Disobbedienza Civile - Aforismi, frasi e citazioni

Raccolta di aforismi, frasi e citazioni sulla disobbedienza civile, "una forma di lotta politica, attuata da un singolo individuo o più spesso da un gruppo di persone, che comporta la consapevole violazione di una precisa norma di legge, considerata particolarmente ingiusta, violazione che però si svolge pubblicamente, in modo da rendere evidenti a tutti e immediatamente operative le sanzioni previste dalla legge stessa". [Wikipedia].
Su Aforismario trovi altre raccolte di citazioni correlate a questa sulla disobbedienza, il dissenso, la protesta, la ribellione e la rivolta.
La disobbedienza civile è un diritto innato dei cittadini.
Non possiamo rinunciarvi senza cessare di essere uomini. (Mohandas Gandhi)
Disobbedienza civile
© Aforismario

La base della società, di ogni società, è un certo orgoglio d'obbedire. Quando questo orgoglio non esiste più, la società crolla.
Emil Cioran, Squartamento, 1979

L'obiettore di coscienza è un rivoluzionario. Quando decide di disubbidire alla legge, sacrifica i propri interessi alla causa più importante: all'impegno per migliorare la società.
Albert Einstein, Die Friedensbewegung, 1922

La gente rispetta le leggi non soltanto perché ha paura ma perché, disobbedendo a esse, si sente colpevole, e questo sentimento può essere superato unicamente col perdono che soltanto le autorità possono concedere. Condizioni per la concessione del perdono sono: il peccatore si pente, subisce la punizione, accettando la quale torna a sottomettersi. La sequenza è dunque questa: peccato (disobbedienza) - sentimento di colpa - nuova sottomissione (punizione) - perdono; si tratta di un circolo vizioso, in quanto ogni atto di disobbedienza comporta un aumento dell'obbedienza. Ben pochi sono coloro che non si lasciano intimidire da un sistema del genere.
Erich Fromm, Avere o essere?, 1976

Non si può mai propagare la verità ricorrendo alla violenza. Quelli che credono nella giustizia della propria causa devono possedere una pazienza infinita. Solo chi sia al disopra della disobbedienza criminale o della violenza è idoneo alla disobbedienza civile.
Mohandas Gandhi, su Young India, 1919/32 [1]

Satyagraha [la non collaborazione] è un'implacabile ricerca della verità, la determinazione a raggiungere la verità.
Mohandas Gandhi, su Young India, 1919/32

La disobbedienza, per essere civile, deve essere sincera, rispettosa, mai provocatoria, deve basarsi su qualche principio assimilato con chiarezza, non deve essere capricciosa e, soprattutto, non deve precedere da alcuna malevolenza o odio.
Mohandas Gandhi, su Young India, 1919/32

La disobbedienza, per esser civile, deve essere scoperta e nonviolenta.
Mohandas Gandhi, su Young India, 1919/32

La vera disobbedienza civile è uno stato di ribellione pacifica.
Mohandas Gandhi, su Young India, 1919/32

La disobbedienza civile non è mai seguita dall'anarchia, come nel caso della disobbedienza criminale. Non c'è Stato che non reprima la disobbedienza criminale con la forza. Se non lo fa, muore. Ma reprimere la disobbedienza civile è tentare di imprigionare la coscienza.
Mohandas Gandhi, su Young India, 1919/32

La disobbedienza civile è un diritto innato dei cittadini. Non possiamo rinunciarvi senza cessare di essere uomini.
Mohandas Gandhi, su Young India, 1919/32

La disobbedienza civile può donare solo forza e purezza.
Mohandas Gandhi, su Young India, 1919/32

La disobbedienza civile diventa un sacro dovere quando lo Stato si sia fatto illegale, o, che è la stessa cosa, corrotto. Un cittadino che tratti con uno Stato simile ne condivide la corruzione o l'illegalità.
Mohandas Gandhi, su Young India, 1919/32

La disobbedienza civile non chiede e non ha bisogno di chiedere nemmeno uno spicciolo per sostenersi. Ha bisogno e richiede cuori gagliardi, animati da una fede che non rifugga davanti ad alcun pericolo e risplenda al massimo nelle prove più dure.
Mohandas Gandhi, su Young India, 1919/32

La disobbedienza civile è un terribile sinonimo di sofferenza. Ma spesso è meglio accettare la parte maligna di una cosa, se se ne apprezza sinceramente la parte vantaggiosa.
Mohandas Gandhi, su Young India, 1919/32

Ciò che tutti vorremmo è una disobbedienza civile di massa. Ma questa non può essere forzata. Deve essere spontanea, per meritarsi tale nome e avere successo.
Mohandas Gandhi, su Young India, 1919/32

Disobbedienza è un diritto che appartiene a ogni essere umano e diventa un sacro dovere quando discende dalla civiltà, o, che è la stessa cosa, dall'amore.
Mohandas Gandhi, su Young India, 1919/32 [1]

Ogni sfruttamento è basato sulla collaborazione, volontaria o forzata, dello sfruttato. Per quanto ci possa ripugnare ammetterlo, rimane il fatto che non vi sarebbe sfruttamento se la gente rifiutasse di ubbidire allo sfruttatore. Ma ecco intervenire l'interesse, e noi abbracciamo le catene che ci legano.
Mohandas Gandhi, Antiche come le montagne, 1958 (postumo)

La disubbidienza civile è il deposito del potere. Immaginate un intero popolo riluttante a conformarsi alle leggi della legislatura e pronto a sopportare le conseguenze di questo suo dissenso.
Immobilizzerà tutto il meccanismo legislativo ed esecutivo.
Mohandas Gandhi, Antiche come le montagne, 1958 (postumo)

Se usando la violenza costringo il governo ad abrogare una legge, uso quella che si potrebbe chiamare la forza del corpo. Se non ubbidisco alla legge e accetto la pena di questa infrazione, uso la forza dell'anima. Ciò comporta un sacrificio personale.
Mohandas Gandhi, Antiche come le montagne, 1958 (postumo)

La perfetta disubbidienza civile è una ribellione priva di violenza.
Mohandas Gandhi, Antiche come le montagne, 1958 (postumo)

Un perfetto oppositore civile ignora semplicemente l'autorità dello Stato. Diventa un fuorilegge che afferma di disprezzare qualsiasi legge di uno Stato immorale
Mohandas Gandhi, Antiche come le montagne, 1958 (postumo)

Ho cessato di essere un suddito, ma non ho mai cessato di essere un cittadino.
Mohandas Gandhi, Antiche come le montagne, 1958 (postumo)

Un cittadino ubbidisce alle leggi volontariamente, mai per forza o per paura della pena prescritta per l'infrazione. Viola la legge quando lo ritiene necessario e accetta con gioia la pena. In tal modo la priva del suo aculeo o dell'ignominia che si suppone essa comporti.
Mohandas Gandhi, Antiche come le montagne, 1958 (postumo)
La disobbedienza civile è necessaria quando le leggi
sono contro la democrazia e la libertà. (Margherita Hack)
La disobbedienza civile è necessaria quando le leggi sono contro la democrazia e la libertà.
Margherita Hack, su l'Unità, 2010

Finché un Popolo è costretto a obbedire e obbedisce fa bene, appena può scuotere il giogo e lo scuote fa ancora meglio, giacché, recuperando la sua libertà per mezzo dello stesso diritto con cui gli è stata sottratta, o è autorizzato a riprendersela o nessuno lo era mai stato a togliergliela.
Jean-Jacques Rousseau, Il contratto sociale, 1762

Mi costa meno in ogni senso incorrere nella pena prevista per la disobbedienza allo Stato di quello che mi costerebbe obbedire.
Henry David Thoreau, Disobbedienza civile, 1849

È giusto disobbedire a leggi ingiuste, ed è giusto disobbedire alle sentenze che puniscono la violazione di quelle leggi.
Howard Zinn, Disobbedienza e democrazia, 1968

Note
  1. Nel 1921, Gandhi lanciò una grande campagna di disobbedienza civile contro le autorità inglesi, che, dopo oltre venticinque anni, portò l'India all'indipendenza.
  2. Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: DisobbedienzaDissenso - Protesta - Ribellione e Rivolta

Nessun commento: