Silvio Berlusconi - Aforismi, frasi e battute

Selezione di frasi e citazioni celebri di Silvio Berlusconi (Milano 1936), politico e imprenditore italiano. Berlusconi inizia la sua attività imprenditoriale nel campo dell'edilizia nel 1963 con la fondazione della società Edilnord. Nel 1975 costituisce la società finanziaria Fininvest e nel 1993 la società di produzione multimediale Mediaset, nelle quali convergono altre società quali la Arnoldo Mondadori Editore e la Silvio Berlusconi Communications. Nel 1986, Berlusconi diventa proprietario e presidente del Milan, con il quale vince 29 trofei in 31 anni. Nel 1993, Silvio Berlusconi entra in politica fondando il partito di centro-destra Forza Italia. Nel 1994 diventa presidente del Consiglio, incarico che ottiene anche negli anni 2001-2005, 2005-2006 e infine 2008-2011. La maggior parte delle seguenti citazioni e battute di Berlusconi sono tratte da suoi discorsi e  interviste che comprendono un periodo di tempo che va dagli anni '80 a oggi.
Silvio Berlusconi
Frasi anni '80
Selezione Aforismario

La televisione oltre che essere un grande momento di comunione familiare, è lo strumento grazie al quale la qualità della vita è andata via via migliorando. 

L'imparzialità è la conditio sine qua non per una corretta informazione; l'obiettività è indispensabile perché, se manca, la gente se ne accorge subito.

Mi potrei definire un sentimentale che agisce con razionalità. 

La felicità è uno stato di grazia irraggiungibile che forse non esiste nella realtà terrena. È un qualche cosa a cui si tende, ma che non si riesce mai a raggiungere. 

L'informazione televisiva è completamente appaltata ai partiti. Per garantire il pluralismo bisogna dare spazio alle televisioni commerciali. 

Il Milan è un affare di cuore, costoso, ma anche le belle donne costano.

Tutte le cose di cui mi occupo sono profane; ma il Milan è sacro.  

Si va verso una cultura internazionale che ha evidentemente anche lati negativi. Però la storia si muove in questa direzione. Non ci si può opporre, non ci sono alternative.

Spero che questa mia esistenza terrena possa terminare mentre io sono teso a raggiungere un altro traguardo oltre la siepe.
Io sono semplicemente un imprenditore che fa miracoli. (Silvio Berlusconi)
Frasi anni '90
Selezione Aforismario

Ho scelto di scendere in campo e di occuparmi della cosa pubblica perché non voglio vivere in un Paese illiberale, governato da forze immature e da uomini legati a doppio filo a un passato politicamente ed economicamente fallimentare. 

Scende in campo l'Italia che lavora contro quella che chiacchiera. L'Italia che produce contro che quella spreca. L'Italia che risparmia contro quella che ruba. L'Italia della gente contro quella dei vecchi partiti. Forza Italia per costruire insieme il nuovo miracolo italiano. 

Il vero pericolo in Italia sono gli ex comunisti, ed è la ragione per cui sono entrato in politica.

Non ho mai parlato a vuoto in vita mia, la mia vita lo dimostra. 

Bisogna essere chiari e coerenti, perché alla fine la coerenza paga sempre.  

Io il successo me lo sono meritato, come Franco Baresi che si è fatto i suoi miliardi giocando da grande difensore. 

Se c'è qualcuno che mi ricorda la mitezza di Gandhi, quello è il signor Berlusconi.  

Io sono l'unto del Signore, c'è qualcosa di divino nell'essere scelto dalla gente.

Anche se camminassi sulle acque, l’indomani i giornali titolerebbero che Berlusconi non sa nuotare. (citazione attribuita a Margaret Thatcher e altri).

Ho un complesso di superiorità che devo frenare.  

Non ho ambizioni personali di potere, né adesso né per il futuro. Io mi considero una risorsa a disposizione del Paese.

Sono incapace di dire no. Per fortuna sono un uomo e non una donna.
Sono incapace di dire no. Per fortuna sono un uomo e non una donna.
(Silvio Berlusconi)
Io sono semplicemente un imprenditore che fa miracoli. 

Lo ammetto, la mattina quando mi guardo allo specchio ho un'alta considerazione di me.  

La ripresa dell'Italia si chiama Silvio Berlusconi. 

Accusare di corruzione me è come arrestare madre Teresa di Calcutta perché una bambina del suo istituto ha rubato una mela.

In una giornata io lavoro 27 ore. 

È difficile non andare d'accordo con me, perché quando c'è qualcuno che ha delle punte mi faccio concavo, quando c'è qualcuno che si ritrae mi faccio convesso. 

L'opposizione non è nel mio DNA. 

Io ho sempre fiducia, perché ho la fiducia incorporata.  

Io ritengo di essere geneticamente, istintivamente un innovatore.

Se i giornalisti facessero l'esegesi di quello che dice il signor Berlusconi, vedrebbero che ha sempre ragione. 
Se i giornalisti facessero l'esegesi di quello che dice il signor
Berlusconi, vedrebbero che ha sempre ragione. (Silvio Berlusconi)
Frasi anni 2000
Selezione Aforismario

Non è un complesso di superiorità, è un fatto oggettivo. Berlusconi ha una caratura imparagonabile. 

Non c'è nessuno sulla scena mondiale che può pretendere di confrontarsi con me, nessuno dei protagonisti della politica che ha il mio passato, che ha la storia che ho io.  

La mia bravura è fuori discussione, la mia sostanza umana, la mia storia, gli altri se la sognano. Sono loro che devono dimostrare a me di essere bravi. 

Noi dobbiamo essere consapevoli della superiorità della nostra civiltà. Dobbiamo evitare di mettere le due civiltà, quella islamica e quella nostra sullo stesso piano. La nostra civiltà deve estendere a chi è rimasto indietro di almeno 1.400 anni nella storia i benefici e le conquiste che l’Occidente conosce.

Il governo non è bello se non è litigarello.

Io sono assolutamente certo di essere l'uomo più democratico che sia mai giunto ad essere primo ministro d'Italia.  

Mi sta venendo un complesso di superiorità tanto che dico: "Meno male che ci sono io". 

Sì è vero, la legge è uguale per tutti, ma per me è più uguale che per gli altri perché mi ha votato la maggioranza degli italiani. 

Se vivessi in un paese dove non ci fossero le elezioni, diventerei un rivoluzionario, se non un terrorista. E questo è perché io amo troppo la libertà, e senza libertà un uomo non è un uomo. 

Lo Stato deve essere, anziché il padrone della vita dei cittadini, una struttura, una macchina efficiente al servizio dei cittadini, con il compito di garantire i diritti dei cittadini, primo tra tutti appunto la libertà.

La Storia ci insegna che dove finisce la libertà, dove non c'è libertà non c'è neanche benessere.

Io ho sempre pensato con Erasmo da Rotterdam che le cose più grandi nella vita e nella Storia, siano sempre frutto, non della ragione, ma di una sana, lungimirante, visionaria follia.

Oggi siamo capaci, con Russia e America insieme, di guardare a tutti gli stati del mondo, e valutare la dignità di tutta la gente del mondo, e possiamo dar loro dignità e libertà. Sì! Con la forza se necessario! Perché è l'unico modo di mostrare che non è uno scherzo. 

Sei povero? Colpa tua! 

Questi giudici sono doppiamente matti! Per prima cosa, perché lo sono politicamente, e secondo sono matti comunque. Per fare quel lavoro, devi essere mentalmente disturbato, devi avere delle turbe psichiche. Se fanno quel lavoro è perché sono antropologicamente diversi dal resto della razza umana. 

Mi accusano di essere un dittatore, ma se lo fossi davvero sarei sicuramente il dittatore più sfigato di tutti. 

Io vinco sempre, sono condannato a vincere.  

Il pubblico italiano non è fatto solo di intellettuali, la media è un ragazzo di seconda media che nemmeno siede al primo banco... È a loro che devo parlare.   

Un leader politico ha l'esigenza di rinnovare la propria immagine, ha il dovere di farsi più bello e più fresco per andare in TV.  

Gli uomini che avevano responsabilità di governo in passato erano considerati unti dal Signore. Ma con la democrazia il potere del governo è nella sovranità del popolo, e quindi potremmo dire che sono unti dagli elettori.

Certe volte mi dispiace di non essere un dittatore ma, ahimè, non lo sono.  

Sono in politica perché il male non prevalga, perché prevalga il bene.

Se la sinistra andasse al governo il risultato sarebbe miseria, terrore e morte, come accade in tutti i posti dove governa il comunismo.  

La sinistra sta sempre dalla parte sbagliata.  

Le tasse non sono un diritto divino dello Stato, ma qualcosa che il cittadino paga per avere un servizio indietro.  

Io non mento mai. Il presidente del Consiglio non può per definizione mentire.  

Sono una vittima, mi sacrifico per tutti. Io sono il Gesù Cristo della politica. 

Combatto il comunismo come Churchill combatteva il nazismo.

Solo Napoleone ha fatto più di me.  
Spero che questa mia esistenza terrena possa terminare mentre io sono
teso a raggiungere un altro traguardo oltre la siepe. (Silvio Berlusconi)
La libertà è l'essenza dell'uomo, è l'essenza della sua mente e del suo cuore, l'essenza della sua intelligenza e dei suoi sentimenti, la libertà e ciò che sta alla base della sua capacità di amare, di creare, di fare; e l'uomo non è uomo se non è libero, perché dio l'ha voluto così e l'ha voluto libero.

La filosofia della libertà, il liberalismo pone l'uomo prima della società e prima dello stato, e lo stato è legittimato a essere tale solo se riesce a difendere e garantire la libertà della sua gente, di tutti i suoi cittadini.  

La libertà è come una corda tesa, che non si rompe all'improvviso, ma che poco a poco si allenta, si incanapisce, si sfilaccia, diventa libertà condizionata, libertà ferita, libertà minore, libertà che non c'è più.  

L’Italia è un’azienda complicata.

Quando parla il popolo, la politica deve sapere ascoltare perché spesso gli elettori sono più avanti degli eletti.

Io sono un uomo di fatti, gli altri sono uomini di parole, e i fatti vincono sulle parole.

Mi è stato insegnato a non andare a dormire se c'è anche un solo documento di cui occuparsi sulla scrivania. Ogni sera mi chiedo se ho fatto tutto quello che dovevo fare.

L'attività del governo non può che compiacere il Papa e la sua Chiesa. 

Chi crede nella libertà non è mai solo. 

Il capitalismo continua ad essere il miglior sistema se lo paragoniamo con quelli ispirati alle ideologie totalitarie che hanno condannato interi popoli alla miseria e all'assenza di libertà.

So di essere stato e di essere di gran lunga il migliore presidente del Consiglio che l'Italia abbia potuto avere nei suoi 150 anni di storia. 

Mai versato un euro per una prestazione sessuale. Mai. La gioia e la soddisfazione più bella sono la conquista. Se tu paghi una donna, che soddisfazione può esserci?

Spero, quando sarò sottoterra, che di me si possa dire: "è stato un uomo giusto ed un brav'uomo".

Diffidate da coloro che non sanno ridere. 

Meglio essere appassionati delle belle ragazze che gay. 

Ormai ho una certa età e inizio a dimenticarmi le cose. Stamani in albergo volevo farmi una ciulatina con una cameriera, ma la ragazza mi ha detto: "Presidente, ma se lo abbiamo fatto un'ora fa...

Sapete perché sono sempre così carino con le signore? Deriva dall'anagramma del mio nome: l'unico boss virile.

Credo che nessuno possa governare meglio di me.

Io amo la famiglia [...], la amo così tanto che me ne sono fatte due.

La storia del comunismo con oltre 100 milioni di morti alle nostre spalle non è ancora alle nostre spalle. Si sono trasformati in laburisti in Gran Bretagna, in socialdemocratici in Germania mentre quelli di casa nostra erano e sono tuttora comunisti. Ed è per questo che sono in campo.

Mussolini diceva che è inutile governare l'Italia, poi un giorno ha detto "È impossibile governare l'Italia" e io lo ripeto. 

Quando dicono che io essendo il presidente del Consiglio dei ministri sono l'uomo più potente d'Italia, dicono una bugia, a meno che non si riferiscano ad altre potenze... 

Tutti noi abbiamo un 25% di omosessualità. Ce l'ho anch'io, solo che io dopo un approfondito esame ho scoperto che la mia omosessualità è lesbica... 

Bisogna avere fiducia in se stessi, porsi dei traguardi ambiziosi e poi fare sacrifici per raggiungerli. Quando si vuole il risultato finale, è sempre positivo. Bisogna continuare a sperare, impegnarsi e non fermarsi. Da ogni male si deve trarre un bene, questo è fondamentale per superare le difficoltà della vita.

La casa è sacra, non si tocca, è il pilastro su cui ogni famiglia ha il diritto di costruire la sicurezza del suo futuro.

La giustizia italiana non può andare avanti così. Siamo in un momento in cui si può dire che questa non è una democrazia ma una dittatura dei magistrati, una magistratocrazia. 

Dal male dobbiamo saper far uscire un bene.

La sinistra? Un carico di invidia e di tasse.

Non è il seggio che fa un leader, ma è il consenso popolare

La sinistra, che non è capace di governare una città, pretende di saper governare il Paese, questa è una verità che non viene mai raccontata.

Quando un giorno la mia innocenza sarà pienamente riconosciuta grazie a quei giudici coscienziosi e privi di animosità politica che io spero sempre di trovare, gli italiani potranno comprendere appieno la vera e propria barbarie giudiziaria in cui l'Italia è precipitata. 

Una democrazia e un Governo del popolo si hanno quando il governo è eletto dai cittadini. Se il Governo non è eletto, non è più democrazia.

Libro di Berlusconi consigliato
La forza di un sogno 
Editore: Mondadori, 2004 

Nella storia d'Italia, dal Risorgimento in poi, la spinta verso il cambiamento è sempre stata come un fiume carsico che in alcuni periodi pare estinguersi per poi riaffiorare quando il Paese avverte l'esigenza di un rinnovamento morale e intellettuale. Far riemergere questo fiume è il sogno - concreto - di Silvio Berlusconi.

Nessun commento: