Ambivalenza - Aforismi, frasi e citazioni

Raccolta di aforismi, frasi e citazioni sull'ambivalenza e sui sentimenti e gli atteggiamenti ambivalenti. In senso lato, l'ambivalenza è la proprietà di ciò che si presenta sotto due aspetti diversi. In senso psicologico, l'ambivalenza è la "compresenza, nella relazione di un soggetto con un oggetto, di idee, sentimenti, tendenze e atteggiamenti di segno opposto". [Umberto Galimberti, Dizionario di psicologia, 1992]. Su Aforismario trovi altre raccolte di citazioni correlate a questa sull'ambiguità, su amore e odio, bene e male, bontà e cattiveria. [I link sono in fondo alla pagina].
Il vivere dell'uomo è fatto di ambivalenze e contrasti, e a essi dobbiamo
guardare come agli elementi necessari alla nostra completezza di uomini.
(Aldo Carotenuto)
Ambivalenza
© Aforismario

Nell'unità della personalità non esistono contrasti, non esiste ambivalenza, non esistono due anime. Chi afferra le finezze e le sfumature della coscienza nega che qualcuno nell'inconscio sia diverso da com'è nella coscienza. Si tratta di una divisione artificiosa dovuta al fanatismo per l’analisi. Il senso della vita di un individuo corrisponde al modo in cui esso si muove.
Alfred Adler, Il senso della vita, 1933

Le affermazioni (in contraddizione tra loro, ma spesso dotate di un'identica forza di persuasione) "Gli uomini sono fondamentalmente buoni, e per agire secondo la loro natura hanno bisogno soltanto di essere aiutati" e "Gli uomini sono fondamentalmente cattivi, e bisogna impedire che agiscano in base ai loro impulsi", sono entrambe sbagliate. In realtà, gli uomini sono moralmente ambivalenti: l'ambivalenza è al cuore della "scena primaria" del confronto umano.
Zygmunt Bauman, Le sfide dell'etica, 1996

Nel nostro mondo di individualismo rampante, le relazioni presentano i loro pro e contro. Vacillano costantemente tra un dolce sogno e un orribile incubo, e nessuno può mai dire quando l'uno si trasforma nell'altro. Quasi sempre le due manifestazioni coabitano, sebbene a diversi livelli di coscienza. In uno scenario di vita liquido-moderno, le relazioni sono forse le più diffuse, acute, sentite e sgradevoli incarnazioni dell'ambivalenza.
Zygmunt Bauman, Amore liquido, 2003

V'è quasi sempre un'ambivalenza nel lavoro, che è al tempo stesso un asservimento, una fatica, ma anche una fonte d'interesse, un elemento di equilibrio, e un fattore di integrazione alla società. Quest'ambiguità si riflette nella pensione, che si può considerare come una specie di grande vacanza, o come una caduta tra gli scarti. 
Simone de Beauvoir, La terza età, 1970

L'individuo normale ha talvolta l'impressione di avere come due anime, paventa un evento e desidera che accada [...]. Tali ambivalenze sono quanto mai frequenti e particolarmente drastiche nelle rappresentazioni che ci facciamo di persone che odiamo ο temiamo e al tempo stesso amiamo.
Eugen Bleuler, Trattato di psichiatria, 1911/60

L'uomo è fatto di bene e di male, di luce e di ombra; che si tratti di una fusione di divino e diabolico lo propongono già i miti più antichi, le leggende, le fiabe. Possiamo ripetere che la polarità, la dualità, il conflitto, l'ambivalenza nei sentimenti e negli atti, nascono con l'uomo.
Aldo Carotenuto, La nostalgia della memoria, 1988

Nei testi sacri è detto che Dio creò il cielo e la terra, la luce in contrapposizione al buio, il sole e la luna, l'uomo e la donna; ben presto il male e il bene si scissero e l'atto trasgressivo si oppose all'obbedienza. La polarità, dunque, è presente già nella creazione, è insita nella natura stessa delle cose, per cui supporre un'esistenza priva dell'elemento ambivalente sembrerebbe essere un fatto contro natura.
Aldo Carotenuto, La nostalgia della memoria, 1988

Tutti gli esseri umani vengono prima o poi alle prese con lo shock dell'ambivalenza, l'amore-odio della madre, del padre, degli insegnanti, della fidanzata ecc. Ma quando questa ambivalenza diventa il pane quotidiano, un rebus costantemente posto e imposto al bambino, si struttura un disagio della personalità di difficile rimarginazione.
Aldo Carotenuto, Amare tradire, 1991

Il vivere dell'uomo è fatto di ambivalenze e contrasti, e a essi dobbiamo guardare come agli elementi necessari alla nostra completezza di uomini.
Aldo Carotenuto, Il gioco delle passioni, 2002

È possibile che molte volte nelle situazioni affettive non ci si renda conto che i rapporti siano improntati a una ostilità profonda. Questo può stupire la maggioranza, ma non l'esperto che ben conosce le ambivalenze del cuore umano.
Aldo Carotenuto, Il gioco delle passioni, 2002

Gran parte della distruttività espressa dai comportamenti di certi innamorati, scaturisce da una sorta di protocollo autodifensivo mediante il quale la persona tenta di sottrarre all'altro energia per alimentare e sostenere se stessa. E ci troviamo così nel cuore spinoso del problema: può essere definito "amore" un sentimento di questo tipo, così ambiguo e ambivalente? La risposta non può che essere un sì, perché la verità dell'amore non è mai univoca, non è mai solare: gli innumerevoli volti dell'amore sorridono ammiccanti in una luce crepuscolare.
Aldo Carotenuto, Il gioco delle passioni, 2002

L'amore si delinea in maniera ambivalente, ora come spazio di libertà incondizionata, ora come area circoscritta dal vincolo del possesso. Come intendere, dunque, l'amore? Sentimento di libertà o prigionia del cuore?
Aldo Carotenuto, Il gioco delle passioni, 2002

L'uomo non cerca il livellamento della propria personalità, ma si adopera per realizzare la migliore conciliazione possibile fra i tanti elementi - quasi sempre opposti tra loro - che popolano il suo mondo interno. Ciò verso cui tendiamo è la conciliazione dei cosiddetti "opposti psichici", dimensioni ambivalenti e diversificate come il giorno e la notte.
Aldo Carotenuto, Il gioco delle passioni, 2002

Nel correggere la naturale ambivalenza dei sentimenti, la ragione li corrompe, mutilando così l'universo. Chi sopprime le segrete connivenze tra i propri amori e i propri odi diventa un fanatico che
incede tra schemi.
Nicolás Gómez Dávila, In margine a un testo implicito, 1977/92

L'ambivalenza del sacro non è esclusivamente di carattere psicologico (nella misura in cui attira e respinge), ha anche un carattere assiologico: il sacro è, nello stesso tempo, "sacro" e "contaminato".
Mircea Eliade, Trattato di storia delle religioni, 1948

Conosco il tema dell'ambivalenza radicata in ogni italiano, la convinzione che le leggi debbano essere fatte rispettare e obbedite, che le tasse vadano pagate: dagli altri.
Bill Emmott, Forza, Italia, 2010

La vista del sangue è sempre ambivalente; il sangue è immagine simbolo e realtà della vita, e insieme immagine di tragedia e di morte. Come il tempo, essenza della vita. È forza irresistibile che ci distrugge. Così lo scheletro da sempre simbolo della morte è il sostegno del nostro esser vivi. Ogni concetto è ambivalente, come ogni immagine, e nel suo chiuso cerchio di ferro contiene e crea l'infinito.
Andrea Emo, Quaderni, 1927-1981 (postumo 2006)

C'è indubbiamente un sottofondo d'odio nell'amore di un uomo per una donna. È un sentimento ambivalente.
Massimo Fini, Dizionario erotico, 2000

Quanto più colto e differenziato è un individuo, tanto più aumentano le sue ambivalenze, di modo che ogni alleanza con altri uomini primitivi e unilaterali può condurre solo ad una catastrofe di malintesi.
Franz Fischer, Aforismi, 1979

La trasformazione di una pulsione nel suo contrario (in senso materiale) viene osservata in un caso soltanto: nella conversione dell’amore in odio. Poiché è particolarmente frequente che l’amore e l’odio si dirigano contemporaneamente sullo stesso oggetto, tale compresenza costituisce altresì l’esempio più significativo di ambivalenza emotiva.
Sigmund Freud, Metapsicologia, 1915

L’osservazione clinica ci mostra non solo che l’odio è invariabilmente l’inatteso accompagnatore dell’amore (ambivalenza), non solo che spesso esso precorre l’amore nelle relazioni fra gli uomini, ma anche che in alcune occasioni l’odio si trasforma in amore, e l’amore in odio. 
Sigmund Freud, L’Io e l’Es, 1922

Oggi, più o meno tutti sanno che nessun essere per natura è regolato in un sesso. L'ambivalenza sessuale, l'attività e la passività, per non dire la bisessualità e la transessualità, sono inscritte come differenze nel corpo di ogni soggetto, e non come termine assoluto legato a un determinato organo sessuale.
Umberto Galimberti, I miti del nostro tempo, 2009

L'ambivalenza sessuale profonda, oggi accertata non solo dalla psicologia ma anche dalla biologia, è culturalmente rimossa, perché altrimenti sfuggirebbe all'organizzazione genitale e all'ordine sociale. Tutto il lavoro ideologico consiste allora nel disperdere questa realtà irriducibile per risolverla nella grande distinzione del maschile e del femminile, intesi come due sessi pieni, assolutamente distinti e opposti l'uno all'altro.
Umberto Galimberti, I miti del nostro tempo, 2009

La retorica dei buoni sentimenti è una spessa coltre che stendiamo sull'ambivalenza della nostra anima, dove l'amore si incatena con l'odio, il piacere con il dolore, la benedizione con la maledizione, la luce del giorno con il buio della notte, perché nel profondo tutte le cose sono intrecciate in un'invisibile disarmonia. E scrutare l'abisso che queste cose sottende è compito ormai trascurato della nostra cultura che con troppa semplicità distingue il bene dal male, come se i due non si fossero mai incontrati e affratellati.
Umberto Galimberti, I miti del nostro tempo, 2009

L'ambivalenza è un motivo meraviglioso per danzarci. Ha un ritmo tutto suo.
Erica Jong (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

L'ambizione è un movente ambivalente. A seconda delle premesse, della misura e delle mire, può essere qualità ammirevole o detestabile difetto.
Alessandro Morandotti, Minime, 1979/80

Il pessimismo cosmico è una dottrina di consolazione. Molto peggio sta chi credendo all'ambivalenza dell'ordine esistente, riconosce se stesso per inadatto, quindi per condannato a soffrire.
Cesare Pavese, Il mestiere di vivere, 1935/50 (postumo 1952)

Tutto è ambivalente.
Cesare Pavese, Il mestiere di vivere, 1935/50 (postumo 1952)

Non tener conto dei giudizi umani: sono sempre incerti e ambivalenti.
Lucio Anneo Seneca, Lettere a Lucilio, 62/65

Una frase fortemente ambivalente (potrebbe essere la dichiarazione più seria o lo scherzo più audace e irriverente) provoca angoscia perché dimostra quanto le due possibilità, che si vorrebbero lontane, sono vicine.
Cesare Viviani, Il sogno dell'interpretazione, 1989

Il concetto di ambivalenza implica forti sentimenti in opposizione fra loro. Il prefisso, come in ambidestro, significa entrambi. Il resto della parola in latino significa vigore. La parola suggerisce che tu sei dilaniata fra due opposte linee di condotta. 
Sonia Wick (Vanessa Redgrave), in Ragazze interrotte, 1999

Note
Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: AmbiguitàAmore e Odio - Bene e Male - Bontà e Cattiveria 

Nessun commento: