Ralph Waldo Emerson - Frasi e citazioni dai Saggi

Selezione di aforismi, frasi e citazioni di Ralph Waldo Emerson (Boston 1803 - Concord 1882), scrittore, poeta, saggista e filosofo statunitense. Emerson è considerato uno dei maggiori filosofi americani, e come egli stesso ha scritto: "Attenti, quando il gran Dio dà libero corso a un pensatore su questo pianeta! Allora tutte le cose corrono un rischio. È come se una conflagrazione fosse scoppiata in una grande città, e nessuno sa che cosa si salverà e dove essa finirà. Non c'è parte della scienza che domani non possa venire rovesciata, non c'è reputazione letteraria, né alcuno dei cosiddetti eterni nomi della fama che non possano essere riesaminati e condannati. Le profonde speranze dell'uomo, i pensieri del suo cuore, la religione delle nazioni, le abitudini e le morali del genere umano sono tutte alla mercé di una nuova generalizzazione". [Essays, 1841].
Le seguenti citazioni di Ralph Waldo Emerson sono tratte dai suoi saggi e dai suoi diari.
Ralph Waldo Emerson
Saggi
Essays, 1841-1844

Anche se giriamo tutto il mondo in cerca di ciò che è bello, o lo portiamo già in noi, o non lo troveremo.

C'è un proverbio che dice "la cortesia non costa niente"; ma il calcolo potrebbe valutare l'amore a seconda del suo profitto.

Che cos'è l'Io originario, su cui una fiducia universale può aver fondamento? Qual è la natura e quale il potere di quella stella che confonde ogni scienza, senza parallasse, priva di elementi calcolabili, che manda raggi di bellezza anche nelle azioni più ordinarie e più spurie, se solo vi appaia il minimo marchio di indipendenza? La nostra ricerca ci conduce a quella fonte che è tutt'insieme l'essenza del genio, della virtù e della vita, e che chiamiamo Spontaneità o Istinto.

Chiunque voglia essere un uomo, dev'essere un non-conformista.

Ciò che importa è la vita, non l'aver vissuto.

Confida in te stesso: ogni cuore vibra a una tale corda di ferro. Accetta il posto che il divino provvedere ha trovato per te, la società dei tuoi contemporanei, la connessione degli eventi. Gli uomini grandi sempre fecero così, e affidarono se stessi fanciullescamente al genio della loro età, testimoniando la loro percezione che l'assolutamente affidabile aveva preso posto nei loro cuori, operando attraverso le loro mani, prendendo possesso di tutto il loro essere.

Così come le preghiere degli uomini sono una malattia della volontà, le loro credenze sono una malattia dell'intelletto.

Credere nel proprio pensiero, credere che ciò che è vero per voi, personalmente per voi, sia anche vero per tutti gli uomini, ecco, è questo il genio.

È facile, nel mondo, vivere secondo l'opinione del mondo; è facile, in solitudine, vivere secondo noi stessi; ma l'uomo grande è colui che in mezzo alla folla conserva con perfetta serenità l'indipendenza della solitudine.

Esercitando la fiducia in sé stessi, nuovi poteri verranno alla luce.

Essere grande significa essere incompreso.
L'unico premio della virtù è la virtù. (Ralph Waldo Emerson)
I risultati della vita sono incalcolatì e incalcolabili. Gli anni insegnano molte cose che i giorni non hanno mai conosciuto.

Il conformismo non ama le realtà vere, né gli spiriti creativi, ma solo nomi e consuetudini.

Il merito maggiore che noi attribuiamo a Mosè, a Platone e a Milton è che essi non tennero in nessun conto libri e tradizioni, ed espressero non ciò che gli altri uomini pensavano, ma ciò che essi pensavano.

Il saggio è reso uno sciocco dall'eccesso della propria saggezza.

Il segreto della fortuna sta nella gioia che abbiamo tra le mani. È sempre caro agli dèi e agli uomini colui che si aiuta da sé.

Il valore della vita risiede nelle sue insondabili possibilità: nel fatto che io non so mai, se sto diventando un individuo nuovo, che cosa mi può capitare.

Insisti su te stesso; mai imitare. Tu puoi presentare in ogni momento il tuo talento con la forza accumulata coltivandoti per tutta la vita; ma il talento che hai adottato da un altro lo possiedi solo in maniera estemporanea. Ciò che ognuno può fare nel modo migliore, nessuno se non il suo Fattore può insegnarglielo.

Io spero che non si debba più parlare in questi giorni di conformismo e di coerenza. Che siano squalificate, queste parole, e da ora in poi ridicolizzate.
Se io ho perso la fiducia in me stesso, ho l'universo contro di me.
(Ralph Waldo Emerson)
L'ornamento di una casa sono gli amici che la frequentano.

L'unico premio della virtù è la virtù.

L'uomo di slanci è sicuro del tuo amore. L'uomo di calcoli non è mai amato.

L'uomo pospone o ricorda; non vive nel presente in atto, ma con l'occhio rivolto all'indietro sta a rimpiangere il passato, oppure, incurante delle ricchezze che lo circondano, si solleva in punta di piedi a prevedere il futuro. Non potrà essere felice e forte finché non viva anche lui con la natura nel presente, al di sopra del tempo.

La chiave di ogni uomo è il suo pensiero. Per quanto risoluto ed audace possa sembrare, dentro di sé egli ha un timone al quale obbedisce e che è l'idea secondo la quale vengono classificati tutti i suoi fatti.

La fiducia in sé stessi è l'essenza dell'eroismo.

La maggior parte degli uomini gioca con la Fortuna, e vince tutto, e perde tutto, così come gira la sua ruota. Ma tu lascia come illecite tali vincite, e tratta di Causa ed Effetto, cancellieri di Dio. Opera e accumula nell'ambito della Volontà, e avrai incatenato la ruota della Casualità, e potrai sedere da allora in avanti fuori da ogni timore, libero dalle sue rotazioni.

La mia vita vale per se stessa e non per dare spettacolo. Preferisco che sia in tono minore, ma genuina e univoca, piuttosto che brillante e instabile.

La scontentezza è mancanza di fiducia in sé stessi, è infermità del volere. Deplorate pure le calamità se potete con questo dare un aiuto a chi ne è vittima; altrimenti, badate al vostro lavoro e già s'incomincia a porre un rimedio al male.

La solitudine è impraticabile e la società fatale. Dobbiamo tenere la testa nell'una e le mani nell'altra.

La virtù più ricercata è il conformismo. La fiducia in sé stessi ne è la piena antitesi.

Ma è davvero così negativo essere fraintesi? Pitagora fu frainteso e così Socrate; Gesù, Copernico, Galileo e Newton furono fraintesi come lo furono le persone più pure e sagge. Essere grandi vuol dire essere fraintesi.
Essere grande significa essere incompreso. (Ralph Waldo Emerson)
Ne te quaesiveris extra - Non cercarti fuori di te 

Nella nave dell'umanità, la volontà è il timone, e il sentimento sono le vele.

Noi abbiamo poco controllo sopra i nostri pensieri. Siamo prigionieri delle idee.

Ogni uomo discrimina fra gli atti volontari della mente e le sue percezioni involontarie, e sa che alle sue percezioni involontarie è dovuta una fede perfetta.

Ognuno dovrebbe imparare a scoprire e a tener d'occhio quel barlume di luce che gli guizza dentro la mente più che lo scintillio del firmamento dei bardi e dei sapienti.

Per il tuo non-conformismo il mondo ti colpirà e non ti avrà in nessuna considerazione.

Quali graziosi oracoli ci offre la natura nel viso e nel comportamento di fanciulli, di infanti e perfino di animali! Essi non hanno mai quell'umore d'incertezza e renitenza, quella sfiducia che s'impossessa di noi solo perché la nostra aritmetica ha calcolato le forze e i mezzi che si oppongono a un nostro proposito.

Quando si pattina su ghiaccio sottile, la salvezza sta nella velocità.

Quel che io debbo fare è quanto riguarda me, non ciò che la gente ne pensa. Una tale regola, tutt'altro che facile da applicare sia nella vita pratica che in quella intellettuale, potrebbe servire come esatta distinzione tra grandezza e mediocrità.

Se io ho perso la fiducia in me stesso, ho l'universo contro di me.

Senza entusiasmo non si è mai compiuto niente di grande.

Tutta la storia si risolve agevolmente nella biografia di poche persone vigorose e serie.

Un amico è una persona con la quale io posso essere sincero. Davanti a lui io posso pensare a voce alta.

Un individuo è un fascio di relazioni, un nodo di radici, il cui fiore e il cui prodotto è il mondo.

Un uomo deve considerare a quale ricco regno egli abdica quando diventa un conformista.

Un uomo si sente sollevato e lieto quando ha riposto tutto se stesso nella propria opera e ha fatto del suo meglio; ma ciò che ha detto o fatto in diversa maniera non gli darà pace.

Una stupida coerenza è l'ossessione di piccole menti, adorata da piccoli uomini politici e filosofi e teologi. Con la coerenza una grande anima non ha, semplicemente, nulla a che fare. Tanto varrebbe che si occupasse della sua ombra sul muro. Dite quello che pensate ora con parole dure, e dite domani quello che il domani penserà con parole altrettanto dure, per quanto ciò possa essere in contraddizione con qualunque cosa abbiate detto oggi.

Una vostra azione genuina si spiegherà da sola e spiegherà altre vostre azioni genuine. Il vostro conformismo non spiegherà mai nulla, invece.
Una decisione deve essere presa nei nostri affari correnti,
la migliore, se possibile; ma una qualsiasi è meglio di nessuna.
(Ralph Waldo Emerson)
Condotta di vita
The Conduct of Life, 1860

Le masse sono rudi, storpie, scomposte, pericolose nelle loro pretese e nella loro influenza, e non hanno bisogno di essere lusingate, ma di essere ammaestrate.

Masse! La calamità sono le masse. Non vorrei proprio nessuna massa, ma solo uomini onesti, amabili, dolci, donne realizzate e nessuno con due mani a forma di badile, di mente ristretta, o milioni di calzettai bevitori di gin o lazzaroni. Se il governo sapesse come, mi piacerebbe che mettesse a freno la popolazione anziché moltiplicarla.

Quando gli occhi dicono una cosa e la bocca un'altra, l'uomo avveduto si fida del linguaggio dei primi.

Un occhio può minacciare come una pistola carica e puntata, oppure può insultare sibilando o calciando; oppure, nel suo stato d'animo alterato da raggi di gentilezza, può far danzare il cuore di gioia.

Una decisione deve essere presa nei nostri affari correnti, − la migliore, se possibile; ma una qualsiasi è meglio di nessuna.
Una stupida coerenza è l'ossessione di piccole menti... Con la coerenza
una grande anima non ha, semplicemente, nulla a che fare.
(Ralph Waldo Emerson)
Società e solitudine
Society and Solitude, 1870

Aggancia il tuo carro a una stella.
[Hitch your wagon to a star].

Gli uomini amano meravigliarsi, e questo è il seme della scienza.

Il buon lettore fa il buon libro.

Diari
1820-1877

Non siate troppo timidi e schizzinosi circa le vostre azioni. Tutta la vita è un esperimento. E più esperimenti fate e meglio è.

Odio le citazioni. Dimmi ciò che sai tu.
[I hate quotation. Tell me what you know].

Un uomo esplora la propria mente in cerca di pensieri e non trova che luoghi comuni; ma, a un certo momento, sul vecchio argomento dei giorni, della politica, fa una distinzione che non ha mai fatta; egli intravvede una piccola apertura mai vista prima. Dove c'era un muro ora c'e una porta.

Libro di Emerson consigliato da Aforismario
Saggi
Traduzione: Piero Bertolucci
Editore: Boringhieri, 1962

Se in questa opera cosi asistematica e discontinua si dovesse cercare un nucleo centrale e unificatore, esso si troverebbe facilmente nell'affermazione permanente e dominante della fiducia dell'uomo in sé stesso, nella fede ostinata nelle possibilità illimitate dell'uomo a porsi come creatore e misura di tutte le cose, nella convinzione che tutte le vicende umane e tutti i fatti storici "devono essere spiegati sulla base dell'esperienza individuale". Questa visione della realtà fondamentalmente ottimistica si estrinseca nei Saggi nell'esigenza di assumere il problema della formazione del carattere individuale come lo scopo essenziale da raggiungere, perché, in realtà, come egli dice, "ciò che tutte le cose tendono a produrre, ciò che la libertà, la cultura, i rapporti sociali, le rivoluzioni vanno a formare e a liberare, è il carattere; questo è il fine della natura,, giungere all'incoronazione di questo suo re". In pratica, questo compito si attua, secondo Emerson, attraverso la scoperta dell'io individuale e il suo potenziamento attraverso l'assunzione della realtà esterna nell'interiorità e nella spiritualità dell'io, perché ciascuno, nella sua esperienza privata, ricrea continuamente i fatti più rilevanti della storia, e li verifica in sé stesso.

Nessun commento: