Bonsai - Aforismi, frasi e citazioni

Raccolta di aforismi, frasi e citazioni sui bonsai, alberi in miniatura che vengono mantenuti intenzionalmente nani tramite potatura e riduzione delle radici. Il termine "bonsai" deriva dal giapponese bon "vaso" e sai "piantare", e letteralmente si può tradurre con "piantato in vaso piatto". L'arte giapponese del bonsai deriva da quella cinese del penzai (o penjing). Chi si dedica all'arte del bonsai è detto bonsaista.
Come osserva Antonio Ricchiari: "Il bonsai è una pianta comunissima che, rispetto a quelle che siamo abituati a considerare, è coltivata con particolari tecniche che ne riducono le dimensioni consentendone la coltivazione in vaso. Anzi, è una pianta particolarmente privilegiata, fortunata, poiché gode di molte attenzioni e cure". [...] "Non è assolutamente sufficiente per una pianta essere piccola per potersi definire un bonsai, ma è necessario che la stessa sia dotata di una “albericità” e dimostri una apparente vetustà".  [L'arte del bonsai, Giunti, 2011].
Su Aforismario trovi altre raccolte di citazioni correlate a questa  sulle piante, gli alberi, i fiori, il giardinaggio e giardinieri.
Il bonsai è pathos o “tensione emotiva” che con la natura condividiamo.
(Antonio Ricchiari)
Bonsai
© Aforismario

Comprato un bonsai, l’ho liberato nel mio boschetto.
Pasquale Cacchio, Frantumi, 2010

Dove sono andati a nascondersi gli dei del lontano oriente? Nei bonsai? Non si accorgono che vengono messi in commercio?
Pasquale Cacchio, Frantumi, 2010

Sui bonsai non nidificano gli uccelli.
Pasquale Cacchio, Frantumi, 2010

I bonsai vorrebbero diventare alberi normali.
Rinaldo Caddeo, Etimologie del caos, 2003

Ricorda, se il tuo bonsai è morto, l'hai ucciso. Non si suicidano.
Hec DeBrabant [1]

I giovani sono molto fragili, molto sensibili. Hanno bisogno di molto amore e di attenzione costante. È un po' come un bonsai: piccolo fuori, grande dentro, e viceversa. 
Agnès Desarthe (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

La capacità essenziale del costruttore di bonsai è quella di saper tenere conto delle esigenze vitali dell'albero, il suo intervento deve considerare la disponibilità fisiologica del vegetale verso le varie fasi del procedimento di coltivazione.
Giuseppe Sebastiano Devoti, Guida alla coltivazione del Bonsai, 2003

L'arte del bonsai è un’estrinsecazione della spiritualità orientale, che si compendia: nella tecnica del trasferimento in vaso; nella potatura di riequilibrio della funzionalità vegetativa; nella modellatura.
Giuseppe Sebastiano Devoti, Guida alla coltivazione del Bonsai, 2003

La principale sfida per il bonsaista è quella di rappresentare l'essenza dell'albero.
Herb L. Gustafson [1]

L'arte del bonsai è la rappresentazione di un paesaggio − senza il paesaggio.
[Bonsai art is the display of a landscape − without the landscape].
Nobu Kajiwara [1]

Per fare una bella collezione di bonsai, creane cento e conservane due o tre.
Nobu Kajiwara [1]

L'uomo è un bonsai che pensa di essere un albero.
Philippe Le Roy [1]

Se sei un nano, puoi fare il tuo bonsai genealogico.
Pierre Légaré [1]

Un bonsai è un microcosmo che contiene al suo interno, immutato in tutto tranne che nelle dimensioni, il mistero dell'universo. 
[A bonsai is a microcosm containing within it, unchanged in everything but size, the mystery of the universe].
Colin Lewis (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Se il denaro crescesse sugli alberi a me capiterebbe un bonsai. 
Boris Makaresko [1]

All'amore, ogni tanto vanno tagliate via le radici, come a un bonsai. Se non vuoi che diventi una pianta carnivora.
Gianni Monduzzi, Orgasmo e pregiudizio, 1997

L'obiettivo non è quello di far sembrare l'albero simile a un bonsai, ma di far sembrare il bonsai come un albero.
[The object is not to make the tree look like a bonsai, but to make the bonsai look like a tree].
John Yoshio Naka (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Dai ascolto all'albero; esso ti dice dove vuole andare.
[Listen to the tree; it tells you where it wants to go!].
John Yoshio Naka, ibidem

L'intelligenza è una pianta che va curata continuamente. Dovreste vedere com'è bello, il mio bonsai.
Leo Ortolani, Rat-Man, 1989/...

Se il vostro appartamento è troppo piccolo per ospitare un albero di dimensioni normali, esiste un'alternativa che consente di risparmiare spazio: i bonsai, gli alberi giapponesi miniaturizzati, dalla tradizione secolare e dalla notevole presenza estetica. 
Jochen Pfisterer, Bonsai da appartamento, 2007

Un bonsai debitamente realizzalo deve dare l'idea che sia possibile ritrovare la stessa identica forma in un albero presente in natura. Osservando un bonsai con un paesaggio sullo sfondo e coprendo il vaso, si dovrebbe avere l'impressione che l'albero faccia parte dell'insieme.
Jochen Pfisterer, Bonsai da appartamento, 2007

Il bonsai è la creazione di piccoli alberi attraverso la realizzazione di un microcosmo, è la visione della natura nella sua veste più affascinante attraverso rappresentazioni ridotte. I bonsai sono quindi natura viva, piccoli capolavori che, malgrado le dimensioni molto contenute, lasciano esplodere tutta l’energia e la bellezza espressa da un albero.
Antonio Ricchiari, L'arte del bonsai, 2011 [2]

Il bonsai è l’immagine di un albero, l’interpretazione del suo gigantesco fratello che vive nei boschi, nei giardini o nelle valli; deve conservare nell'aspetto una tale naturalezza da farci dimenticare l’intervento dell’uomo: in caso contrario non sarebbe un bonsai.
Antonio Ricchiari, L'arte del bonsai, 2011

Il bonsai è come il giardino giapponese. La concezione è la stessa: mettere in risalto la perfezione della natura e nascondere quello che contrasta, senza mostrare la mano dell’uomo in modo evidente, al fine di far apprezzare la perfezione (possibile) della natura. Lo scopo non è l’apprezzamento dell’abilità umana, ma la capacità della natura espressa nel bonsai di coinvolgere emotivamente l’uomo.
Antonio Ricchiari, L'arte del bonsai, 2011

Il bonsai è pathos o “tensione emotiva” che con la natura condividiamo.
Antonio Ricchiari, ibidem

Il bonsai è raggiungere nella pianta l’astrazione della forma rispondente alla natura dell’albero con l’eliminazione del superfluo.
Antonio Ricchiari, L'arte del bonsai, 2011

Il bonsaista lavora le piante con gli stessi obiettivi con cui un pittore si dedica a un quadro: per esprimere una visione estetica e personale della natura, ricercando al contempo un’immagine chiara e immediatamente percepibile da chi osserva.
Antonio Ricchiari, L'arte del bonsai, 2011

Il bonsaista si trova di fronte una pianta con le sue caratteristiche connaturate e la sua abilità consiste nel dare alla pianta la sua forma connaturata più perfetta, senza stravolgere la sua natura fondamentale.
Antonio Ricchiari, L'arte del bonsai, 2011

Il bonsaista, è bene ricordare, non crea “mostri” ma realizza nel pieno rispetto della natura e di una tecnica artistica un’opera che si deve perfettamente identificare con ciò che osserviamo continuamente: l’albero.
Antonio Ricchiari, L'arte del bonsai, 2011

Il bonsai, prima ancora che prodotto artistico, è espressione dello spirito umano.
Antonio Ricchiari, ibidem

Il segreto del bonsai è legato alla semplicità del bello che appare in connessione con l’idea del suo splendore e del suo fascino
Antonio Ricchiari, L'arte del bonsai, 2011

L’interpretazione giapponese della naturalezza vista come mancanza di artificialità è fondamentale in un albero in vaso: non si può barare con i bonsai, l’artificio si noterebbe subito!
Antonio Ricchiari, ibidem

Lo stupore è l’effetto del sublime nel suo più alto grado. Le emozioni interiori sono l’ammirazione, la riverenza e il rispetto. Questi sono i sentimenti che, in ognuno di noi, suscita l’osservazione di un esemplare bonsai, espressione della quintessenza della natura.
Antonio Ricchiari, L'arte del bonsai, 2011

Mentre nell'arte occidentale l’artista è il soggetto e il materiale l’oggetto inerte, nel bonsai il ruolo del bonsaista è sia passivo che attivo. Passivo nella capacità di percepire o ascoltare la pianta, e in questo serve un cuore/mente limpido e calmo, e attivo nell’opera di dare forma.
Antonio Ricchiari, L'arte del bonsai, 2011

Nel bonsai ammiriamo l’armonia delle forme, l’eleganza, le proporzioni, i colori, le dimensioni, i fiori o le foglie (o anche i piccoli frutti), e questa è bellezza, ma al tempo stesso ammiriamo anche il sentimento che ci trasmette, sia esso di tranquillità, serenità, o di sforzo e sofferenza, tensione, o altro. E questo va al di là della bellezza.
Antonio Ricchiari, L'arte del bonsai, 2011

Osservando un vero bonsai si ha la sensazione di una certa intimità con l’albero. Una figura piccola, semplice e compatta: riduce la distanza tra noi e se stesso, proprio perché naturale e vivo.
Antonio Ricchiari, ibidem

Quando vi predisponete a lavorare su un bonsai, prima di tutto purificate il vostro cuore/mente. Non si tratta di esternare i vostri sentimenti nel bonsai, ma di percepire la bellezza, la forza, l’armonia della pianta e aiutarla a essere ciò che intimamente e potenzialmente tende a essere nella sua migliore manifestazione.
Antonio Ricchiari, L'arte del bonsai, 2011

A mio parere i bonsai sono sicuramente “belli”, ma dire belli non basta. Vorrei dire qualcosa in più. Quando vediamo, per esempio, un Kengai (bonsai in stile Cascata) contorto dalle asperità della natura, dal vento, dal salso del mare, possiamo solo dire che è bello? Bello è ciò che suscita ammirazione e piacere estetico, tuttavia di fronte a un tale Kengai c’è qualcosa di più: esso ci fa sentire la forza della vita, la determinazione a non soccombere, ci fa capire l’energia del superare terribili difficoltà. Ci stimola a essere forti.
Antonio Ricchiari, L'arte del bonsai, 2011 [2]

Con il bonsai sentiamo un destino comune e in esso vediamo noi stessi. Come l’uomo, anche il bonsai può essere il risultato di esperienze di vita sofferte, o positive, o severe ecc.
Antonio Ricchiari, ibidem

Essendo il bonsai risultato dell’intervento della mano umana, va evitata ogni artificiosità ed esaltato ogni piccolo particolare che dia al bonsai il senso di naturalezza e casualità, perché tutto deve richiamare soltanto la natura.
Antonio Ricchiari, L'arte del bonsai, 2011

Uno dei pregi del bonsai è quello di rappresentare un vecchio albero, di esaltarne esteticamente ogni particolare riproducendone la forma naturale in scala ridotta (da pochissimi centimetri a oltre un metro di altezza del fusto) attraverso la miniaturizzazione di ogni piccolo particolare.
Antonio Ricchiari, L'arte del bonsai, 2011 [2]

I Bonsai non sono piante geneticamente nanizzate, infatti, può essere utilizzata qualsiasi specie di albero per crearne uno. I migliori Bonsai - sia singoli alberi sia un bosco o una composizione su roccia - ci emozionano, e ci fanno riflettere, ci fanno fermare dato che catturano la nostra esperienza e immaginazione per mostrarci qualcosa di nuovo.
Mauro Stemberger e Walter Pall, Bonsai, una guida per principianti, 2014

L'aforisma: il bonsai della letteratura.
Aforismario, Taccuino elettronico, 2009/...

Il bonsai è una scultura in lentissimo movimento.
Anonimo

Quando un bonsai smette di crescere, capisci che è morto.
Proverbio giapponese

Note
  1. Fonte della citazione sconosciuta; se la conosci, segnalala ad Aforismario.
  2. Antonio Ricchiari, L'arte del bonsai. Storia, estetica, tecniche e segreti di coltivazione © Giunti, 2011.
  3. Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Piante - Alberi - Fiori - Giardinaggio e Giardinieri

Nessun commento: