Condannati - Aforismi, frasi e citazioni

Raccolta di aforismi, frasi e citazioni sui condannati e sul condannato a morte. Su Aforismario trovi altre raccolte di citazioni correlate a questa sulla condanna, i detenuti, i colpevoli e la pena di morte.
Nessun pensiero è tanto profondo quanto lo sguardo del
condannalo a morte che fuma l'ultima sigaretta. (Pierre Drieu La Rochelle)
Condannati
© Aforismario

Dio è vicino a ciò che è piccolo, ama ciò che è spezzato. Quando gli uomini dicono: «perduto», egli dice: «trovato»; quando dicono «condannato», egli dice: «salvato»; quando dicono: «abietto», Dio esclama: «beato!».
Dietrich Bonhoeffer, Memoria e fedeltà, 1995 (postumo)

Il contrario del suicida è il condannato a morte.
Albert Camus, Il mito di Sisifo, 1942

Il senso d'impotenza e di solitudine del condannato incatenato, di fronte alla coalizione pubblica che vuole la sua morte, è già di per sé una punizione inconcepibile. 
Albert Camus, Riflessioni sulla pena di morte, 1957

Quando i nostri giuristi ufficiali parlano di far morire senza far soffrire, non sanno quel che dicono, e soprattutto mancano d'immaginazione. La paura devastatrice, degradante che s'impone al condannato per mesi o per anni, è una pena più atroce della morte, e che non è stata imposta alla vittima.
Albert Camus, Riflessioni sulla pena di morte, 1957

Il condannato sa con un grande anticipo che verrà ucciso, e che soltanto la grazia, simile per lui ai decreti divini, potrà salvarlo. In ogni caso non può intervenire, né difendere se stesso, e neppure convincere. Tutto avviene al di fuori di lui. Non è più un uomo, è una cosa che attende di essere manipolata dai carnefici.
Albert Camus, Riflessioni sulla pena di morte, 1957

I parenti del condannato conoscono un'infelicità estrema che li punisce al di là di qualsiasi giustizia. L'attesa di una madre, di un padre, per lunghi mesi; il parlatorio, le false conversazioni con cui si riempiono i brevi istanti trascorsi con il condannato, e per finire le immagini dell'esecuzione, sono delle torture che non vengono imposte ai congiunti della vittima.
Albert Camus, Riflessioni sulla pena di morte, 1957

Il tatuaggio era il segno dell'uomo in carcere, l'arte lugubre dei reclusi e dei condannati. Che sia diventato arte e fenomeno di massa senza distinzioni può indicare questo: che la carcerazione perpetua è ormai una condizione stabile, che non ci sono più differenze tra la prigione, la via di fuori, la casa. Gioventù tatuata è gioventù che si vuole ammanettata, che ha terrore essere libera.
Guido Ceronetti, Insetti senza frontiere, 2009

Né abbastanza infelice per essere poeta, né abbastanza indifferente per essere filosofo, io sono soltanto lucido, abbastanza però per essere condannato.
Emil Cioran, Lacrime e santi, 1937/86

Le ore non volevano scorrere. Il giorno sembrava lontano, inconcepibile. In realtà non era il giorno che aspettavo, ma l'oblio di quel tempo caparbio che rifiutava di avanzare. Beato, mi dicevo, il condannato a morte che, alla vigilia dell'esecuzione, è almeno sicuro di passare una buona notte!
Emil Cioran, L'inconveniente di essere nati, 1973

Tutti sono condannati, eppure tutti vanno avanti. In questo paradosso sta tutta la bellezza, tutta la giustificazione del mondo.
Emil Cioran, Quaderni, 1957/72 (postumo 1997)

Spesso mi capita di pensare, durante una cena, in mezzo alla folla, a un concerto, in un giardino: «Tutta questa gente è condannata a morire, non ha scampo». E questa ovvietà, a seconda dell'umore del momento, mi dà sollievo o mi prostra.
Emil Cioran, Quaderni, 1957/72 (postumo 1997)

Sei stato condannato alla pena di vivere. La domanda di grazia, respinta.
Ennio Flaiano, Autobiografia del blu di Prussia, 1974 (postumo)

L'uomo è un condannato a morte che ha la fortuna d'ignorare la data della propria esecuzione.
Roberto Gervaso, Il grillo parlante, 1983

Lo zoo è una prigione per animali che sono stati condannati senza processo.
Russell Hoban (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Un colpevole punito è un esempio per la canaglia; un innocente condannato è cosa che riguarda tutti gli uomini onesti.
Jean de La Bruyère, I caratteri, 1688

Privilegi che il privilegiato ignora esser condanne. Condanne che il condannato mai saprà esser privilegi.
Nunzio La Fauci, Questo quasi nulla, 2008

Talvolta i condannati al supplizio ostentano una costanza e un disprezzo della morte che in realtà è soltanto il timore di affrontarla. Dimodoché si può dire che questa costanza e questo disprezzo sono per la loro mente ciò che la benda è per i loro occhi.
François de La Rochefoucauld, Massime, 1678

Nessun pensiero è tanto profondo quanto lo sguardo del condannalo a morte che fuma l'ultima sigaretta.
Pierre Drieu La Rochelle, XX sec. (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)
Se un innocente viene condannato è colpa sua:
avrebbe dovuto commettere qualche delitto. (Gabriel Laub)
Se un innocente viene condannato è colpa sua: avrebbe dovuto commettere qualche delitto.
Gabriel Laub, XX sec. (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

L'uomo e uno strano essere. Condannato ai lavori forzati in una cava di pietre, già si sceglie il blocco di granito per il proprio monumento.
Stanisław Jerzy Lec, Pensieri spettinati, 1957

Il condannato non e mai all'altezza della forca.
Stanisław Jerzy Lec, ibidem

L'eterno sogno del boia: i complimenti del condannato per la qualità dell'esecuzione.
Stanisław Jerzy Lec, Pensieri spettinati, 1957

La condanna a morte è una pena infamante? Sì, per chi la emette.
Stanisław Jerzy Lec, Nuovi pensieri spettinati, 1964

Lottando contro il destino ci si avvolge solo più profondamente nelle sue spire. Come un animale preso in una rete, più uno lotta più si lega strettamente. Questo significa che siamo condannati? Siamo condannati solo se lottiamo contro noi stessi. La spinta principale data dalla terapia è l'aiuto a smettere di lottare contro se stessi.
Alexander Lowen, Paura di vivere, 1980

Tutti noi viventi siamo condannati a morte, dei condannati a morte chiamati alla vita da un cieco caso, vagolanti in un universo buio e indifferente. 
Sándor Márai, Terra, Terra!, 1972 

Da questa avventura della vita nessuno di noi uscirà vivo. Alla nascita non c'è rimedio: sin dalla culla siamo dei condannati a morte in un Paese ove l'istituto della grazia è sconosciuto.
Vittorio Messori, Scommessa sulla morte, 1982

Le innaturali concentrazioni metropolitane non colmano alcun vuoto, anzi lo accentuano. L'uomo che vive in gabbie di cemento, in affollatissime arnie, in asfittiche caserme è un uomo condannato alla solitudine.
Eugenio Montale, Trentadue variazioni, 1973

Nessuno si è mai tolto volontariamente la vita. Il suicidio è una condanna a morte della cui esecuzione il giudice incarica il condannato.
Guido Morselli, Diario, 1988 (postumo)

Ogni virtù ha dei privilegi : per esempio questo, di portare la propria fascina al rogo del condannato.
Friedrich Nietzsche, Umano troppo umano, 1878

Il pessimismo cosmico è una dottrina di consolazione. Molto peggio sta chi credendo all'ambivalenza dell'ordine esistente, riconosce se stesso per inadatto, quindi per condannato a soffrire.
Cesare Pavese, Il mestiere di vivere, 1935/50 (postumo 1952)

Nel momento in cui il condannato ha la testa infilata nella ghigliottina, ci dovrebbe essere un silenzio prima che la lama cada. Una guardia repubblicana dovrebbe uscire dai ranghi e consegnare al carnefice una busta. Il carnefice dovrebbe dire al condannato: «È la tua grazia!» e nel medesimo momento dovrebbe far cadere la lama. Il condannato morirebbe così pienamente felice.
Jules Renard, Diario, 1887/1910 (postumo, 1925/27)

I bambini possono sembrare talvolta delinquenti innocenti che sono stati condannati non alla morte ma alla vita, senza tuttavia aver ancora appreso il contenuto del loro verdetto.
Arthur Schopenhauer, Parerga e paralipomena, 1851

Damnati lingua vocem habet, vim non habet.
[La lingua del condannato ha voce ma non ha forza]
Publilio Siro, Sentenze, I sec. a.e.c.

Malus quicumque in poena est, praesidium est bonis.
[Ogni malvagio condannato è una salvaguardia per i buoni]
Publilio Siro, Sentenze, I sec. a.e.c.

Miseria, fame, schiavitù, malattia, disabilità, segregazione, guerra, violenza, oppressione… Fatta eccezione per una piccola percentuale di privilegiati, la maggior parte dell’umanità, vista dall’alto, somiglia a una sterminata massa di condannati la cui pena è la vita stessa, e la cui unica speranza di vederla estinta si trova nella morte. Eppure, a uno sguardo un po’ piú ravvicinato, ci si accorge con stupore che i detenuti di quest’immensa colonia penale non sentono la loro condizione cosí gravemente come si potrebbe immaginare, e ciò, forse, per due motivi molto semplici: la grande capacità di adattamento umano alle condizioni di vita piú impensabili, e la provvidenziale difficoltà, per chi nasce in una prigione, di riuscire a rendersi bene conto dell’orrore di trovarcisi.
Giovanni Soriano, Malomondo, 2013

Pensa all'atrocità che commetti sprecando un bene unico e limitato come la vita. Pensa ai condannati a morte, ai malati terminali negli ospedali, a quelli che agonizzano perché non mangiano o bevono da giorni. Pagherebbero tutto ciò che hanno per vivere appieno un giorno della tua vita, un'ora, e probabilmente anche un solo minuto. Darebbero ogni cosa per avere le tue occasioni, il tuo tempo, le tue opportunità.
Yamada Takumi, Aforismario anticrisi, 2012

Pochi vengono condannati a morte e tutti, uomini e animali, siamo condannati alla vita.
Anacleto Verrecchia, Diario del Gran Paradiso, 1997

Tutti noi siamo condannati a vita a un solitario confino all'interno della nostra pelle.
Tennessee Williams (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Note
Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Condanna - Colpevoli e Innocenti - Detenuti e Carcerati - Pena di Morte

Nessun commento: