Proverbi Africani - La saggezza dei popoli dell'Africa

Raccolta di proverbi Africani, che esprimono l'antica saggezza dei popoli dell'Africa: angolani, beninesi, burkinabè, burundesi, camerunesi, capoverdiani, congolesi, etiopi, ivoriani, kenioti, liberiani, malgasci, maliani, marocchini, mauritani, nigeriani, pigmei, senegalesi, sierraleonesi, somali, sudafricani, sudanesi, tanzaniani, togolesi, ugandesi, zanzibariani, zimbabwesi.
Su Aforismario trovi anche una raccolta di citazioni sull'Africa e gli Africani. [I link sono in fondo alla pagina].
È meglio essere l'ultimo tra i leoni che il primo tra gli sciacalli.
(Proverbio africano)
Proverbi Africani
Selezione Aforismario

Abbondanza di parole non significa potenza.

All'inizio il matrimonio è zucchero, in seguito aceto.

Anche all'elefante basta un solo giorno per morire.

Anche se Dio veglia sul tuo gregge, abbi cura di affidarlo a un pastore.

Anche se l’elefante è dimagrito, non oserà attraversare un ponte di liane.

Anche se la menzogna parte di buon mattino e la verità solo verso sera, la verità raggiungerà la menzogna.

Anche se nessuno ti ama, troverai sempre qualcuno disposto a tagliarti i capelli.

Anche se una piroga resta a lungo nel fiume non diventerà mai un coccodrillo.

Basta un pezzo di legno verde per impedire agli altri di bruciare.

Cercare di correggere un pazzo è renderlo ancor più stupido.

Chi chiede non è ladro.

Chi corre sempre, saprà sempre meno cose di colui che resta calmo e riflette.

Chi è abbandonato da tutti è con Dio.

Chi è in casa d'altri lasci i propri difetti sulla porta.

Chi ha visto un serpente di giorno, di notte ha paura di una corda.

Chi mangia troppo in fretta si morde le dita.

Chi non ha sofferto, non sa condividere le sofferenze altrui.

Chi non perdona gli altri distrugge il ponte nel punto in cui anche lui deve passare.

Chi pone la trappola sempre allo stesso posto non prenderà alcun iguana.

Chi può imparare a nuotare quando è vecchio?

Chi sciupa del tempo deruba sé stesso.

Chi ti consiglia di costruire la capanna non ti darà neppure un fascio di paglia per coprirla.

Chi vuole il miele deve avere il coraggio di affrontare le api.

Ciò che cresce lentamente mette radici profonde.

Ciò che il cuore desidera ardentemente fa muovere le gambe.

Ciò che l'occhio ha visto il cuore non dimentica.

Ciò che si è appeso in piedi, non lo si può prendere stando seduti.

Ciò che si dice vicino alla coda di un leone morto, non lo si dice quando il leone è vivo.

Colui che ha visto il leone ruggire non corre allo stesso modo di chi lo ha soltanto sentito.

Colui che non vuole vivere in comunità, è uno stregone.

Come il mare non si prosciuga mai, così la misericordia di Dio non viene mai meno.

Dalla ferita esce sangue, ma entra saggezza.

Dategli pure tempo cent’anni, un albero piantato nel fiume non diventerà mai un coccodrillo.

Dio dona, e non vende nulla.

Dio è come il fiume; non gli si porta rancore.

Dio ha creato il mondo per dare all'uomo una casa; il deserto perché vi trovi la propria anima.

Dov'è il Cielo, là c’è anche Dio.

Dove ballano gli elefanti, le formiche stanno alla larga.

Due seni: ecco ciò che occorre per far crescere un bimbo.

È cieco chi guarda solo con gli occhi.

È l'occhio dell'anziano che fa maturare i fagioli.

È meglio che ridano di voi, perché almeno continuate a vivere, quando vi piangono avete perso la vita.

È meglio essere l'ultimo tra i leoni che il primo tra gli sciacalli.

È più facile deviare il corso di un fiume che cambiare il comportamento di un cattivo soggetto.

È più facile trasportare un termitaio che esercitare l’autorità al villaggio.

È viaggiando che si trova la saggezza.

Giornata bella, regalo per il viandante.

Hai un dente solo? Sorridi almeno con quello!

I semi di oggi saranno la foresta di domani.

Il bambino che non è mai uscito di casa crede che soltanto sua madre sappia fare bene il sugo.

Il cammino attraverso la foresta non è mai lungo se si ama la persona che si va a trovare.

Il cane conosce il suo padrone, ma non il padrone del suo padrone.

Il cane ha quattro zampe, ma non prende due strade alla volta.

Il cibo, una volta pronto, non ha padroni.

Il cuore conserva ciò che l’occhio ha visto.

Il cuore dell'uomo non è un sacco dove chiunque possa mettere la mano.

Il dolore è come un tesoro, lo si mostra soltanto agli amici.

Il fabbro non usa due martelli alla volta.

Il ferro non discute con il martello.

Il giovane cammina più veloce dell'anziano, ma l'anziano conosce la strada.

Il gracidare delle rane non impedisce all'elefante di bere.

Il leopardo ha le sue macchie fuori, e l'uomo invece dentro.

Il leopardo non dorme mai su un ramo secco.

Il leopardo non ha mai bisogno di proclamare la sua leopardità.

Il malato ringrazia Dio solo se ha visto un morto; l'orbo ringrazia Dio solo se ha visto un cieco.

Il matrimonio è come la pioggia; si comincia dicendo: quando pioverà? Alla seconda pioggia si dice: ora basta; alla terza: è decisamente troppo.

Il matrimonio è una guerra che si dichiara a sé stessi.

Il morto non sente il suo cattivo odore.

Il nemico dell'uomo è la sua lingua.

Il ruolo del figli: obbedire e seguire i consigli

Il sole non dimentica alcun villaggio.

Il vento non spezza un albero che sa piegarsi.

In qualsiasi piazza che constaterete essere in pace, c'è qualcuno che ha la conoscenza di una verità che non ha detto.

In tempi di carestia, le patate non hanno buccia.

In una casa dove si patisce la fame il cane non entra.

Indossare un abito rammendato è meglio che essere nudi.
La donna sposata è come una zanna di elefante, non toccarla.
(Proverbio africano)
L’abbondanza divide il villaggio più delle privazioni.

L'adulazione praticata dallo stolto è come lo sterco di vacca: sopra è secco, ma dentro è molle e puzza.

L’albero cade dalla parte da cui pende.

L’amicizia è una strada che scompare nella sabbia se non la si percorre con continuità.

L’amore è come un uovo, chi rompe il suo è perduto.

L'asservimento è Dio che lo creò.

L’erba e il fuoco non possono mettersi d’accordo.

L'esempio degli antenati è come una bisaccia per il giovane viandante.

L'intelligenza è ricchezza.

L'istrice non può ritirare i suoi aculei.

L'orfano è al di sotto degli animali.

L'uomo è come il pepe rosso; finché non ne avete mangiato, non potete valutare quanto sia forte.

L'uomo è come l'anatra, mette il becco dappertutto.

L’uomo fa dei progetti, la morte ne fa altri,

L'uomo sarà anche il capo della casa, ma la donna ne è il cuore.

La barba non può raccontare le favole al ciglio.

La bellezza di una donna non è nel suo viso.

La bocca contrae debiti, ma è il sedere che paga.

La bocca è una cicatrice che non guarisce.

La casa dell’amico non è mai lontana.

La casa in cui si litiga si mangia minestra cotta a metà.

La collera di una madre non dura più di una notte.

La donna che Dio ti ha destinata è migliore di quella scelta dall'occhio.

La donna sposata è come una zanna di elefante, non toccarla.

Là dove ci si ama non scende mai la sera.

La farfalla non conta gli anni, ma gli istanti: per questo il suo breve tempo le basta.

La ferita provocata da una parola non guarisce.

La forza della donna si trova nella sua lingua.

La grandezza di una barca non impedisce che si rovesci.

La lingua e i denti a volte litigano con la bocca, ma ciò non impedisce che continuino a rimanere insieme.

La lingua non ha ossa e tuttavia è molto potente.

La luna mostra il sentiero, ma non i pericoli della strada.

La medicina buona è amara.

La morte è come un vestito che tutti devono portare

La morte è un debito verso la terra, ciascuno lo deve pagare per conto proprio.

La pazienza è un amuleto per la vita.

La pelle del leopardo è bella, ma il suo cuore è cattivo.

La povertà è la figlia maggiore della pigrizia.

La puzzola non sente la puzza del suo corpo.

La sapienza è come un baobab; una sola persona, a braccia aperte, non può stringerne il tronco.

La scimmia che non vede il proprio sedere prende in giro le altre scimmie.

La solitudine è una follia

La sorte fa i genitori, la scelta gli amici.

La spina nella carne di un'altra persona è più facile a levarla.

La terra non ci è stata data dei nostri antenati, ma prestata dai nostri figli.

La varietà è l'essenza del sapore.

La vita è un ramo di palma piegato dai venti.

Le donne sono le trappole del diavolo.

Le gambe si riposano, la bocca mai

Le disgrazie non cadono sugli alberi, cadono sugli uomini.

Le formiche hanno detto: mettiamoci insieme e riusciremo a trasportare un elefante.

Le parole buone sono come la pioggia che bagna il terreno.

Le zampe della mosca si posano su qualunque cosa.

Lo scoiattolo è piccolo, ma non è schiavo dell'elefante.

Lo straniero è come un fratello che non hai mai incontrato.

Lingua e denti sono vicinissimi, eppure litigano anche loro.
La pazienza è un amuleto per la vita. (Proverbio africano)
Meglio donare poco che promettere molto.

Meglio un ladro in casa che qualcuno che non si decide ad andarsene.

Mettiti in cammino anche se l’ora non ti piace. Quando arriverai l’ora sarà comunque gradita.

Mille passi cominciano sempre da uno.

Morire non è una catastrofe, la catastrofe sta nel dover dormire affamato.

Nel bel mezzo del lago non si prende in giro il caimano.

Nel buio tutti i gatti sono leopardi.

Nel grembo della madre al bimbo non manca di nulla.

Noi non ereditiamo la terra dai nostri genitori, ma la prendiamo in prestito dai nostri figli.

Non c’è un solo giorno, anche domani il sole brillerà.

Non essere come l'uomo stolto che, pur di non rischiare, non tenta mai nulla.

Non è la zappa del vostro vicino che porterà a termine il vostro lavoro.

Non è mai tardi per dare il via a qualcosa di buono.

Non fa mai notte dove ci si ama.

Non gettare il bastone prima di aver attraversato lo stagno.

Non importa quanto tempo un tronco sta nell’acqua, non per questo diventa un coccodrillo.

Non rifiutate qualcosa a chi vi ha rifiutato qualcosa.

Non si batte il tamburo sul petto altrui.

Non si accende il fuoco con un solo pezzo di legno.

Non si insegna a nuotare al pesce.

Non si insegna al leopardo come dare la caccia al cane.

Non si mettono uova e ferro nello stesso sacco.

Non si va a cercare il leopardo nella sua tana.

Non tendere l'arco oltre la lunghezza del tuo braccio.

O hai la testa o hai le gambe.

Ogni corso d'acqua ha la sua sorgente.

Ogni ferita lascia una cicatrice.

Ogni uccello prende le piume di suo padre.

Partorire una femmina è partorire un problema.

Per quanto grande sia il baobab ha sempre un piccolo seme come genitore.

Per quanto tu lo bastoni, un cane continuerà a mangiare per terra.

Piccolo uomo, grandi contese.

Portate i vostri bimbi sulle spalle, affinché il loro occhi possano guardare lontano.

Potete nascondere una macchia sulla pelle, ma non un difetto.

Quando devi ricevere da Dio, presentati con le mani aperte.

Quando gli altri hanno ricevuto, tu puoi ancora ricevere, perché Dio è sempre lì.

Quando gli elefanti si fanno la guerra, è l’erba a rimanere schiacciata.

Quando il dito non sa dove andare, si ficca nel naso.

Quando il fiume è pieno, è silenzioso.

Quando il gatto è sazio dice che il sedere del topo puzza.

Quando il leone invecchia, persino le mosche osano attaccarlo.

Quando il padrone di casa è assente, i rospi salgono sui bananeti.

Quando l'albero sarà cresciuto, allora ci attaccherai la tua vacca.

Quando la gamba non cammina, lo stomaco non mangia.

Quando la morte ti invita, non superi la notte.

Quando mangi un uovo, non disprezzare la gallina.

Quando parli, parla a chi capisce.

Quando punti il dito ad accusare il fratello, ricordati che tre dita indicano te.

Quando si è picchiati altrove si ritorna a casa, ma quando si viene picchiati a casa propria, dove fuggire?

Quando si è stati morsi dal serpente si teme persino il millepiedi

Quando un uomo libero viene legato con una corda, prima o poi, la spezza.

Saper nuotare e andare a cavallo è bene, ma conoscere se stessi è meglio.

Sbagliare la strada, serve a conoscere la strada.

Se c'è da andare, che si vada bene!

Se hai molti amici sorveglia la pancia di tua moglie.

Se hai un solo dente in bocca, usa quello per sorridere.

Se noi siamo alti, è perché stiamo sulla schiena di chi è venuto prima di noi.

Se sai gioire per le gioie altrui, sei il più degno abitante del villaggio.

Se sei caduto nello stagno, non strizzare la camicia prima di aver raggiunto la riva.

Se si sogna da soli, è solo un sogno. Se si sogna insieme, è la realtà che comincia.

Se si è un nocciolo bisogna aspettarsi di essere schiacciato sotto un sasso.

Se uccidi il piccolo dell'ippopotamo uccidi anche sua madre.

Se volete andare in fretta, andate soli; se volete andare lontano, andate insieme.

Se volete conservare un segreto, affidatelo al vento che passa, ma non a una donna.

Se vuoi arrivare primo, corri da solo; se vuoi arrivare lontano, cammina insieme.

Si guarisce una malattia, ma non si guarisce mai una cattiva abitudine.

Si incomincia ad invecchiare quando si smette di imparare.

Si ritarda nel crescere, non si ritarda nel morire.

Siamo ciò che siamo grazie agli altri.
[Umuntu ngumuntu ngabantu].

Solo le montagne non si incontrano mai.
Chi che ha visto il leone ruggire non corre allo stesso modo
di chi lo ha soltanto sentito. (Proverbio africano)
Un uovo in bocca è meglio di una gallina nel pollaio.

Un cammello non prende in giro un altro cammello per le sue gobbe.

Un gatto vecchio non impara più a ballare.

Un nemico intelligente è meglio di un amico stupido.

Un pazzo si riconosce non dalle parole, ma dalle azioni.

Un tappo rotondo non chiude un buco quadrato.

Un uccello ciarliero non costruisce il nido.

Un visitatore prudente e accorto apre gli occhi, ma non la bocca.

Una donna senza parenti danza con i figli sulla schiena.

Una ferita fa male ma guarisce. Una parola cattiva fa male per sempre.

Una figlia non è un'ospite.

Una gallina che gironzola dappertutto incontrerà il serpente.

Una mamma non si arrabbia mai: con una mano punisce il figlio, con l'altra lo carezza.

Una sola testa non può contenere tutta la saggezza.

Una volta che il bufalo è stato ferito, compaiono molti coltelli.

Vede più lontano un vecchio seduto che un giovane in piedi.

Note
Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Africa e Africani

Nessun commento: