Confutazione e Inconfutabilità - Frasi e citazioni

Raccolta di aforismi, frasi e citazioni sulla confutazione e sull'inconfutabilità di una teoria, di un'ipotesi o di una semplice affermazione. Confutare un'argomentazione significa smentirla evidenziandone le debolezze, dimostrandola erronea o infondata.
Come introduzione, riportiamo un suggerimento di Paulo Coelho: "Se qualcuno ti affronta per confutare le tue idee o i tuoi ideali, accetta la lotta: in ogni momento della vita è presente un conflitto e, quando si palesa, spesso aiuta a progredire. In qualsiasi caso, non dovrai batterti per dimostrare che hai ragione, o per imporre il tuo pensiero o le tue aspirazioni, ma per rivendicare la libertà del tuo spirito e la forza della tua volontà. Al termine della disputa, sia il tuo avversario sia tu risulterete vincitori, poiché avrete avuto modo di valutare i vostri limiti e le vostre abilità". [Il manoscritto ritrovato ad Accra, 2012].
Su Aforismario trovi altre raccolte di citazioni correlate a questa sulla teoria, la discussione, la polemica e la contrapposizione tra il vero e il falso.
Una teoria che non può essere confutata da nessun evento concepibile
non è scientifica. L'inconfutabilità di una teoria non è una virtù,
bensì un vizio. (Karl Popper)
Confutare
© Aforismario

Non leggete per contraddire e confutare, né per credere e accettar per concesso, non per trovar argomenti di ciarle e di conversazione, ma per pesare e valutare. 
Francis Bacon, Saggi, 1597/1625

Il silenzio è uno degli argomenti più difficili da confutare.
Josh Billings (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Posso tutto confutare, in questo mondo che mi circonda, mi urta o mi trasporta, salvo questo caos, questo caso imperante e questa divina equivalenza, che nasce dall'anarchia.
Albert Camus, Il mito di Sisifo, 1942 

Una moda filosofica si impone come una moda gastronomica: non si può confutare un’idea più di quanto si possa confutare una salsa.
Emil Cioran, Sillogismi dell'amarezza, 1952

La difficoltà consiste nel separare il nocciolo del fatto − del fatto assolutamente inconfutabile − dagli abbellimenti apportati dai teorici e dai cronisti.
Arthur Conan Doyle, Le memorie di Sherlock Holmes, 1894

La scienza progredisce attraverso la confutazione delle proposizioni e delle teorie correnti, e non attraverso la loro caparbia difesa.
Ralf Dahrendorf, XX sec. (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

È disastroso quando un errore viene confutato da un altro errore chiamandosi verità. 
Carlo Dante, Minime pervenute, 2010

Qualsiasi osservazione deve confermare o confutare un'opinione precedente, se vuole essere di qualche utilità.
Charles Darwin (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Il criterio scientifico è l'esperimento, che può falsificare ma non verifica; il criterio filosofico è l'esperienza, che può confermare ma non confuta. Non potremo mai garantire il perdurare di una proposizione scientifica, né certificare la morte di un enunciato filosofico.
Nicolás Gómez Dávila, In margine a un testo implicito, 1977/92

Le argomentazioni non servono a provare ma a confutare.
Nicolás Gómez Dávila, ibidem

Il filosofo incapace di confutale decide di spaventare.
Nicolás Gómez Dávila, ibidem

Lo stupido, non comprendendo l'obiezione che lo confuta, si sente da essa rafforzato.
Nicolás Gómez Dávila, In margine a un testo implicito, 1977/92

L'inconscio affascina la mentalità moderna. Perché vi può collocare le sue sciocchezze preferite come ipotesi inconfutabili.
Nicolás Gómez Dávila, Tra poche parole, 1977/92

Filosofia è confutare ogni ragionamento che minacci lo spirito.
Nicolás Gómez Dávila, ibidem

La vita non insegna nulla direttamente, si limita a confutare falsi pregiudizi.
Nicolás Gómez Dávila, ibidem

Quando mi sento padrone di una verità non mi interessa l'argomento che la conferma, ma quello che la confuta.
Nicolás Gómez Dávila, Tra poche parole, 1977/92

Un'obiezione non è ancora una confutazione, e una innovazione non è necessariamente un progresso.
Sigmund Freud, L'uomo Mosè e la religione monoteistica, 1939

Possiamo confutare soltanto chi pensa come noi.
Joan Fuster, Giudizi finali, 1960/68

Ogni tanto sentiamo il bisogno di costruirci un manicheo [1] per concederci il piacere di confutarlo. Se non lo facessimo, arriveremmo a perdere la fede nelle nostre convinzioni.
Joan Fuster, Giudizi finali, 1960/68

Credere ai miracoli è più comodo che confutarli.
Roberto Gervaso, Il grillo parlante, 1983 

Chiamo ipotesi sconsiderata quella che si avanza quasi per scherzo, per farsi confutare dalla serietà della natura.
Johann Wolfgang Goethe, Massime e riflessioni, 1833 (postumo)

Gli avversari credono di confutarci per il fatto di ripetere la loro opinione e di non fare attenzione alla nostra.
Johann Wolfgang Goethe, ibidem

Quando uno dice che mi ha confutato non pensa che ha solo contrapposto alla mia una sua opinione. Con ciò nulla è ancora concluso. Anche un terzo ha questo stesso diritto, e così all'infinito.
Johann Wolfgang Goethe, Massime e riflessioni, 1833 (postumo)

I dotti sono per lo più astiosi, quando confutano qualcuno; uno che sbaglia, essi lo vedono subito come un nemico mortale.
Johann Wolfgang Goethe, ibidem

Una dottrina falsa non si può confutare, giacché riposa sulla convinzione che il falso sia vero. Ma è possibile, legittimo e doveroso esprimere ripetutamente il contrario.
Johann Wolfgang Goethe, Massime e riflessioni, 1833 (postumo)

Niente è più inconfutabile di un oggetto.
Friedrich Hebbel, Diari, 1835/63 (postumo 1885/87)

Se non puoi confutare le argomentazioni di un avversario, non tutto è perduto: puoi sempre insultarlo.
Elbert Hubbard (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Esistono molti scritti pieni di spirito caustico in cui si nega l'esistenza di Dio; ma nessun ateo, a quanto mi risulta, ha mai confutato con buone prove l'esistenza del diavolo. 
Heinrich von Kleist, La brocca rotta, 1806

La confutazione dell'errore è opera secondaria, e spesso vana e inutile. Non bisogna confutare, ma illuminare e precedere.
Jacques Maritain (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Nessun numero di osservazioni di cigni bianchi autorizza l'inferenza che tutti i cigni siano bianchi, ma l'osservazione di un solo cigno nero è sufficiente per confutare tale conclusione.
John Stuart Mill (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario - citato in Nassim Nicholas Taleb, Giocati dal caso, 2001)

Le prove inconfutabili di qualsiasi tesi non debbono mai superare i limiti del credibile.
Alessandro Morandotti, Minime, 1979/80

Chi vuoi togliere un'idea agli uomini, di solito non è soddisfatto di confutarla e di estrarre il verme illogico che vi è annidato: egli, piuttosto, dopo che il verme è ucciso, getta anche l'intero frutto nel fango, per renderlo spregevole agli uomini e ispirar loro nausea per esso. Cosi crede di aver trovato il mezzo di rendere impossibile la «resurrezione nel terzo giorno», cosi abituale per le idee confutate. - Egli si inganna, giacché proprio sul terreno dell'ignominia, in mezzo alle immondizie, il nocciolo dell'idea mette tosto nuovi germogli. - Dunque: non dileggiare e insudiciare ciò che si vuole eliminare definitivamente, ma metterlo rispettosamente in ghiaccio, sempre di nuovo, in considerazione del fatto che le idee hanno una vita molto tenace. Qui bisogna agire secondo la massima: «Una confutazione non è affatto una confutazione».
Friedrich Nietzsche, Umano troppo umano II, 1879/80

Da una discussione. - A: Amico, lei ha perso la voce a forza di parlare! - B: Se è così, sono confutato. Non parliamone più!
Friedrich Nietzsche, Aurora, 1881

Quando una volta si erano confutate le prove addotte "per dimostrare l'esistenza di Dio", restava sempre il dubbio che si potessero trovare ancora prove migliori di quelle già confutate: a quel tempo gli atei non erano capaci di far tavola rasa.
Friedrich Nietzsche, Aurora, 1881

Ma che sono alla fin fine le verità dell'uomo? − Sono gli errori inconfutabili dell'uomo.
Friedrich Nietzsche, La gaia scienza, 1882

Uno solo ha sempre torto, ma con due comincia la verità. Uno solo non può dimostrarsi, ma due già non possiamo confutarli.
Friedrich Nietzsche, La gaia scienza, 1882

A che genere di uomini appartengo? A quello di chi prova piacere nell'essere confutato, se dice cosa non vera, e nel confutare, se qualcuno non dice il vero, e che, senza dubbio, accetta d'esser confutato con un piacere non minore di quello che prova confutando. Infatti, io ritengo che l'esser confutati sia un bene maggiore, nel senso che è meglio essere liberati dal male più grande piuttosto che liberarne altri. Niente, difatti, è per l'uomo un male tanto grande quanto una falsa opinione sulle questioni di cui ora stiamo discutendo. Se dunque anche tu sostieni di essere un uomo di questo genere, discutiamo pure; altrimenti, se credi sia meglio smettere, lasciamo perdere e chiudiamo il discorso.
Platone, Gorgia, IV sec. a.e.c.

Da un sistema scientifico non esigerò che sia capace di essere scelto, in senso positivo, una volta per tutte; ma esigerò che la sua forma logica sia tale che possa essere messo in evidenza, per mezzo di controlli empirici, in senso negativo: un sistema empirico deve poter essere confutato dall'esperienza. (Così l'asserzione "Domani qui pioverà o non pioverà" non sarà considerata un'asserzione empirica, semplicemente perché non può essere confutata, mentre l'asserzione "Qui domani pioverà" sarà considerata empirica.)
Karl Popper, Logica della scoperta scientifica, 1934

Da una buona teoria esigiamo, in primo luogo, che abbia successo in alcune delle sue nuove previsioni; in secondo luogo, esigiamo che non sia confutata troppo presto; prima, cioè, che abbia ottenuto un pieno successo.
Karl Popper, Congetture e confutazioni, 1963

Il criterio dello stato scientifico di una teoria è la sua falsificabilità, confutabilità, o controllabilità.
Karl Popper, ibidem

È soltanto un accidente storico che una teoria sia confutata dopo sei mesi, anziché dopo sei, o seicento anni.
Karl Popper, Congetture e confutazioni, 1963

Ogni serio controllo di una teoria è un tentativo volto a confutarla. La controllabilità equivale pertanto alla confutabilità o falsificabilità. E poiché dovremmo dire "empiriche", o "scientifiche", soltanto le teorie che possono essere controllate empiricamente, possiamo concludere che è la possibilità di una confutazione empirica a distinguerle dalle altre.
Karl Popper, Congetture e confutazioni, 1963

Se dovessimo fallire nel perseguimento delle confutazioni, la scienza stagnerebbe e perderebbe il proprio carattere empirico.
Karl Popper, ibidem

Una teoria che non può essere confutata da nessun evento concepibile non è scientifica. L'inconfutabilità di una teoria non è (come spesso si ritiene) una virtù, bensì un vizio. 
Karl Popper, Congetture e confutazioni, 1963

Il metodo della scienza è il metodo di audaci congetture e ingegnosi e severi tentativi di confutarle.
Karl Popper, Conoscenza oggettiva, 1975

Non c'è idea che non porti in sé la sua possibile confutazione, una parola, la parola contraria.
Il n'y a pas une idée qui ne porte en elle sa réfutation possible, un mot, le mot contraire.
Marcel Proust, Albertine scomparsa, 1927 (postumo)

Sofista è colui il quale, tesi che ci sono sommamente antipatiche, sostiene con argomenti che non sappiamo confutare.
Giuseppe Rensi, Schegge, 1930

Proclamando «lo sono la verità» Cristo ha identificato la verità con una persona e, in questo modo, ha sottratto ogni terreno alla filosofia, che non ha più niente da dire in proposito. Una persona, infatti, non può essere confutata: una persona non è una proposizione.
Mario Andrea Rigoni, Variazioni sull'impossibile, 1993

Tutto è dannatamente confutabile. Tranne quando parla il cuore: i suoi discorsi sono indiscutibili.
Mirko Sbarra, Come battiti del mare. 2017

Un attacco dall'esterno all'onore è possibile soltanto attraverso la calunnia, contro la quale l'unico mezzo è la confutazione, con la dovuta pubblicità e lo smascheramento del calunniatore.
Arthur Schopenhauer, Parerga e paralipomena, 1851

È un tratto distintivo delle ideologie quello di resistere alla confutazione. Se i fondamenti di una posizione ideologica vengono distrutti alla base, nuovi fondamenti saranno trovati, altrimenti la posizione ideologica resterà semplicemente in sospeso, sfidando l'equivalente logico della legge di gravità.
Peter Singer, Liberazione animale, 1975

Il pessimista che non compie suicidio e che non ammette di essere un codardo, confuta sé stesso.
Giovanni Soriano, Maldetti, 2007

La verità esiste, fino a quando non viene confutata.
Giovanni Soriano, Maldetti, 2007

Coloro che scrivono in maniera affettata, pretenziosa e alquanto oscura, più per un desiderio smodato di apparire che per una reale esigenza di comunicare, possiedono comunque − seppure in negativo − una straordinaria capacità: quella di dire tanto senza dire niente, e senza, peraltro, che ciò possa essere facilmente notato. Ma non solo: a meno che non si voglia considerare già lo scrivere in maniera astrusa una confutazione, ci si accorge che questa è resa pressoché impossibile proprio dal fatto che non c’è nulla da confutare.
Giovanni Soriano, Maldetti, 2007

Un forte ingegno contiene, trattiene e mantiene in buono stato quanto occorre per distruggere le proprie opinioni e sistemi. Si tiene pronto ad attaccare i propri «sentimenti», a confutare le proprie «ragioni».
Paul Valéry, Mélange, 1939

Un libro è "superato" se quello che dice è stato accettato o confutato.
Amadeus Voldben (Amedeo Rotondi), Pensieri per una vita serena, 2008 (postumo)

Le Religioni possono essere assimilate, mai confutate.
Oscar Wilde, The Rise of Historical Criticism, 1908 (postumo)

Note
  1. Manicheo: chi accentua, esaspera le diversità di posizioni, idee ecc.; chi ha della realtà un'immagine priva di sfumature intermedie, fondata sulla contrapposizione netta tra positivo e negativo, bene e male, ecc.
  2. Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Teoria - Discussione - PolemicaVero e Falso

Nessun commento: