Commozione - Frasi e citazioni sul Commuoversi

Raccolta di aforismi, frasi e citazioni sulla commozione e sul commuoversi. Il termine "commuovere" deriva dal latino commovēre "smuovere", "mettere in movimento", agitare", e indica un vivo sentimento di pietà, affetto e tenerezza, che si può provare dinanzi alla sofferenza o alla fragilità altrui, guardando una scena triste o drammatica, in occasione di dimostrazioni d'affetto, ecc.
Su Aforismario trovi altre raccolte di citazioni correlate a questa sul pianto, le lacrime, la pietà e la compassione.
Non basta commuoversi, bisogna muoversi. (Luigi Ciotti)
Commozione
© Aforismario

La morte (o la sua allusione) rende preziosi e patetici gli uomini. Questi commuovono per la loro condizione di fantasmi; ogni atto che compiono può esser l'ultimo; non c'è volto che non sia sul punto di cancellarsi come il volto d'un sogno.
Jorge Luis Borges, L'Aleph, 1949

Vi sono alcune cose – poche! – capaci di commuovere l'uomo, ma il male è che, se le usate di frequente, perdono il loro effetto.
Bertolt Brecht (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Tutto ciò che è scritto mi commuove, dalla Bibbia all'elenco telefonico.
Gesualdo Bufalino, Il malpensante, 1987

Eppure dev'esserci stato un giorno, in un villaggio sull'Inn, in cui un bambino di nome Adolf si commosse fino alle lacrime ascoltando la favola di Cappuccetto Rosso e del Lupo.
Gesualdo Bufalino, Il malpensante, 1987

"Un giorno, tanti anni fa...". Cinque parole sufficienti a inondarci di retrospettiva commozione.
Francesco Burdin, Un milione di giorni, 2001

Per commuovere una donna si devono sacrificare molti fiori.
Valeriu Butulescu, Aforismi, 2002

Commuoversi non significa piangere, ma muoversi insieme alle cose, averne il medesimo ritmo, il medesimo passo, il medesimo polso.
Pierluigi Cappello, Il dio del mare, 2015

Quando il mio cuore ha bisogno di commozione, mi ricordo la perdita degli amici che non ho più, delle donne che la morte mi ha rapito; abito la loro bara, mando l’anima a vagare attorno alle loro. Ahimè! Possiedo tre tombe.
Nicolas de Chamfort, Massime e pensieri, 1795/1953 (postumo)

Prima di ispirare emozione, devi esserne inondato tu stesso. Prima di muovere alla commozione, devono scendere le tue stesse lacrime. Per convincerli, devi prima crederci tu stesso.
Winston Churchill (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Non basta commuoversi, bisogna muoversi.
Luigi Ciotti, intervista, su la repubblica, 2013

Nell'età delle commozioni il cuore non basta a reggere la spinta del sangue. Il mondo intorno è poco rispetto alla grandezza che si allarga in petto. 
Erri De Luca, Il giorno prima della felicità, 2009 

Più che le sciagure nazionali ciò che commuove l'italiano è la retorica che sulle medesime si fa.
Roberto Gervaso, Il grillo parlante, 1983

Per commuovere bisogna commuoversi.
Roberto Gervaso, Il grillo parlante, 1983

Non le grandi e singolari catastrofi del mondo, le alluvioni che portan via i vostri villaggi, i terremoti che inghiottono le vostre città, mi commuovono; ciò che mi stringe il cuore è la forza distruttrice riposta nell'essenza stessa della natura; la quale non ha mai creato cosa alcuna che non sia destinata a distruggere il prossimo, a distruggere se stessa.
Johann Wolfgang Goethe, I dolori del giovane Werther, 1774

I poeti hanno dentro di sé un riflettore, l’osservazione; e un condensatore, la commozione. Di qui derivano quei grandi fasci luminosi che escono dal loro cervello e fiammeggiano sulla tenebrosa muraglia umana.
Victor Hugo, William Shakespeare, 1864

Sono un sensibile. Mi commuovo anche per i moscerini schiacciati sul parabrezza delle automobili. 
Enzo Iacchetti (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Con il «cosa significa?» si rimprovera al poeta di non aver saputo commuovere. Rimprovero, fra tutti, grave.
Max Jacob, Consigli a un giovane poeta, 1922

Commozione non è conoscenza ma fonte di intuizione, che fornisce il materiale indispensabile per la conoscenza.
Karl Jaspers, Psicopatologia generale, 1913/59

Quanto ci commuove in una persona ci fa ridere di un’altra.
Roger Judrin, Parole abitate, 1985

Quanti coccodrilli, che fingono di lamentarsi per divorare chi si lascia commuovere dal loro lamento! 
François de La Rochefoucauld, Massime, 1678

Bada di non farti prendere alla gola dalla commozione altrui.
Stanisław Jerzy Lec, Pensieri spettinati, 1957

Non c’è forse persona tanto indifferente per te, la quale salutandoti nel partire per qualunque luogo, o lasciarti in qualsivoglia maniera, e dicendoti, non ci rivedremo mai più, per poco d’anima che tu abbia, non ti commuova, non ti produca una sensazione più o meno trista. L’orrore e il timore che l’uomo ha, per una parte, del nulla, per l’altra, dell’eterno, si manifesta da per tutto, e quel mai più non si può udire senza un certo senso.
Giacomo Leopardi, Zibaldone, 1817/32 (postumo 1898/1900)

Un caso pietoso commuove, due anche, tre deprimono, dieci amareggiano, cento scocciano, mille rallegrano gli scampati.
Marcello Marchesi, Diario futile di un signore di mezza età, 1963

Un’espressione convenzionale di condoglianza infastidisce: un cenno uno sguardo una parola che attestino da parte nostra anche un attimo solo di attenzione al dolore altrui, commuovono e non si dimenticano.
Guido Morselli, Diario, 1938/73 (postumo 1988)

La più comune delle parole il gesto più semplice, quando crediamo di sentirvi comprensione e rispondenza allo stato d’animo che ci occupa tutti, possono, anche all'insaputa della persona donde provengono, destare in noi un’eco illimitata di commozione e di gratitudine. Possono in un determinato momento e in determinate nostre condizioni (di sofferenza, soprattutto) produrre un effetto spirituale straordinariamente profondo e benefico.
Guido Morselli, Diario, 1938/73 (postumo 1988)

La vista dei luoghi della nostra infanzia ci commuove : la casa col giardino, la chiesa con le tombe, lo stagno e il bosco - queste cose noi le rivediamo sempre da sofferenti. Ci afferra la compassione per noi stessi, perché da allora, cosa mai non abbiamo patito! E qui ogni cosa è ancora così ferma, così eterna: solo noi siamo così diversi, così agitati.
Friedrich Nietzsche, Umano troppo umano, 1878

Da che nascono le improvvise passioni di un uomo per una donna, le passioni profonde, interiori? In minima parte dalla sola sensualità: ma quando un uomo trova insieme in un essere debolezza, bisogno d’aiuto e nel contempo alterigia, accade in lui qualcosa, come se la sua anima volesse straripare: è nello stesso momento commosso e offeso. Qui sgorga la fonte del grande amore.
Friedrich Nietzsche, Umano, troppo umano II, 1879/80

Attenzione. I giovani letterati ricominciano a parlare di sentimento. Vogliono essere commossi, poverini, per commuoverci. Chi per scrivere ha bisogno di sentirsi sotto una commozione, fa pensare all'uomo bastonato dalla donna. Tutto sarà, fuorché maschio.
Ugo Ojetti, Sessanta, 1937

L'inizio di ogni bella e grande avventura [...] penso sia sempre segnato da una commozione alla quale si dice "sì".
Ernesto Olivero, su 30Giorni, 2004

Lo stupore è la molla di ogni scoperta. Infatti, esso è commozione davanti all'irrazionale.
Cesare Pavese, Il mestiere di vivere, 1935/50 (postumo 1952)

Si è tanto parlato, descritto, divulgato l'allarme sulla nostra vita, sul nostro mondo, sulla nostra cultura, che vedere il sole, le nuvole, uscire in strada e trovare dell'erba, dei sassi, dei cani, commuove come una grande grazia, come un dono di Dio, come un sogno.
Cesare Pavese, Il mestiere di vivere, 1935/50 (postumo 1952)

È sempre con esagerata commozione che abbandono qualcosa.
Fernando Pessoa, Il libro dell'inquietudine, 1982 (postumo)

La commozione si impadronisce di grandi folle quando non costa nulla, non implica responsabilità ed è priva di conseguenze. La morte di una celebrità è impersonale e simbolica, la gente si accalca dietro le transenne e i cordoni militari e può gettar fiori e versare lacrime alla vista del corteo senza altri problemi. Non sono lacrime amare ma consolanti. Poi ci si sente leggeri come alla fine di un convito in una domenica di primavera.
Luigi Pintor, Il nespolo, 2001

Scrivere: il solo modo di commuovere gli altri senza essere turbato da un volto.
Jean Rostand, Pensieri di un biologo, 1954

Gli oggetti son cose che non dovrebbero commuovere, poiché non sono vive. Ci se ne serve, li si rimette a posto, si vive in mezzo ad essi: sono utili, niente di più. E a me, mi commuovono, è insopportabile. Ho paura di venire in contatto con essi proprio come se fossero bestie vive.
Jean-Paul Sartre, La nausea, 1938 

Guardati dalle persone modeste: non immagini con quale commosso orgoglio coltivano le loro debolezze. 
Arthur Schnitzler, Il libro dei motti e delle riflessioni, 1927

L'uomo che non ha alcuna musica dentro di sé, che non si sente commuovere dall'armonia di dolci suoni, è nato per il tradimento, per gli inganni, per le rapine. I moti del suo animo sono foschi come la notte, i suoi appetiti neri come l'Erebo. Non vi fidate di un uomo siffatto.
William Shakespeare, Il mercante di Venezia, 1594/97

Mi avviene talora di trovare una data, un nome o un pensiero, o inciso su corteccia di albero, o scritto su parete o su margine di libro, come troverei una croce o una lapide che mi additasse una solitaria sepoltura, ma con una commozione più dolce e più confortante.
Iginio Ugo Tarchetti, Pensieri, 1869

Gli uomini prima sentono senz'avvertire; dappoi avvertono con animo perturbato e commosso; finalmente riflettono con mente pura.
Giambattista Vico, Degnità della Scienza nuova, 1725/44

Amo chi sa commuoversi di fronte al sole che tramonta, alla fragilità di un anziano, alla bellezza di un fiore che sboccia, alla sincerità di un sorriso.
Anonimo

Le lacrime commuovono più delle parole.
Proverbio

Note
Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Pianto - Lacrime - Pietà - Compassione

Nessun commento: