Esilio - Aforismi, frasi e citazioni

Raccolta di aforismi, frasi e citazioni sull'esilio e sugli esuli. L'esilio è una pena limitativa della libertà personale, che consiste nell'allontanamento, temporaneo o a vita, del cittadino dalla patria. In alcuni casi l'esilio può essere volontario, per motivi politici, ideologici, ecc. Su Aforismario trovi altre raccolte di citazioni correlate a questa sulla migrazione, la patria, la nazione e l'isolamento.
Chi non preferisce l’esilio alla schiavitù non ha il senso
della libertà, della verità e del dovere. (Kahlil Gibran)
Esilio
© Aforismario

Tu proverai sì come sa di sale / lo pane altrui, e come è duro calle / lo scendere e 'l salir per l'altrui scale.
Dante Alighieri, Paradiso, Divina Commedia, 1304/21

È così che ti frega, la vita. Ti piglia quando hai ancora l'anima addormentata e ti semina dentro un'immagine, o un odore, o un suono che poi non te lo togli più. E quella lì era la felicità. Lo scopri dopo, quand'è troppo tardi. E già sei, per sempre, un esule: a migliaia di chilometri da quell'immagine, da quel suono, da quell'odore. Alla deriva.
Alessandro Baricco, Castelli di rabbia, 1991

L'esilio non ha mai corretto i re. 
[Jamais l'exil n'à corrigé les rois].
Pierre-Jean de Béranger, Denys, maître d'école, 1829

Dove che venga, l'Esule | sempre ha la patria in cor. 
Giovanni Berchet, Le fantasie, XIX sec.

Adesso che io sono a Sant'Elena, adesso che io mi trovo solo, conficcato so questo scoglio, chi combatte, chi conquista imperi per me? Dove sono i cortigiani che piangano la mia caduta? Chi si muove in Europa per ripormi sul trono? Quanti dei molti miei amici mi sono rimasti fedeli? Sì, voi pochissimi, che la vostra fedeltà renderà immortali, voi dividete con me, voi fate meno triste, il mio esilio.
Napoleone Bonaparte, Aforismi e pensieri politici, morali e filosofici, XIX sec.

La vita è triste, è un penoso e increscioso dovere, un lungo esilio nell'incertezza della propria sorte.
Giosuè Borsi, Lettera-testamento alla madre, 1915

La morte: un esilio? un rimpatrio?
Gesualdo Bufalino, Diceria dell'untore, 1981

Solo nell'esilio si arriva a capire fino a che punto il mondo è sempre stato un mondo di esuli.
Elias Canetti, La provincia dell'uomo, 1973

E se l’esistenza fosse per noi un esilio e il nulla una patria?
Emil Cioran, Al culmine della disperazione, 1934

Dopo aver cercato invano un paese di adozione, ripiegare sulla morte, per poter, in questo nuovo esilio, stabilirsi da cittadino.
Emil Cioran, Sillogismi dell'amarezza, 1952

Sotto qualsiasi forma si presenti e indipendentemente dalla sua causa, l'esilio, agli inizi, è una scuola di vertigine. E alla vertigine non a tutti è dato accedere.
Emil Cioran, La tentazione di esistere, 1956

A torto ci immaginiamo l'esiliato come qualcuno che abdica, si ritira e si tiene in disparte, rassegnato alle sue miserie, alla sua condizione di relitto. Se lo osserviamo, scopriremo in lui un ambizioso, un deluso aggressivo, un amareggiato e un conquistatore insieme. Più siamo defraudati, più si inaspriscono le nostre bramosie e le nostre illusioni.
Emil Cioran, La tentazione di esistere, 1956

Per tutta la vita ho vissuto con la sensazione di essere stato allontanato dal mio vero luogo. Se l'espressione "esilio metafisico" non avesse alcun senso, la mia sola esistenza gliene fornirebbe uno.
Emil Cioran, L'inconveniente di essere nati, 1973

L'esilio non è mai stato facile per nessuno. Ma se per qualcuno può rivelarsi poi non tanto male, magari anche proficuo e vivificante, per altri può diventare una angoscia senza fine.
Lucrezia Cipriani Panunzio, Quimo-Casey un antieroe, su La Fiera Letteraria, 1973

"Ciò che gli occhi non vedono, il cuore non sente". Ebbene, io affermo che non c'è niente di più falso. Quanto più lontani stanno, tanto più vicini al cuore sono i sentimenti che cerchiamo di soffocare e dimenticare. Se siamo in esilio, vogliamo serbare ogni ricordo delle nostre radici; se ci troviamo lontani dalla persona amata, chiunque passi per la strada ce la fa ricordare.
Paulo Coelho, Undici minuti, 2003

Siamo noi che siamo stati espulsi dall'Eden o siamo noi che abbiamo espulso l'Eden dalla nostra anima profonda? Noi esuli dall'Eden, rifugiati nell'Inferno.
Andrea Emo, Quaderni, 1927-1981 (postumo 2006)

So come gli uomini in esilio si nutrano con sogni di speranza. 
Eschilo, Agamennone, 458 a.e.c.

Non c'è dolore più grande della perdita della terra natia. 
Euripide, V sec. a.e.c. (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Per i forti la solitudine è l'asilo dell'anima; per i deboli, l'esilio.
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

Talvolta si intuisce che la patria, da cui veniamo, è altrove; tuttavia siamo affezionati alle forme dell'esilio; anche l'esilio è stato architettato per noi.
Fausto Gianfranceschi, Aforismi del dissenso, 2012

L’umanità non esilia che colui il cui nobile spirito si ribella contro il dispotismo e l’oppressione. Colui che non preferisce l’esilio alla schiavitù non ha il senso della libertà, della verità e del dovere.
Kahlil Gibran, Spiriti ribelli, 1908

Il silenzio ci separa da noi stessi, ci fa navigare nel firmamento dello spirito, e ci avvicina al Cielo; ci fa sentire che i corpi non sono altro che prigioni e che questo mondo è solo un luogo di esilio.
Kahlil Gibran, Le ali spezzate, 1912

Un esule io sono in questo mondo. Un esule sono io, solo e tormentato dalla solitudine, che sempre dirige i miei pensieri verso un magico e ignoto reame e colma i miei sogni delle ombre di una regione remota e invisibile.
Kahlil Gibran, Il poeta, in Poesie in prosa, 1934 (postumo)

Un esule sono io in questo mondo. Un poeta sono io che raccoglie in versi quel che la vita sparpaglia in prosa; e che sparpaglia in prosa quel che la vita raccoglie in versi. E perciò un esule sono io, e un esule resterò finché morte non m’avrà sollevato e riportato alla mia patria.
Kahlil Gibran, Il poeta, in Poesie in prosa, 1934 (postumo)

Sono uno straniero in questo mondo e nel mio esilio ci sono dura solitudine e doloroso isolamento. Sono solo, ma nel mio esser solo contemplo un paese sconosciuto e affascinante, e questa meditazione colma i miei sogni degli spettri di una grande terra lontana che i miei occhi non hanno mai veduto.
Kahlil Gibran, Segreti del cuore, 1947 (postumo)

Ogni superiorità è un esilio.
Delphine de Girardin, XIX sec. (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Bisogna amare l'Italia con orgoglio di europei e con l'austera passione dell'esule in patria.
Piero Gobetti, Lettera a Parigi, su Rivoluzione Liberale, 1925

Dilexi iustitiam et odivi iniquitatem, propterea morior in exilio,
[Amai la giustizia e odiai l'iniquità, per questo muoio in esilio].
Papa Gregorio VII [Ultime parole attribuite a Gregorio VII, il quale si trovava in esilio a Salerno].

L’esilio è una sorta di lunga insonnia.
[L'exil est une sorte de longue insomnie.].
Victor Hugo, Oceano, XIX sec. (postumo 1989)

L’esilio riunisce uomini che la loro patria divideva.
Roger Judrin, Parole abitate, 1985

Ci sono paesi nei quali l'esilio e la condanna più atroce, ci sono altri in cui i cittadini più degni dovrebbero fare a gara per meritarlo.
Stanisław Jerzy Lec, Pensieri spettinati, 1957

È questo il frutto più immediato dell'esilio, dello sradicamento: il prevalere dell'irreale sul reale.
Primo Levi, La Tregua, 1963

L’ebreo è esule: e noi crediamo di non esserlo?
Giorgio Manganelli, su Corriere della Sera, 1982

Nessuno può battere in eleganza un re in esilio.
Fausto Melotti, Linee, 1975/78

Come in esilio vado a domandare / alla luce ed al giorno se hanno visto / orma di te lungo le siepi brune.
Alda Merini, Fogli bianchi, 1987

Un breve esilio rende dolce il ritorno. 
John Milton, XVII sec. (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Pizza a New York: ogni pietanza, lontana dalla patria, ha il triste sapore dell’esilio.
Gianni Monduzzi, Orgasmo e pregiudizio, 1997

Non è che l’esilio ci tolga la felicità, che questa neppure in patria ci è data. Ma in patria possiamo almeno attenderla o sperarla. All'esule manca anche la condizione prima e fondamentale per esser felice. L’esilio significa l’imposta rinuncia, la disperata e consapevole rinuncia alla felicità.
Guido Morselli, Diario, 1938/73 (postumo 1988)

Dire la verità quando domina la non verità procura un tal diletto che l'uomo sceglie l'esilio e anche peggio per amor suo.
Friedrich Nietzsche, Frammenti postumi, 1869/89

Seguo la mia inclinazione alla solitudine, non posso fare diversamente: «Sebbene non ne abbia la necessità» - come dice la gente. Ma io ne ho la necessità. Mando me stesso in esilio.
Friedrich Nietzsche, Frammenti postumi, 1869/89

La dolcezza di non avere né famiglia né compagnia, quel soave piacere come quello dell’esilio, in cui sentiamo l’orgoglio dell’esilio che ci fa attenuare in un piacere incerto la vaga inquietudine di essere lontani.
Fernando Pessoa, Il libro dell'inquietudine, 1982 (postumo)

Diverrò povero? Sarò con la maggioranza degli uomini. Andrò in esilio? Penserò di essere nato là, dove mi manderanno. Sarò messo in catene? E che? Sono forse ora veramente libero? La natura mi ha già legato a questo grave peso del corpo.
Lucio Anneo Seneca, Lettere a Lucilio, 62/65

Gioiosi e a testa alta affrettiamoci con passo sicuro dovunque ci porteranno le circostanze, percorriamo qualunque terra: non c’è esilio nell’àmbito dell’universo, perché nulla di ciò che si trova nell'universo è estraneo all'uomo.
Lucio Anneo Seneca, Consolazione alla madre Elvia, I sec.

Nessun danno viene all'esule dalla povertà: perché nessun esilio è così privo di risorse da non essere più che sufficiente per nutrire un uomo.
Lucio Anneo Seneca, ibidem

È l’animo che fa ricchi: è lui che accompagna nell'esilio, e nei deserti più selvaggi, quando ha trovato quanto basta a sostentare il corpo, abbonda e fruisce dei suoi beni; il denaro non riguarda l’animo, non più che gli dei immortali.
Lucio Anneo Seneca, Consolazione alla madre Elvia, I sec.

Nulla terra exilium est, sed altera patria est.
[Nessuna terra è un esilio, ma un'altra patria].
Lucio Anneo Seneca, De remediis fortuitorum, I sec.

L'esilio dal mondo vuol dir morte. E quindi | dire esilio è dire morte con altro termine, falso ed improprio.
William Shakespeare, Romeo e Giulietta, ca. 1596

Tutti gli esseri umani sono degli esuli.
Isaac Bashevis Singer [1]

Exulanti ubi nusquam domus est, sine sepulcro est mortuus. 
[L'esule che non trova casa in alcun posto è come un morto senza tomba].
Publilio Siro, Sentenze, I sec. a.e.c.

Exilium patitur, patriae qui se denegat.
[Soffre l'esilio chi rifiuta il proprio aiuto alla patria].
Publilio Siro, Sentenze, I sec. a.e.c.

Patria è un linguaggio che ci mette subito in un rapporto di appartenenza comune, sono le cento città, i mille luoghi dove possiamo andare liberamente, riconosciuti per una fratellanza naturale; chi è vissuto esule in luoghi stranieri sa che nessuna anche affettuosa accoglienza equivale a quella familiarità in cui non è fatica darsi il buongiorno da figli della stessa storia, partecipi della stessa tradizione.
Maria Venturini, Dizionario delle felicità, 1998

Ognuno nasce re, e la maggior parte muore in esilio, come la maggior parte dei re.
Oscar Wilde, Una donna senza importanza, 1893

E lacrime sconosciute riempiranno per lui l'urna infranta della Pietà, avrà il pianto degli uomini esiliati, ché solo pianto esiste per chi è in esilio.
[And alien tears will fill for him Pity's long-broken urn, For his mourners will be outcast men, And outcasts always mourn].
Oscar Wilde, La ballata del carcere di Reading, 1898

C'è una cosa peggiore dell'esilio: è abituarsi a esso.
Anonimo

Se vuoi stare saldo al tuo dovere e avanzare nel bene, devi considerarti esule pellegrino su questa terra.
Anonimo, De Imitatione Christi (Imitazione di Cristo - attribuito a Tommaso da Kempis e altri), XV sec.

In terra straniera fa freddo anche d'estate.
Proverbio careliano

Note
Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Profughi e Rifugiati - Stranieri - Patria - Isolamento

Nessun commento: