Marxismo - Aforismi, frasi e citazioni

Raccolta di aforismi, frasi e citazioni sul marxismo e sui marxisti. Nelle seguenti riflessioni, il termine "marxismo" è utilizzato per indicare sia il pensiero filosofico di Karl Marx, sia il complesso degli studi, delle interpretazioni, nonché le diverse concezioni filosofiche e politiche suscitate dal pensiero e dall'opera di Marx e di Engels. Come nota Felipe González: "Quando oggi si parla di marxismo occorre mettere i punti e spiegare se si intende parlare di Marx, dell'interpretazione che della sua opera dette Lenin, o dell'interpretazione di Trotskij o di quella di Mao e così via. Insomma, oggi «marxismo» non è un concetto chiaramente identificabile e non è possibile definire un partito con un concetto che di per sé è indefinibile". [Intervista, 1980].
Su Aforismario trovi altre raccolte di citazioni correlate a questa sul comunismo, i comunisti e contro l'ideologia comunista. Inoltre, trovi una raccolta dei pensieri più significativi di Karl Marx. [I link sono in fondo alla pagina].
Io non sono marxista. (Karl Marx)
Marxismo 
© Aforismario

Dottrine fantastiche (come il Cristianesimo, l'Islamismo o il Marxismo) richiedono la fede unanime. Ma se qualcuno lancia dei dubbi sul credo di milioni, ecco che compaiono paura e odio, camere a gas e di tortura, la forca, i lavori forzati e i reparti di psichiatria.
Edward Abbey, A Voice Crying in the Wilderness, 1989

Il marxismo è menzogna perché esiste Dio, ossia la forza suprema e la sorgente di ogni forza; perché esiste una forza spirituale, e non solo la forza economica. È vero che nella vita sodale tutto è deciso dalla forza, ma la forza suprema non è l’economia, e non è neppure la lotta di classe. La forza suprema risiede nello spirito. Perfino la forza del peccato è spirituale. La materia è impotente, inerte, passiva. Solo lo spirito è attivo, solo lo spirito è la vera forza motrice.
Nikolaj Berdjaev, Cristianesimo e lotta di classe, 1931

Il lavoratore diviene un rivoluzionario quando si libera del proprio 'operaismo', quando giunge a detestare il proprio ruolo di classe senza mezzi termini, qui e ora, e quando comincia a scrollarsi di dosso quei caratteri che i marxisti più gli ammirano – l'etica del lavoro, la struttura caratteriale derivante dalla disciplina industriale, il rispetto per la gerarchia, l'obbedienza ai capi, il consumismo, le scorie del puritanesimo.
Murray Bookchin, Ascolta, marxista!, 1969

Dei marxisti talvolta si dice che evocano la crisi capitalistica di continuo, e che solo per questo finiscono presto o tardi per avere ragione, un po' come un pendolo rotto che segna l'ora giusta almeno due volte al giorno. [...] per quei sedicenti discepoli che tendono a scambiare l'analisi di Marx per una banale teleologia, la battuta non sembra del tutto inappropriata. Bisognerebbe però trovare un'immagine speculare per quegli esponenti del paradigma dominante ai quali capita di dichiarare che va tutto bene anche nel mezzo di una situazione palesemente fuori controllo. Ad esempio, potremmo dire che il loro comportamento ricorda quei semafori che continuano imperturbabili ad alternare il rosso e il verde anche al cospetto di un gigantesco ingorgo.
Emiliano Brancaccio, L'austerità è di destra, 2012

Come doveva essere bello essere marxisti ante Marx natum.
Gesualdo Bufalino, Il malpensante, 1987

Il marxismo e la propaganda comunista hanno contagiato i letterati facendogli credere che, non aderendo alle visioni, alle tesi, al linguaggio della Sinistra si è poco intelligenti, e addirittura meno viventi. I letterati hanno scambiato i comunisti per Impressionisti da non rifiutare, pena la condanna dell'avvenire. « È vero, non mi piacciono, ma potrebbero avere un valore eccezionale! Se un giorno entrassero al Louvre? Se alle aste li pagassero miliardi? ». Così si riempiono la testa di venerate idiozie.
Guido Ceronetti, Il silenzio del corpo, 1979

Tutto ciò che è estremo mi ha sempre affascinato. Il marxismo, per esempio, non mi ha mai attratto. Perché è troppo sistematico, troppo serio, rigido e dogmatico, e troppo poco individuale. Non c’è fantasia, fantasia teorica, nel marxismo.
Emil Cioran, Un apolide metafisico, 1995

Ciascun marxista usufruisce di due marxismi: il marxismo corrente che predica e il marxismo esoterico con cui confuta le critiche mosse al primo. C'è anche un terzo marxismo: quello che il marxista attribuisce in senso spregiativo ai suoi interlocutori sotto il nome di marxismo volgare.
Nicolás Gómez Dávila, In margine a un testo implicito, 1977/92

Le categorie marxiste, da sole, non riescono a spiegare neanche il marxismo.
Nicolás Gómez Dávila, ibidem

I marxisti definiscono la borghesia in chiave economica per nascondere il fatto che vi appartengono.
Nicolás Gómez Dávila, ibidem

Due tipi umani ispirano oggi particolare commiserazione: il politico borghese che la storia pazientemente incalza e il filosofo marxista che la storia pazientemente confuta.
Nicolás Gómez Dávila, ibidem

Il marxismo avrà pace solo quando sarà riuscito a trasformare contadini e operai in impiegati piccoloborghesi.
Nicolás Gómez Dávila, In margine a un testo implicito, 1977/92

Più che di marxisti apostati il nostro tempo è pieno di marxisti stanchi.
Nicolás Gómez Dávila, ibidem

Il marxismo è un bel fastidio per l'uomo di sinistra, perché lo obbliga a prendersi sul serio.
Nicolás Gómez Dávila, ibidem

Un lessico di dieci parole è sufficiente al marxista per spiegare la storia.
Nicolás Gómez Dávila, ibidem

Il marxismo non ha trovato posto nella storia della filosofia grazie alle sue imprese filosofiche, ma grazie ai suoi successi politici.
Nicolás Gómez Dávila, In margine a un testo implicito, 1977/92

Dinanzi all'uomo intelligente che diventa marxista proviamo la stessa sensazione del miscredente dinanzi a una bella ragazza che si fa suora.
Nicolás Gómez Dávila, Tra poche parole, 1977/92

Per il marxista, la ribellione nelle società non comuniste è un fatto sociologico e nella società comunista un mero fatto psicologico. Là si ribella uno «sfruttato», qui si rivela un «traditore».
Nicolás Gómez Dávila, Tra poche parole, 1977/92

Il marxismo insegna che l'economia determina la storia, ma pretende di redimere l'uomo con una riforma giuridica.
Nicolás Gómez Dávila, ibidem

Il marxismo proclama che sostituirà il governo delle persone con l'amministrazione dei beni. Disgraziatamente il marxismo insegna che il governo delle persone consiste nell'amministrazione dei beni.
Nicolás Gómez Dávila, Tra poche parole, 1977/92

Il premarxista è infantile, il marxista rozzo, solo il postmarxista è adulto.
Nicolás Gómez Dávila, ibidem

Marxismo e freudismo negano l'individualità. Sessualità ed economia modellano la stessa pasta omogenea. Secondo queste prediche l'individualità sarebbe mera somma di episodi, mentre è ciò che trasforma gli episodi in somma.
Nicolás Gómez Dávila, Tra poche parole, 1977/92

L'unico principio metodologico della storiografia marxista è l'anacronismo metodico.
Nicolás Gómez Dávila, ibidem

Per il marxista, la ribellione nelle società non comuniste è un fatto sociologico e nella società comunista un mero fatto psicologico. Là si ribella uno « sfruttato », qui si rivela un «traditore».
Nicolás Gómez Dávila, Tra poche parole, 1977/92

Lo storico marxista passa una mano di vernice monocroma sulle sfumature variopinte della storia.
Nicolás Gómez Dávila, ibidem

Il contributo scientifico del marxismo è consistito, più che nelle sue tesi, nella testardaggine con cui le ha sostenute. Il suo dogmatismo intollerante ha costretto ad adottare un tipo di interpretazione storica di cui l'economicismo è solo un caso. Che dietro l'intenzione cosciente sia necessario cercare una struttura complessa di condizionamenti, lo storico, senza l'ostinazione marxista, non l'avrebbe capito.
Nicolás Gómez Dávila, Tra poche parole, 1977/92

La critica letteraria marxista deve promuovere lo psicoanalista della letteratura, affinché ci sia chi la superi in stupidità.
Nicolás Gómez Dávila, ibidem

Chi disconosce la struttura religiosa di base di ogni azione è oggi come chi ieri negava la sua struttura di base economica. Oggi i marxisti occupano una posizione intellettualmente analoga a quella degli antimarxisti di ieri.
Nicolás Gómez Dávila, ibidem

Nello storico marxista, la storia respira tra le pause del marxismo.
Nicolás Gómez Dávila, ibidem

Per potersi alleare col comunista, il cattolico di sinistra sostiene che il marxismo critica soltanto gli adattamenti borghesi del cristianesimo, quando invece ne condanna l'essenza stessa.
Nicolás Gómez Dávila, Tra poche parole, 1977/92

Lo storico marxista e l'esegeta cattolico mentono entrambi.
Nicolás Gómez Dávila, ibidem

Sconfitto in campo aperto, il marxista, per salvarsi, si infila nella fortezza hegeliana attraverso il pertugio apertogli dai manoscritti giovanili di Marx.
Nicolás Gómez Dávila, ibidem

Quando le sue conseguenze logiche fanno cozzare il marxismo contro un fatto, il marxista, appoggiandosi agli obiter dieta di Marx o di Engels, lo obbliga a un guizzo leggiadro e disonesto.
Nicolás Gómez Dávila, ibidem

Quando lo storico scoprirà che il marxismo l'ha indotto a scrivere, sotto la denominazione di storia economica, una storia di istituzioni giuridiche, il passato cambierà volto. Infatti, così come non è il salario a definire economicamente il mondo moderno, ma la fabbrica, allo stesso modo non è sul servo che si regge l'economia medioevale, ma sulla villa. Villa romana o carolingia, castello feudale o abbazia benedettina, Landsitz, chàteau, country house, il fondo rurale è stata la vera e propria struttura di base dell'Europa di un tempo. La civiltà occidentale è stata una cospirazione di possidenti.
Nicolás Gómez Dávila, Tra poche parole, 1977/92

Il marxismo non è il ritorno alla salute di un proletariato malato. È il peccato sociale di cui la miseria proletaria ha permesso la nascita.
Madeleine Delbrêl (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Ci sono due tipi di marxisti. Ci sono coloro ai quali piace il marxismo perché dà loro l'opportunità, almeno credono, di ripudiare i valori più alti della vita; e a loro piace ripudiare queste cose. Ci sono altri ai quali il marxismo piace solo perché a loro piacciono i fatti, ed è necessario affrontare i fatti per procedere a costruire nella realtà concreta i valori più alti della vita.
Max Eastman, Il giovane Trotsky, 1925

Sia il capitalismo sia il marxismo, nelle loro varie declinazioni, non sono in grado di mettere in discussione la Modernità perché nella Modernità sono nati e si sono affermati. Danno per presupposto ciò che deve essere invece dimostrato.
Massimo Fini, Manifesto dell'Antimodernità, 2002

[Marxisti] Il Platone d'esecuzione.
Ennio Flaiano (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

La maggior parte degli uomini pensa oggi che abbiamo due panieri: uno liberal-greco-cristiano, l’altro totalitario-materialista-marxista. Ma quanto alle grandi questioni d’ordine scientifico e tecnico, queste due correnti d’idee differiscono di poco. In realtà, sono le masse contadine indie d’America Latina, le nere d’Africa e le gialle d’Asia, a costituire l’autentico « terzo paniere». In questo sono contenuti dei possibili: ma nessuno, ancora, di tali possibili è prevedibile. Quelle masse serbano intatte le loro facoltà di divenire.
Jean Fourastié, La grande Métamorphose du XXe siècle, 1957

È logico che ogni marxista sia più marxista di Marx.
Joan Fuster, Giudizi finali, 1960/68

Le famose "contraddizioni" della chiacchiera marxista erano così insignificanti che non ci siamo nemmeno accorti della loro scomparsa.
Fausto Gianfranceschi, Aforismi del dissenso, 2012

Marxismo, psicoanalisi e razzismo sono le più diffuse tenebre in cui si sia cacciata l'umanità.
Karl Jaspers, La situazione spirituale del tempo, 1931

[Marxisti e psicoanalisti] assumono a volte un atteggiamento di stupefacente arroganza, quasi fossero in possesso di un sapere profondo, disvelante, sovrano. Da queste vette guardano con degnazione agli imbarazzi degli uomini. Si sentono sovrani spirituali del mondo e tanto più risibile è la loro albagia qualora sul piano personale siano degli autentici nani.
Karl Jaspers, Piccola scuola del pensiero filosofico, 1965

La cultura marxista sembra fiorire in Italia, mentre la via al socialismo si sta chiudendo; ma in gran parte è un colossale e capillare lavoro di mistificazione, che serve a dimostrare come la classe operaia si fa Stato e realizza il socialismo e come nel passato il progresso è stato sempre portato da lente trasformazioni, cioè da qualche cosa di simile ad un riformismo permanente: un lavoro di mistificazione che cerca di cancellare le contraddizioni del presente e del passato. Che resterà di questa cultura deteriore? Forse poco: si può sperare ancora nella giustizia del tempo! Ma il lavoro è massiccio e durerà a lungo: quale Ercole potrebbe ripulire queste stalle di Augia?
Antonio La Penna, Aforismi e autoschediasmi, 2005

L'aver colto le contraddizioni nello sviluppo della società è merito duraturo del marxismo; e chiunque oblitera il momento della contraddizione, rende meno comprensibile la dialettica storica della società. Ma nel concetto di sintesi il marxismo ha ereditato troppo il teleologismo e il provvidenzialismo hegeliano; e la sintesi ultima, la società comunista senza classi, troppo è stata colorita da un tenace escatologismo teologico. Nessun disegno provvidenziale fissa quanto dureranno le contraddizioni e tanto meno garantisce le loro soluzioni in avanti. Abbiamo avuto talvolta analisi lucide e spietate delle contraddizioni, ma abbiamo nutrito troppe illusioni sulle sintesi. E così si è arrivati ai compromessi, alle ricerche di equilibri camuffati come sintesi: questa è la fine del marxismo in tutti i sensi. L'esperienza attuale servirà a convincerei ulteriormente che la storia passa per atroci strozzature e per contraddizioni insuperabili.
Antonio La Penna, Aforismi e autoschediasmi, 2005

La religione è l'oppio del popolo... Per questo il marxismo è spietatamente ostile alla religione.
Nikolaj Lenin (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Marxista è soltanto colui che estende il riconoscimento della lotta delle classi sino al riconoscimento della dittatura del proletariato.
Nikolaj Lenin, ibidem

Quando ero giovane credevo in tre cose. Il Marxismo, il potere redentore del cinema e la dinamite. Oggi credo solo nella dinamite.
Sergio Leone, in Nöel Simsolo, Conversazioni con Sergio Leone, 1987

Il mio marxismo, a differenza di quello di Marx, è un marxismo pessimista. Nella misura in cui mi lascio andare a speculare sul movimento complessivo dell'umanità... la vedo evolvere non nel senso di una liberazione ma, direi senz'altro, di un asservimento progressivo e sempre più completo dell'uomo al grande determinismo naturale.
Claude Lévi-Strauss, Aut-Aut n.77, 1963

Io non sono marxista.
Karl Marx (attribuito)

Marxismo. «Ha una visione teleologica della storia». Non impelagarsi oltre.
Luigi Mascheroni, Manuale della cultura italiana, 2010

Il marxismo non potrà mai essere distrutto, così come non potrà essere distrutta nessuna ideologia che risponda alla propria epoca ed agli interessi fondamentali della maggioranza della società.
Offlaga Disco Pax, Isla Dawson, 2010

Quale credito si può dare a concetti quali «socialismo», «capitalismo», «schiavismo», vedendoli manipolati come dei pupazzi senza vita? E tuttavia è l’essenza stessa dell’ideologia a manifestarsi dietro tali acrobazie pseudodialettiche: la sua funzione consiste precisamente nel sottrarre la realtà alla presa della riflessione, a spingere all'estremo il divorzio sempre latente tra le parole e le cose, a trasformare il reale in un mistero insondabile sul quale la ragione non ha più potere. È in quest’ordine d’idee che dobbiamo cercare di comprendere il disfacimento del marxismo sotto il regno dell’ortodossia.
Kostas Papaioannaou, L'idéologie froide, 1967

Il marxismo è solo un episodio – uno dei tanti errori che abbiamo commesso nella perenne e pericolosa lotta per costruire un mondo migliore e più libero.
Karl Popper, La società aperta e i suoi nemici, 1945

Io ho una grande speranza, e cioè che, con la scomparsa del marxismo, noi riusciremo con successo ad eliminare la pressione delle ideologie come centro della politica.
Karl Popper, La lezione di questo secolo, 1992

I nemici dell’umanità sono quelli che pietrificano il pensiero o, meglio, lo uccidono, come nei nostri tempi hanno cercato di fare i Marxisti, e come in tutti i tempi hanno cercato di fare gli innumerevoli pazzi e fanatici, dopo la decadenza dell'Islam e prima ancora.
Ezra Pound, Guide to Kulchur, 1966

Là dove la povera gente viene sfruttata, il marxista e il cristiano devono lottare insieme per l'eliminazione di un simile sfruttamento.
Karl Rahner, La fatica di credere, 1984

La sociologia marxista contrapponeva per ignoranza della psicologia di massa il «borghese» al «proletario». Questo è psicologicamente sbagliato. La struttura caratteriale non si limita al capitalista, ma impregna i lavoratori di tutte le professioni! Vi sono capitalisti liberali e lavoratori reazionari. "Non esistono confini caratteriali di classe".
Wilhelm Reich, Psicologia di massa del fascismo, 1933

Il marxismo sfonda con tutta la forza dei suoi errori. Il liberalismo muore di saggezza.
Sergio Ricossa, Scrivi che ti passa, 1999

Il marxismo-leninismo crede fermamente che il popolo sia da menare per il naso. È l'unica sua verità,
e anche la sola che il popolo ignori, benché creda nel marxismo-leninismo.
Sergio Ricossa, Scrivi che ti passa, 1999

Quale giudizio non è oggi ricusabile! Quest'uomo è anormale, dice lo psicanalista. Ma lo psicanalista è imbevuto di idee borghesi, dice il marxista. Ma il marxista è un credente dice il razionalista. Ma il razionalista egli stesso...
Jean Rostand, Pensieri di un biologo, 1939

Lungi dall'essere esaurito, il marxismo è ancora giovanissimo, quasi nell'infanzia: ha appena cominciato a svilupparsi. Esso rimane dunque la filosofia del nostro tempo: è insuperabile perché le circostanze che l'hanno generato non sono ancora superate.
Jean-Paul Sartre, Critique de la raisson dialectique, 1960

La pedanteria ha frainteso l'amore del prossimo; e il risultato è noto come marxismo. Il risentimento ha frainteso il marxismo, e ne è venuto fuori il bolscevismo. I letterati hanno frainteso il bolscevismo, facendolo passare di nuovo per amore del prossimo... ma a questo punto ne aveva proprio tutta l'aria.
Arthur Schnitzler, Il libro dei motti e delle riflessioni, 1927

Il marxismo promette la fratellanza umana, ma non la può dare, perché rinnega ogni paternità divina. 
Fulton John Sheen, XX sec. (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Il marxismo è essenzialmente un giudaismo che ha perso la pazienza. Il Messia ci ha messo troppo a venire, o piuttosto a non venire. Il regno della giustizia deve essere instaurato dall'uomo stesso, su questa terra, qui e ora.
George Steiner, Nessuna passione spenta, 1996

Il marxismo ha portato al fascismo e al nazionalismo perché, in tutti i punti essenziali, esso è fascismo e nazionalismo.
Frederick Augustus Voigt (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

- Cosa ne pensa della morte?
- Come marxista è un fatto che non prendo in considerazione.
Vittorio La Paglia e Orson Welles, La ricotta, 1963

Marxismo: la voglia di salvare l'umanità, se necessario, anche contro la sua volontà.
Anonimo

Sono marxista, fedele alla linea di Groucho Marx.
Anonimo

Note
Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Comunismo - Comunisti - Contro il ComunismoFrasi di Karl Marx

Nessun commento: