Miguel de Unamuno - Aforismi, frasi e citazioni

Selezione di aforismi, frasi e citazioni di Miguel de Unamuno (Bilbao 1864 - Salamanca 1936), poeta, filosofo e scrittore spagnolo. le seguenti riflessioni di Miguel de Unamuno sono tratte da: Vita di Don Chisciotte e Sancho (Vida de Don Quijote y Sancho, 1905), Del sentimento tragico della vita (Del sentimiento trágico de la vida, 1913), Nebbia (Niebla, 1914), L'agonia del Cristianesimo (La agonía del cristianismo, 1925) e Diario íntimo (postumo, 1970).
Miguel de Unamuno
Vita di Don Chisciotte e Sancho
Vida de Don Quijote y Sancho, 1905

La verità è ciò che fa vivere non ciò che fa pensare.

Soltanto chi prova l'assurdo è capace di conquistare l'impossibile.
[Sólo el que ensaya lo absurdo es capaz de conquistar lo imposible].

Scetticismo fanatico
1908

Questi terribili sociologi, che sono gli astrologi e gli alchimisti del nostro tempo.

Del sentimento tragico della vita
Del sentimiento trágico de la vida, 1913 - Selezione Aforismario

I martiri creano la fede, ma la fede non crea martiri.

Il mondo intellettuale si divide in due classi: da una parte i dilettanti, dall'altra i pedanti.

L'uomo, per il semplice fatto di essere uomo, di aver coscienza di sé, è, in confronto all'asino o al granchio, un animale malato. La coscienza è malattia.

La scienza è un cimitero di idee morte, anche se ne può uscire la vita.

La sofferenza è la sostanza della vita e la radice della personalità, perché è soltanto la sofferenza che ci rende persone.

Prendere un'abitudine è cominciare a cessare di essere.

Nebbia
Niebla, 1914 - Selezione Aforismario

Noi uomini non soccombiamo alle grandi pene o alle grandi allegrie perché queste pene e queste allegrie sono avvolte in un'immensa nebbia di piccoli incidenti. E la vita è questo, nebbia.

Il sogno di uno solo è l'illusione, l'apparenza; il sogno di due è già la verità, la realtà. Cos'è il mondo reale, se non il sogno che tutti sognano, il sogno comune a tutti?

Il caso è l'intimo ritmo del mondo, il caso è l'anima della poesia.

La smania di viaggiare deriva dalla topofobia e non dalla filotopia.

L'uso danneggia e persino distrugge la bellezza. La più nobile funzione di un oggetto è essere contemplato.

Muore tutto, tutto, tutto; tutto è morto per me! Ed è peggio che tutto muoia per me che io muoia al tutto.
Una fede che non dubita è una fede morta. (Miguel de Unamuno)
L'agonia del Cristianesimo
La agonía del cristianismo, 1925 - Selezione Aforismario

Chi impone la fede a un altro con la spada, quello che cerca di convincere è sé stesso.

Non c'è maggior consolazione di quella della desolazione, come non c'è speranza più attiva di quella dei disperati.

L'essenza dell'uomo è la pigrizia e quindi l'orrore della responsabilità.

La pedagogia gesuitica è profondamente anticristiana.

La sofferenza dei monaci e delle monache, dei solitari d'ambo i sessi, non è una sofferenza della sessualità ma di maternità e di paternità, cioè di finalità.

La storia è il pensiero di Dio sulla terra degli uomini.

I veri atei sono pazzamente innamorati di Dio.

La verità è qualcosa di collettivo, sociale, perfino civile: è vero quello che accettiamo e su cui c'intendiamo. E il cristianesimo è qualcosa d'individuale e di non comunicabile. Ecco perché agonizza in ognuno di noi.

Tutte le ortodossie hanno cominciato con l'essere eresie.

Vedo la politica elevata a religione e la religione elevata a politica.

Noi uomini viviamo insieme, ma ognuno muore da solo e la morte è la suprema solitudine.

Cristo nostro, Cristo maestro! perché ci hai abbandonato?
[¡Cristo nuestro, Cristo nuestro! ¿por qué nos has abandonado?].

Una fede che non dubita è una fede morta.
[Fe que no duda es fe muerta].
Solo chi prova l'assurdo è capace di conquistare l'impossibile.
(Miguel de Unamuno)
Diario intimo
Diario íntimo, 1897/1902 (postumo, 1970) - Selezione Aforismario

Bisogna cercare la verità e non la ragione delle cose, e la verità si cerca con l'umiltà.

Colui che vuole tutto quello che accade, ottiene che accada quello che egli vuole.

Il vero servo di Dio non ha altra patria che il cielo.

Tutte le azioni della vita sono riparabili, eccetto l'ultimo (la morte) che nessun procedimento, neppure soprannaturale può riparare. Questo ultimo atto determina tutti gli altri e dà loro significato definitivo.

Impara a vivere in Dio e non temerai la morte, perché Dio è immortale.

Bisogna andare dalla pratica alla teoria; questa la strada giusta. Volendo partire dalla teoria, si resta nell'impotenza. Bisogna andare alla fede attraverso le opere perché la fede vivifichi e giustifichi le opere. Opera come se credessi e finirai col credere per operare.

Venga il tuo regno... Significa chiedere la morte, poiché solo con la morte lo otterremo.

Bisogna volersi per mezzo di Dio e per Dio, per mezzo del prossimo e per il prossimo e non volere Dio per mezzo di sé e per sé.

La fede è la prova della verità di ciò che si crede.

Quanto è più fredda l'anima più, al ridestarsi dalle sue notti spirituali, si trova imbevuta nella rugiada della grazia.
Cristo nostro, Cristo maestro, perché ci hai abbandonato?
(Miguel de Unamuno)
Fonte sconosciuta
Selezione Aforismario

Accade invariabilmente che il punto di partenza della saggezza sia la paura.

Il fascismo si cura leggendo e il razzismo si cura viaggiando.
[El fascismo se cura leyendo y el racismo se cura viajando].

L'amore è compassione, e più si ama, più si prova compassione.

L'inferno è l'oblio.

La parola saggia è quella che, detta a un bambino, viene sempre compresa senza bisogno di spiegazioni.

La prima cosa necessaria per scrivere con efficacia è di non aver alcun riguardo per il lettore che non lo merita.

Le lingue, come le religioni, vivono di eresie.

Leggere molto è uno dei cammini che conducono all'originalità; uno è tanto più originale e peculiare quanto più conosce ciò che gli altri hanno detto.

Mi propongo di smuovere e agitare la gente. Non vendo pane, ma lievito.

Un pedante è uno stupido adulterato dallo studio.
[Un pedante es un estúpido adulterado por el estudio].

Note
Vedi anche aforismi, frasi e citazioni di: José Ortega y GassetFernando Savater

Nessun commento: