Panda - Aforismi, frasi e battute divertenti

Raccolta di aforismi, frasi e battute divertenti sui panda, nome di due specie di mammiferi appartenenti alla famiglia Ursidae: il panda minore (nome scientifico: Ailurus fulgens), lungo 50-60 cm, con folta pelliccia bruno-rossiccia, diffuso nelle foreste asiatiche dal Nepal alla Cina; e il più "famoso" panda gigante o panda maggiore (Ailuropoda melanoleuca), simile a un orso, lungo poco più di un metro, che vive sui monti del Tibet e di vaste regioni della Cina, con mantello folto dal caratteristico disegno bianco e nero, muso e collo bianchi e occhi cerchiati di nero.
Il nome scientifico del panda gigante, "Ailuropoda melanoleuca", deriva dal greco, e significa letteralmente "piede di gatto - nero bianco". Il nome "panda", invece, è la traslitterazione del nepalese "bigalva ponya", che significa "mangiatore di bambù".
La dieta del panda gigante è essenzialmente quella di un erbivoro, e si nutre quasi esclusivamente di germogli di bambù. Ma come ha scritto un po' di anni fa l'etologo Danilo Mainardi: "Si è sparsa la notizia, ampiamente riportata sui giornali come sensazionale, di certi panda che si erano messi (figurarsi che notizia!) a predare le pecore, a nutrirsi parzialmente di carne. Già, chi se ne frega?, ho pensato, dato che ben sapevo che quei simpatici orsi pezzati un po' di predazione l'hanno sempre fatta, un po' di carne l'hanno sempre mangiata. Niente di davvero sensazionale dunque se qualche individuo ci stava dando un po' dentro. Avrà avuto i suoi motivi e le sue necessità (o semplicemente golosità)". [Animali famosi e altri animali, 1992].
Com'è noto, i panda giganti sono una specie a rischio di estinzione, a causa del continuo impoverimento del loro habitat naturale e da un tasso di natalità molto basso. Per questo motivo, il panda gigante è diventato il simbolo del WWF (World Wildlife Fund), organizzazione che si occupa di preservare le specie dal rischio di estinzione.
Il panda è un animale molto amato dalla gente, e dai bambini in particolare, sia per il suo aspetto simpatico e originale, che lo fa assomigliare a una sorta di orsacchiotto di peluche vivente, sia per il comportamento mansueto con il quale, di solito, lo si vede sgranocchiare i suoi germogli di bambù.
Su Aforismario trovi altre raccolte di citazioni correlate a questa sugli animali, sugli zoo e sull'estinzione.
Il panda fa fatica a riprodursi? Per forza!
Con tutti gli ecologisti che lo stanno a guardare! (Anatolj Balasz)
Panda
© Aforismario

Il panda ha una dieta senza troppe pretese: a colazione mangia foglie di bambù, a pranzo mangia foglie di bambù e a cena mangia foglie di bambù. Ma se gli mancano è fottuto, in un mese è morto di fame.
Niccolò Ammanniti, Ti prendo e ti porto via, 1999

Poiché il bambù non è facile da reperire, solo gli zoo più ricchi si possono permettere di ospitare nella loro popolazione carceraria il grande orso bianco e nero. Esseri specializzati che l'evoluzione ha spinto in piccole nicchie ecologiche dove la loro esistenza si regge precaria in un fragile rapporto con l'ambiente che li circonda. Basta levare un tassello (le foglie di bambù per il panda, le foglie di eucalyptus per il koala, le alghe per l'iguana marina delle Galapagos e così via) e per queste bestie l'estinzione è certa. Il panda non si adatta, il panda muore.
Niccolò Ammanniti, Ti prendo e ti porto via, 1999

Scoperte 1.200 nuove specie animali. E noi a fare tutto 'sto casino per il panda.
Stefano Andreoli e Alessandro Bonino (a cura di), Spinoza. Una risata vi disseppellirà, 2011

Il panda fa fatica a riprodursi? Per forza! Con tutti gli ecologisti che lo stanno a guardare... Provate voi ad affrontare un coito con quaranta panda intorno al letto che urlano: «Forse ce la fa! Forse ce la fa!»
Anatolj Balasz (Natalino Balasso) [1]

Tra tutti gli animali, l'uomo è quello che corre il maggior pericolo di estinzione. Perché mentre noi ci preoccupiamo di proteggere i panda e le foche, i panda e le foche non si preoccupano di proteggere noi, anzi vivamente sperano che ci estinguiamo con tutte le nostre atomiche, pesticidi, defolianti, petroliere e villaggi vacanze. Perciò finiamola di commiserare il rinoceronte nero, di contare col fiato sospeso le balene e di stimolare al coito le lontre. Interessiamoci all'animale più in pericolo: l'uomo!
Stefano Benni, La Compagnia dei Celestini, 1992

Il futuro dell'uomo / è a una drammatica stretta: / ho visto un panda / con la mia faccia sulla maglietta.
Stefano Benni, Allarme di scienziato, Ballate, 1993

La sua visione ecologica del mondo è terrificante: io la definisco "polentopandismo".Cioè lui mangerebbe polenta e panda, anche se fosse l'ultimo esemplare del mondo.
Stefano Benni, Margherita Dolcevita, 2005

La donna single è come il panda. Ha le occhiaie nere e quando si accoppia lo dice anche il TG.
Dario Cassini, È vent'anni che ho vent'anni, 2007

Considera la Superclasse qui intorno: crede di essere estremamente importante, di avere una coscienza sociale, e spende autentiche fortune per oggetti senza valore nelle varie aste di beneficenza che intendono promuovere la "raccolta di fondi per salvare i senzatetto del Rwanda" o l'"iniziativa gastronomica per la tutela dei panda cinesi". Per loro, i panda e gli affamati hanno il medesimo valore: si sentono speciali, superiori agli altri esseri umani, perché stanno facendo qualcosa di utile. Hanno mai dovuto affrontare un combattimento? No: le guerre le creano, ma non vi partecipano. Se sortiscono effetti positivi, ricevono i complimenti. Se l'esito è negativo, la colpa ricade sugli altri. Loro amano sé stessi.
Paulo Coelho, Il vincitore è solo, 2008

Poi Dio creò il Panda, ma solo per la città: per i viaggi lunghi creò la Thema diesel.
Giobbe Covatta, Parola di Giobbe, 1991

Parlando di animali in via di estinzione il posto d'onore spetta naturalmente al "panda", che ne è diventato il simbolo. Oramai ne sono rimasti talmente pochi esemplari che un povero panda maschio se volesse accoppiarsi dove mai potrebbe trovare una panda? Dal concessionario a prezzi stracciati fino al 30 dicembre, direte voi fedeli marmocchi (ah ah ah, questa sì che fa ridere), ma anche in questo caso rimarrebbero seri problemi di riproduzione.
Giobbe Covatta, Sesso? Fai da te!, 1996

I panda giganti vivono in piccoli boschi di bambù e si nutrono di germogli di bambù. Sono sopravvissuti solo 36 panda giganti. La ragione per cui sono sopravvissuti solo 36 panda giganti è dovuta alla scarsità di germogli di bambù, che i nativi del luogo mangiano in gran quantità, specialmente come contorno di panda giganti al forno.
Jack Douglas (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Se posso scomparire io, perché non possono scomparire i panda e le tartarughe?
Fausto Gianfranceschi, Aforismi del dissenso, 2012

Ci sono molte ragioni per salvare una specie: ragioni scientifiche, economiche, estetiche ed etiche, basate sulla premessa che ogni essere vivente ha diritto al suo posto nella comunità naturale. Ma ce n’è una in particolare che vale la pena di ricordare a tutti coloro i quali ritengono che difendere una specie in pericolo sia un’occupazione di gente insensibile ai problemi della società moderna: il panda e la vita animale che simboleggia ci sono indispensabili anche per sognare.
Salvatore Giannella, Il panda e il mondo per cui viviamo, 2012 [articolo]

Io me ne strabatto dello stambecco del Gargano! Che scompaia. Ma qui sta rischiando di scomparire anche il falegname di Viterbo. Ho il terrore di incrociare un panda con una mia foto sulla maglietta!
Beppe Grillo (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Non pensate che i panda sanno di essere cinesi e stiano prendendo la politica del figlio unico un po troppo sul serio?
[Do you think pandas know they're Chinese and they're taking the one child policy a bit too seriously?].
Jim Jefferies [1]

Il "mondo ambientalista" soffrirebbe perché il simbolo primo del movimento, l'animale-logo per eccellenza sta "facendo brutta figura" non nutrendosi più soltanto di bambù ma anche di carne. E che diavolo? Ma che razza di idee ecologiche circolano tra la gente? Un erbivoro è più "ecologico" di un carnivoro? È meglio salvare una preda che un predatore?
Danilo Mainardi, Animali famosi e altri animali, 1992

Il panda funziona come simbolo perché è specie che rischia l'estinzione, non perché mangia i bambù.
Danilo Mainardi, Animali famosi e altri animali, 1992

Mentre noi siamo vegetariani divenuti carnivori, il panda è un carnivoro divenuto vegetariano, e come noi è per molti aspetti una creatura unica e straordinaria.
Desmond Morris, La scimmia nuda, 1967

Gli incontri al vertice tendono a essere come gli accoppiamenti dei panda. Le aspettative sono sempre elevate e i risultati di solito sono deludenti.
[Summit meetings tend to be like panda matings. The expectations are always high, and the results usually disappointing].
Robert Orben [1]

Volevo che il mondo intero toccasse il fondo. Mentre picchiavo quel ragazzo, in realtà avrei voluto piantare una pallottola tra gli occhi di ogni panda in pericolo che si rifiuta di scopare per salvare la propria specie e ogni balena o delfino che molla tutto e va a spiaggiarsi. Non vederla come estinzione. Prendila come un ridimensionamento.
Chuck Palahniuk, Fight Club, 1996

Non sono un grosso lardoso panda. Sono IL grosso lardoso panda.
Po, in Mark Osborne e John Stevenson, Kung Fu Panda, 2008

− Sei un panda! Che intendi fare, trippone? Sederti su di me?!
− Non tentarmi!
Po, in Mark Osborne e John Stevenson, Kung Fu Panda, 2008

Il movimento animalista si è concentrato soprattutto sulla salvaguardia di animali di grossa taglia, ma spesso si tratta di specie geneticamente inadeguate a sopravvivere, che rischiano l'estinzione anche senza l'intervento umano. È il caso del panda gigante, discendente degli orsi carnivori, che sarebbe anch'esso un carnivoro, se solo fosse abbastanza veloce o astuto per catturare le prede. Il panda non ha un apparato digestivo adatto per una dieta vegetale, pertanto deve consumare tonnellate di bambù per ricavare pochissimo nutrimento. Inoltre le femmine sono in calore solo pochi giorni all'anno e anche in questo periodo spesso rifiutano i maschi.
Nicholas J. Saunders, Animali e spiritualità, 2000

I panda giganti hanno sviluppato una dieta molto specializzata composta quasi unicamente da un'unica risorsa alimentare, il bambù, dalla quale dipende pericolosamente la loro sopravvivenza. Se il bambù dovesse scomparire, per una malattia delle piante o per qualsiasi altro motivo, per i panda giganti significherebbe l'estinzione.
Cameron McPherson Smith e Charles Sullivan, I falsi miti dell'evoluzione, 2007

Cominciamo a sentirci soli su questa terra tanto affollata. La protezione degli animali selvatici, la salvezza di certe specie come l’orice o il panda gigante, che stanno per scomparire, la legislazione per limitare la crudeltà nei confronti degli animali, aggregano una gamma crescente di energie individuali e collettive.
George Steiner, I libri che non ho scritto, 2008

Amo gli animali come chiunque altro, però se sono affamato mangerei anche un panda.
Howard Stern [1]

Per tacitare la propria coscienza, a un certo punto gli uomini cominciarono a prodigarsi per salvare dall'estinzione i pochi esemplari rimasti di specie che loro stessi avevano messo in pericolo. Successe per esempio con il panda gigante, che in Cina era stato ridotto a poche decine di esemplari perché l'agricoltura aveva distrutto il suo habitat. E successe alla tigre siberiana. Ma che cos'altro erano, i panda e le tigri, se non autentici morti viventi, visto che non si provvedeva al ripristino e alla tutela dei loro habitat naturali?
Mario Tozzi, Pianeta Terra: ultimo atto, 2011

Tutta l'attività dei panda è rappresentata dall'atto del mangiare [bambù] e il resto del tempo lo trascorrono dormendo nella più totale flemma, limitando al massimo i movimenti. È per la sua esagerata specializzazione alimentare che il panda ha già di per sé intrapreso una via evolutiva destinata all'estinzione.
Rafael P. Vallunger, La quarta epoca, 2013

Trova un documentario su Discovery Channel. La trasmissione parla della progressiva estinzione del panda in Cina e dei relativi sforzi per salvarlo, ossia gruppi di scienziati che molestano i panda e i loro cuccioli. Dividendo i giovani esemplari dalle madri, assicurando delle trasmittenti alle loro orecchie, tatuandoli all'interno della bocca. Una signora americana accompagnata dal figlio descrive il programma, definendolo un «itinerario personale». Loro assistono lo zoologo cinese che mette le mani addosso ai panda, con evidente disagio dei medesimi. Lennox pensa che quelle creature, se potessero comunicare, direbbero: «Andate fuori dal cazzo e lasciateci mangiare il nostro bambù ed estinguerci in pace». Ma non è così che si comportano gli uomini. La nostra avidità vi sta uccidendo, quindi la nostra vanità richiede che vi salviamo.
Irvine Welsh, Crime, 2008

C’era una volta nella foresta nebbiosa un orsetto candido come la neve. Una pastorella aveva fatto amicizia con lui e con la sua mamma. Erano diventati così amici che il piccolo panda era quasi sempre a giocare con le pecore del gregge. Un giorno, improvvisa, la tragedia: la ragazza vide un leopardo delle nevi in procinto di attaccare il cucciolo. Lo affrontò, ma così facendo ne divenne la nuova preda. Il dolore nella famiglia dei panda fu grande. Essi seguirono in silenzio i funerali della loro amica, il cui feretro era sorretto dalle sue tre sorelle. Per l’occasione i candidi orsetti indossarono calze e guanti neri ma poi, in lacrime, si dimenticarono del loro abbigliamento da lutto, si stropicciarono gli occhi e si strofinarono le orecchie macchiandoseli in maniera incancellabile. Un potente tuono dal cielo avvertì il popolo della foresta che quello d’ora in poi sarebbe stato il vestito dei panda, mentre le quattro sorelle furono trasformate nelle quattro cime rocciose del Siguniang, la montagna più alta di Wolong, perché da lassù potessero per sempre vegliare sui loro amici e proteggerli.
Anonimo [favoletta cinese nella versione di Salvatore Giannella].

Note
  1. Fonte della citazione sconosciuta; se la conosci, segnalala ad Aforismario.
  2. Vedi anche aforismi e citazioni su: Animali - Estinzione - Zoo - Frasi Animaliste

Nessun commento: