Gridare - Aforismi, frasi e citazioni sul Grido

Raccolta di aforismi, frasi e citazioni sul gridare e lo sbraitare, cioè parlare con voce molto alta e concitata. Come nota  Francesco Burdin: "Per innumerevoli millenni gli uomini furono muti: il grido, il riso, il pianto, pochi e rozzi suoni articolati dalle corde vocali erano la loro intera capacità espressiva". [Un milione di giorni, 2001].
Su Aforismario trovi altre raccolte di citazioni correlate a questa sull'urlare, la voce, la discussione e la polemica.
Se hai ragione non hai bisogno di gridare. (Detto Zen)
1. Gridare 
© Aforismario

La precedenza va sempre a chi grida più forte.
Arthur Bloch, Legge di Swipple sull'ordine, La legge di Murphy, 1977

Grido, è vero, ma a fior di labbro.
Gesualdo Bufalino, Il malpensante, 1987

Come i bambini hanno bisogno di piangere e di gridare, così io sono giunto all'età in cui si prova il bisogno di sorridere e di tacere.
Francesco Burdin, Un milione di giorni, 2001

Chi grida "Al lupo! Al lupo!" di mestiere che altro mestiere può fare se non il lupo? 
Aldo Busi, E io, che ho le rose fiorite anche d'inverno?, 2004

Cultura: grido degli uomini in faccia al loro destino.
[Culture: cri des hommes devant leur destin].
Albert Camus, Taccuini, 1935/59 (postumo 1962/89)

Avete taciuto abbastanza. È ora di finirla di stare zitti! Gridate con centomila lingue. Io vedo che a forza di silenzio il mondo è marcito.
Caterina da Siena, XIV sec. (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Al dolore rispondo con le grida e con le lacrime, alle bassezze con lo sdegno, alle turpitudini con la nausea. In questo consiste la vita.
Anton Čechov, La corsia n°6, 1892.

La cosa più saggia del mondo è gridare prima del danno. Gridare dopo che il danno è avvenuto non serve a nulla, specie se il danno è una ferita mortale. 
Gilbert Keith Chesterton, Eugenetica e altri malanni, 1922

Promossi al rango di incurabili, siamo materia dolente, carne urlante, ossa rose da grida, e i nostri stessi silenzi non sono che lamenti strozzati.
Emil Cioran, La caduta nel tempo, 1964 

L'uomo che si trattiene, che si domina in ogni occasione, l'uomo «distinto» insomma, è virtualmente uno squilibrato. E tale è anche chiunque «soffra in silenzio». Se teniamo a un minimo di equilibrio, torniamo dunque al grido, non perdiamo nessuna occasione di sfruttarlo e di proclamarne l'urgenza.
Emil Cioran, La caduta nel tempo, 1964

Ogni volta che penso all'essenziale, credo di intravederlo nel silenzio o nell'esplosione, nello stupore o nel grido. Mai nella parola.
Emil Cioran, L'inconveniente di essere nati, 1973

Ogni essere emerge da non si sa dove, lancia il suo piccolo grido e scompare senza lasciare traccia.
Emil Cioran, Quaderni, 1957/72 (postumo 1997)

Come siamo disgraziati noialtri poveri ragazzi! Tutti ci sgridano, tutti ci ammoniscono, tutti ci dànno consigli. A lasciarli dire, tutti si metterebbero in capo di essere i nostri babbi e i nostri maestri.
Carlo Collodi, Le avventure di Pinocchio, 1881

Gridarsi dentro per non farsi sentire e accorgersi poi che le vibrazioni del nostro corpo arrivano agli altri anche senza suono.
Antonello D'Onofrio (Aforismi inediti su Aforismario)

Non fate domande. La miglior cosa in queste occasioni e di fare quel che fa la massa. − Ma supposto che ve ne siano due delle masse? [...] Bisogna gridare con la più numerosa.
Charles Dickens, Il Circolo Pickwick, 1837

Mi guardava con occhi rossi e grandissimi, e pronunciava le parole aprendo molto la bocca, gridandomele senza gridare, con le narici dilatate, nerissime, e in faccia una tale sofferenza che pensai forse si sta facendo male dentro, perché le frasi, gridate così nella gola, in petto, ma senza esplodere nell'aria, sono come pezzi di ferro tagliente che gli stanno ferendo i polmoni e la faringe.
Elena Ferrante, Storia del nuovo cognome, 2012

Alza pure la voce quando stai discutendo e hai ragione tu. Anche chi ha torto, solitamente grida. E non vale la pena di compromettere il proprio vantaggio per una questione di buone maniere.
Joan Fuster, Giudizi finali, 1960/68

L'ira è un modo di riaffermare se stessi e il proprio mondo dei valori. Eppure, chissà perché una donna arrabbiata è un'"arpia", una "megera", una "strega", una "bisbetica", un'"isterica", chissà perché non "grida" o "urla", ma piuttosto "strilla" o "sbraita", e se risponde a chi la provoca è "petulante", mentre l'uomo quando si adira è "per una causa giusta", perché "non si fa mettere sotto", perché "ha le palle". Cos'è questa diversa percezione dell'ira al maschile o al femminile se non la prosecuzione dello stereotipo secondo cui la donna deve essere in ogni situazione dolce, accomodante, indulgente, in una parola "sottomessa"?
Umberto Galimberti, I vizi capitali e i nuovi vizi, 2003

Due donne, che gridano, sono come due porte aperte, dalle quali entra furiosamente il vento; basta chiuderne una, perché il vento si moderi.
Carlo Goldoni, La famiglia dell'antiquario (ossia La suocera e la nuora), 1749

Ci sono fortune che gridano "Imbecille!" all'uomo onesto.
Edmond e Jules de Goncourt, Diario, 1851-96 (postumo, 1956)

I nemici della libertà non discutono; gridano e sparano.
[The enemies of freedom do not argue; they shout and they shoot].
William Ralph Inge (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Il corpo grida quello che la bocca tace.
Alejandro Jodorowsky (attribuzione incerta - fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

C'è un momento nella vita in cui gridare è il solo dovere: come San Giovanni nel deserto!
Giorgio La Pira, Lettera ad Amintore Fanfani, 1953 

Il grido del povero sale fino a Dio, ma non arriva alle orecchie dell'uomo.
Hugues Lamennais (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Un visitatore venuto dall'Occidente mi raccontava dell'ingiustizia che grida vendetta del suo Paese. Abbiamo parlato di queste faccende fino a tarda notte. Quando se n'è andato, un diavolo dentro di me ha detto: "Se l'ingiustizia può gridare, va già bene."
Stanisław Jerzy Lec, Pensieri spettinati, 1957

La gente è sorda a ciò che in te grida più forte!
Stanisław Jerzy Lec, Nuovi pensieri spettinati, 1964

Il gridare ha un potente effetto catartico sulla personalità. [...] Il grido è come un'esplosione all'interno della personalità, che distrugge temporaneamente la rigidità creata dalla tensione muscolare cronica e mina alla base le difese dell'io, quelle del primo strato. Il pianto e i singhiozzi profondi producono un effetto simile, ammorbidendo e sciogliendo le rigidità del corpo.
Alexander Lowen, Bioenergetica, 1975

Grida e tutti ti sentono. Sussurra e solo chi ti è vicino capisce quello che dici. Taci e solo il tuo amico migliore sa ciò che vuoi dire.
Linda MacFarlane (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Nel mondo delle prove razionali dell'esistenza di Dio ogni evento deve avere una ragione sufficiente, nel mondo della vita reale, invece, molte cose presentano una ragione completamente insufficiente, non sono spiegabili in base a nulla, ammettono solo un volto come quello del grido di Munch.
Vito Mancuso, Io e Dio, 2011

Supertimido. Affogò perché si vergognava a gridare aiuto.
Marcello Marchesi, Essere o benessere?, 1962

Anche un uomo tornava al suo nido:/ l’uccisero: disse: Perdono;/ e restò negli aperti occhi un grido/ portava due bambole in dono...
Giovanni Pascoli, X Agosto, Myricae, 1891-1903

Vendicarsi di un torto ricevuto è togliersi il conforto di gridare all'ingiustizia.
Cesare Pavese, Il mestiere di vivere, 1935/50 (postumo 1952)

Chi soffre è sempre in stato d'attesa - attesa del sussulto e attesa del nuovo sussulto. Viene il momento che si preferisce la crisi dell'urlo alla sua attesa. Viene il mo|mento che si grida senza necessità, pur di rompere la corrente del tempo, pur di sentire che accade qualcosa, che la durata eterna del dolore bestiale si è un istante interrotta - sia pure per intensificarsi.
Cesare Pavese, Il mestiere di vivere, 1935/50 (postumo 1952)

Quando uno urla, l'altro deve starlo a sentire, perché se si grida in due non esiste comunicazione ma solo rumore e travaso di bile.
Jan Peerce (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Sono abitata da un grido. / Di notte esce svolazzando / in cerca, con i suoi uncini, di qualcosa da amare. / Mi terrorizza questa cosa scura / che dorme in me; / tutto il giorno ne sento il tacito rivoltarsi piumato, / la malignità.
Sylvia Plath, Poesie, XX sec.

Sapete che ci sono quelle maschere per l'ossigeno sugli aerei? Non penso che ci sia davvero dell'ossigeno. Credo che servano per attutire le grida.
Rita Rudner (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Dio è il silenzio dell'universo e l'uomo il grido che dà senso a questo silenzio.
José Saramago, Quaderni di Lanzarote, 1994

È giusto ma duro che per tutta la vita dobbiamo quotidianamente sentir gridare tanti bambini, in cambio del fatto che anche noi abbiamo gridato per un paio d'anni.
Arthur Schopenhauer, Scritti postumi, 1804/60 (postumo 1966/75)

Il grido. Sta all'inizio della vita dell'uomo sulla terra. Il grido di caccia, di guerra, d'amore, di terrore, di gioia, di dolore, di morte. Ma anche gli animali gridano; e per l'uomo primitivo grida anche il vento e la terra, la nube e il mare, l'albero, la pietra, il fiume. Ma solo l'uomo si raccoglie attorno al proprio grido, in assenza degli eventi che l'hanno provocato.
Emanuele Severino, Il parricidio mancato, 1985

Ci sono due gridi nell'uomo: il grido dell'angelo e quello della bestia. Il grido dell'angelo è la preghiera, il grido della bestia è il peccato.
Jean-Baptiste Vianney (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Quando una fanciulla vergine è fidanzata e un uomo, trovandola in città, pecca con lei, condurrete tutti e due alla porta di quella città e li lapiderete così che muoiano: la fanciulla, perché essendo in città non ha gridato, e l’uomo perché ha disonorato la donna del suo prossimo. 
Deuteronomio, Antico Testamento, VI-V sec a.e.c.

Se sei felice non gridare troppo: la tristezza ha il sonno leggero.
Anonimo

Se hai ragione non hai bisogno di gridare. 
Detto Zen

2. Sbraitare  
© Aforismario

Credo che migliorerò invecchiando. Ecco, sapete, credo che sarò il tipo virilmente calvo, sapete, come dire l'esatto contrario dell'argentato distinto, per esempio... Ecco, e se no nessuno dei due, e divento uno di quelli che spandono i filini di bava dalla bocca e che vagano per i mercatini con la borsa della spesa, sbraitando contro il socialismo.
Woody Allen, Io e Annie, 1977

Ovunque tutti sbraitano dignità, rappresentanza, ma le loro menti e le loro anime sono fango e merda, e come si fa a dare dignità alla merda?
Charles Bukowski, Birra, fagioli, crackers e sigarette, 1995/99 (postumo)

Quando tra due interlocutori uno sbraita, si agita e gesticola in continuazione, mentre l’altro mantiene modi fermi e toni pacati, la ragione starà senz’altro dalla parte di quest’ultimo. Sempre. Anche se non ce l’ha.
Giovanni Soriano, Malomondo, 2013

Coloro che si muovono nella tensione e il turbinio della vita reale, il rumoroso politico, lo sbraitante riformatore sociale o l’ottuso prete accecato dalle sofferenze di quella insignificante parte della comunità che gli è capitata in sorte, possono seriamente pretendere di formulare un giudizio intellettuale disinteressato su una cosa qualsiasi?
Oscar Wilde, Il critico come artista, 1889

Proverbi sul Gridare
  • Chi grida ha torto.
  • Chi ha meno ragione grida più forte.
  • Chi più grida più è creduto.
  • Gridare "al fuoco" non aiuta a spegnere l’incendio.
  • La ragione ce l’ha chi grida più forte.
  • Quando la donna grida il diavolo scodinzola.
  • Quando si grida al lupo è tardi.
Note
Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Urlare - Voce - Discussione - Polemica

Nessun commento: