Pascal Quignard - Aforismi, frasi e citazioni

Selezione di aforismi, frasi e citazioni di Pascal Quignard (Verneuil-sur-Avre 1948), scrittore e saggista francese.
Pascal Quignard
Piccoli trattati
Petits traités, 1981-1997

Ciò che viene ridicolmente chiamato «lavoro dello scrittore» è un ozio confinante con la miseria.

I cavalli, gl’incubi e i libri indietreggiano quando li si guarda in faccia.

Il libro è la sola icona iconoclasta.

Il libro è un lembo di silenzio nelle mani del lettore. Chi scrive tace. Chi legge non rompe il silenzio.

Le parole che si pronunciano non sono le parole che si scrivono. Altra sintassi, altro mondo. La pagina è impronunziabile.

Nel libro il silenzio «è» visibile. Dove l’invisibile del silenzio è visibile, là è: leggibile.

Nessuno dei libri che ho letto regge il bagliore del giorno. Ma i libri valgono la candela che si usa leggendoli. Creature seminotturne.

Sorprendo un insetto che ronza nella camera. Allora smetto di leggere d’un tratto per alcuni minuti. Osservo l’insetto. Osservo l’ombra dell’insetto. Osservo il cielo. Ascolto millenni che si accumulano. La natura non si rivolge agli uomini attraverso le lingue. Il suono del mondo non è l’esile suono di una lingua.

Tramite il silenzio del libro il mondo è immerso in un silenzio più silenzioso del silenzio del mondo.

Tutti i libri non si degradano in eguale modo. Alcuni slanciano le mani fuori dal tempo. Strana vegetazione sono le opere. Strane stagioni le letture.

Un libro è ben poca cosa, e di una realtà senza alcun dubbio risibile rispetto a un corpo. Si spinge al reale unicamente sotto dimensioni che possono impressionare solo le mosche, esaltare, forse, qualche blatta, stupire gli acari. Talvolta l’occhio di una lumaca piccina. Introduce nel reale una superficie i cui lati eccedono raramente i dodici e ventuno centimetri, e lo spessore di un dito.

L'odio della musica
La haine de la musique, 1996

Il silenzio è per le orecchie ciò che la notte è per gli occhi.
[Le silence est pour les oreilles ce que la nuit est pour les yeux]. 

Vita segreta
Vie secrète, 1998

Cos'è la felicità? Una meraviglia che dice addio a sé stessa.

Desiderare è un verbo incomprensibile. Non è vedere. È cercare. È rimpiangere l'assenza, sperare, sognare, attendere.

L'amore è prima di tutto amare follemente l'odore dell'altro.

L'amore si nutre di marginalità, di silenzio, di vita segreta, separata, sacra.

Solo il silenzio permette di contemplare l'altro.
C'è un piacere di non essere soli ma di essere in grado di esserlo.
(Pascal Quignard)
Ombre erranti
Les Ombres errantes 2002

C'è nel leggere un'attesa che non cerca un esito. Leggere è errare. La lettura è l'erranza.

I libri che fossero colpiti dal riflesso del sole che ignorano sono ancora più silenziosi dei libri puramente letterari. Essi sono come il nome di una persona amata che non può essere detto in quanto i suoi figli verrebbero a sapere chi è il loro vero padre, che lui stesso ignora.

Le due grandi invenzioni: la grotta nella montagna, il libro nel linguaggio.

Lo scrittore è il linguaggio che divora sé stesso nell'uomo tramite il mentire che ne costituisce il nucleo. 

A mezze parole
À mi-mots, 2004

Essere uno scrittore è vagare nello spazio con una matita.

Sordidissimes
2005

Gli uomini hanno un cuore di pietra. Infelice come le pietre. Muto come le pietre.

Io chiamo libro ciò che brucia le labbra.

La musica è solo un soffio del ricordo del tempo.

L'universo è la mia città, la terra è il mio quartiere, la città dove abito è la mia casa, le stanze della mia casa sono i miei vestiti. Che cosa stai facendo nei miei vestiti?

Una lingua morta è un residuo del mondo.

Villa Amalia
2006

C'è un piacere di non essere soli ma di essere in grado di esserlo.

Morire di pensare
Mourir de penser, 2014

Piuttosto un inferno eterno con i miei morti che in paradiso da solo.

Fonte sconosciuta
Selezione Aforismario

Il migliore modo di pensare è scrivere.

La musica è semplicemente là per parlare di ciò di cui la parola non può parlare. In questo senso, la musica non è del tutto umana.

La vita di ciascuno di noi non è un assaggio, è l'unica prova.

Non c'è differenza tra leggere ed essere curiosi.

Note
Vedi anche aforismi, frasi e citazioni di: Grégoire Lacroix - Robert Sabatier - Jude Stéfan

Nessun commento: