solo perché ti senti subito in colpa o ti immedesimi troppo, forse in seguito a un vissuto sofferto. Prendi coscienza del perché sei così sensibile al tema dei “più deboli”.
Raffaele Morelli, su Riza, 2013

Se vuoi davvero bene a chi sta facendo la vittima, non accondiscendere. Offrigli un comportamento fermo e adulto, che sappia estrarre da lui modalità di relazione più mature e complesse.
Raffaele Morelli, su Riza, 2013

Non serve peccare di vittimismo per raccogliere qualche consenso. Io preferisco rimboccarmi le maniche capire dove sbaglio o dove ho sbagliato e provare a migliorarmi. Implorare e strisciare è cosa da perdenti, da vigliacchi. Qualcosa che appartiene a chi non ha il coraggio di ammettere i propri limiti e le proprie colpe. Io preferisco combattere e ridurle. Superare i miei limiti per essere migliore.
Silvia Nelli (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Il vittimismo è un meccanismo di difesa esistenziale usato per difendersi dalla colpa e come negazione e fuga dalla propria libertà. Questo è un prolungamento del masochismo e da questo alimentato.
Gabriele Palombo, Il mal di vivere dell'uomo moderno, 1999 

Il vittimismo è un modo ambiguo e sottilmente aggressivo di porsi di fronte all'esistenza, poiché si attribuisce sempre ad altri o al destino quanto ci capita di spiacevole nella vita.
Gabriele Palombo, Il mal di vivere dell'uomo moderno, 1999

Rimanere nel vittimismo significa sottomettersi in maniera masochistica dinnanzi agli altri e alla vita.
Gabriele Palombo, Il mal di vivere dell'uomo moderno, 1999 

Nulla consente alle persone di fare del male tanto quanto il vittimismo.
Dennis Prager (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

È la puzza della solitudine quella che allontana gli altri. L'odore dolciastro e repellente del vittimismo di chi si sente perpetuamente inferiore.
Lidia Ravera, su Cosmopolitan, 1988

Molti si lasciano compatire atteggiandosi spesso a vittime per essere con più buona coscienza carnefici. 
Emilio Rega, Sursum Corda, 1993 

Chi ama fare la vittima si sceglie da solo i suoi carnefici.
Guido Rojetti, L'amore è un terno (che ti lascia) secco, 2014

In questo paese l’invidia si coltiva come un valore, insieme con il vittimismo, il dilettantismo e il ressentiment. Una strana sorta di guerra civile strisciante continua ad avvelenare gli animi.
Vasco Rossi, La versione di Vasco, 2011

Dobbiamo fermare questa incessante mentalità del vittimismo. Qualcun altro non sistema le cose. Qualcun altro non mi fa stare bene. Qualcun altro non mi rende felice. Di queste cose sono io il responsabile. Non il vicino, non il governo, non la Chiesa o la società.
Joel Salatin (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

− Gl’italiani hanno più intelligenza o carattere?
− Vittimismo.
Sergio Saviane, in Roberto Gervaso, La pulce nell'orecchio, 1979

− Gl’italiani sopportano meglio i grandi sacrifici o le piccole privazioni?
− Non vorrebbero sopportare niente. Ma s’accontentano di sopportare le piccole privazioni facendole passare per grandi sacrifici, così possono fare il vittimismo, ch’è lo sport nazionale.
Sergio Saviane, in Roberto Gervaso, La pulce nell'orecchio, 1979

La vita si affronta ogni giorno a testa alta, coraggiosamente. Pronti ad accogliere le incognite spiacevoli e a dichiarare guerra al vittimismo. La vita è fatica, tanta, ma soprattutto è gioia.
Adriana Verardi Savorelli, Pensieri azzurri, 2008

La paura  più insidiosa, perché non si fa riconoscere facilmente, è la paura di vivere. Le ambiguità, i depistaggi, le giustificazioni a posteriori sui fatti e svii comportamenti non mancano. Eppure alcuni sintomi parlano chiaro: un perenne cattivo umore nei confronti del presente che solo quando diventerà "passato" si rivelerà rifugio e luogo di felicità, fughe in avanti continue e persistenti in un futuro mitico e immaginario, fatalistico immobilismo prima, e vittimismo dopo, di fronte a qualsiasi decisione che comporti rischio o semplicemente responsabilità. Paura di vivere è malattia dalla quale si può anche desiderare di non guarire mai. Ma se a un certo punto della nostra vita ci rendiamo conto che non ci ha aiutato ad essere più felici potremmo forse cambiare idea.
Maria Venturini, Dizionario delle felicità, 1998

Note
Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Vittima - Lamentarsi - Capro espiatorio

Nessun commento: