Gianfranco Caputo Bisanzio - Aforismi, apoftegmi e considerazioni

Selezione di aforismi, frasi e citazioni di Gianfranco Caputo Bisanzio (San Giovanni Rotondo 1975), saggista, poeta e aforista italiano. I seguenti pensieri di Gianfranco Caputo Bisanzio sono tratti da Cosmos, aforismi, apoftegmi e considerazioni editi da Montedit nel 2005.
Gianfranco Caputo Bisanzio
Cosmos
Aforismi, apoftegmi e considerazioni
© Montedit 2005 - Selezione Aforismario

Il Sapere a volte può essere pericoloso almeno quanto il non sapere.

Il vero amico lo si riconosce nelle difficoltà. Il vero nemico dopo un successo.

Io possiedo un armadio pieno di maschere in grado di trasformare il mio povero essere in ciò che non sono. Tanto a questo mondo la qualità più importante è l'apparire.

L'amarezza e la delusione sono due componenti inevitabili quando si conosce qualcuno nel profondo.

L'antitesi della Scienza? La magia. L'antitesi della Religione? Le altre religioni.

L'apparenza è la legge a cui si attengono gli imbecilli.

L'ingratitudine è sempre da mettere in preventivo quando qualcuno ci chiede qualcosa.

La Felicità chiede di essere pagata sempre in anticipo.

La nemica della verità non è la menzogna, bensì l'ipocrisia.

La nostra generazione produce molti meno pensatori rispetto al passato. Ieri si usava di più il cervello, oggi di più il computer.

La virtù più ignobile oggigiorno è la buona educazione. Chi ne possiede anche in minima quantità viene evitato come un lebbroso.

Le promesse dei politici sono come le formule di rito degli avvocati: prevedibili, noiose, necessarie.

Le proprie qualità non devono essere mai argomento di conversazione.
Né l'oro né l'argento fanno parte delle mie ricchezze. La memoria
è il vero inestimabile tesoro. (Gianfranco Caputo Bisanzio)
Meglio fesso in libertà che dritto in cella.

Né l'oro né l'argento fanno parte delle mie ricchezze. La memoria è il vero inestimabile tesoro.

Nell'Arte, come in tutte le cose della vita, non si improvvisa assolutamente nulla. Un'opera è il frutto di un lavoro rigoroso, costante ed instancabile.

Nella Fede lo scetticismo è un difetto, nella politica è un pregio.

Perché l'uomo si affanna a cercare Colui che è ovunque?

Più si pensa al denaro e meno si è professionali e viceversa.

Se vuoi fare qualcosa non tener conto dell'età. La data di nascita serve solamente all'impiegato dell'ufficio anagrafe.

Si dice che bisogna aver fiducia nell'Uomo, nelle sue possibilità, nelle sue incredibili potenzialità. Ma come si fa a far affidamento su qualcuno che assassina i suoi fratelli, che combatte due guerre mondiali e che non si fida neppure di se stesso?

Soltanto in due casi agisco con la massima cautela: con le donne e con il portafoglio.

Libro di Gianfranco Caputo Bisanzio
Cosmos
Aforismi, apoftegmi e considerazioni
Editore: Montedit, 2005

L'aforisma ha una vita propria, autonoma e distinta: riassume in poche parole il risultato terminale di precedenti riflessioni ed osservazioni. Può esporre in modo chiaro ed efficace profondi pensieri sulla realtà universale ma può anche concernere le semplici cose della vita quotidiana. Gianfranco Caputo Bisanzio riunisce in questa raccolta un vasto numero di aforismi e cerca continuamente di rendere palesi alcune delle contraddizioni del giorno d'oggi nonché tende a scavare nel mare magnum dei luoghi comuni, delle false apparenze, dell'ipocrisia imperante. La sua parola si rivela sempre acuta e ironica, pervade la forma aforistica e la supera portando il lettore a considerare le graffianti riflessioni come lampi di ragione: il fulminante sarcasmo poi avvolge il tutto. Sono frammenti della vita, meditati, indagati, sezionati: uno sguardo disilluso e consapevole ad un mondo instabile.

Nessun commento: