Jerome Klapka Jerome - Aforismi, frasi e battute umoristiche

Selezione di aforismi, frasi e battute umoristiche di Jerome Klapka Jerome (Walsall 1859 - Northampton 1927), scrittore, giornalista e umorista britannico. le seguenti citazioni di Jerome K. Jerome sono tratte dai suoi libri più famosi: I pensieri oziosi di un ozioso (Idle Thoughts of an Idle Fellow, 1886), Tre uomini in barca - per non parlare del cane (Three Men in a Boat - To Say Nothing of the Dog!, 1899), Tre uomini a zonzo (Three Men on the Bummel, 1900), Loro e io (They and I, 1909).
Jerome Klapka Jerome
I pensieri oziosi di un ozioso
Idle Thoughts of an Idle Fellow, 1886 - Selezione Aforismario

Ciascuno di noi ha l'innata convinzione che il mondo intero, con tutti e tutto ciò che contiene, sia stato creato per noi, come una sorta di appendice necessaria. 

Dopo tutto la vanità è una virtù quanto un vizio. È facile recitare massime contro la sua peccaminosità, ma è una passione che può muovere al bene, non solo al male.

È impossibile godere a fondo l'ozio se non si ha una quantità di lavoro da fare. 
[It is impossible to enjoy idling thoroughly unless one has plenty of work to do].

È prodigiosa la conoscenza intima e profonda dell'economia domestica che si acquista, quando si è realmente al verde.

È una strana cosa il letto, questa imitazione di tomba, ove adagiamo le membra stanche, e sprofondiamo quietamente nel silenzio e nel riposo.

Essere poveri è il meno. È l'esser conosciuti come poveri, che fa male.

Fintanto che gli stolti potranno vivere e proliferare, il mondo, nel suo complesso, procederà tollerabilmente bene.

Il tempo è come un governo, non ne fa mai una dritta.

In generale, i cani e i gatti mi piacciono molto. Che creature allegre; sono! Come compagni sono assai superiori agli esseri umani. Non litigano, non discutono con noi. Non parlano mai di sé, ma ci ascoltano quando parliamo di noi, e riescono a fingere che la conversazione li interessi.

[I cani e i gatti] son sempre contenti di vederci. Ci stanno vicini, qualunque sia il nostro umore. Sono allegri quando siamo di buon umore, contenuti quando ci sentiamo solenni, e tristi quando siamo addolorati.

I gatti hanno la fama di essere più saggi dei cani dal punto di vista mondano, di saper badare meglio ai propri interessi, di esser meno ciecamente devoti agli amici. E noi, uomini e donne, naturalmente siamo scandalizzati da tanto egoismo.

L'affetto è un fuoco che può essere alimentato giorno per giorno e tanto più caricato quanto più gli anni dell'inverno si avvicinano.

L'ambizione è semplice vanità passata di grado.

L'amore è come il morbillo, dobbiamo passarci tutti. E, sempre come il morbillo, lo prendiamo una volta sola.

L'amore stesso non è che la più alta forma di vanità.

L'ozio, come il bacio, per essere dolce deve essere rubato.

La presunzione è la miglior corazza che un uomo possa portare. Sulla sua superficie liscia e impenetrabile le meschine stoccate del disprezzo e dell'invidia scivolano via, ormai innocue. 

La primavera della vita e la primavera dell'anno son fatte per essere cullate nel grembo verde della natura.

La sorte del timido non è felice. Gli uomini non lo possono soffrire, le donne lo disprezzano, e lui si disprezza e non si può soffrire. 

Le imprecazioni hanno sulle nostre ire lo stesso effetto pacificante che notoriamente esercita il fracassare un mobile o lo sbatter le porte, senza contare che è molto più economico. Un buon rosario di bestemmie ci ripulisce come il camino di una lavanderia. Una bella esplosione giova a entrambi. Io diffido sempre un po' dell'uomo che non bestemmia mai, che non prende furiosamente a calci uno sgabello, o non riattizza mai il fuoco con esagerata violenza. Senza uno scappamento di nessun genere, la collera causata dalle eterne contrarietà. della vita tende a inacidirsi e a suppurarci dentro.

Mentre l'ambizioso lavora per sé, lavora per tutti. Noi siamo così legati che nessuno può lavorare solo per sé.

Noi non ci ammaliamo mai d'amore due volte. Cupìdo non spreca una seconda freccia per lo stesso cuore.

Ohimè! La vita ci cambia tutti. Il mondo sembra un'enorme, orribile macina, nella quale a un capo entra tutto ciò che è fresco, luminoso e puro, ed esce vecchio inacidito e stazzonato dall'altra parte.

Se la vanità è il motore dell'umanità, l'adulazione ne è il lubrificante. 

Se vi accontentate di cento, cominciate a insistere per avere mille; se comincerete col chiedere cento, otterrete soltanto dieci.

Un buon uomo è un uomo che è buono con noi, e un cattivo è un uomo che non fa quello che noi vorremmo facesse.

Una buona cena porta alla luce tutti i lati più teneri di un individuo.
[A good dinner brings out all the softer side of a man]. 

Uno stomaco pieno è un grande aiuto per la poesia, e a dire il vero, nessun sentimento di nessun genere potrebbe reggersi su uno stomaco vuoto.

Un uomo non si sente mai completamente a suo agio, se non ha un bicchiere davanti a sé.

Sul tempo perso a perdere tempo
(I ripensamenti oziosi di un ozioso)
The Second Thoughts of an Idle Fellow, Leipzig, Tauchnitz, 1898.

Gli occhi della giovinezza vedono attraverso lenti colorate di rosa.
È impossibile godere a fondo l'ozio
se non si ha una quantità di lavoro da fare. (Jerome K. Jerome)
Tre uomini in barca
(per non parlare del cane)
Three Men in a Boat (To Say Nothing of the Dog!), 1899 - Selezione Aforismario

Parti di lunedì con l'idea fissa di divertirti. Saluti con disinvoltura i ragazzi sul pontile, ti accendi la pipa più grossa che hai e cammini sul ponte con aria tracotante neanche fossi il capitano Cook, Sir Francis Drake e Cristoforo Colombo tutti in uno. Martedì vorresti non essere mai partito. Mercoledì, giovedì e venerdì vorresti essere morto. Sabato sei in grado di sorseggiare qualche cucchiaiata di brodo ristretto, e di sederti sul ponte, e di rispondere con un sorriso languido ed esangue alle persone di buon cuore che ti domandano come va. Domenica ricominci a camminare e a ingurgitare cibi solidi. E lunedì mattina, mentre con la valigia e l'ombrello, in piedi davanti al parapetto, aspetti di scendere a terra, incomincia a piacerti davvero.

Mi piace il lavoro, mi affascina completamente; potrei rimanere seduto per ore e ore a guardare qualcuno che lavora.

Noi siamo gl'infelici schiavi del nostro stomaco.

Ogni medaglia ha il suo rovescio, come disse quell'uomo a cui presentarono le spese del funerale della suocera.

Ogni persona ha ciò che non vuole, e ciò che vorrebbe l'hanno gli altri.

Le donne hanno lo strano istinto di aggrapparsi al pugnale che le trafigge.

Getta la cianfrusaglia a fiume, amico! Fa' che la barca della tua vita sia leggera, carica solo del necessario. una casa accogliente e piaceri semplici, un amico o due, degni di questo nome, qualcuno che ti ami e qualcuno che tu ami, un gatto, un cane e un paio di pipe, abbastanza da mangiare, abbastanza per vestire, e un pochino più del sufficiente di roba da bere; perché la sete è una cosa pericolosa. Vedrai che troverai più facile vogare nella tua barca ed essa non correrà tanto pericolo di rovesciarsi, e se poi si rovescia poco male; poche merci e buone, resistono all'acqua.
La sorte del timido non è felice. Gli uomini non lo possono soffrire, le
donne lo disprezzano, e lui si disprezza e non si può soffrire.
(Jerome K. Jerome)
Tre uomini a zonzo
Three Men on the Bummel, 1900

Gli scapoli sono convinti che le donne sposate pendano dalle labbra del marito e siano disposte a bere qualunque frottola, purché sia raccontata da lui.

L'abitudine rende ciechi per ciò che non si desidera vedere.

La pronuncia inglese è il maggior ostacolo per il nostro progresso. La grafia delle parole inglesi sembra essere stata fabbricata apposta per confondere chi deve pronunciarle. È un'intelligente precauzione diretta a frenare la iattanza dello straniero il quale, altrimenti, imparerebbe l'inglese in un anno.

Quando si va in tandem, c'è sempre qualche discussione. A sentire quello che sta davanti, il compagno che sta dietro non fa un bel niente; dal canto suo, quello che sta dietro ritiene di essere il solo a imprimere movimento al veicolo e, secondo lui, l'altro non fa altro che ansimare. Il mistero non sarà mai chiarito.

Se un uomo mi fermasse per la strada e mi domandasse l'orologio, rifiuterei di darglielo. Se minacciasse di portarmelo via con la forza, benché io non sia un tipo combattivo, farei del mio meglio per impedirglielo. Ma, se invece manifestasse l'intenzione di portarmi via l'orologio per mezzo di un'azione legale, io me lo toglierei e glielo porgerei, senza esitare, nella convinzione di essermela cavata a buon mercato.

Loro e io
They and I, 1909

L'amore non è che una brutta cosa con un bel nome.

Il matrimonio è rinuncia, è il sacrificio del nostro lo sull'altare della razza.
Le imprecazioni hanno sulle nostre ire lo stesso effetto pacificante che
notoriamente esercita il fracassare un mobile o lo sbatter le porte,
senza contare che è molto più economico. (Jerome K. Jerome)
Fonte sconosciuta
Selezione Aforismario

Arrivai alla conclusione che la sola malattia che non avevo era il ginocchio della lavandaia.

Dire la verità è sempre la politica migliore, a meno che ovviamente tu non sia un ottimo bugiardo.

Il mondo è un posto piuttosto sgradevole per le persone intelligenti: la gente ordinaria le detesta, e quanto a loro si odiano a vicenda di tutto cuore.

Se una donna desidera un diadema di diamanti, vi spiegherà che è per evitarvi di comprarle un cappello.

Note
Vedi anche aforismi, frasi e citazioni di: Samuel ButlerGilbert Keith ChestertonDouglas Jerrold

Nessun commento: