Thomas Mann - Aforismi, frasi e citazioni

Selezione di aforismi, frasi e citazioni di Thomas Mann (Lubecca 1875 - Zurigo 1955), scrittore e saggista tedesco, Premio Nobel per la letteratura nel 1929 e tra i maggiori scrittori europei del Novecento. Le seguenti citazioni di Thomas Mann sono tratte dai suoi libri più celebri, tra cui: I Buddenbrook (1901), Tonio Kröger (1903), La morte a Venezia (Der Tod in Venedig, 1912), Cane e padrone (Herr und Hund, 1918), La montagna incantata (Der Zauberberg, 1924), Doktor Faustus (1947).
Thomas Mann
Il piccolo signor Friedemann
Der kleine Herr Friedemann, 1897

La capacità di godere richiede cultura, e la cultura equivale poi sempre alla capacità di godere.

I Buddenbrook
Buddenbrooks. Verfall einer Familie, 1901 - Selezione Aforismario

Attendi con zelo ai tuoi negozi durante il giorno, ma concludi soltanto quegli affari che ti consentano di riposare tranquillo la notte.

Che cos'è il successo? Una forza segreta e indescrivibile, avvedutezza, prontezza... la consapevolezza di esercitare con la nostra sola presenza una pressione sull'andamento della vita intorno a noi... La fede nell'arrendevolezza della vita in nostro favore.

Chi è felice non si muove. 

Fortuna e successo sono in noi. Noi dobbiamo tenerli: con forza, giù nel profondo. Appena qui dentro qualcosa comincia ad allentarsi, a rilassarsi, a stancarsi, subito tutto quel che è intorno a noi si libera, reagisce ostile, si ribella, si sottrae al nostro influsso... Allora colpo segue colpo, una sconfitta tira l’altra, e si è finiti.

Il bene arriva sempre troppo tardi, diventa realtà troppo tardi, quando non si è piú capaci di goderne.

Il rispetto degli altri per le nostre sofferenze ce lo procura soltanto la morte, che nobilita anche le sofferenze piú meschine.

Quando il bene che si è desiderato giunge, lento e tardivo, è accompagnato da piccinerie, contrarietà, fastidi, carico di tutta la polvere della realtà, che la fantasia non aveva previsto, e che irrita, urta.

Io non voglio dimenticare! Dimenticare... è forse un conforto?

Si ha l'età che si sente di avere.

Una proposta ci agita e ci manda in collera solo quando non ci sentiamo ben sicuri di saperla respingere, e siamo segretamente tentati di accettarla.

Uomo non educato dal dolore riman sempre bambino.

I segni esteriori, quelli visibili, tangibili, della fortuna e dell'ascesa si manifestano soltanto quando in realtà è cominciata la parabola discendente. Quei segni esteriori hanno bisogno di tempo per arrivare a noi, come la luce di una delle stelle lassù, di cui non sappiamo se sia in procinto di spegnersi o se sia già spenta quando brilla più chiara.

Tonio Kröger
Tonio Kröger, 1903

La felicità non sta nell'essere amati: questa è soltanto una soddisfazione di vanità mista a disgusto. La felicità è nell'amare.

Un artista, nel suo intimo, è sempre un avventuriero.  

Quando un pensiero ti domina lo ritrovi espresso dappertutto, lo annusi perfino nel vento.

Alcuni non possono fare a meno di sbagliare la strada, perché per essi non esiste una strada giusta. 
La malignità è lo spirito della critica,
e la critica è l'origine del progresso e della civiltà. (Thomas Mann)
La morte a Venezia
Der Tod in Venedig, 1912 - Selezione Aforismario

Alla passione, come al delitto, non si addicono l'ordine stabilito e il benessere di tutti i giorni, anzi, al contrario, ogni allentamento dei legami civili, ogni turbamento e calamità del mondo sono i benvenuti, poiché vi intravedono possibilità di vantaggio.

È certamente un bene che il mondo conosca soltanto la bella opera e non le sue origini, non le condizioni e le circostanze del suo sviluppo; giacché la conoscenza delle fonti onde scaturisce l'ispirazione dell'artista potrebbe turbare, spaventare, e così annullare gli effetti della perfezione.

La solitudine fa maturare l'originalità, la bellezza strana e inquietante, la poesia. ma genera anche il contrario, lo sproporzionato, l'assurdo e l'illecito.

Fermezza di fronte al destino, grazia nella sofferenza, non vuol dire semplicemente subire: è un'azione attiva, un trionfo positivo.

Riposare nella perfezione è il sogno di chi tende all'eccelso, e non è forse il nulla una forma di perfezione? 

Niente è più singolare, più imbarazzante che il rapporto tra due persone che si conoscono solo attraverso gli occhi, che si vedono tutti i giorni a tutte le ore, si osservano e nello stesso tempo sono costretti dall'educazione o dalla bizzarria a fingere indifferenza e a passarsi accanto come estranei, senza saluto né parola. 

La Bellezza soltanto è divina e visibile a un tempo, ed è per questo che essa è la via al sensibile, è [...] la via che mena l'artista allo spirito.

L'uomo ama e onora l'uomo fino a che non è in grado di giudicarlo, e il desiderio è il frutto di una conoscenza incompleta. 

Un'evoluzione è un destino.

Felicità dello scrittore è il pensiero che può divenire totalmente sentimento, il sentimento che può divenire pensiero.

Venezia; beltà lusingatrice e ambigua – racconto di fate e insieme trappola per i forestieri.

Cane e padrone 
Herr und Hund. Ein Idyll, 1918 

Le parole grosse, trite come sono, non si addicono molto a esprimere le cose straordinarie; vi si riesce meglio sublimando quelle piccole, portandole al culmine del loro significato. 

L'uomo ha tendenza a considerare la sua condizione del momento, sia essa serena o intricata, tranquilla o appassionata, come quella vera, caratteristica e duratura della sua esistenza, e soprattutto a elevare immediatamente, nella sua fantasia, ogni felice ex tempore a bella regola e inviolabile consuetudine, mentre in realtà è condannato a improvvisare e a vivere, dal punto di vista morale, alla giornata.

La montagna incantata
Der Zauberberg, 1924 - Selezione Aforismario

Ci sono tante diverse specie di stupidità, e il senno non ne è la peggiore.

È spiacevole e tormentoso quando il corpo vive e si dà importanza per conto suo, senza alcun legame con lo spirito.

La ragione umana deve soltanto volere con più forza del destino, ed è il destino.

Il tempo raffredda, il tempo chiarifica; nessuno stato d'animo si può mantenere del tutto inalterato nello scorrere delle ore.

L'apoliticità non esiste. Tutto è politica.

L'Europa è la terra della ribellione, della critica e dell'attività riformatrice.

La tolleranza diventa un crimine quando si applica al male. 

La malignità è lo spirito della critica, e la critica è l'origine del progresso e della civiltà. 

Le opinioni non possono sopravvivere se uno non ha occasione di combattere per esse. 

La morte di un uomo è meno affar suo che di chi gli sopravvive.  

La parola è per sé stessa civiltà. La parola, anche la piú contraddittoria, mantiene il contatto. È il silenzio che isola.

Scrivere bene significa quasi pensare bene, e di qui ci vuole poco per arrivare ad agire bene. Ogni costumatezza, ogni perfezionamento morale proviene dallo spirito della letteratura.

Giuseppe e i suoi fratelli
Joseph und seine Brüder, 1933

Il mistero forma l'alfa e l'omega di tutti i nostri discorsi e di tutte le nostre domande, dà fuoco e tensione a ogni nostra parola, urgenza a ogni nostro problema.

Il nostro essere è solo il punto di incidenza tra il non essere e il sempre essere, e la nostra esistenza temporale è solo il mezzo attraverso cui l'eternità si manifesta. 

L'inferno è per i puri; questa è la legge del mondo morale. Esso è infatti per i peccatori, e peccare si può soltanto contro la propria purezza. 

La legge
Das Gesetz, 1944

Il blocco non parteggia per lo scultore, è contro di lui.

Doctor Faustus 
Doktor Faustus, 1947 - Selezione Aforismario

Che cosa non si è fatto davanti ai nostri occhi, o anche non proprio davanti ai nostri occhi, in nome del "popolo", che non si sarebbe potuto fare in nome di Dio o dell'umanità o del diritto!

Ciò che è tipico ci lascia freddi, soltanto l'individuale ci fa rabbrividire.

Chi non è artista si trova di fronte a un quesito molto imbarazzante, se gli si chiede fin dove l'artista prenda sul serio ciò che per lui dovrebbe essere, e sembra essere, la cosa più seria; quanto prenda sul serio se stesso e quanto invece sia scherzo, celia o mascherata.

La vera passione esiste esiste soltanto nell'ambiguità e come ironia.

Per chi è di idee progressiste la parola e il concetto di "popolo" conservano sempre un che di arcaicamente apprensivo, ed egli sa che basta apostrofare la folla chiamandola "popolo" per indurla a malvagità reazionarie.

L'artista e la società
Der Künstler und die Gesellschaft, 1953

Essere artista ha sempre significato possedere ragione e sogni.

L'arte non è una forza, è soltanto una consolazione.

L'artista è l'ultimo a farsi illusioni a proposito della sua influenza sul destino degli uomini.

Fonte sconosciuta
Selezione Aforismario

Alla lunga una verità che ferisce è meglio di una bugia di comodo.

Anche la stupidità è bella, se perfetta.

Ascetismo radicale significa sempre e ovunque solo debolezza di carattere.

Il genio può essere confinato dentro un guscio di noce e ciò nonostante abbracciare tutta la pienezza della vita.

Il tempo non ha nessuna divisione visibile che ne segni il passaggio, non una tempesta con tuoni, né squilli di tromba che annuncino l’inizio di un nuovo mese o un nuovo anno. Persino quando inizia un nuovo secolo siamo solo noi mortali che suoniamo le campane e spariamo in aria con le pistole.

La solitudine dà alla luce l'originale che c'è in noi.

Le avversità possono essere delle formidabili occasioni.

Questo era amore a prima vista, amore duraturo: un sentimento sconosciuto, insperato, inaspettato per quanto concerneva una questione di consapevolezza cosciente. Prese interamente possesso di lui ed egli comprese, con gioiosa sorpresa, che era per tutta la vita.

Uno scrittore è uno che per scrivere fa più fatica degli altri.

Libro di Thomas Mann consigliato
I Buddenbrook
Decadenza di una famiglia 
Traduttore A. Rho 
Editore Einaudi, 2006 

Il primo grande romanzo di Thomas Mann racconta la storia di una famiglia tedesca dell'Ottocento che dopo anni di prosperità è esposta a una tragica decadenza: le basi di un patrimonio e di una potenza che sembravano incrollabili sono sgretolate da una forza ostinata e segreta. Opera di ispirazione autobiografica, questo romanzo, capolavoro della letteratura europea, esprime compiutamente la concezione estetica e politica dello scrittore tedesco, il suo rimpianto per una mitica e solida borghesia, la coscienza della crisi di un mondo e di valori destinati inesorabilmente a scomparire.

Note
Vedi anche aforismi, frasi e citazioni di: Walter Benjamin - Gottfried Benn - Franz Kafka

Nessun commento: