Pagliacciate - Aforismi, frasi e battute

Raccolta di aforismi, frasi e citazioni sulle pagliacciate e sull'essere considerati, in senso spregiativo, dei pagliacci. Con il termine "pagliacciata" s'intende una buffonata, qualcosa di ridicolo, un comportamento che non merita una seria considerazione. In senso spregiativo, si definisce "pagliaccio" chi si comporta in modo poco serio, chi manca di dignità, di coerenza e si mostra del tutto inaffidabile. Su Aforismario trovi altre raccolte di citazioni correlate a questa sui pagliacci (o clown), sulle sciocchezze, le stupidaggini e le cazzate. [I link sono in fondo alla pagina].
I pagliacci sono innocenti, ma ci sono pagliacciate criminali.
(Manuel Vázquez Montalbán)
Pagliacciata
© Aforismario

Non serve guardare un clown per vedere un pagliaccio.
Mirko Badiale (Aforismi inediti su Aforismario)

In me ci son sempre stati due pagliacci, oltre agli altri, quello che chiede soltanto di starsene dov'è e quello che s'immagina che più lontano si stia un po' meno peggio.
Samuel Beckett, Molloy, 1951

Chi si fa prender la mano dal voler fare il parlatore e lo spiritoso, al primo inciampo ruzzola e termina come un volgare pagliaccio. Tieni a freno la lingua; considera bene e rumina le parole prima che ti escano di bocca
Miguel de Cervantes, Don Chisciotte della Mancia, 1605/15

Chi è superficiale? chi è profondo? Spingersi molto in là nella frivolezza è cessare di essere frivoli; raggiungere un limite, sia pure nella pagliacciata, significa avvicinarsi a una estremità di cui può essere affatto incapace, nel proprio settore, un qualche metafisico.
Emil Cioran, Il funesto demiurgo, 1969

Questo non è affatto un mondo di pagliacci a cui manca un circo, ma è il mondo stesso a essere un grande circo, solo che bisogna saper distinguere i pagliacci dai grandi acrobati!
Roberto D'Agostino (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Non sono io il pagliaccio, ma lo è questa società mostruosamente cinica e così ingenuamente incosciente che gioca a fingere di esser seria per meglio nascondere la propria follia.
Salvador Dalí, La droga sono io, 1995 (postumo)

Lo scopo di vita dell'uomo è la trasformazione da un pagliaccio miserabile e spesso malvagio in un'immagine degna di Dio o in un creatore di ideali altruistici.
Franz Fischer, Aforismi, 1979

Guardate i potenti: non hanno occhi che per questo mondo, di cui si credono i dominatori mentre non ne sono che i clown.
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

Poco importa che ridano di noi o ci coprano d'ingiurie, che ci chiamino pagliacci o malfattori: l'essenziale è che ci menzionino, che si occupino di noi.
Adolf Hitler, Mein Kampf (La mia battaglia), 1925/26

L'orrenda certezza di aver per tutta la vita ingannato me stesso pensando sempre che ci fosse qualcos'altro da fare perché lo spettacolo continuasse mentre in realtà sono solo un pagliaccio depresso esattamente come chiunque altro.
Jack Kerouac, Big Sur, 1962

Le concezioni della vita irreligiose e immorali riducono l'esistere a un nulla, a una pagliacciata. La religiosità rende l'esistenza tesa al massimo.
Søren Kierkegaard, Postilla conclusiva non scientifica alle briciole filosofiche, 1846

Certe persone meritano soltanto di essere clownate.
Yves Lecomte, Aforismi, 2004

Pensi di vivere seminascosto in un covone per saltar fuori al momento opportuno e mettere tutti in fuga. Sei solo un povero pagliaccio, un sognatore, un debole che, al posto di fare, si trova pago al pensiero di fare.
Fausto Melotti, Linee, 1975/78

La vita è un circo, ma i clown che l’affollano sono di quelli che fanno paura perché si nutrono dell’anima delle persone.
Lucia Merola (Aforismi inediti su Aforismario)

I pagliacci sono innocenti, ma ci sono pagliacciate criminali.
Manuel Vázquez Montalbán, Quintetto di Buenos Aires, 1997

L'italiano porta sempre con sé almeno una traccia di imbecillità, che prima o poi mentre si trova all'estero lo fa comportare come lo straniero vorrebbe, lo tramuta magari per pochi minuti in un'irresistibile macchietta. Tutto questo per il puro godimento dello straniero, il quale può così dimenticare il Paese dal quale questo pagliaccio proviene, tirare un sospiro di sollievo, accantonare l'invidia e gettare in faccia all'italiano un sorriso, un "bravo" (rigorosamente in italiano) o una moneta, come si fa con i cani e le puttane.
Sandro Montalto, L'eclissi della Chimera, 2005

La politica italiana è un circo, senza neanche domatori, solo pagliacci.
Andrea Mucciolo, Prendi nota, 2010

Perché, appena insieme, l'uno di fronte all'altro, diventiamo tutti tanti pagliacci? Scusi, no, anch'io, anch'io; mi ci metto anch'io; tutti! Mascherati! Questo un'aria così; quello un'aria cosà... E dentro siamo diversi! Abbiamo il cuore, dentro, come... come un bambino rincantucciato, offeso, che piange e si vergogna!
Luigi Pirandello, I Quaderni di Serafino Gubbio, 1916/25

Quando al circo muore il trapezista , entrano i clown.
Michel Platini (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Non è da saggi vedersi tutto il giorno come un eroe da tragedia greca. Non voglio dire che ci si debba vedere sempre come un pagliaccio, poiché coloro che così fanno sono ancora più irritanti; ci vuole un po' di tatto per scegliersi una parte adatta alla situazione.
Bertrand Russell, La conquista della felicità, 1930

Le effimere generazioni umane sorgono e tramontano in rapida successione, mentre gli individui cadono danzando nelle braccia della morte, dopo una vita di angosce, di miserie e di dolori. Intanto esse chiedono senza tregua che cosa esse stesse siano e che cosa significhi tutta questa pagliacciata tragicomica, e invocano il cielo di dar loro una risposta. Ma il cielo rimane muto. Vengono, invece, i preti con le rivelazioni.
Arthur Schopenhauer, Parerga e paralipomena, 1851

Sposarsi con rito civile può apparire un po’ squallido per quell’impressione di “pratica da sbrigare” – cosa che in effetti è – che assume il matrimonio in municipio. Ma sposarsi in pompa magna sull'altare di una chiesa, come se si dovesse ricevere la consacrazione direttamente dall’alto dei cieli («L’uomo non osi separare ciò che Dio unisce!»), è davvero una gran pagliacciata.
Giovanni Soriano, Malomondo, 2013

'A morte 'o ssaje ched'è?... è una livella. / 'Nu rre, 'nu maggistrato, 'nu grand'ommo, / 'trasenno stu canciello ha fatt'o punto / 'c'ha perzo tutto, 'a vita e pure 'o nomme: / 'tu nu t'hè fatto ancora chistu cunto? / 'Perciò,  stamme a ssenti... nun fa' 'o restivo, / 'suppuorteme vicino - che te 'mporta? / 'Sti ppagliacciate 'e ffanno sulo 'e vive: / 'nuje simmo serie... appartenimmo â morte!".
[La morte sai cos’è?... è una livella. / 'Un re, un magistrato, un grand’uomo, / 'passando questo cancello, ha fatto il punto / 'che ha perso tutto, la vita e pure il nome: / 'non ti sei fatto ancora questo conto?  / 'Perciò, stammi a sentire... non fare il restio, / 'sopportami vicino - che t'importa? / 'Queste pagliacciate le fanno solo i vivi: / 'noi siamo seri… apparteniamo alla morte!"].
Totò (Antonio de Curtis), 'A livella, 1953/64

Oggi la mondanità è un ricettacolo di volgarità, una pagliacciata.
Franca Valeri, intervista su Panorama, 2005

Ci sono più pagliacci per strada che nei circhi.
Aforismario, Taccuino elettronico, 2009/...

Così tanti pagliacci, così pochi circhi equestri.
Anonimo

I clown sono al circo, i pagliacci dappertutto.
Anonimo

Il tempo mette ognuno al proprio posto: ogni re sul suo trono, ogni pagliaccio nel proprio circo.
Anonimo

Note
Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Pagliacci e Clown - Sciocchezze - Stupidaggini - Cazzate

Nessun commento: