Olive - Aforismi, frasi e proverbi

Raccolta di aforismi, frasi e proverbi sulle olive, frutti dell'ulivo utilizzate come alimento sia direttamente, dopo adeguata trasformazione, sia come materia prima per l'estrazione dell'olio.
Come osserva Carlo Lapucci: "La coltura delle olive è antichissima in tutta l’area del Mediterraneo. Da sempre si è usata l’oliva anche come alimento, seccata al sole e salata opportunamente, ottenendo così un companatico saporito e gradevole, anche se modesto, ma ricco di calorie. L’oliva secca si mangiava con il pane, passandola di nuovo nel sale. Viene ancora conservata in salamoia, messa prima sotto il ranno, ed è condimento di piatti poveri, guarnizione di crostini, antipasti o altre vivande. La raccolta avviene tra dicembre e febbraio secondo le varie zone, seguendo usi diversi: raccattatura, bacchiatura, brucatura. L’operazione di raccolta è ancora assai laboriosa e faticosa, ostacolata dalla pioggia e dal freddo, deve tenere conto di molti aspetti spesso contrastanti [...]. L’oliva caduta in terra dà un olio di seconda qualità. Quella bacchiata si macula e con i bastoni si rovina l’olivo. Nel Barese e altrove nel Meridione si usava scuotere l’olivo facendo cadere le olive in un telo. Il miglior sistema è la brucatura che, nonostante sia penoso e lento, è quello più praticato. L’oliva si coglie non completamente matura, ancora verde o appena colorata, e dà un olio finissimo, ma non abbondante; quella colta matura, nera, specialmente se è passata, dà olio più abbondante ma di qualità inferiore. Una volta colta l’oliva dovrebbe essere subito lavorata e allora darebbe l’olio migliore, ma il ciclo lavorativo, i turni del frantoio non lo permettono e quindi va conservata stesa in terra o su cannicci in stanze dette olivai. Qui le olive vanno rivoltate in modo che non si riscaldino perché non si guastino e diano olio che sa di rancido. Un tempo si usava fare più raccolte di olive, disponendo di manodopera in abbondanza, per cui nella prima si passava a raccogliere quelle già pronte e poi via via si ripassava a prendere le altre. Ciò permetteva anche una scelta e si aveva un prodotto superiore. Oggi la raccolta si fa tutta insieme e quindi con altri tempi, altre procedure e altri frantoi. Ma un problema rimane ed è quello del gelo, che può compromettere l’intera raccolta". [Dizionario dei proverbi italiani, Mondadori 2007].
Su Aforismario trovi altre raccolte di citazioni correlate a questa sull'ulivo, l'olio d'oliva, i frutti e gli ortaggi. [I link sono in fondo alla pagina].
L’oliva la dà Dio e l’olio lo fa il contadino. (Proverbio)
Olive
© Aforismario

Effimere e senza valore sono le cose umane: ieri un moccioso, domani mummia o cenere. Trascorri dunque questo breve istante di vita in armonia con la natura e muori serenamente, come l’oliva che una volta matura cade al suolo benedicendo la terra che l’ha prodotta e ringraziando la pianta che l’ha generata.
Marco Aurelio, Pensieri, ca. 166-179

Come ti senti stamattina... come un Martini senza oliva.
Sergio Caputo, Movin' away, 1988

L'oliva è un minuscolo frutto proveniente da un albero sacro tanto caro agli dèi. L'albero è piuttosto longevo e dalle svariate dimensioni, ha portamento ora assurgente ora pendulo, comunque multiforme, venerato, non solo per l'aspetto esteriore, in ogni luogo e nel corso dei vari millenni. Le olive, dal colore variabile in base ai tempi di raccolta, ora verdi, ora rosso vinoso, ora violacee, ora nere, si fanno implicitamente carico di tale storia.
Luigi Caricato, A tavola e in cucina con le olive, 2007

Olive aspre, astringenti, solo in seguito gustosamente sapide e stuzzicanti, dopo essere state addolcite e addomesticate per volontà e sapienza dell'uomo. Si tratta di un frutto che ha effettivamente guadagnato grande visibilità e apprezzamento, ma che, nel medesimo tempo, soffre di una certa marginalità, perché oggi si guarda alle olive soltanto per quel che rappresentano, a tavola come in cucina: un puro ingrediente.
Luigi Caricato, A tavola e in cucina con le olive, 2007

L'oliva piace, attrae: la si gusta volentieri. Si estende perfino la sua versatilità d'impiego andando oltre il concetto di prodotto da snack. L'oliva entra così in scena anche quale ingrediente di piatti pronti, freschi o surgelati che siano. O nella preparazione delle insalate di riso o delle paste fredde. O in panetteria o in mille altri contesti, per un impiego a tutto tondo, aperto a sempre nuove sperimentazioni.
Luigi Caricato, A tavola e in cucina con le olive, 2007

Le olive, queste sconosciute, eppure tanto apprezzate. Sconosciute perché si sa solo che si tratta appunto di olive e nulla più. Infatti, ci si limita a mangiarle e a gustarle con grande soddisfazione, percependone in particolare la buona sensazione che lasciano al palato.
Luigi Caricato, A tavola e in cucina con le olive, 2007

Stupisce parecchio come dei frutti alquanto minuti e peraltro difficili da raccogliere - oltretutto non direttamente commestibili e per giunta di per sé poco attraenti, oltre che amari e di non facile e immediato utilizzo - siano poi diventati così centrali nella vita degli uomini, e non soltanto sul piano alimentare.
Luigi Caricato, A tavola e in cucina con le olive, 2007

La felicità è... trovare due olive nel tuo Martini quando sei affamato.
Johnny Carson [1]

Bevo troppo. L'ultima volta che ho dovuto fornire un campione di urina, c'era un'oliva dentro.
Rodney Dangerfield [1]

La qualità e la bontà dell'olio di oliva dipendono dalla bontà e dalla naturalezza della materia prima: le olive. Fondamentale è inoltre il periodo di raccolta e il metodo di raccolta (a mano o per battitura). Le olive devono essere raccolte prossime alla completa maturazione, leggermente acerbe, perché in questo stadio contengono il massimo dei componenti aromatici e l'olio che se ne ricava risulterà più fruttato e con maggiori proprietà di conservazione.
Dino Galiazzo, Guida del consumatore, 1995

Le olive dovrebbero essere raccolte a mano direttamente sulla pianta, con il metodo della brucatura, sistemate poi in piccole cassette, in modo che non si schiaccino e trasportate con molta cura e il più presto possibile al frantoio.
Dino Galiazzo, Guida del consumatore, 1995

Quando voglio farmi del male vero, io vado alla Metro. Il magazzino dove si compra solo all'ingrosso. Lo adoro. Davanti a quelle confezioni ciclopiche di carta igienica, non so resistere... Se vedo un secchiello di olive da cinque chili invece di pensare: cosa cavolo me ne faccio di tutte 'ste olive che non prendo neanche mai l'aperitivo, ecco invece che mi monta la foga della provvista e mi dico: Caspita! Ma è convenientissimo! È un'offerta che non posso proprio lasciarmi scappare. Metti che voglia prendere l'aperitivo da qui al 2006... Devo assolutissimamente trovare anche una cisterna di Campari...
Luciana Littizzetto, Col cavolo, 2004

Le olive mature sono un cibo sano e un ottimo lubrificante per l'organismo.
Norman W. Walker, Guida alla dieta vegetariana, 2014

− Senti sto' prosciutto t'ho detto è dorce... è 'nzucchero ah Sergio, 'o senti?!?! E st'olive 'e senti, queste so' greche, aho! Greche... e 'nnamo... e daje, so' greche... so' bone, come so'? Dì la verità?!
− So' greche!
Mario Brega e Carlo Verdone, in Borotalco, 1982

− Due persone adulte con immense doti e possibilità e a che cosa servono? Per azzuffarsi, per un'oliva.
− Due olive!
Laurence Naismith e Tony Curtis, in Attenti a quei due, 1971/72

Proverbi sulle Olive
  • Anno di neve, anno d’olive.
  • Chi frange fresco frange franco. [2]
  • Chi vuole tutte le olive non ha tutto l’olio e chi vuole tutto l’olio non ha tutte le olive.
  • D’agosto cento ne ho e una te ne mostro. [3]
  • D’olive, castagne e ghianda agosto ne domanda.
  • Il leccio non fa olive.
  • L’oliva la dà Dio e l’olio lo fa il contadino.
  • L’oliva quanto più pende, più rende.
  • La prima oliva è buona, la seconda migliore, dalla terza in poi sempre peggio. [4]
  • La prima oliva è oro, la seconda argento e la terza non vale niente. [4]
  • Le olive cominciano a far olio quando hanno avuto la novena di Natale.
  • Non mi chiamare oliva finché non mi hai raccolto.
  • Per santa Caterina si coglie l’oliva.
  • Per un’insalata tredici olive ogni calata.
  • Per una buona oliata tredici olive alla calata.
  • Quanto più ciondola più unge.
À àc'n a àc'n s' fàc la màc'na.
[Ad acino ad acino si raccolgono le olive per poi macinarle al frantoio].
Proverbio campano

A' cci 'na passələ, a cci 'n'aliə: tuttə am'a mangia' a mmenzadiə.
[A chi un chicco di uva passa, a chi un'oliva: tutti dobbiamo mangiare a mezzogiorno].
Proverbio pugliese

L'aliə so' cambaneddərə d'orə.
Le olive sono campanelli d'oro.
Proverbio pugliese

Note
  1. Fonte della citazione sconosciuta; se la conosci, segnalala ad Aforismario.
  2. Chi porta al frantoio (frange) le olive colte per tempo ottiene un olio migliore. Le olive vanno colte non ancora completamente mature e vanno frante subito fresche, vale a dire non appassite, si fanno leggermente appassire solo nel caso in cui siano state colte un po’ troppo presto. Con franco s’intende un olio senza difetti, fino e limpido quando depositerà. [Carlo Lapucci, Dizionario dei proverbi italiani, Mondadori 2007].
  3. "D’agosto cento ne ho e una te ne mostro". In questo proverbio è l’olivo che parla dei suoi frutti che in agosto non compaiono evidenti sulla pianta: le olive ci sono, ma nascoste, piccole, e in gran numero. [Carlo Lapucci, ibidem].
  4. Il proverbio si riferisce alle tre raccolte delle olive che venivano fatte un tempo in momenti diversi.
  5. Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: UlivoOlio d'Oliva - FruttaOrtaggi

Nessun commento: