Albert Brie - Aforismi, frasi e battute umoristiche

Selezione di aforismi, frasi e battute umoristiche di Albert Brie (Quebec 1925 - Belœil 2015), scrittore e umorista canadese, noto per i suoi aforismi umoristici e filosofici. Le seguenti citazioni di Albert Brie sono state tradotte dal francese a cura di Aforismario.
Età, questa malattia ereditaria che si prende dalla nascita. (Albert Brie)
La parola del silenzioso
Le mot du silencieux, 1978

Ammazzare il tempo a volte è un caso di legittima difesa.

Avere la coscienza pulita, un modo come un altro di mascherare la propria incoscienza.

Ci fa piacere che le persone siano sincere con noi, a condizione che si sbaglino.

Chi non cerca di conoscere sé stesso vuole evitare una cattiva compagnia.

Ci dovrebbe essere una sola religione per tutti; una religione che ci insegnasse a farne a meno.

Come i grandi dolori, le grandi riconoscenze sono mute.

Dallo scontro delle idee, nasce spesso l'elettrocuzione del giudizio.

È soprattutto quando nega che una personalità si afferma.

Età, questa malattia ereditaria che si prende dalla nascita.

Gli spiriti realisti sono gli idealisti dell'immediato e dell'apparenza.

Il gioco è l'occupazione più seria del bambino; e quella dell'istruzione la più frivola.

Il modo più scaltro per appropriarsi di parte del merito di un vincitore è di mostrarsi un buon perdente.

Il nostro torto non è quello di crederci soli, ma quello di considerarci unici.

Il sondaggio è il gioco di parole delle cifre.

Il tempo è un grande maestro e un cattivo allievo.

Il timore della fatica è più estenuante della fatica stessa.

In amore, l'io è un pronome possessivo.

In politica, spiegarsi è mentire, ma in molte più parole.

Istruzione: ciò manca all'ignorante per riconoscere che non sa nulla.

L'ignoranza è perfettibile; è sufficiente studiare.

L'imbarazzo è l'angoscia della scelta.

L'imbecillità è una cosa universalmente condivisa.

L'informazione ha elevato il pettegolezzo alla dignità della cultura.

L'orecchio distratto è l'organo del malinteso.

L'uomo è diventato il giocattolo educativo dell'elettronica.

L'uomo e la donna dell'anno, la celebrità dell'anno, questi immortali dell'effimero.

La circolazione delle idee causa più collisioni che ingorghi.

La collera è il singhiozzo dell'umore.

La felicità è una provocazione.

La folla indora ciò che adora.

La nostra opinione è un'idea che abbiamo; la nostra convinzione è un'idea che ci ha

La saggezza è codardia quando tollera l'intolleranza.

Le labbra, i mezzi di comunicazione dei microbi.

Le sciocchezze stampate sono più disperanti delle sciocchezze espresse, perché ci abbiamo riflettuto sopra.

Mediocrità: la media al suo livello più basso.

Prima di cambiare idea, assicurati di averne già una.

Quando non si ha memoria, ci si ripete; quando se ne ha, si ripetono gli altri.

Se pensi come la maggioranza, non pensare.

Si può morire giovani a qualunque età.

Si trova sempre il denaro per andare in guerra, mai per vivere in pace.
[On trouve toujours de l'argent pour faire la guerre, jamais pour vivre en paix]. 

Tutto ciò che è stabile è contestabile.

Note
Vedi anche aforismi, frasi e citazioni di: Pierre LégaréBertrand Vac

Nessun commento: