Ghigliottina - Aforismi, frasi e citazioni

Raccolta di aforismi, frasi e citazioni sulla ghigliottina. Secondo la fredda definizione che si può leggere sul Vocabolario Treccani, la ghigliottina è una "macchina per le esecuzioni capitali per reati comuni, consistente in due travi verticali scanalate, unite in cima da una terza trasversale cui è assicurata una pesante mannaia, la quale, una volta liberata, scorrendo fulmineamente tra le scanalature, spicca dal busto la testa del condannato steso bocconi col collo preso tra due assi sagomate".
Ecco una descrizione della ghigliottina redatta da Victor Hugo: "A prima vista quella sagoma risvegliava l'idea di un oggetto inutile. Si trovava là fra le eriche in fiore. Ci si domandava a che cosa sarebbe potuto servire. Poi si sentiva un brivido. Era una specie di impalcatura poggiata su quattro pali. A un capo due travi alte erano riunite nella cima da una traversa e tenevano sospeso un triangolo che si stagliava nero contro l'azzurro del mattino. All'altro capo vi era una scala. Tra le due travi al di sotto del triangolo si distingueva una specie di pannello composto di due sezioni mobili che, appoggiandosi una sull'altra, offrivano allo sguardo un foro rotondo della dimensione approssimativa del collo di una persona. La sezione superiore del pannello scorreva lungo una scannellatura in modo da potersi sollevare ed abbassare. Per il momento le due mezze lune che unendosi formavano una specie di collare erano separate. Ai piedi delle due travi che sostenevano il triangolo un'asse poteva girare intorno ad un perno in modo da disporsi orizzontalmente. Accanto a quest'asse vi era un lungo cesto e fra le due travi all'estremità dell'impalcatura un paniere quadro. Il tutto era tinto di rosso. L'insieme era di legno eccetto il triangolo che era di ferro. Si capiva che era opera di uomini, tanto era cosa brutta, meschina e piccola; ma avrebbe meritato di esser portato là da genii tanto era formidabile. Quella costruzione difforme era la ghigliottina. [Novantatré, 1874].
Il termine "ghigliottina" deriva dal nome del medico e politico francese Joseph-Ignace Guillotin (1738-1814), che seppure non la progetto né la realizzò personalmente, ne propose l’adozione all'Assemblea nazionale francese. Secondo le sue stesse parole: "Con la mia macchina, vi faccio saltare la testa in un batter d'occhio, e voi non soffrite. [...] La lama cade, la testa è tagliata in un batter d'occhio, l'uomo non è più. Appena percepisce un rapido soffio d'aria fresca sulla nuca". [Giornale degli Stati Generali, 1789].
La ghigliottina fu usata sin dal  XVI secolo, ma ebbe una larga diffusione durante la rivoluzione francese, ed è rimasta in uso in Francia fino al 1981, anno in cui è stata abolita la pena di morte.
Su Aforismario trovi altre raccolte di citazioni correlate a questa sulla pena di morte, l'impiccagione, il rogo e la condanna .
Ghigliottina: piccola finestra che affaccia sull'eternità. (Adrien Decourcelle)
Ghigliottina
© Aforismario

I rivoluzionari francesi hanno perfezionato il metodo della inquisizione: per eliminare le idee erronee, il metodo più semplice è quello di tagliare le teste che le contengono. La ghigliottina posta sulle piazze di Francia è lo strumento del progresso della ragione. Per ogni testa che cade muore una vecchia idea, e si crea lo spazio per una nuova. Le teste al posto dei sillogismi.
Francesco Alberoni, Valori, 1993

Coloro che sono contrari alla pena di morte, ghigliottinerebbero volentieri quelli che alla pena di morte sono favorevoli.
René Barjavel (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Il miglior dopobarba è la ghigliottina.
Romano Bertola, Le caramelle del diavolo, 1991

Ghigliottina. Marchingegno che dà a un francese ottime ragioni per scrollare le spalle.
Ambrose Bierce, Dizionario del diavolo, 1911

La nascita è una ghigliottina.
[La naissance est une guillotine].
Maurice Blanchard, Débuter après la mort, 1977

Il comunismo è l'oppio degli intellettuali; privo di cura allo stesso modo in cui una ghigliottina può essere detta una cura per la forfora.
Clare Boothe Luce, su Newsweek, 1955

Preferisco essere ghigliottinato, che far ghigliottinare.
Georg Büchner, La morte di Danton, 1835

Tutte le statistiche senza eccezione, quelle riguardanti i paesi abolizionisti oppure gli altri, dimostrano che non esiste rapporto tra l'abolizione della pena di morte e la criminalità. Quest'ultima non aumenta né regredisce. La ghigliottina esiste, come esiste il delitto; tra di essi non c'è altro vincolo apparente all'infuori della legge.
Albert Camus, Riflessioni sulla pena di morte, 1957

Oggi fatichiamo a comprendere come i giacobini abbiano potuto vedere nella ghigliottina lo strumento di una giustizia democratica ed esemplare – perché di questo si tratta. A noi sembra lo strumento di una giustizia arcaica, lontana nel tempo, un congegno ormai aggredito dalla ruggine che fatalmente i secoli incrostano sugli oggetti
Antonio Castronuovo, La vedova allegra, 2009

La ghigliottina meccanizza la morte impedendo ogni variazione dovuta all'agente umano: vittima e macchina diventano tutt'uno, si integrano. L'effetto di uguaglianza è ottenuto ed essa si rivela pertanto un vero oggetto di civilizzazione, il prodotto concepito dalla società filosofica di fine Settecento per fare meglio e più dolcemente volare le teste.
Antonio Castronuovo, La vedova allegra, 2009

La più radicale uguaglianza stabilita dalla ghigliottina fu la parità davanti al boia.
Antonio Castronuovo, ibidem

Sopprimendo torture e supplizi, la ghigliottina accorda al condannato una morte dolce, perché rapida e indolore. Il giustiziato non ha nemmeno il tempo di pensare: la sensazione che egli prova è qualcosa di assolutamente imponderabile. La sua sola angoscia è quella che si manifesta prima dell'esecuzione.
Antonio Castronuovo, La vedova allegra, 2009

«Signore, mi scusi, non l'ho fatto apposta!» (Maria Antonietta al boia, per avergli pestato involontariamente un piede, sul patibolo). Cortesia e Ghigliottina: questi sono incontri significativi! Le scuse per il piede son un segno squisito di superiorità, l'ultimo di una regina.
Guido Ceronetti, Il silenzio del corpo, 1979

Le mie preferenze: l'età delle Caverne e il secolo dei Lumi. Però non dimentico che le grotte sono andate a sfociare nella Storia, e i salotti nella Ghigliottina.
Emil Cioran, Il funesto demiurgo, 1969

Ciò che guasta ai miei occhi la Rivoluzione francese è che tutto ha luogo su un palcoscenico, che i promotori sono attori nati, che la ghigliottina è solo un fondale. La storia di Francia, nel suo complesso, sembra una storia su ordinazione, una storia recitata: tutto è perfetto dal punto di vista teatrale. è una rappresentazione, una serie di gesti e di eventi ai quali, più che subirli, si assiste, uno spettacolo di dieci secoli. Da qui l'impressione di frivolezza che dà persino il Terrore, visto da
lontano.
Emil Cioran, L'inconveniente di essere nati, 1973

Cimitero di Picpus. Un giovane e una signora sfiorita. Il custode spiega che il cimitero è riservato ai discendenti di ghigliottinati. La signora interviene: «Noi lo siamo!». Con che aria! Dopotutto, può darsi che dicesse il vero. Ma quel tono provocatorio mi ha spinto subito dalla parte del boia.
Emil Cioran, Confessioni e anatemi, 1987

Un giorno un nobile francese, condannato alla ghigliottina, salendo sul patibolo inciampò sul primo gradino, dopodiché chiese al boia: "È vero che inciampare sul primo gradino porta male?".
Luciano De Crescenzo, I pensieri di Bellavista, 2005

Ghigliottina: piccola finestra che affaccia sull'eternità.
[Guillotine : petite lucarne donnant sur l'éternité].
Adrien Decourcelle, Le formule del dottor Gregorio, 1868

Forse la sofferenza principale e più terribile non è quella causata dai tormenti, bensì dal fatto che tu sai con sicurezza che, ecco, tra un'ora, poi tra dieci minuti, poi tra mezzo minuto e infine proprio ora, in questo stesso istante, l'anima volerà via e tu non esisterai più come uomo, e che tutto questo è sicuro; anzi, il peggio è che è sicuro. Ecco, quando appoggi la testa sotto quel coltello e lo senti scivolare sopra il tuo capo, ecco, proprio quel quarto di secondo dev'essere la cosa più terribile.
Fëdor Dostoevskij, L'idiota, 1869

Se mettete in primo piano la ghigliottina e con tanto entusiasmo è semplicemente perché tagliar teste è la cosa più facile, mentre avere un'idea è la più difficile!
Fëdor Dostoevskij, I demoni, 1871

Se qualcuno avesse fatto morire fra le torture inaudite, in mezzo a tormenti senza fine, vostro padre, vostra madre, la vostra donna, uno di questi esseri, insomma che quando vengono rapiti al nostro cuore lasciano un vuoto eterno e una piaga sempre sanguinosa, vi parrebbe sufficiente la riparazione accordatavi dalla società, sareste soddisfatti solo perché il ferro della ghigliottina è passato fra la base dell'occipite e i muscoli delle spalle dell'uccisore, e perché chi vi ha fatto patire anni di morali sofferente ha provato qualche secondo di dolore fisico?
Alexandre Dumas (padre), Il conte di Montecristo, 1844/46

Crocifisso. Fa bella figura nell'alcova e sulla ghigliottina.
Gustave Flaubert, Dizionario dei luoghi comuni, 1913 (postumo)

Se sei capace di rimanere con la testa sulle spalle mentre tutti gli altri intorno a te la perdono, hai considerato l'idea di diventare operatore alla ghigliottina.
Don Geddis (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

È possibile ghigliottinare un impiccato, il contrario è decisamente più difficile.
Philippe Geluk (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Con la mia macchina, vi faccio saltare la testa in un batter d'occhio, e voi non soffrite.
Joseph-Ignace Guillotin, su Giornale degli Stati Generali, 1789

La lama cade, la testa è tagliata in un batter d'occhio, l'uomo non è più. Appena percepisce un rapido soffio d'aria fresca sulla nuca.
Joseph-Ignace Guillotin, su Giornale degli Stati Generali, 1789

Ci sono uomini infelici. Cristoforo Colombo non può associare il proprio nome alla sua scoperta; Guillotin non può separare il proprio dalla sua invenzione.
Victor Hugo, Littérature et philosophie mêlées, 1834

Il patibolo, quando è lì, drizzato, ha alcunché d'allucinante. Si può avere una certa indifferenza a proposito della pena di morte, non pronunciarsi, dire di sì e no, fino a quando non si è visto coi propri occhi una ghigliottina; ma se avviene d'incontrarne una, la scossa è violenta e bisogna decidersi a prendere partito pro o contro di essa.
Victor Hugo, I miserabili, 1862

La ghigliottina concreta la legge: si chiama vendetta, ma non è neutra e non vi permette di restar neutro. Chi la scorge freme del più misterioso dei fremiti. Tutte le questioni sociali drizzano intorno alla mannaia il loro punto interrogativo.
Victor Hugo, I miserabili, 1862

La ghigliottina è una visione; ma non è una costruzione, non è una macchina, non è un inerte meccanismo fatto di legno, di ferro e di corde. Sembra che esso sia una specie d'essere con non so qual cupa iniziativa; si direbbe che quella costruzione veda, che quella macchina senta, che quel meccanismo capisca, che quel legno, quel ferro e quelle corde vogliano.
Victor Hugo, I miserabili, 1862

Nella spaventosa fantasticheria in cui la sua presenza getta l'anima, la ghigliottina appare terribile e sembra partecipe di quello che fa. È il complice del carnefice: divora, mangia la carne, beve il sangue. Il patibolo è una specie di mostro fabbricato dal giudice e dal falegname, uno spettro che sembra vivere d'una specie di vita spaventevole, fatta di tutta la morte che ha dato.
Victor Hugo, I miserabili, 1862

Parigi sarebbe rattristata se non avesse la ghigliottina.
Victor Hugo, ibidem

Assistere alle esecuzioni capitali, è un dovere. Si mostrano la ghigliottina e ne ridono; la chiamano con ogni sorta di soprannomi; «Fine dei pasti, Brontolona, Mamma dell'azzurro (del cielo), L'ultimo boccone, eccetera.» Per non perder nulla della faccenda, scalano i muri, si sospendono ai balconi, salgono sugli alberi, s'attaccano alle inferriate, s'aggrappano ai camini.
Victor Hugo, I miserabili, 1862

C'erano una volta un re ed una regina; il re era il re, la regina era la Francia. Hanno tagliato la testa al re e sposato la regina a Robespierre; quel signore e quella signora hanno avuto una figlia che chiamano la ghigliottina
Victor Hugo, Novantatré, 1874
C'è solo una cura per i capelli grigi. È stata inventata da un francese.
È chiamata ghigliottina. (P. G. Wodehouse)
Una fede lieve e pesante come la mannaia di una ghigliottina.
Franz Kafka, Aforismi di Zürau, 1917/18 (postumo, 1946)

La luce rossastra del tramonto illumina ogni cosa con il fascino della nostalgia: anche la ghigliottina.
Milan Kundera, L'insostenibile leggerezza dell'essere, 1984

Salute a te, mia bella fidanzata, / tra le cui braccia mi devo ora abbandonare! / A te il mio ultimo pensiero, / io fui tuo fin dalla culla! / Salute, o ghigliottina, sublime espiazione, / che sottrai l'uomo all'uomo, e lo redimi dal crimine, / in seno al nulla, mia speranza e mia fede!
Pierre-François Lacenaire [condannato alla ghigliottina], citato in Antonio Castronuovo, La vedova allegra, 2009

Per tutto il giorno non sono riuscito a ricordarmi la parola "ghigliottina". La testa opponeva resistenza.
Stanisław Jerzy Lec, Pensieri spettinati, 1957

Dopotutto la lama della ghigliottina deve pur smussarsi sulla testa di qualcuno!
Stanisław Jerzy Lec, Pensieri spettinati, 1957

Il critico deve stare tutto o sulla scena o sulla platea, altrimenti il sipario gli cadrà sul collo come una ghigliottina.
Stanisław Jerzy Lec, Pensieri spettinati, 1957

La Rivoluzione Francese ha dimostrato che restano sconfitti coloro che perdono la testa.
Stanisław Jerzy Lec, Pensieri spettinati, 1957

Ghigliottina: finora il metodo più sicuro per evitare la morte apparente.
Robert Michaud (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Nient'altro che l'anarchia si aggira per il mondo. Dall'ordine involontario nasce lo scontento, padre del disordine e progenitore della ghigliottina.
Alan Moore e David Lloyd, V per Vendetta, 1982/88

Quando sento parlare di perfetta esecuzione mi viene sempre in mente la ghigliottina.
Alessandro Morandotti, Minime, 1979/80

Se gli uomini sapessero meditare sul mistero della vita, se sapessero sentire le mille complessità che spiano l’anima in ogni particolare dell’azione, non farebbero mai nessun gesto, addirittura non vivrebbero. Si suiciderebbero per la paura, come coloro che si suicidano per non essere ghigliottinati il giorno dopo.
Fernando Pessoa, Il libro dell'inquietudine, 1982 (postumo)

L'amore è una ghigliottina in cui l'uomo non deve perdere la testa se vuole che la donna perda la sua.
Marc-André Poissant (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

O libertà, quanti delitti si commettono in tuo nome!
[Oh Liberté, que de crimes on commet en ton nom!].
Marie-Jeanne Roland de la Platière [ghigliottinata nel 1793 davanti alla statua della libertà - frase attribuita].

Nel momento in cui il condannato ha la testa infilata nella ghigliottina, ci dovrebbe essere un silenzio prima che la lama cada. Una guardia repubblicana dovrebbe uscire dai ranghi e consegnare al carnefice una busta. Il carnefice dovrebbe dire al condannato: «È la tua grazia!» e nel medesimo momento dovrebbe far cadere la lama. Il condannato morirebbe così pienamente felice.
Jules Renard, Diario, 1887/1910 (postumo, 1925/27)

Libero pensi ognun come desia; / ma se qualcun non pensa come noi, ghigliottinato sia.
Carlo Roncalli (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Il boia era così scrupoloso, che disinfettava la ghigliottina prima di decapitare la vittima.
Ramón Gómez de la Serna (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Non è necessario rimpiazzare un criminale ghigliottinato: è necessario rimpiazzare un sistema sociale ghigliottinato.
George Bernard Shaw, Uomo e superuomo, 1903

Sospetto che l'erezione della statua alla Dea Ragione coincida con l'inaugurazione della ghigliottina.
Sergio Solmi, Quaderni, 1966/81

Stia calmo e cerchi di non perdere la testa.
Ugo Tognazzi a Raimondo Vianello sulla ghigliottina, in I tromboni di Fra' Diavolo, 1962

C'è solo una cura per i capelli grigi. È stata inventata da un francese. È chiamata ghigliottina.
[There is only one cure for grey hair. It was invented by a Frenchman. It is called the guillotine].
Pelham Grenville Wodehouse, The Old Reliable, 1951

− Come si fa a dare una coltellata a un uomo per la politica? Scannarlo solo perché non la pensa come voi?
− No, scusate... ma il governo non ammazza lo stesso chi non la pensa come lui? Avete mai sentito parlare della ghigliottina?
Enrico Maria Salerno e Robert Hossein, in Luigi Magni, Nell'anno del Signore, 1969

Chi ruba una gallina va alla ghigliottina; chi ruba un milione è fatto barone.
Proverbio

Note
Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Pena di Morte - Impiccagione - Rogo - Condanna 

Nessun commento: