Tram - Aforismi, frasi e citazioni

Raccolta di aforismi, frasi e citazioni sul tram, veicolo per il trasporto di persone che si muove su rotaie. I tram possiedono motori elettrici di grande potenza alimentati per mezzo di prese di corrente da una linea aerea di contatto. In passato, i tram erano trainati da cavalli.
A mo' d'introduzione, riportiamo un brano di Paolo Villaggio in cui è descritto il tentativo di Fantozzi di prendere nientemeno che un tram al volo: "La notizia si sparse per incantamento in tutto il palazzo: “Prende un tram al volo... prende un tram al volo... il rag. Fantozzi si rischia un tram al volo!...”. E su su, per ignoti canali di comunicazione, arrivò fino all'ultimo abbaino. Tutti alla finestra, allora, come in un teatro elisabettiano. Fantozzi sbucò in strada alle 14 e 31 e si piazzò davanti al portone attendendo a piè fermo il tram 23. Alzò gli occhi e vide le tribune complete. Salutò con un ampio e sereno gesto del braccio la moglie. Dalle tribune parti un brevissimo applauso di incoraggiamento. Decise di accendersi una sigaretta. Ne tirò fuori una con calma dal pacchetto, prese un fiammifero, lo accese e se lo infilò in bocca gettando lontano la sigaretta. Non urlò per orgoglio, ma dalle tribune si capi che la situazione era grave. Una voce isolata dagli abbaini lo raggiunse: “Coraggio!” e lui capi che ormai non si poteva ritirare. Dal fondo della curva ecco il 23. Occhi fiammeggianti, avanzava sferragliando minacciosissimo come un tirannosauro. Il manovratore intuì le intenzioni dell'uomo e mise l'8, cioè “avanti tutta”. Quando il 23 arrivò sotto casa le tribune erano piombate in un silenzio terribile. Fantozzi che era già in posizione di salto non tentò subito, ma parti al galoppo. Fece un 200 metri, che il CONI non gli ha poi mai omologato perché in favore di vento, poi ai 250 tentò il tutto per tutto e spiccò il salto. Mancò la maniglia clamorosamente, andò a battere con il mento sul predellino e rimbalzando planò ad angelo sul carretto di un venditore ambulante di bibite, al quale causò danni valutati in 70 mila lire. Fu portato al pronto soccorso". [Fantozzi © Rizzoli, 1971].
Su Aforismario trovi altre raccolte di citazioni correlate a questa sulle automobili e il traffico.
Nella vita come in tram quando ti siedi è il capolinea. (Camillo Sbarbaro)
Tram
© Aforismario

La violenza è insita in noi anche quando non viene compiutamente espressa. Ho ucciso più gente sognando a occhi aperti alla fermata del tram che la politica estera americana dal dopoguerra a oggi.
Alfredo Accatino, L'ilare Ilaria, 1996

Oh, dite che cos'è davvero Amore. / Quando viene, imprevisto s'avvicina / mentre mi metto le dita nel naso? / Busserà alla mia porta la mattina? / O sul tram mi schiaccia un piede a caso?
W. H. Auden, Funeral Blues, Poesie, XX sec.

Le ragazze dei tram / che scrivono messaggi dentro le bottiglie / e in fondo ad un diario e sognano / appese ai desideri e alle maniglie.
Claudio Baglioni, Un nuovo giorno o un giorno nuovo, 1985

Viveva nel classico periodo in cui gli anni andavano più in fretta dei giorni, le donne degli uomini in fuga, i desideri dei tram.
Alessandro Bergonzoni, È già mercoledì e io no, 1992

Vecchi che trascorrono la giornata sui tram: per passare il tempo, per non dar fastidio ai parenti, per trovarsi in mezzo alla gente. Per la speranza di un incidente, che tronchi in un attimo la vita e non li faccia morire nel letto.
Francesco Burdin, Un milione di giorni, 2001

– Papà, – dissero i bambini, – le mucche sono come i tram? Fanno le fermate? Dov'è il capolinea delle mucche?
– Niente a che fare coi tram, – spiegò Marcovaldo. – Vanno in montagna.
– Si mettono gli sci? – chiese Pietruccio.
– Vanno al pascolo, a mangiare dell'erba.
– E non gli fanno la multa se sciupano i prati?
Italo Calvino, Marcovaldo ovvero Le stagioni in città, 1963

Aspro preludio di sinfonia sorda, tremante violino a corda elettrizzata, tram che corre in una linea nel cielo ferreo di fili curvi mentre la mole bianca della città torreggia come un sogno, moltiplicato miraggio di enormi palazzi regali e barbari, i diademi elettrici spenti.
Dino Campana, Passeggiata in tram in America e ritorno, Canti Orfici, 1914

La levata, il tram, le quattro ore di ufficio o di officina, la colazione, il tram, le quattro ore di lavoro, la cena, il sonno e lo svolgersi del lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì e sabato sullo stesso ritmo... questo cammino viene seguito senza difficoltà la maggior parte del tempo. Soltanto, un giorno, sorge il "perché" e tutto comincia in una stanchezza colorata di stupore.
Albert Camus, Il mito di Sisifo, 1942

In tram: osservare chi sta seduto e chi in piedi, tutti immersi in un lento dondolio. Mollemente e abbastanza vicini, insieme senza distinzione, non minacciati e non impauriti, con destinazioni differenti che, osservando gli altri; non possiamo conoscere. Sanno tutti qual è la loro destinazione, ma non lo lasciano trapelare. Quasi a pubblica riprova di quale segretezza mantengano le loro mete. Si può dire che non mostrino antipatia né simpatia per quelli che il caso ha messo loro accanto. Di rado si accorgono di essere osservati. Quando si alzano d'improvviso, ecco che hanno rivelato la loro meta. Confessarla ora è quasi la ricompensa per il segreto mantenuto in precedenza.
Elias Canetti, Un regno di matite, 1996

Faccio una cosa veramente folle, uno sport estremo: prendo il tram.
Dario Cassini, È vent'anni che ho vent'anni, 2007

Se sbaglio tram / non fa niente / vado fino al capolinea / tengo compagnia al conducente.
Giancarlo Consonni, Tram, in Filovia, 2016

Quando vorresti che la fermata / non arrivasse mai / stai leggendo sul tram / e quella è la tua casa.
Giancarlo Consonni, Casa, in Filovia, 2016

Da ragazzo amavo molto il paese dove vivevo, mi sembrava bellissimo, abitato da gente dolce e arguta. Poi quando vidi come cresceva e s'espandeva senza grazia, quando vidi distruggere una pineta per farne legna da ardere, o tagliare i platani d'una passeggiata per metterci le rotaie del tram, perché era elegante avere un tram, quando vidi devastare un giardino pubblico per farvi un ufficio, e la gente applaudire, capii che l'arguzia, la dolcezza dei miei compaesani era soltanto apparente e che il fondo era stupido e cieco.
Ennio Flaiano, Frasario essenziale, 1959/72

Fa un caldo soffocante; si sbuffa, si cuoce, e con questo caldo mi tocca di andar sempre a piedi. Adesso capisco quanto sia comodo un tram, soprattutto se aperto, ma è un pezzo che noi ebrei non possiamo servircene; a noi, per carrozza debbono bastare le gambe.
Anna Frank, Diario, 1942/44 (postumo 1947)

Ogni virtù e ogni vizio hanno il loro apparato ideologico che consente a ciascuno di visualizzare la propria vita, qualunque essa sia, nella versione più ottimistica. A nessuno si nega l'emozione di sentirsi in una terra inesplorata, anche se poi tutti, in fondo, sanno di essere di fatto sulle rotaie di un tram. Questo tram è la società in cui esistiamo.
Umberto Galimberti, Parole nomadi, 1994

Non scrivete subito poesie d'amore ché sono le più difficili, aspettate almeno almeno un'ottantina d'anni... Scrivetele su un altro argomento, che ne so, su... su... il mare, il vento, un termosifone, un tram in ritardo, ecco, che non esiste una cosa più poetica di un'altra.
Attilio de Giovanni (Roberto Benigni), in La tigre e la neve, 2005

C'è sempre qualcosa di triste nei tram, forse perché sono come le nostre vite: appaiono dal nulla e scompaiono nell'orizzonte della folla.
[There is always something sad about the trams, may be because they are like our lives: they appear from nothingness and disappear in the horizon of the crowds].
Mehmet Murat Ildan (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Un tram non può scoprire nuove strade. Per scoprire nuove strade, bisogna lasciare quelle prestabilite!
Mehmet Murat Ildan, ibidem

A me dà fastidio la folla, non ho mai visto una partita di calcio per non stare in mezzo alla folla, non vado mai in tram perché la gente ti sta addosso.
Benito Jacovitti (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

A chi pretende di spiegarti l'avvenire, e poi il lavoro e poi l'amore / si ma qui, che l'amore si fa in tre, / che lavoro non ce n'è / l'avvenire è un buco nero in fondo al tram.
Enzo Jannacci, Io e te, 1979

Sinché dura il movimento per i diritti della donna, gli uomini dovrebbero per lo meno farsi un dovere di abbandonare ogni atto di galanteria. Oggi non si può più rischiare di cedere il posto sul tram a una signora, perché non si può mai sapere se per caso non la si offende e non la si defrauda nelle sue rivendicazioni per una uguale partecipazione alle spiacevolezze dell'esistenza.
Karl Kraus, Detti e contraddetti, 1909

I fidanzati sono come i tram. O non arrivano mai o ne arrivano tre tutti insieme. E alla fine non sai a chi attaccarti.
Luciana Littizzetto, Col cavolo, 2004

C’è gente che con due sole ascelle mette a repentaglio la vita di tram interi. Pensa se avessimo otto ascelle come i ragni: ci sarebbe ancora vita sulla Terra?
Luciana Littizzetto, La bella addormentata in quel posto, 2016

Sono libero di credere o non credere in Dio, ma devo salire sul tram dalla parte destra, portiera di fondo.
Giorgio Manganelli, Il rumore sottile della prosa, 1994 (postumo)

Meglio essere infelici sui cuscini di una Rolls Royce che sulle panchette di un tram.
Aristotele Onassis (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Quanto era umano il rumore metallico dei tram! Che allegro paesaggio la semplice pioggia sulla strada...
Fernando Pessoa, Il libro dell'inquietudine, 1982 (postumo)

Per provare la delizia e il terrore della velocità non ho bisogno di automobili veloci e neppure di treni espressi. Mi basta un tram e la straordinaria capacità di astrazione che possiedo e coltivo.
Fernando Pessoa, Il libro dell'inquietudine, 1982 (postumo)

Nato ai bordi di periferia / dove i tram non vanno avanti più / dove l'aria è popolare / è più facile sognare / che guardare in faccia la realtà...
Eros Ramazzotti, Adesso tu, 1986

Se vado sul tram e il tram è affollato, vedo un bel culo mi ci appoggio... se il tram è deserto mi ci appoggio lo stesso...
Paolo Rossi, Si fa presto a dire pirla, 1993

Un'altra cosa che ci affatica senza che ce ne rendiamo conto è la presenza costante di estranei. L'istinto naturale dell'uomo, come pure degli altri animali, è di scrutare tutti gli ignoti della sua specie, nell'intento di decidere se comportarsi con loro in modo cordiale od ostile. Coloro che viaggiano sui tram nelle ore di calca devono inibirsi questo istinto, e il risultato di tale inibizione è che essi provano una generica irritazione contro tutti gli estranei con i quali vengono involontariamente messi a contatto.
Bertrand Russell, La conquista della felicità, 1930

Nella vita come in tram quando ti siedi è il capolinea.
Camillo Sbarbaro, Fuochi fatui, 1956

Il tram approfitta delle curve per piangere.
Ramón Gómez de la Serna, Greguerías, 1917/60

Mi da fastidio stare con gente che dice di attendere la vita nuova con la stessa noia con cui si attende il tram.
Ignazio Silone (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Tarzan nella foresta si attacca alle liane; gli uomini civili nelle città si attaccano al tram.
Totò (Antonio De Curtis), in Mario Mattoli, Totòtarzan, 1950

Luglio, mese in cui non si riesce ad aprire quel finestrino del tram che non si riesce a chiudere in dicembre.
Julian Tuwin (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Non c'è bisogno di essere ricchi per far del bene, per incoraggiare, invece di soffocare, il buono che c'è in ciascuno ai noi, per dare ai poveri la sensazione di essere, anch'essi, degli esseri umani. In tutto si può cominciare dalle piccole cose: per esempio, in tram non vi alzate solo per cedere il vostro posto a un'elegante signora, ma fatelo anche per una donna mal vestita; scusatevi con premura anche se pestate i piedi a un poveraccio.
Anonimo (attribuito ad Anna Frank)

Tutto passa e passa in fretta, meno il tram quando si aspetta.
Anonimo

La vita è come un tram: c'è chi sale e c'è chi scende.
Proverbio

Note
Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Autobus e Pullman - MetropolitanaAutomobile - Traffico

Nessun commento: