Alessandro Borghese - Frasi e citazioni culinarie

Selezione delle frasi più belle e delle citazioni più significative di Alessandro Borghese (San Francisco 1976), cuoco e conduttore televisivo italiano. Alessandro Borghese è noto al grande pubblico soprattutto per aver condotto numerosi programmi televisivi dedicati alla cucina, tra cui: Cortesie per gli ospiti (Real Time, 2005-2012), Cuoco gentiluomo (Real Time, 2006), Chef per un giorno (LA7, 2007-2011), Chef a domicilio (Real Time, 2009), Ci vediamo domenica (Rai 2, 2009), Cuochi e fiamme (LA7d, 2010), Fuori menù (Real Time, 2009-2012), La notte degli chef (Canale 5, 2011), Cucina con Ale (Real Time, 2011-2012), 4 ristoranti (Sky Uno, dal 2015), Kitchen sound (Sky Uno, dal 2015) e Cuochi d'Italia (TV8, dal 2017).
La maggior parte delle seguenti citazioni di Alessandro Borghese sono tratte dai suoi libri: L'abito non fa il cuoco (2009) e Tu come lo fai? (2013).
Alessandro Borghese
L'abito non fa il cuoco
La cucina italiana di uno chef gentiluomo
© Rizzoli 2009 - Selezione Aforismario

Cucinare è il mio modo di comunicare, lo strumento per dare sfogo alla mia creatività, è il dono che mi permette di esprimere spontaneità. Ma è anche una sfida, perché richiede di mescolare sapori e odori in modo sempre nuovo e sorprendente, nella speranza che chi assaggerà il piatto capisca e apprezzi la ricetta.

Cucinare è un atto d'amore.

Io combatto, soffro, cado e mi rialzo. So cosa vuol dire perdere, ma non mi rassegno mai alla sconfitta. E alla fine ce la faccio.

L’arte del cucinare è un lavoro in cui non si smette mai di imparare, in cui non c’è posto per la monotonia: ogni pietanza va continuamente rivista, modificando le quantità degli ingredienti e i tempi di cottura.

Nell'arte culinaria ci vuole attenzione, sensibilità, fantasia. Si modella un cibo, se ne sente l’odore, se ne assapora il gusto e soprattutto non si rinuncia mai a crearlo con il cuore.

Perché in una cucina tutto sia perfettamente funzionante bisogna muoversi con la massima coordinazione, come un'orchestra sotto il palco di un grande teatro, in cui ognuno ha un preciso ruolo, separato ma non indipendente dagli altri. Non per niente si parla di brigata di cucina, un termine che sottolinea l'unità e lo sforzo collettivo per raggiungere un obiettivo comune. 

Bianco d'estate, rosso d'inverno e bollicine tutto l'anno.

Lavorare nel mondo del vino è un ottimo modo per unire piacere e dovere-

[Picasso]: “Metto nei miei quadri tutto ciò che mi piace…” e io potrei dire la stessa cosa dei miei piatti.

Parigi è la culla dell’arte della tavola, espressa sia dal ristorante ricercato che dal semplice bar, dove gustare in tutta calma un caffè senza avvertire la tipica fretta dell’Italia di oggi… anche se ammetto che il nostro caffè è molto più buono.

Per quanto uno possa essere abile tra i fornelli, senza materia prima di grande qualità non si può creare nulla di eccellente.

Può sembrare strano, forse anche bizzarro, ma ogni mio piatto è come un’amante, da amare oltre ogni ragione fino al litigio assoluto.

Quando si seduce a tavola si gioca con il cibo e la bocca, e anche un semplice pezzetto di formaggio può diventare provocatoriamente il tramite di un messaggio amoroso.

Quando si vogliono esplorare le nuove frontiere gastronomiche, alla ricerca di inventiva per nuovi piatti, spesso si va in Norvegia, in Spagna, in Inghilterra, ma prima di arrivare in uno di questi Paesi è obbligatorio fermarsi a Parigi. Questa città è un insieme di tradizioni e di conoscenze culinarie assolute.

Tieni duro, e credici fino in fondo. La soddisfazione sul viso di chi assaggia le tue creazioni ti ripagherà di tutti gli errori che hai fatto in passato.

Tra i fornelli ho trovato il mio mondo perfetto, qualcosa che dia un senso al mio essere, che mi faccia sprigionare una fantasia incredibile e una pazienza inaspettata!
L'abito non fa il cuoco. (Alessandro Borghese)
Tu come lo fai?
I tuoi piatti preferiti in più di 100 ricette dello chef
© Mondadori 2013 - Selezione Aforismario

Cucinare è un gesto comune e deve essere un piacere quotidiano; perciò, se il tuo frigo a volte "piange" non chiudergli la porta "in faccia", e non sentirti in colpa se non è strapieno di cibo perché non sei riuscito a fare la spesa. Usa il buon senso e allenati per la sfida con il tuo frigorifero "piagnone": la sua certezza sta nei pochi ingredienti al suo interno, la tua sicurezza nel saperli guardare con occhi diversi!.

L'arte del cibo è un'avventura della mente.

Il linguaggio del cibo è meraviglioso, è un continuo scambio di consigli, idee, battute, credenze popolari e curiosità, perché il cibo è parte della nostra cultura. 

"Mi dai una ricetta?" ha un significato importante e allo stesso tempo godereccio e responsabile, per me vuol dire curiosità, voglia di aumentare il numero di ricette nel proprio quaderno, tentazione della gola e rispetto per il cibo. 

Il gusto è bello perché è vario e basta poco per mangiare bene e assaggiare un ottimo sapore. 

Il palato è sempre attento nel riconoscere il sapore a cui sei legato, fin dal primo assaggio, e si tratta dello stesso "gesto" che compie l'orecchio nell'ascoltare le prime note musicali del brano prediletto. E poi ci sono gli occhi, che quasi istintivamente si chiudono sia durante l'assaggio di un cibo adorato sia quando senti la tua canzone.

Il suono del cibo in cottura ti comunica l'armonia tra gli ingredienti, e il loro equilibrio ti fa assaporare le note del gusto che rivelano meravigliose sensazioni. 

L'unica cosa a cui non puoi rimediare quando cucini è il troppo sale, per questo bisogna assaggiare continuamente. 

Le papille gustative devono essere viziate, stuzzicate, risvegliate. 

Quando il cibo è cucinato bene, regala un piacere immediato; l'uso di ingredienti freschi è fondamentale e, se la tecnica è perfezionata dalla pratica, la riuscita della ricetta è assicurata!

Seguire le fasi di ogni ricetta, cercare gli ingredienti e iniziare a cucinali sono passaggi fondamentali che regalano entusiasmo ed emozione, nell'animo oltre che in bocca! Perché la vera soddisfazione è assaporare un piatto preparato con le proprie mani.

Strumenti, ritmo, armonia, equilibrio, note. Ci vogliono delle analogie nei vocaboli che si usano quando si gusta il cibo e quando si ascolta il brano dell'anima: il piatto preferito è come la canzone che ami, entrambi sono legati al ricordo di un momento, te li porti dentro e non li scordi mai.

Un piatto può sedurre la vista e far sentire appagato chi lo guarda ma non può ingannare il palato. Gli occhi mangiano per primi, ma è nella bocca che il gusto vince.

Kitchen Shuffle
Storie Di Cucina in Musica
© Sony Music Entertainment 2014

La cucina italiana è una storia di uomini e di donne e della loro grande passione e attenzione verso la tradizione e i prodotti del territorio, un'arte unica, una vocazione preziosa che non finisce mai di stupire, è il nostro essere italiano, siamo gli unici capaci di chiedere cosa ci sia per cena durante il pranzo. 

Frasi da interviste e programmi TV
Selezione Aforismario

A volte il destino ci cambia i giorni senza chiedere il permesso.

Ci dev'essere un'idea, una costruzione dietro ogni menu. Dal primo e fino al dolce. Le materie prime devono essere freschissime, le portate devono invogliare al piatto successivo. 

Ci sono ricette che hanno una storia, un segreto, una tradizione, e a seconda del Paese in cui vengono cucinate, possono cambiare e modificare il sapore e l'aspetto, pur mantenendo lo stesso nome.

Cucinare è un gesto quotidiano per tutti, per me è una grande fortuna fare quello che amo, svegliarmi la mattina e potermi dedicare alla mia passione.

Il piatto è un atto d'amore. Il cuoco deve essere curioso e deve mostrare amore verso la propria tradizione regionale.

Ogni viaggio ti regala grandi ricordi e intense emozioni. Quando si parte si visitano posti lontani da casa, si incontrano persone diverse per cultura e stile di vita, si possono scoprire lingue differenti, abitudini curiose, tradizioni insolite; viaggiare apre la mente e l'anima.

Quel che è cotto è cotto, quel che è fatto è fatto, e quel che è impiattato è impiattato!

Un piatto può essere rivisitato senza perdere la sua tradizione, la cucina è fantasia, ma ci vuole sempre tecnica e studio per creare una personale variante.

Note
Vedi anche aforismi, frasi e citazioni di: Pellegrino Artusi

Nessun commento: