Mito - Aforismi, frasi e citazioni

Raccolta di aforismi, frasi e citazioni sul mito, dal greco mŷthos "discorso, racconto, favola, leggenda". Su Aforismario trovi altre raccolte di citazioni correlate a questa sulla mitologia, la leggenda, gli dèi, l'idolatria e i falsi miti. [I link sono in fondo alla pagina].
Il mito è più vero della storia. Ciò che è storico è realmente accaduto
una volta, ciò che è mitico accade realmente ogni giorno. (Vito Mancuso)
Mito
© Aforismario

In quegli anni senza tempo tra l'infanzia e, diciamo, i sette anni [...] i bambini abitano il regno del mito.
Margaret Atwood, In other worlds, 2011

Il mito si perpetua perché la storia abbia un qualche senso.
David Bidussa, su Corriere della sera, 1997

Il mito può essere considerato una forma primitiva di pre-concezione ed uno stadio della pubblicizzazione cioè della comunicazione, da parte dell'individuo, della sua conoscenza privata al suo gruppo.
Wilfred Bion, Gli elementi della psicoanalisi, 1973

Il ragazzo è pagano. La sua cultura è essenzialmente mitologica, affollata da divinità perennemente eguali a se stesse, costruite, ciascuna, intorno a una qualità o a un'attitudine particolare (la forza, il coraggio, il saper volare, la capacità di allungarsi e ritrarsi come un elastico... ) ed impegnate in avventure che "accadono sempre e non accaddero mai", proprio come dicevano gli antichi con riguardo, appunto, alle storie mitologiche. Che poi queste divinità si chiamino Batman o Spider Man invece che Apollo o Krishna cambia davvero poco.
Carlo Bucci, La scatola azzurra, 2009

La scienza spiega il mondo, il mito gli dava valore.
Pasquale Cacchio, Frantumi, 2010

Ci siamo liberati di dei e dee, di miti e superstizioni per credere in atomi e Big Bang.
Pasquale Cacchio, Frantumi, 2010

Il mito vuol dire ciò che dice ma non dice ciò che vuol dire.
Rinaldo Caddeo, Etimologie del caos, 2003

I miti sono fatti perché l'immaginazione li animi.
Albert Camus, Il mito di Sisifo, 1942

Quando la feccia sposa un mito, preparatevi a un massacro o, peggio ancora, a una nuova religione.
Emil Cioran, Sillogismi dell'amarezza, 1952

Una civiltà esordisce col mito e termina nel dubbio.
Emil Cioran, La caduta nel tempo, 1964

Oggi la funzione dell'artista è di dare immaginazione alla scienza e scienza all'immaginazione portandole là dove esse si incontrano, nel mito.
Cyril Connolly, La tomba inquieta, 1944

L'umanità ha sostituito il mito di una passata età dell'oro con quello di una futura età della plastica.
Nicolás Gómez Dávila, In margine a un testo implicito, 1977/92

Non importa che il mito perisca se ricostruiamo l'universo di cui è linguaggio. Muoiano pure gli dèi, ma non quello stormire di fronde che li origina.
Nicolás Gómez Dávila, Tra poche parole, 1977/92

Gli uomini non hanno mai abitato il mondo, ma sempre e solo la descrizione che di volta in volta il mito, la religione, la filosofia, la scienza hanno dato del mondo.
Umberto Galimberti, L'ospite inquietante, 2007

I miti devono essere considerati con molta attenzione, perché non sono racconti, favole, pure invenzioni di fantasia. Nei miti c'è scienza, c'è sapere.
Umberto Galimberti, I miti del nostro tempo, 2009

Proiettando i propri vissuti, gli uomini hanno cominciato a catalogare la natura secondo i miti dell'anima. Ne è nato un mondo immaginario di cui i poeti e i mistici sono i gelosi custodi. A loro si deve la nobiltà delle nostre passioni. In forma mitologica hanno saputo affidare al cielo quanto noi oggi in forma patologica affidiamo alla psichiatria.
Umberto Galimberti, I miti del nostro tempo, 2009

Leggende, miti e poemi sono più veri dei fatti, perché i fatti passano e si dimenticano, mentre leggende, miti e poemi restano.
Fausto Gianfranceschi, Aforismi del dissenso, 2012 [cfr. citazione di Vito Mancuso].

Nella scienza non bisogna tollerare né miti né leggende. Li si lasci ai poeti, che sono chiamati a trattarne per il bene e la gioia del mondo. L'uomo della scienza si limiti al presente più chiaro e vicino.
Johann Wolfgang Goethe, Massime e riflessioni, 1833 (postumo)

Che cosa noi siamo per la nostra visione interiore, e cosa l'uomo sembra essere sub specie aeternitatis, può essere espresso solo con un mito. Il mito è più individuale, rappresenta la vita con più precisione della scienza. La scienza si serve di concetti troppo generali per poter soddisfare alla ricchezza soggettiva della vita singola.
Carl Gustav Jung, Ricordi, sogni, riflessioni, 1961

L'uomo che crede di poter vivere senza il mito (il passato), o fuori di esso, come se non avesse radici, non ha alcun vero legame con il passato, o con la vita ancestrale che continua dentro di lui, e neppure con la società umana contemporanea. Quel giocattolo che è la sua ragione non afferra mai la sua essenza.
Carl Gustav Jung (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Il mondo e il terreno dei miti sono sempre presenti; simili a quella sovrabbondanza che gli dèi ci nascondono: noi camminiamo come mendicanti in mezzo a una ricchezza inesauribile. Ma i poeti ne coniano l'immagine per noi.
Ernst Jünger, Irradiazioni. Diario 1941/45, 1949

Il mondo delle immagini mitiche è presente: per questo motivo misconoscerlo, bandirlo, conduce solo a un accumulo crescente e alla rottura, infine, degli argini. Questo mondo va quindi custodito all'interno della civiltà, anzi, la civiltà stessa è possibile solo là dove vi è posto per tale forma di custodia.
Ernst Jünger, Al muro del tempo, 1959

Anche se non si volesse credere alla verità che nascondono, è impossibile non credere alla loro incomparabile potenza simbolica. Nonostante la loro consunzione moderna, i miti restano, al pari della metafisica, un ponte gettato verso la trascendenza.
Ernst Jünger, I prossimi titani, 1997

Penso che i teologi e gli intellettuali che praticano oggi con tanto zelo la demitologizzazione assomiglino a un esercito di formiche entrate in una pingue cucina: divorano e distruggono tutte le leccornie che vi trovano, ma non smettono di raccontarsi quanto sono squisite.
Ernst Jünger, I prossimi titani, 1997

Quando perdiamo i nostri miti, perdiamo il nostro posto nell'universo.
[When we lose our myths we lose our place in the universe].
Madeleine L'Engle [1]

Gli eroi dei miti antichi erano semi-nudi, quelli dei miti odierni lo sono del tutto.
Stanisław Jerzy Lec, Pensieri spettinati, 1957

Quando un mito si trasforma in realtà - chi ha vinto: i materialisti o gli idealisti?
Stanisław Jerzy Lec, ibidem

Create miti su voi stessi, anche gli dei hanno cominciato così.
Stanisław Jerzy Lec, ibidem

I pettegolezzi, quando invecchiano, diventano miti.
Stanisław Jerzy Lec, ibidem

Quando un mito viene a cozzare contro un altro mito, lo scontro è quanto mai reale.
Stanisław Jerzy Lec, Pensieri spettinati, 1957

Attenti, in ogni mito c'è un granello di verità che può nuovamente diventare il nostro pane quotidiano.
Stanisław Jerzy Lec, Nuovi pensieri spettinati, 1964

Spesso chiamiamo mito la realtà di cui per un attimo ci si è dimenticati.
Stanisław Jerzy Lec, Nuovi pensieri spettinati, 1964

Il mito non è una spiegazione che soddisfi un interesse scientifico, ma la resurrezione in forma di narrazione di una realtà primigenia, che viene raccontata per soddisfare profondi bisogni religiosi, esigenze morali.
Bronisław Malinowski (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Il mito è più vero della storia. Ciò che è storico è realmente accaduto una volta, ciò che è mitico accade realmente ogni giorno.
Vito Mancuso, Io e Dio, 2011

Il mito è fondazione di vita; schema atemporale, pia formula cui tutta la vita si adegua, attingendo i suoi lineamenti dall'inconscio.
Thomas Mann, conferenza, 1936

La facoltà del mito è innata nella razza umana. S'impadronisce avidamente di qualsiasi episodio, sorprendente o misterioso, occorso nella carriera di coloro che si sono nettamente distinti dai loro simili e crea una leggenda a cui poi dà una fede fanatica. È la protesta del sentimento, del romanticismo contro la banalità della vita quotidiana.
William Somerset Maugham, La luna e sei soldi, 1919

Non può esserci prova migliore dell'impoverimento della nostra cultura contemporanea della definizione popolare - sebbene profondamente errata - del mito come menzogna.
Rollo May, The cry for Myth, 1991

Il mito è un modo di portare senso in un mondo privo di senso. I miti sono strutture narrative che danno significato alla nostra esistenza. Che questo significato sia semplicemente quello che ognuno di noi attribuisce alla vita in virtù della sua personale forza d'animo, come direbbe Sartre, o che l'esistenza abbia un significato, e a noi tocchi scoprirlo, come direbbe Kierkegaard, nulla cambia: il mito è il nostro modo di trovare quel significato. I miti sono come le travi di una casa: non si vedono dall'esterno, ma costituiscono la struttura che la tiene in piedi e la rende abitabile.
Rollo May, The cry for Myth, 1991

Il mito, al pari dell'aforisma e della massima, è caratteristico di una cultura orale. Giacché, fino a quando l'uso della parola scritta non ha privato il linguaggio della sua risonanza multidimensionale, ogni parola è un mondo poetico a sé, una "divinità momentanea", una rivelazione, come dovette sembrare agli uomini non-letterati. 
Marshall McLuhan, La galassia Gutenberg, 1962

Il mito è la forma espressiva naturale, forse insostituibile della religione: soltanto il mito infatti può descrivere il fatto paradossale, irriducibile al pensiero razionale come al pensiero storico, dell'irruzione della trascendenza nella nostra storia.
Giovanni Miegge, L'evangelo e il mito nel pensiero di Rudolf Bultmann, 1956

Tema di un'opera d'arte non può essere una verità, un concetto, un documento ecc., ma sempre soltanto un mito.
Cesare Pavese, Il mestiere di vivere, 1935/50 (postumo 1952)

Superstizioso è chi crede ancora in un mito che è già stato superato dalla storia.
Cesare Pavese, ibidem

Il mito greco insegna che si combatte sempre contro una parte di sé, quella che si è superata, Zeus contro Tifone, Apollo contro il Pitone. Inversamente, ciò contro cui si combatte è sempre una parte di sé, un antico se stesso. Si combatte soprattutto per non essere qualcosa, per liberarsi. Chi non ha grandi ripugnanze, non combatte.
Cesare Pavese, Il mestiere di vivere, 1935/50 (postumo 1952)

Con Talete il pensiero umano passa dal mito al logos. Non si fa più riferimento a rappresentazioni desunte dalla immaginazione, non più a raffigurazioni fantastico-poetiche: si passa a motivazioni di pura ragione. E in questo modo è nata la filosofia.
Giovanni Reale, I presocratici, 2006 (Saggio introduttivo)

Il tempo frantuma e poi disperde la verità, e quel che rimane diventa leggenda, mito.
Nuto Revelli, Il disperso di Marburg, 1994

Mito o non mito, nel costante risalire verso la vera Conoscenza nella sua caverna cerebrale, l’uomo eternerà il suo scambiare per verità l’ombra delle cose.
Guido Rojetti, L'amore è un terno (che ti lascia) secco, 2014

Noi giochiamo il senso della nostra vita ad un tavolo dove sono presenti i nostri istinti sotto forma delle icone che li rappresentano: Eros, il signore dei desideri; Narciso, l’amore verso di sé; il Caso, la fatalità; Edipo, la trasgressione. E infine la Morte.
Eugenio Scalfari, L'amore, la sfida, il destino, 2013

In ogni aneddoto veramente indovinato si nasconde il germe di un mito, ogni allegoria poetica prende la direzione del simbolo.
Arthur Schnitzler, Il libro dei motti e delle riflessioni, 1927

In generale, dobbiamo considerare la maggior parte dei miti come espressione di verità intuite piuttosto che pensate con chiarezza. Quei greci primitivi, infatti, erano come Goethe nella sua gioventù: essi non riuscivano assolutamente a esprimere i loro pensieri diversamente che in immagini e in similitudini.
Arthur Schopenhauer, Parerga e paralipomena, 1851

Mito. Favolosa invenzione oppure fantastica deformazione della realtà per soddisfare il più delle volte la vanità umana di discender da Dio. In senso storico-politico, una formula per muovere la coscienza delle masse, ossia le masse che non hanno coscienza: lo stesso che idea-forza.
Renzo Sertoli Salis, Dizionario delle idee sbagliate, 1955

Per Platone, il mythos, o racconto fantastico, sta al logos, o dimostrazione ben fondata della verità, come l'opinione sta alla scienza e il sensibile al razionale. Il guaio comincia però laddove la ragione è impotente.
Renzo Sertoli Salis, Dizionario delle idee sbagliate, 1955

I miti sono storie che esprimono un senso, una morale e una motivazione. Se siano vere o no, è irrilevante
Michael Shermer [1]

Mito: un'idea metafisica espressa in un'immagine.
David Friedrich Strauss [1]

I miti sono ideologia in forma di racconto, specchio delle regole, dei valori e delle aspirazioni in cui una comunità si riconosce.
Giancarlo Sturloni, Le mele di Chernobyl sono buone, 2006

Il mito è la metafora di un mistero che va oltre la comprensione umana. È un paragone che ci aiuta a capire, per analogia, alcuni aspetti misteriosi di noi stessi. Da questo punto di vista, un mito non è qualcosa di falso, ma un modo per raggiungere una profonda verità.
Christopher Vogler, citato su Chalcedon Report, 2002

Note
  1. Fonte della citazione sconosciuta; se la conosci, segnalala ad Aforismario.
  2. Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Mitologia - Leggenda - Dèi - Idoli - Falsi Miti

Nessun commento: