Proverbi Calabresi

Raccolta di proverbi calabresi, in dialetto calabrese con traduzione in italiano. Come accade spesso nelle raccolte di proverbi dialettali, alcuni detti si ritrovano anche nella tradizione di altre regioni italiane, ed è difficile rintracciarne la vera origine. Su Aforismario trovi anche una raccolta di citazioni sulla calabria e sui calabresi. Inoltre, nella sezione "Proverbi", trovi una grande raccolta con i 1000 proverbi italiani più popolari.
Cu prima non pensa, dopu sospira. (Chi prima non pensa, dopo sospira).
Proverbio calabrese
Proverbi Calabresi
© Aforismario

A cavaju hjestimatu nci luci u pilu.
A cavallo disprezzato luccica il pelo.

A corda tantu si tira chi si rumpi.
La corda a forza di tirarla si rompe.

A cosi visti non ci vonnu provi.
Per le cose vedute non ci vogliono prove.

A crapa si mungi e u zimbaru ngusija.
La capra viene munta e il capro si lamenta.

A cuda è acchù dura a scorciari.
La coda è la più dura da scorticare.

A cu non avi e non teni, malannu nci veni.
A chi non ha e non possiede giungono i guai.

A li santi no’ ppromettìri vuti e a li figghioli no’ ppromettìri cuddureddi.
Ai santi non promettere voti e ai bambini non promettere ciambelle.

A cu mi duna na vota di mustu jeu nci lu rendu di vinu chjaru; a cu mi duna n'ura di disgustu nci lu rendu di chjantu amaru.
A chi mi dà un sorso di mosto glielo rendo di vino chiaro; a chi mi dà un'ora di disgusto glielo rendo di pianto amaro.

A fami caccia u lupu da tana.
La fame spinge il lupo fuori dalla tana.

A gajna faci l'ovu e o gaju nci bruscia u culu.
La gallina fa l'uovo e il gallo sente bruciore al culo.

A gatta prescialora fici i gattarej orbi.
La gatta frettolosa partorì gattini ciechi.

A gutti si risparmia quandu è china, ca quandu u fundu pari non c'è cchjù chi riparari.
La botte si risparmia quando è piena, che quando appare il fondo non c'è più rimedio.

A matinata faci a jornata.
La mattinata fa la giornata.

A megghju palora è chija chi no nesci.
La parola migliore è quella che non esce di bocca.

A testa chi no pensa esti cucuzza.
La testa che non pensa è una cucuzza.

'A trigghia no 'a mangia cu' 'a pigghia.
La triglia non la mangia chi la pesca.

A troppa cunfidenza è patruna da malacrianza.
La troppa confidenza genera la cattiva maleducazione.

Abitu non fa monacu e chirica non fa previti.
L'abito non fa il monaco e la chierica non fa il prete.

Acqua passata non macina mulinu.
L'acqua passata non fa macinare il mulino.

Acquazzìna no’ jinchi jisterna.
La rugiada non riempie la cisterna.

Belli e brutti a terra s'i nghiutti.
La terra inghiotte tutti, belli e brutti.

Bisogni, malatìe e necessitati scombogghianu lu cori di l’amici.
Bisogni, malattie e necessità rivelano il cuore degli amici.

Broccoli, gnocculi e predicatori dopu Pasca non servine cchiùni.
Broccoli, gnocchi e predicatori dopo Pasqua non servono più.

Bucca chiusa no’ la cacanu li muschi.
In bocca chiusa non cacano le mosche.

Caca luntanu ca non senti u fetu.
Caca lontano che non senti il puzzo.

Cani chi abbaia no’ muzzica.
Cane che abbaia non morde.

Casa quantu mi poi stari e vigna quantu poi zzappàri.
Casa quanto puoi abitare e vigna quanto puoi zappare.

Cazzu 'nculu d'atru è filu i riganu.
Cazzo nel culo altrui è un sottile stelo di origano.

Cchjù scuru 'i menzanotti no po' fari.
Non può fare più scuro della mezzanotte.

Comu fai fai lu mari è salatu.
Qualsiasi cosa tu faccia il mare resta salato.

Cu ccatta quandu non poti vindi quandu non voli.
Chi compra quando non può vende quando non vuole.

Cu cu figghioli si cùrca, cacàtu si arsa a la matina.
Chi si corica con bambini piccoli al mattino si alza sporco di cacca.

Cu cumanda non suda.
Chi comanda non suda.

Cu cunta menti la giunta.
Chi racconta aggiunge di suo.

Cu l’imbrogghi e cu l’ingannu si campa mità dell’annu; l’attra mità cu la falsità.
Con gli imbrogli e con l’inganno si vive metà dell’anno, l’altra metà con la falsità.

Cu manìia mangia.
Chi si dà da fare mangia

Cu nasci tundu no mmori quadratu.
Chi nasce tondo non muore quadrato.

Cu ndavi figghi fimmini mparenta puru cu lu sceccu.
Chi ha figlie femmine si imparenta persino con l’asino.

Cù ndàvi sordi assai sempri cunta, cù ndavi mugghieri bella sempri canta.
Chi ha molti soldi sempre conta, chi ha la moglie bella sempre canta.

Cu no nsi faci li fatti soi cu la lanterna vai cercandu guai.
Chi non si fa gli affari suoi con la lanterna va cercando guai.

Cu non mangia a casa sua no’ mangia a voglia sua.
Chi non mangia a casa sua non mangia ciò che desidera.

'Cu non poti mangiari ' carni si mbivi u brudu.
Chi non può mangiare la carne si beve il brodo.

Cu prima non pensa dopu sospira.
Chi prima non pensa dopo sospira.

Cu semina cogghi.
Chi semina raccoglie.

Cu semina ventu cogghi tempesta.
Chi semina vento raccoglie tempesta.

Cu si guardau si sarvau.
Chi è stato prudente si è salvato.

Cu si nnamura di capiddi e denti, no nsi nnàmura di nenti.
Chi si innamora di capelli e denti, non si innamora di niente.

Cu si marita è cuntentu 'nu jiornu, cu' mmazza 'u pòrcu è cuntentu n'annu.
Chi si sposa è felice per un giorno, chi ammazza il maiale è contento per un anno.

Dammi tempu ca ti perciu nci dissi lu surici a la nuci.
Dammi tempo che ti bucherò disse il topo alla noce.

Di cu ti fidi t’inganni.
Di chi ti fidi ti inganni.

Di santa Lucia finu a Natali crisci lu jornu nu passu di cani; di Natali in poi crisci lu jornu nu passu di boi.
Da Santa Lucia fino a Natale il giorno cresce un passo di cane; da Natale in poi il giorno cresce un passo di bue. 

Fa' beni e scordati, fa' mali e ricordati.
Fai del bene e dimentica, fai del male e ricordati

Fari beni a lu sceccu è tempu persu.
Fare del bene all’asino è tempo perso.

Fimmina chi batti l’anca, o è troia o pocu nci mmanca.
La donna che ancheggia o è troia o poco ci manca.

Forza di giovani e cunsigghi di vecchi.
Forza dai giovani e consigli dai vecchi.

Genti, sentiti a mia, ca sugnu vecchiu: cu’ litica no’ fa ’na bona ’mprisa: si perdi, resta comu nu finocchiu, si vinci, resta cu a sula cammisa.
Gente, ascoltatemi che sono vecchio: chi litiga non fa una buona cosa: se perde, resta come un finocchio, se vince rimane con solo la camicia.

Iuta lu iutatu ca’ lu poveru è ‘mparatu.
Aiuta chi non ha bisogno che il povero è abituato.

L'acqua a stizza a stizza fa gurnali.
L'acqua a goccia a goccia forma un laghetto.

L'acqua faci mali e lu vinu faci cantari.
L'acqua fa male e il vino fa cantare.

L’amuri quandu è veru è na meravigghia: non’è na cosa chi si dassa e pigghia.
L’amore quando è vero è una meraviglia: non è una cosa che si lascia e si piglia.

L’omu cafoni e sensa creanza mangia a crepa panza.
L’uomo cafone e maleducato mangia fino a scoppiare.

La mbidia avi l'occhj, a fortuna esti orba.
L'invidia ha gli occhi, la fortuna è cieca.

L'anima a Diu e u cori a pignata.
L'anima a Dio e il cuore alla pentola.

L'ovu cacatu vali 'nu ducatu.
L'uovo fresco vale un ducato.

Liga u sceccu undi voli u patruni.
Lega l'asino dove vuole il padrone.

L'omu valenti mori pe manu du mischinu.
L'uomo di valore muore per mano del meschino.

L'omu gelusu mori cornutu.
L'uomo geloso muore cornuto.

La bona mugghieri faci lu bonu maritu.
La buona moglie fa il buon marito.

La lingua no’ avi ossu ma rumpi l’ossa.
La lingua non ha osso ma rompe le ossa.

La testa chi no’ pensa si chiama cocuzza.
La testa che non pensa si chiama zucca.

Li cambiali sunnu megghiu di li mugghieri: armènu li paghi e ti li cacci di li pedi.
Le cambiali sono meglio delle mogli: almeno le paghi e te le togli dai piedi.

Li sordi sunnu nta la bucca di tutti ma sulu ntà la sacchetta di cu l ‘àvi.
I soldi sono sulla bocca di tutti ma stanno solo nella tasca di chi li ha.

Lu matrimoniu sensa figghi è comu lu celu senza stiddi.
Il matrimonio senza figli e come il cielo senza stelle.

Lu megghiu vinu si faci acitu.
Il miglior vino diventa aceto.

Lu suli caddìa a cchù vidi.
Il sole scalda a chi vede.

Mangia e mbivi a gustu toi, vesti a gustu d'atru.
Mangia e bevi secondo il tuo gusto, vesti secondo il gusto degli altri.

Megghju aviri na mala sumera ca na mala mugghjera.
Meglio avere una cattiva asina che un cattiva moglie.

Megghju mangiatu di li cani cà dill’occhi di li cristiani.
Meglio mangiato dai cani che dagli occhi della gente.

Megghju essiri testa di lucertula ca cuda di leuni.
Meglio essere testa di lucertola che coda di leone.

Megghju fari mbidia ca pietà.
Meglio fare invidia che pietà.

Megghiu oggi na’ sardina ca’ domani na’ gaddina.
Meglio oggi una sardina che domani una gallina.

Megghiu pani e cipudda a' casa tua ca pisci e carni a casa d'attri.
Meglio pane e cipolla a casa propria che pesce e carne a casa d'altri.

Megghiu tò mamma mi ti giangi cà lu suli di marzu mi ti tingi.
Meglio che tua madre ti pianga che il sole di marzo ti tinga.

Menu parri, menu sbagli.
Meno parli, meno sbagli.

Mugghjeri e figghj comu veninu ti pigghj.
Moglie e figli vanno presi come vengono.

Na manu lava l’autra e tutti li ddui lavanu la facci.
Una mano lava l'altra e tutt'e due lavano la faccia.

Na nuci ndo saccu no'n scrusci.
Una noce nel sacco non fa rumore.

Non c'è luttu senza risu e matromoniu senza chjantu.
Non c'è lutto senza riso e matrimonio senza pianto.

Non dari biscotti a cu non avi denti.
Non dare biscotti a chi non ha denti.

Non tutti i petri da via si ponnu scansari.
Non tutte le pietre della via si posso scansare.

Ogghiu di n’annu e vinu di cent’anni.
Olio di un anno e vino di cent'anni.

Ogni casa ndavi la so’ cruci.
Ogni casa ha la sua croce.

Pacci e patruni non si cumandanu.
A pazzi e padroni non si danno ordini.

Palumba muta non poi essiri servuta.
Colomba muta non può essere servita.

Panza china fa cantari.
La pancia piena fa cantare.

Poti cchjù nu pilu di fimmana ca na paricchja 'i voi.
Può più un pelo di donna che una pariglia di buoi.

Puru a regina avi bisognu da vicina.
Anche la regina ha bisogno della vicina.

Puru i pulici nd'hannu a tussi.
Anche le pulci hanno la tosse.

Puru u papa piscia e caca.
Anche il papa piscia e caca.

Quandu dui si vonnu centu non ponnu.
Quando due si vogliono anche in cento non possono farci nulla.

Scecchi e puttani quando su’ vecchi morinu di fami.
Puttane e asini  quando son vecchi muoiono di fame.

Si rispetta u cani pa facci du patruni.
Si rispetta il cane per riguardo al padrone.

Si vidi mangiari mangia, si vidi lavurari lavora, si vidi robàri fuji.
Se vedi mangiare mangia, se vedi lavorare lavora, se vedi rubare scappa.

Tantu vai a quartara all'acqua finu a chi si spezza.
Il recipiente a furia di essere portato per prendere acqua alla fine si rompe.

U cani muzzica sempri u sciancatu.
Il cane morde sempre lo storpio.

U porcu si nsonna sempri gghjanda.
Il maiale sogna sempre la ghianda.

U saziu non cridi o dijunu.
Il sazio non crede a chi è digiuno.

Undi vai vai, u mari è salatu.
Ovunque tu vada il mare è salato.

Libro consigliato da Aforismario
Proverbi calabresi 
Autore: Francesco Spezzano 
Editore: Giunti Editore, 2007 

Un omaggio alla colorita espressività dei dialetti italiani attraverso una selezione, divisa per argomenti, dei più caratteristici proverbi calabresi: consigli dettati dall'esperienza ma anche motti scherzosi e irriverenti, arguti o superstiziosi. Sorprende quanto i proverbi (le cui origini si perdono nel tempo, nati dal creativo mescolarsi di tradizione orale e letteratura, di esperienza popolana e citazioni colte), che sono l'espressione più spontanea di una saggezza popolare antichissima, siano invece tutt'oggi attuali e di grande modernità.

Note
Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Calabria e Calabresi - I proverbi italiani più famosi

Nessun commento: