Jean Racine - Aforismi, frasi e citazioni

Selezione di aforismi, frasi e citazioni di Jean Racine (La Ferté-Milon 1639 - Parigi 1699), drammaturgo e scrittore francese. le seguenti citazioni di Jean Racine sono tratte dalle sue opere più celebri, tra cui: La Tebaide (La Thébaïde, 1664), Andromaca (Andromaque, 1667), I litiganti (Les Plaideurs, 1668), Britannico (Britannicus, 1669), Fedra (Phèdre, 1677) ed Ester (Esther, 1689).
Jean Racine
La Tebaide o i Fratelli nemici
La Thébaïde ou les Frères ennemis, 1664

Dei loro adulatori, i re sono le vittime.

Si odia all'eccesso quando si odia un fratello.
[L'on hait avec excès lorsque l'on hait un frère].

Andromaca
Andromaque, 1667

Ah! troppo l'ho amato per non odiarlo.

Bisogna credersi amati per credersi infedeli.
[Il faut se croire aimé pour se croire infidèle].

Il vigliacco teme la morte, ed è tutto ciò che teme.

La mia innocenza comincia alla fine a pesarmi.

Ti amavo incostante; che avrei fatto fedele!

I litiganti
Les Plaideurs, 1668

Come si suol dire, coi lupi s'impara a ululare.

Pazzo davvero chi fida nell'avvenire: chi ride di venerdì, piange la domenica.

Senza denaro l'onore non è altro che una malattia.

Britannico
Britannicus, 1669

Non ho meritato né un onore così grande né tanta ingiuria.
[Je n'ai mérité ni cet excès d'honneur, ni cette indignité].

Non vi sono segreti che il tempo non riveli.
[Il n'est point de secrets que le temps ne révèle].

Abbraccio il mio rivale, ma solo per soffocarlo.
[J'embrasse mon rival, mais c'est pour l'étouffer].

L'amore non aspetta mai la ragione.

La diffidenza è sempre l'ultima cosa che un grande cuore impara: lo si inganna a lungo.

Quanto tutto ciò che diciamo è lontano da ciò che pensiamo!

Baiazette
Bajazet, 1672

Il consiglio più rapido è il più salutare.
[Le conseil le plus prompt est le plus salutaire].

La mia unica speranza è nella mia disperazione.
[Mon unique espérance est dans mon désespoir].

Mitridate
Mithridate, 1673

Un beneficio rinfacciato vale quanto un'offesa.

Ifigenia
Iphigénie, 1674

Abbiamo bisogno di azioni, non di parole.
[Il faut des actions, et non pas des paroles].

Non c'è uomo mortale costantemente felice fino alla tomba.
Un beneficio rinfacciato vale quanto un'offesa. (Jean Racine)
Fedra
Phèdre, 1677 - Selezione Aforismario

Come la virtù, anche la colpa ha i suoi gradi.

L'innocenza non ha nulla da temere.

La luce non è più pura del fondo del mio cuore. 

Non è più un ardore nascosto nelle mie vene: è Venere in tutta la sua furia, aggrappata alla preda.
[Ce n’est plus une ardeur dans mes veines cachée: c’est Venus toute entière à sa proie attaché].

Odiosi adulatori, voi siete il dono più funesto che la collera divina possa fare ai re.
[Détestables flatteurs, présent le plus funeste que puisse faire aux rois la colère céleste].
Un cuore nobile non può supporre in altri la bassezza
e la malizia che non sente in sé stesso. (Jean Racine)
Ester
Esther, 1689 [Traduzione dal francese a cura di Aforismario].

Cerchiamo la felicità solo nella pace e nell'innocenza.

La felicità degli empi è sempre agitata; vaga in balia della propria incostanza.

La vendetta troppo debole attira un secondo crimine.

Le disgrazie sono spesso incatenate l'una all'altra.

O dolce pace! Felice è il cuore che non ti perde mai!

Solo l'onore può lusingare una mente generosa.

Un cuore nobile non può supporre in altri la bassezza e la malizia che non sente in sé stesso.
[Un coeur noble ne peut soupçonner en autrui la bassesse et la malice qu'il ne sent point en lui].

Atalia
Athalie, 1691

Dio solo è eterno.
[Dieu lui seul est éternel].

Ondeggia, esita; in una parola, è donna.

Fonte sconosciuta

La fuga è lecita a chi fugge i tiranni.

Note
Vedi anche aforismi, frasi e citazioni di: Nicolas BoileauPierre Corneille - Molière

Nessun commento: